InfoAut
Immagine di copertina per il post

G7, le tasse che piacciono alle multinazionali

||||

Sabato 5 giugno a Londra si è tenuto il primo G7 “in presenza” dallo lo scoppio della pandemia. In attesa del prossimo weekend (11-13 giugno, Carbis Bay, UK), quando si incontreranno i capi di stato e degli esecutivi, la giornata del 5 è stata caratterizzata da un meeting dei ministri delle finanze dei sette paesi occidentali più influenti.

Un incontro, il cui esito, è stato accolto come storico da buona parte della stampa globale. Infatti, il comunicato conclusivo annuncia un accordo sulla tassazione globale che rappresenti un argine allo strapotere delle multinazionali, in grado di evadere strutturalmente ogni forma di imposizione fiscale.

Il centro dell’accordo è il seguente, i 7 paesi, ben lontani dal rappresentare il globo, si impegnano a portare avanti una strategia per imporre una tassazione minima del 15% da far pagare alle grandi compagni tecnologie (i “big tech” Google, Amazon, Facebook, Apple) in ogni paese. A loro dire, imporre una tassazione minima obbligatoria eviterà il dumping fiscale, ossia la capacità delle multinazionali di registrare la loro proprietà in paesi che offrono importanti vantaggi in materia di tassazione, (vedi Olanda e Lussemburgo in Europa).

Come avevano già sottolineato per la proposta di Letta sulla tassa di eredità, questa iniziativa rappresenta una palese ingiustizia che di redistributivo non ha nulla ma è interamente atta a non far inceppare il sistema capitalistico.

Per prima cosa è necessario sottolineare che i membri del G7, per quanto ovviamente molto influenti, non sono in grado di imporre immediatamente questo tipo di azioni su scala globale. Infatti, i protagonisti hanno subito rilanciato sulla necessità di affrontare questo tema al G20 di Venezia (8-11 luglio).

Passiamo al nodo centrale, ossia all’aspetto quantitativo di questo nuova postura fiscale. Il 15% è una miseria, un regalo, un contentino. Chiamatelo come volete. Facciamo dei facili esempi. L’aliquota fiscale minima per lavoratori e lavoratrici in Italia è pari al 23%, ma chi ha stipendi superiori ai 2000 euro si ritrova a pagare oltre il 30% di tasse, chi sopra i 3 mila addirittura il 43%. Parliamo di individui in lavoro subordinato.

Anche per quanto la rendita immobiliare, la cedolare secca sugli affitti in canone libero (anche un BnB) è al 21%, la tassazione sulla rendita finanziaria è al 26%. Questi tre dati, se ce ne fosse bisogno, mostravano già una sproporzione tra chi si guadagna da vivere lavorando e chi paga tasse su rendite e capitali.

Tuttavia al cospetto delle multinazionali nostrane e straniere, tutte registrate in Olanda, che non pagano da anni un euro all’erario, la classe media, impoverita o meno, si percepisce sempre derubata dal fisco. Ancora più incredibile, ahinoi, è che a berciare su questa contrapposizione tra tassazione interna ed evasione delle multinazionali sono Salvini e Meloni.

Il grafico OCSE sottostante ci aiuta a fare il paragone tra il livello di tassazione che dovrebbero affrontate le imprese italiane (e di altri paesi) rispetto alle già nominate “big tech” (tutte americane). La linea rossa è il 15%, ben al di sotto di quanto pattuito con le imprese che sono registrate nei propri paesi di produzione e commercio.

Non è un caso che i consigli di amministrazione di queste multinazionali non abbiano sollevato nemmeno un dubbio o una critica a questa proposta made by Joe Biden. Se questa iniziativa sarà di successo i ricchi della terra sanificheranno la propria posizione anche dal punto di vista istituzionale-globale andando a perdere una piccolissima fetta dei loro infiniti ricavi.

Secondo le prime stime, un paese come l’Italia, recupererebbe circa 2.7 miliardi di euro l’anno, come dicevano in principio, una miseria che non sarà in grado di sanare nessuna delle deficienze dei conti pubblici e dei problemi materiali che la popolazione vive.

Tasse infoaut

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

G7multinazionaliPATRIMONIALE

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione per il clima e a sostegno della Palestina.

Da Nord a Sud Italia questa mattina lo sciopero climatico lanciato da Fridays For Future ha riempito le piazze di giovani e giovanissimi che hanno ribadito le connessioni stringenti tra la devastazione dei territori e le guerre, rappresentando un forte grido in sostegno alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Verso il G7 Ambiente e Energia a Torino: assemblea informativa sul mercato energetico.

Da prima dello scoppio della guerra in Ucraina siamo sottoposti a un continuo rincaro sui prezzi dell’energia, in particolare sul gas.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Dal modello del supermercato al modello della biblioteca pubblica: la necessità di nuove utopie.

La transizione ecologica che viene proposta dall’alto è iniqua. Anche perché è iniqua – l’ecologia, per definizione, non lo è – non è una vera transizione ecologica.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Il comitato di Govone dice NO al progetto di centrale a biometano.

Diffondiamo con piacere la campagna di raccolta fondi del Comitato No Biometano di Govone , in provincia di Cuneo, che all’interno della lotta in opposizione al progetto di centrale a biometano, ha effettuato ricorso al TAR il quale ha accettato di sospendere con provvedimento cautelare l’attuazione dello stesso, fissando l’udienza a ottobre.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Una minaccia incombe tra Veneto e Trentino: la diga sul Vanoi.

Ripubblichiamo in questa sezione un articolo di Fabio Balocco in quanto il tema dell’acqua, della sua gestione e dei progetti che vorrebbero essere realizzati sul territorio piemontese ritorna con una certa frequenza. Inoltre, abbiamo avuto modo di approfondire il ciclo idrosociale grazie a un seminario organizzato dal collettivo Ecologia Politica Torino all’interno del percorso di mobilitazione verso il G7 Ambiente & Energia.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

VOI SETTE, NOI 99%

Dentro la Reggia di Venaria dal 28 al 30 aprile ci saranno i ministri delle 7 potenze mondiali a parlare di transizione ecologica ed energetica. A Torino si sta costruendo un percorso di avvicinamento che vede coinvolti comitati, associazioni ambientaliste, collettivi studenteschi e giovanili, realtà ecologiste.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7 energia, clima, ambiente a Venaria, prepariamoci insieme ad accoglierlo!

Durante il G7 si riuniranno le principali potenze economiche per discutere come disegnare i prossimi passi della cosiddetta transizione energetica ed ecologica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7? Gsim! La Puglia dei movimenti per la giustizia climatica inizia a prepararsi al G7

A giugno si terrà in Italia il G7, l’incontro periodico di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti a cui solitamente si aggiunge anche l’Unione europea.