G20 Amburgo, liberati anche Emiliano e Riccardo

Stampa

Tra le giornate di ieri ed oggi sono stati liberati dalle carceri tedesche anche Emiliano e Riccardo, detenuti da quasi 3 mesi ad Amburgo. I due erano tra le vittime della vendetta poliziesca seguita alle contestazioni massa al vertice del g20 dello scorso luglio, quando nella città tedesca la passerella dei venti potenti del pianeta venne pesantemente compromessa dalle manifestazioni di piazza. Per Emiliano, trentenne siciliano, detenuto per 84 giorni nel carcere di Billwelder, la liberazione è stata disposta in seguito di una condanna di un anno e sei mesi sospesa con la condizionale. A Riccardo invece sono stati comminati un anno e nove mesi di pena, sospesa anch'essa con la condizionale. Da segnalare che le condanne arrivino dopo che la maggior parte dei capi d'accusa sono crollati durante i processi, a dimostrazione del carattere vendicativo degli arresti e nonostante le pressioni psicologiche nei confronti degli imputati durante la detenzione in carcere al fine di ottenere confessioni che non sono arrivate. Restano tuttora nelle galere tedesche Alessandro e Fabio, in attesa dei rispettivi processi che si terranno per Alessandro il 25 ottobre mentre per Fabio le udienze sono state fissate per il 16, 17 ottobre e 7 novembre.

||||
|||| ||||

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons