Il modo migliore per affrontare la repressione è la lotta ideologica a tutti i livelli

Stampa

Conversazione con Sendoa Jurado, portavoce del Movimento per l'amnistia e contro la repressione, commentando come vivono i prigionieri in questo periodo di pandemia

||||
|||| ||||

Sendoa Jurado, oltre ad essere un portavoce del movimento a favore dell'amnistia e contro la repressione, è un mio conpaesano. Lui e io siamo barakaldarrak, veniamo da una città con una tradizione della classe operaia, un paese combattente e che ha contribuito con molte persone nelle diverse lotte.

Una conseguenza di ciò è che è una città che ha conosciuto la repressione come poche altre. Già negli anni bui del regime di Franco, i fascisti spagnoli imprigionarono e torturarono numerosi conpaesani per aver partecipato a scioperi, mobilitazioni... Dopo il franchismo e dopo la falsa transizione, la nostra gente vide alcuni dei loro migliori figli e figlie subire arresti e torture di nuovo. Molti e molti di loro [subirono] esilio e prigione.

Esistono nel nostro paese alcuni popoli "mitici" che l'immaginazione popolare negli anni '80 e '90, si figurava come poco meno che sul "piede di guerra", ma la verità è che Barakaldo ha dato un numero molto alto di persone che hanno subito la repressione spagnola e francese.

Dopo questa introduzione, forse un po' "sciovinista", rivendicando il nostro Barakaldo (penso sia la prima volta che intervisto un conpaesano...) andiamo a ciò che ci ha spinto a intervistare Sendoa, in questi tempi di Coronavirus, cioè la situazione di prigionieri. Le carceri sono un luogo inospitale, oggigiorno ancora di più. Siamo preoccupati per i prigionieri e ne parleremo con Sendoa.

Sendoa, eskerrik asko per avermi dedicato questo momento, l'argomento è abbastanza importante. Siamo di fronte a un panorama desolante, rinchiusi in casa… i prigionieri e le prigioniere stanno peggio nelle carceri spagnole e francesi, che aggravano la loro situazione carceraria. La prima domanda è obbligata. È noto qual è la situazione attuale dei detenuti in queste condizioni?

Eskerrik asko zuri hitza emateagatik. Il nostro movimento controlla regolarmente la situazione nelle carceri in modo abbastanza esauriente perché è, insieme alla linea anti-repressione, l'altra linea politica su cui lavoriamo. I mezzi di comunicazione che manteniamo all'interno delle carceri sono quelli che ci vengono aperti da prigionieri politici e prigioniere che assistiamo, poiché manteniamo contatti costanti, così come quelli che vengono aperti da altri prigionieri e prigioniere che non assistiamo ma con cui manteniamo anche i contatti. Raccogliamo anche informazioni fornite da altre organizzazioni nei Paesi Baschi, nello Stato spagnolo e nello Stato francese.

La situazione nelle carceri al momento è persino peggiore di quanto non sia normalmente, vale a dire. Oltre alla solita assenza medica si somma un virus sconosciuto fino ad ora. Un virus per il quale ci viene raccomandato di mantenere la distanza e misure igieniche che la prigione rende difficili. Paradossalmente, i prigionieri che vivono in isolamento hanno un minor rischio di contagio, sebbene sia una triste consolazione per queste persone, che già senza virus vivono in una situazione che genera profonde ferite psicologiche. 

La carcerazione prolungata influenza negativamente anche il sistema immunitario, lo stress e l'ansia. Molti prigionieri hanno malattie croniche e sono immunosoppressi e prima del coronavirus avevano tutti gli ostacoli al mondo per essere curati. Le partenze verso gli ospedali sono costantemente posticipate, a volte di anni, e i medici che devono servire nelle carceri sono molto meno numerosi del necessario. Ci sono casi in cui non esiste un medico, come Siviglia II, in cui sono stati senza medico dall'estate del 2019.

Non ci sono attività di alcun tipo, quindi i prigionieri sono condannati a non avere praticamente nulla da fare. E anche i carcerieri, in molti casi, non prendono le misure necessarie per non infettare i prigionieri. Sono gli unici che possono contrarre il virus dalla strada, ma una volta dentro, in uno spazio chiuso e affollato, il virus potrebbe diffondersi molto facilmente. 

Sappiamo che per un mese non hanno ricevuto visitatori. Che comunicazione hanno le famiglie con loro? Potresti parlarci dello stato d'animo di famiglie e prigionieri?

Sia nello stato francese che nello stato spagnolo, tutti i tipi di visite al parlatorio sono stati sospesi. Prima di approfondire l'argomento delle comunicazioni con le famiglie, vorrei prendere nota delle relazioni. Gli avvocati non possono entrare nelle carceri spagnole e quelli francesi possono accedervi solo in casi gravi, sebbene non sia stato stabilito quali casi considerino gravi. Questo lascia i prigionieri in una situazione di assoluta impotenza, dato che si può solo mantenere la comunicazione telefonica con loro.

Per quanto riguarda le famiglie, nelle carceri spagnole la comunicazione può avvenire per telefono e per posta. Fino ad ora, i prigionieri politici sono stati in grado di effettuare otto chiamate a settimana (rispetto alle 10 per i prigionieri sociali, ad eccezione di quelli del regime FIES), di 8 minuti ciascuno. Ora sono autorizzati a farne 12 per compensare, e in alcuni casi sono stati in grado di effettuare una videochiamata di 10 minuti. Per quanto riguarda le lettere, passano dall'essere in grado di inviarne due settimanalmente senza limiti e dal prendere un mese per arrivare (essendo nel File dei detenuti speciali di follow-up, le conservano spesso per un mese, anche se legalmente possono conservarle solo per 15 giorni) arrivare senza trattenerli, anche se le lettere sembrano essere a discrezione di ogni prigione.

In alcune carceri francesi di conformità, dove non vi è alcun limite di chiamata, purché tu le paghi, tra l'altro costose, sono stati addebitati 20 euro di telefono a marzo e 40 ad aprile. I programmi più restrittivi imposti a causa del coronavirus, fanno sì che debbano organizzarsi per chiamare. Per quanto riguarda le lettere non ci sono restrizioni.

In ogni caso, la situazione ha fatto sì che i prigionieri siano più isolati dal loro ambiente e anche l'uno dall'altro. Isolare il prigioniero è uno dei modi più efficaci per scavalcare la sua volontà, lasciarlo indifeso e cercare di sottometterlo. Migliaia di lavoratori vengono inviati a produrre, le persone che partecipano ai programmi di teletrasporto sono autorizzate a riunirsi per avere dibattiti senza altra sostanza che aggirarsi per la città, ma si impediscono visite con il vetro persino agli avvocati.

Rispondendo alla seconda domanda, sullo stato d'animo di parenti e prigionieri, si deve presumere che ogni persona la vivrà in modo diverso, come vivono differentemente la condanna, ma è chiaro che ciò non la migliora. Penso che ci siano due parole che devono essere comuni a tutte le famiglie: preoccupazione e incertezza. Preoccupazione perché sappiamo che i diversi fattori in carcere rendono le malattie un problema molto più grande, e l'incertezza sul non sapere per quanto tempo durerà questa situazione, o se si ripeterà ancora.

    

Ci sono diverse lamentele da parte dei gruppi secondo cui i carcerieri non rispettano le misure per impedire ai prigionieri di contrarre il Coronavirus. Cosa puoi dirci al riguardo?

Siamo d'accordo con tali reclami. È evidente che quando si tratta di prigionieri, la priorità non è mai la salute, poiché ciò che si intende dopo tutto è punire. Né reintegrazione né milongas come quelle. Questo è il motivo per cui vogliamo andare oltre ciò che è implicato dalla critica della gestione delle carceri. Non vogliamo rimanere lì e vogliamo spiegare qual è la sua funzione.

In più di un'occasione abbiamo spiegato che le prigioni sono la pattumiera di questo sistema. La prigione non è stata creata come uno strumento per rispondere al crimine, ma come una misura per rimuovere dalla strada gruppi di popolazioni considerate contrarie all'ordine sociale, direttamente legate alla povertà. E ovviamente, anche per cancellare dalla faccia della terra i militanti politici che si ribellano contro l'ingiustizia e lottano per cambiare l'ordine stabilito.

È facile capire, quindi, che se per il sistema capitalista la prigione è il bidone della spazzatura, tratterà i prigionieri come spazzatura. È l'unico modo in cui si può spiegare che in una situazione come questa continuano a tenere in prigione i malati, i preventivi, ecc. La prigione è un elemento da distruggere.

Dato questo panorama e nella situazione di isolamento nelle nostre case, cosa possiamo fare come persone che sentono solidarietà con la repressione?

Per quello che stiamo vedendo, la repressione richiede due cose: una, i repressori, che vanno dalla polizia ai giudici, compresi giornalisti del sistema, partiti politici, carcerieri e, in molti casi, avvocati e medici che non rispettano il codice deontologico e che ciò che fanno è, con la loro presenza, dare un'immagine di garanzie che in realtà non sono tali, perché sono dedicate al contrario di ciò che si suppone. Sono dedicati ad essere il travestimento benefico di un sistema che è in realtà selvaggio.

In altre parole, quando un medico della prigione dice al prigioniero che non gli invierà alcuni test medici perché la prigione vuole evitare il suo rilascio in ospedale, perché lo considera un prigioniero di follow-up speciale e il medico pone questo criterio carcerario prima il criterio professionale, sta collaborando con la repressione e sta dando legalità a questa negazione di un diritto fondamentale come quello della salute.

La seconda cosa che la repressione richiede è l'accettazione sociale. Per questo, la sicurezza è posta davanti alla libertà, determinando sempre l'oligarchia, cosa è sicuro e cosa no. Per questo, vengono creati allarmi sociali, con più o meno senso, ma sempre volti a favorire gli interessi di pochi. Questo è il motivo per cui non ci lasciano uscire di casa per rivendicare i diritti, ma ci permettono di essere affollati con i mezzi pubblici durante il lavoro; Non ci lasciano salutare i malati che moriranno, ma ci fanno andare a produrre o pulire le case dei ricchi.

Come dicevo, la repressione richiede l'accettazione sociale e viene incoraggiata l'esistenza della polizia del balcone. Ci dicono chi applaudire e includono le forze repressive negli applausi. A volte, le stesse persone che applaudono sul balcone rimproverano le persone che scendono in strada, senza preoccuparsi se vengono dal lavoro, se hanno malattie per cui è benefico camminare o in qualsiasi altra circostanza. Vediamo i vicini mettere su dei cartelli che chiedono alle persone che lavorano negli ospedali o nelle case di cura di non tornare a casa perché possono infettarli. In questo contesto, viene promossa una falsa solidarietà basata sull'applauso, in cui non si mette in discussione il sistema, ma viene rafforzato il controllo sociale.

Spiego tutto questo per concentrarmi sulla domanda che mi fai. Il modo migliore per affrontare la repressione è la lotta ideologica a tutti i livelli, che sono solidarietà (non carità), formazione politica, creazione di strumenti per affrontarla e combattere atteggiamenti imbarazzati.

Sendoa, sei un portavoce del movimento per l'amnistia e contro la repressione. Parliamo di repressione. Dopo il coronavirus, temo che la repressione nei confronti dei settori popolari e dei lavoratori si intensificherà: quali scenari pensi possano essere dati?

Uno degli scenari che erano stati anticipati prima dell'apparizione del covid-19 era quello di un nuovo crollo del sistema capitalista. Sta morendo da un decennio perché il capitalismo è insostenibile. Più produce, più promuove la concorrenza e più rovina i piccoli commercianti, mentre allo stesso tempo abbassa i prezzi ed è competente, più abbassa il potere d'acquisto della classe operaia, a tal punto che finisce per scoppiare la propria base, che è il consumo... Consumo che non può essere dato perché in precedenza ha impoverito la maggior parte della popolazione.

Ci spaventeranno dicendo che dobbiamo rinunciare ancora di più ai diritti perché il sistema ne ha bisogno, e se non funziona e proveranno a convincerci che questo è l'unico sistema possibile. Non spetta ai settori rivoluzionari essere un salvavita in modo che il sistema non esploda, né ci permetta di gestire le sue briciole. Ciò che corrisponde a noi è portarlo alla morte.

Dobbiamo fermare la nuova offensiva capitalista che ha già iniziato a svilupparsi durante il confinamento, gettare le basi per la rivoluzione socialista e liberare la classe operaia e le popolazioni oppresse. Questo è ciò che ci corrisponde.

La repressione aumenterà contro il popolo basco, ma anche contro altri popoli. Conosciamo già il caso di Ceivar, quello della Catalogna, ci sono anche prigionieri politici in Andalusia, rivoluzionari spagnoli... Pensi che una risposta coordinata contro la repressione dovrebbe essere data ad altri popoli e movimenti?

 Penso che dobbiamo prima vedere le circostanze in cui si verificherebbe tale coordinamento, le capacità di ciascun movimento e la concrezione degli obiettivi. Ovviamente, l'unione con il nemico ci rafforza e già nel 2015 il movimento Pro Amnistia ha reso la creazione di collegamenti con organizzazioni di altri paesi uno dei suoi bisogni.

Vi sono interessi comuni con altre organizzazioni e credo che la solidarietà anti-repressiva le rafforzi e abbiamo anche contatti regolari con alcune di esse. Con altri sono stati contatti più specifici, ma la verità è che abbiamo avuto contatti con militanti catalani, spagnoli, asturiani, bretoni, francesi, italiani, irlandesi, argentini...

La mancanza di mezzi ci impedisce di intrattenere relazioni più fluide con altre organizzazioni al di fuori dei Paesi Baschi, ma vorremmo rafforzarle. Saremmo pronti per la collaborazione, purché sia ​​rispettato il quadro di lotta che corrisponde a Euskal Herria come popolo oppresso da due stati.

 Anche se abbiamo un sacco di tempo, concluderemo l'intervista ... Potresti parlarci dello stato di salute del movimento basco anti-repressione?

Questi non sono tempi buoni per i movimenti sociali in Euskal Herria e il movimento anti-repressione non fa eccezione. Tuttavia, nell'ultimo anno abbiamo aperto alcune linee di collaborazione con altre organizzazioni nelle aree in cui lavoriamo. Prova di ciò è la dinamica a livello locale che è stata messa in moto a Bilbao, come "Jazarpenari Bidea Itxi", per affrontare la repressione che sta avvenendo nello Stato di Eccezione.

Come accennato in precedenza, stanno arrivando anni difficili, se la risposta è forte, lo sarà anche la repressione, e se la risposta è più debole, il livello di repressione si adatterà alle circostanze e sarà più sottile, ma continuerà ad esistere.

Proprio per questo motivo, dobbiamo prepararci ad affrontare questa repressione in circostanze leggermente diverse da quelle che sono state nei Paesi Baschi negli ultimi decenni. È tempo di essere sulla strada, di vedere la repressione da vicino per poterla analizzare e creare i muri di sostegno prima di esso. Quello che non faremo è vedere dagli spalti come la storia passa senza fare nulla.  

E sì, l'ultima. Quale chiamata faresti alle persone sensibili e solidali in modo che in questi giorni speciali e in seguito si trovino con le rappresaglie?

Nel caso dei prigionieri, è un buon momento per scrivere loro e far loro vedere che non sono soli, che ci sono persone che vogliono continuare a combattere e che si organizzano per questo. E penso che un buon modo per mostrare solidarietà a questi attivisti politici sia difendere l'amnistia, perché difendere l'amnistia significa difendere la loro dignità, difendere il diritto di combattere e difendere la risoluzione delle cause per le quali si sono ribellati. Penso che il modo migliore per mostrare solidarietà sia continuare a combattere.

Bene, niente di più... ci vediamo in battaglie future o nelle strade del nostro combattivo Barakaldo

Di x Andoni Baserrigorri / Sendoa Jurado per lahaine.org

amnistia EiTB 1024x576 foto610x342

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons