Il PKK dichiara: I curdi non dovrebbero lasciare la loro terra di fronte all'invasione

Stampa
Video

Il copresidente del Consiglio esecutivo del KCK, Cemil Bayık, ha dichiarato, indicando che lo stato turco vuole commettere un genocidio contro il popolo curdo: "I popoli della Siria nord-orientale dovrebbero resistere a questi attacchi e non dovrebbero lasciare la loro terra".

||||
|||| ||||

Il copresidente del Consiglio esecutivo dell'Unione delle comunità del Kurdistan (KCK), Cemil Bayık, ha risposto alle domande dell'ANF sull'invasione dello stato turco nella Siria nordorientale. Bayık, che ha fatto importanti considerazioni nell'intervista, ha valutato gli attacchi genocidi dello stato turco in Kurdistan, il ruolo dell'Europa, degli USA e della Russia nell'occupazione e nella lotta del popolo curdo.

Il 9 ottobre, giorno della cospirazione internazionale, il regime AKP-MHP ha iniziato un'invasione. Lo stato turco sta attaccando sia il Rojava che i distretti di confine nel Kurdistan settentrionale. Qual è lo scopo di questi attacchi?

SDF, YPG-YPJ e i popoli della Siria nord-orientale stanno mostrando una resistenza storica e onorevole in questo momento. Saluto tutti gli insorti e auguro loro il successo. Le forze SDF, YPG-YPJ e i popoli della Siria nord-orientale dovrebbero sapere che tutti i curdi e le persone coscienziose sostengono la loro resistenza storica. Pertanto, le forze SDF, YPG-YPJ e il popolo della Siria nord-orientale vinceranno alla fine, non importa quanto sia alto il prezzo pagato, non importa quanto dolore soffrano. Ecco perché la gente e l'umanità sono con loro. Nessuno può resistere a questa lotta. Non importa quante armi e tecnologie utilizzi lo stato turco occupante, non potrà mai spezzare questa onorevole forza di volontà, resistenza, libertà e democrazia.

Gli attacchi di occupazione dello stato turco sono iniziati il ​​9 ottobre. Come sapete, il 9 ottobre è la data in cui il leader Apo è stato espulso dalla Siria a seguito di una cospirazione internazionale. L'obiettivo è liquidare il movimento per la libertà curdo e commettere un genocidio sui curdi. La trama non ebbe successo e fallì in molti modi. Il 9 ottobre, data della cospirazione, è stata nuovamente sviluppata una cospirazione contro il nostro popolo nel Rojava, in Siria e tra i popoli della Siria nord-orientale. Cosa significa questo? Vogliono rilanciare di nuovo la cospirazione internazionale e renderla di successo. Hanno iniziato la cospirazione in Siria, vogliono continuare di nuovo in Siria. In altre parole, vogliono liquidare il leader Apo e la lotta che il leader Apo ha iniziato per il popolo curdo e i popoli del Medio Oriente.

Sanno che non possono commettere un genocidio sui curdi prima che liquidino il PKK. Pertanto, attaccano il movimento per la libertà e il popolo curdo con tutti i suoi mezzi. Ormai, i curdi e l'umanità comprendono molto bene lo scopo degli attacchi dello stato turco nel Rojava. Il loro obiettivo è quello di rimuovere i curdi dal confine, sia dal nord che dal Rojava. Vogliono fare a pezzi i curdi. I massacri in corso a Rojava si svolgono anche a Cizre, Suruç e Birecik.

"VOGLIONO FORZARE I KURDI CHE ABITANO AL CONFINE TRA ROJAVA E BAKUR ALLA MIGRAZIONE"

Stanno sparando cannoni, ci sono martiri e feriti e sostengono che SDF l'abbia fatto. Questa è una grande bugia. Vogliono uccidere, ferire, spaventare ed esiliare le persone. Stanno dicendo che c'è una guerra, evacuare Serêkaniyê, Suruç, Birecik, Cîzre. Vogliono evacuare le città e i villaggi di Bakur con la scusa della guerra. Non importa quanto fuoco di artiglieria ci sia, non importa quanti massacri conducano, ognuno deve proteggere la propria casa, proprietà e città. Se non lo fanno, serviranno la politica degli occupanti. Gli occupanti vogliono rompere i legami tra Bakur e Rojava con questa guerra. Vogliono che i curdi da entrambe le parti migrino via.

Ecco perché stanno conducendo questo tipo di politica sia in Rojava che in Bakur. Se le persone lasciano il loro villaggio, la loro città, la loro casa, non torneranno mai più. Ciò significa la morte dei curdi. I curdi stanno lottando per la loro unica esistenza. Se i curdi vogliono vivere una vita libera con la loro identità, valori, lingua e cultura, devono prendere in considerazione tutti i costi e resistere all'occupazione e agli occupanti. Solo allora possono vivere. In caso contrario, il nemico mirerà a eliminare tutto ciò che è curdo e Kurdistan. Non lo nascondono nemmeno. Pertanto, il nostro popolo deve resistere a questa politica fino alla fine. Se non resistono, se dicono che non dovrebbero essere martirizzati o feriti, se emigrano e soddisfano le richieste degli occupanti, allora preparano la propria morte con le loro mani.

Prima dell'attacco, le discussioni sul "meccanismo della zona di sicurezza" lasciavano la regione impotente e disarmata, quindi veniva aperto il percorso per gli attacchi. Come valuta il ruolo delle potenze internazionali in questi attacchi?

Tutti sanno che la Russia e l'America hanno sacrificato i curdi per i propri interessi. Il popolo curdo ha fornito ottimi servizi all'umanità e persino a loro. Solo i curdi hanno resistito all'ISIS. I combattenti per la libertà hanno resistito e molti di loro sono stati martirizzati. Hanno salvato l'umanità dalla calamità dell'ISIS. Tutti sono in debito con i curdi. Invece di pagare i loro debiti, stanno aiutando l'ISIS ed Erdogan. In modo che Erdogan e ISIS possano vendicarsi dei curdi. "I nostri rapporti con YPG-YPJ sono militari, non politici", hanno detto gli Stati Uniti. Non hanno mai sviluppato relazioni politiche. Non hanno mai accettato l'autonomia democratica.

Si è tenuto un incontro con l'Iran e la Russia in Turchia. All'incontro, hanno detto: "Non accettiamo l'autonomia democratica, non riconosciamo una tale volontà". Poi gli Stati Uniti e la Turchia hanno iniziato pattuglie congiunte, affermando "Abbiamo tracciato una linea al confine, difenderemo il confine". Pochi giorni dopo, l'America ha detto: "Stiamo portando via i nostri soldati". La Turchia ha iniziato ad attaccare già quindi, con il pretesto di difendere il confine, l'America ha consentito l'ingresso della Turchia nella Siria nord-orientale. Con questa alleanza ha legittimato l'invasione della Turchia. La Russia aveva già visto l'invasione della Turchia come legittima già prima. Quindi, hanno sviluppato questo piano insieme. Ecco perché America, Russia, Nazioni Unite e Turchia sono responsabili di ogni persona morta o ferita in questi attacchi.

Erdogan dichiarò apertamente alle Nazioni Unite: "Sto occupando la Siria nord-orientale". Nessuno ha detto niente. Questo è immorale. Ancora una volta, alcuni paesi affermano: "Non venderemo armi alla Turchia". Lo fanno per prevenire reazioni e in qualche modo ingannare i curdi. Hanno continuato le relazioni con la Turchia sotto il tavolo e continuano a vendere armi. La nostra gente deve vedere questo. Non dovrebbero ascoltare i discorsi di questi stati. Sono completamente al servizio dello stato turco occupante. Non stanno dicendo "Cosa stai facendo nella Siria nordorientale, devi andartene immediatamente" in Turchia. Stanno dietro la Turchia con le loro dichiarazioni. Dicono alla Turchia di continuare. Ecco perché la Turchia non ferma l'occupazione e i massacri.

"L 'OBIETTIVO DELLA TURCHIA È DI RENDERE ROJAVA LIBERO DAI KURDI"

Alcuni dicono che la Turchia si fermerà una volta presa una regione. È una bugia e vogliono ingannare la nostra gente. Erdogan dice apertamente "Prenderò i posti dentro e intorno all'Eufrate, il Tigri, l'Hesekê". La Turchia si sta muovendo con l'obiettivo di non lasciare curdi nel Rojava. La nostra gente in Rojava deve capire molto bene questa verità. Non dovrebbero credere alle dichiarazioni ma a se stessi e ai loro combattenti. Devono continuare la loro onorevole resistenza con i loro combattenti fino a quando la Turchia termina la sua occupazione. Questo è ciò che è giusto. Solo la resistenza e la vittoria della resistenza possono permettere ai curdi di sopravvivere. Oltre a ciò, stanno preparando la strada alla morte dei curdi.

Alcuni stati arabi prendono una buona posizione. Non possono prendere decisioni serie in pratica contro l'America, la Russia, l'Europa e le Nazioni Unite, ma hanno buone posizioni. Salutiamo in particolare l'Egitto e la Palestina. Pertanto, la nostra gente dovrebbe sapere che è in atto una grande cospirazione. Non solo nel Rojava, ma in tutte le parti del Kurdistan e contro il movimento curdo. Questa cospirazione è diretta contro il Leader Apo, il PKK, la guerriglia e i curdi liberi. Molti poteri sono coinvolti in questa cospirazione. Stanno facendo alcune dichiarazioni per impedire la comprensione della nostra gente. In altre parole, stanno seguendo la politica di far combattere i curdi e lo stato turco, sconfiggendo entrambe le parti e lasciando che entrambe le parti vengano messe al loro servizio.

I curdi devono resistere e lottare solo per se stessi. Credo che la nostra gente abbia capito molto bene sia l'America che la Russia. Hanno visto come hanno sacrificato i curdi per il loro bene. In precedenza abbiamo anche affermato che il nostro popolo dovrebbe credere in se stesso, muoversi lungo il proprio corso e lottare con il proprio potere e potenziale. Possono ottenere risultati se sviluppano alleanze e resistenza con altre persone. Se si allontanano da questi principi e criteri, se prendono alcuni stati come base, allora stanno preparando la propria morte con le proprie mani.

A seguito dell'attacco di invasione, l'amministrazione della Siria nord-orientale ha stretto un accordo con il regime e la Russia per proteggere il confine. Cosa ne pensi di questo accordo?

Questo è ciò che è giusto e necessario. Perché la regione della Siria settentrionale e orientale fa parte della Siria. SDF, YPG, YPJ e il popolo della regione sono siriani. I curdi, gli arabi, gli assiri, gli armeni, i circassi e i turkmeni che vivono nel nord-est della Siria, indipendentemente dalla loro cultura o denominazione, hanno dichiarato: "Siamo parte della Siria e la nostra base è l'integrità della Siria". Lo hanno dimostrato non solo nelle loro dichiarazioni, ma anche nella loro pratica. Ecco come dovrebbe avvicinarsi il regime siriano. La Turchia dice: "Ho istituito un esercito nazionale siriano". L'esercito che ha istituito non accetta la Siria, hanno sviluppato una nuova Siria contro la Siria. La Turchia sta costruendo una Siria come vuole con queste bande. Questo serve la modernità capitalista della NATO. La Turchia è un membro della NATO e tutte queste bande sono collegate alla Turchia.

Vuole distruggere il regime con queste bande e stabilire una nuova Siria. La Siria deve vedere questo fatto. La Turchia dice "Mi sto muovendo con il nome di "Peace Spring" (NDR Primavera di Pace, il nome dell'operazione militare turca). Il sangue scorre da questa primavera. Curdi, arabi, circassi, assiri, turkmeni e armeni vengono massacrati ogni giorno. Ci sono centinaia di morti e feriti. I villaggi e le città sono in rovina. Fa tutto questo con le bande. Queste bande ora appartengono all'esercito turco. La Turchia vuole orientarle al suo scopo neo-ottomano. Hanno attirato milioni di siriani in Turchia. Non solo stanno ottenendo molti risultati contro l'Europa, ma li stanno educando e organizzando in modo che quando stabiliranno una nuova Siria, si baserà su queste persone.

Inoltre, recluta costantemente bande tra loro, creando una forza militare. Sta conducendo una guerra con loro. La Turchia è quella che sta distruggendo la Siria. Ecco perché hanno preso alcune misure con SDF, YPG e l'Amministrazione Autonoma Democratica. E' troppo tardi, ma è una buona decisione. Lo vediamo come al servizio dell'interesse di tutti i popoli.

A seguito degli attacchi dello stato turco, in particolare i curdi in Bashur, Rojhilat ed Europa sono insorti in ribellione. Anche i combattenti mostrano una resistenza storica contro la tecnologia con le loro armi leggere e la loro forza di volontà. Come valuta il livello di resistenza?

Come ho detto all'inizio, i curdi stanno conducendo una guerra di esistenza. Ovunque siano i curdi, devono sapere che lo stato turco sta conducendo una guerra per distruggere i curdi. Per non essere sterminati, i curdi dovrebbero fare tutto il possibile per la loro identità, territorio, cultura e libertà. Dovrebbero fare tutto il possibile. Perché hanno ragione. La lotta che hanno sviluppato non è solo per i curdi, ma per tutta l'umanità. Hanno salvato l'umanità da una grande calamità, ora la più grande calamità è Erdoğan. Perché Erdoğan è ciò che sta dietro ISIS e Nusra. Tutti lo sanno. I curdi resistono a questa calamità e pagano grandi costi e sofferenze. L'umanità ha bisogno di vedere questo.

La nostra gente in ogni parte, la nostra gente fuori dal paese si alza in piedi. Si stanno prendendo cura di se stessi, del loro onore, del loro futuro. Con la presente saluto e mi congratulo con tutto il nostro eroico popolo. Dovrebbero rendere questa resistenza ancora più grande. I curdi non dovrebbero riconoscere quelli che non riconoscono i curdi. I curdi devono resistere in ogni modo contro coloro che vogliono distruggere i curdi. Questo è il loro diritto. Riconosciamo le persone che ci riconoscono. Devono conoscere tutti coloro che sostengono apertamente o segretamente la Turchia, che sta commettendo massacri contro i curdi e che dovrebbero essere riconosciuti come loro nemici. Ciò che viene fatto ai curdi non dovrebbe mai essere dimenticato. Dimenticare significa accettare lo sterminio. Credo che il popolo curdo non li dimenticherà mai, richiederà le responsabilità.

Al momento, 14 partiti hanno preso una decisione insieme a Bashur e il parlamento di Bashur ha preso una decisione. Trovo queste decisioni valide e invio i miei saluti e i miei rispetti. Dovrebbero applicare anche queste decisioni in pratica. Non dovrebbero rimanere in parole e sulla carta. Ecco perché devono aprire completamente il confine del Rojava. Devono permettere alle persone che vogliono combattere di andare nel Rojava. Non dovrebbero ostacolarli. Devono fornire supporto materiale e morale agli eroi del Rojava sotto ogni aspetto. Questa è la cosa giusta da fare. I giovani curdi all'estero dovrebbero rivolgersi al Rojava. Chiunque può andare dovrebbe andare, quelli che non possono andare devono sviluppare la loro lotta contro gli occupanti dove si trovano. Nessuno può dire perché lo stai facendo. È nostro diritto perché lo stato turco invasore e fascista vuole eliminare tutto ciò che appartiene al curdo e al Kurdistan. Curdi, l'umanità non lo accetta. I curdi faranno tutto il possibile per vivere liberi. Questo è un diritto dei curdi.

Infine, qual è il tuo messaggio per il popolo curdo, i combattenti curdi e gli amici dei curdi?

Contro il piano di occupazione dello stato turco, la nostra gente a Bakur non dovrebbe lasciare i propri villaggi, case o città. Anche se muoiono, non devono andarsene. Questa è la cosa giusta da fare. Devono resistere coraggiosamente, decisamente, contro l'occupazione. Se stanno così, gli occupanti non possono seguire questa decisione. Al momento vogliono andare davanti all'HDP e fare una dichiarazione. Questo è sbagliato. Gli occupanti ne sono consapevoli e stanno prendendo precauzioni. Stanno bloccando gli edifici con la polizia, il Mit e i loro uomini. Stanno impedendo alle persone di presentarsi per assemblare e fare dichiarazioni. Chiunque può protestare per strada, per strada. In tal caso, ci sarà una rivolta su tutte le strade, strade e villaggi e gli occupanti non potranno controllare la situazione. Chi bloccheranno, chi arresteranno? Non possono farlo. Il nostro popolo può strappare la persecuzione e l'oppressione. Sviluppando una grande rivolta come questa, possono distruggere il fascismo in Turchia. La nostra gente dovrebbe sapere che se il governo fascista dell'AKP-MHP non se ne sarà andato, i massacri non avranno fine.

Non accetteranno mai i curdi, non si relazionano con i curdi, non risolvono il problema. Quando questo governo scompare, accetteranno la questione curda. Altrimenti, vogliono eliminare i curdi. Ecco perché stanno attaccando tutto ciò che appartiene ai curdi. I curdi vivranno sempre così? Questa è morte, non vita. Se i curdi si alzano, possono pagare il prezzo, ma se vivono così, questa politica sarà fatta a pezzi. La nostra gente di Bakur dovrebbe farlo. Devono alzarsi ovunque. Nelle loro strade, strade, quartieri, villaggi. Dove saranno allora gli occupanti a esercitare il controllo? Ci deve essere un cambiamento permanente in questa materia. Attualmente tutti in Turchia dovrebbero unirsi contro il fascismo indipendentemente da quale religione, denominazione, cultura o persone. Dovrebbero riunirsi su alcuni punti. Possono basarlo su democrazia, giustizia e libertà contro il fascismo. Chiunque può accettarlo. Su questa base, possono resistere al fascismo.

"LA TURCHIA UTILIZZA TUTTI I MEZZI PER LA GUERRA"

Coloro che dicono: "Sono contro il fascismo", "Sono un democratico", "Sono un socialista", "Sono dalla parte dei curdi" finiranno per essere massacrati in Turchia. Se vivono adesso è perché i curdi stanno combattendo. Se vengono massacrati, nessuno rimarrà. Tutti hanno bisogno di vedere questa verità. Lo stato turco sostiene ora di condurre questa guerra in nome dei popoli della Turchia. Mi chiedo se i popoli della Turchia lo stanno accettando o no? Devono chiarire questo. Lo stato turco sta conducendo questa guerra usando i mezzi dei popoli in Turchia. Lo stanno accettando o no? Attualmente, le vite di tutti i popoli della Turchia sono state avvelenate. Perché lo stato turco spende tutte le risorse in guerra. Con quelli sta compiendo massacri contro i popoli.

Ecco perché si sta vivendo una crisi economica. Mi chiedo se lo accetteranno o no? Prima di tutto, devono chiarire questo. O si arrenderanno al fascismo accettandolo e partecipando ai loro crimini. Oppure affrontali e porta la fine del fascismo con il popolo curdo. Non c'è altro modo. Tutte le parti del Kurdistan devono essere ben consapevoli del fatto che se il Rojava non viene sostenuto e la resistenza dell'onore non ha successo, tutte e quattro le parti del Kurdistan verranno massacrate. Lo stato turco ha preso questa decisione. Dicono che possiamo farlo nella terza guerra mondiale. "Nella prima e nella seconda guerra mondiale, abbiamo massacrato armeni, assiri, pontiani ed ebrei, e in questo avremmo massacrato i curdi", affermano.

I curdi possono vivere in disaccordo e problemi tra loro, ma devono lavorare insieme e prendersi cura di se stessi sulla questione della nazione. Si dovrebbe quindi tenere una conferenza urgente sull'unità nazionale. Ci sono stati alcuni appelli a riguardo, lo sosteniamo anche noi. Questi non devono essere lasciati alle conversazioni e non devono essere ritardati. Oggi, ciò che è necessario per i curdi più che pane, aria e acqua è la Conferenza dell'Unità Nazionale. Questa conferenza deve incontrarsi urgentemente e prendere decisioni. A quel tempo, la lotta dei curdi diventerà ancora più forte. Gli occupanti non possono compiere questi massacri contro i curdi, nessuno può sviluppare i propri interessi attraverso i curdi. Non possono sacrificare i curdi ai loro interessi.

"LA GENTE STA COMBATTENDO ASSUMENDOSI IL RISCHIO DI PAGARE UN GRANDE COSTO"

Al momento, la stampa sta diffondendo notizie opportune nel mondo, sviluppando valutazioni sul posto, in breve esprimendo la coscienza dell'umanità. Questo è buono. La stampa sta creando un grande impatto sull'arena internazionale, gli stati e i governi. Ha il potere di cambiare le loro decisioni. Pertanto, dobbiamo vedere questo e rafforzare la stampa. La stampa può mostrare la lotta che stiamo combattendo. Questo è un servizio per le persone.

Coloro che rappresentano la coscienza dell'umanità sostengono i curdi, resistono contro l'occupazione dello stato fascista turco, resistono contro i loro stessi governi. Anche questo va bene. Con la presente saluto e mi congratulo con il nostro popolo e gli amici del popolo curdo.

Se questa resistenza d'onore si sviluppa ovunque, lo stato fascista e occupante turco non può impedirlo. Vogliono far pagare un prezzo pesante ai curdi perché hanno pistole e amici segreti. Lo fanno anche accadere, ma il nostro popolo, i combattenti di SDF, YPG-YPJ e i popoli della Siria nord-orientale stanno combattendo con grande eroismo contro l'occupazione, i massacri e il fascismo. Stanno tutti dicendo che stiamo affrontando il dolore e pagando il prezzo, non stiamo lasciando la nostra terra, il nostro villaggio, la nostra casa, non lasceremo che la nostra dignità venga presa sotto i piedi. Con la presente, mi congratulo e li saluto.

Questo è il modo giusto. I curdi otterranno risultati con la resistenza e la vittoria sarà portata dalla resistenza. I curdi non hanno altro. Se va diversamente, servirà gli altri. Saranno sacrificati agli interessi di stati come Stati Uniti e Russia. Se camminano in modo risoluto, determinato, coraggioso, nessuno può spezzare la loro volontà, farli arrendere o eliminarli. Possono soffrire di grandi costi, grande dolore, ma di conseguenza vincono. Poiché i curdi comprendono che lo stato turco vuole distruggere qualsiasi cosa sia in nome del curdo e del Kurdistan, stanno proteggendo il Rojava e la resistenza dell'onore. Proteggere la resistenza dell'onore è proteggere se stessi. Ecco perché affrontano tutte le spese. Di conseguenza, i curdi vinceranno. Di conseguenza, li saluto ancora una volta e mi congratulo con loro per la loro resistenza. SDF, YPG-YPJ, i popoli della Siria nordorientale, i popoli curdi, arabi, assiri, circassi, armeni, turkmeni, persone di tutte le culture e denominazioni religiose, tutti dovrebbero sapere che siamo con loro dalla loro parte. Saremo con loro con tutti i nostri mezzi. Combatteremo, vinceremo. Sulla base di questi principi, auguro successo a tutti loro.

 Da ANFNews

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);