Denver: lo Stato accusa di rapimento sei attivisti del movimento

Stampa

Ieri 17 settembre lo Stato reazionario ha preso di mira i leader del movimento per i neri a Denver, Colorado. Tra gli arrestati, quattro importanti attivisti del Partito per il Socialismo e la Liberazione (PSL). Le accuse includono la tipica serie di reati legati alle rivolte e l'accusa estrema di rapimento di primo grado per aver presumibilmente "intrappolato" la polizia nel proprio distretto durante una protesta di luglio con centinaia di partecipanti.

||||
|||| ||||

Lillian House, Joel Northam, Eliza Lucero, Russell Ruch, Terrance Roberts e Trey Quinn sono stati tutti arrestati e accusati di reati. Mentre le accuse sono estreme e ovviamente false, è chiaro che gli arrestati sono stati oggetto di ritorsioni per aver condotto proteste che hanno scosso Denver in diverse occasioni. House, Northam, Lucero e Ruch sono tutti membri del PSL, molti dei quali si organizzano da anni, e Roberts è un co-fondatore del Front Line Party for Revolutionary Action.

Le stesse proteste in Colorado sono state organizzate come parte del movimento nazionale in nome di George Floyd e per combattere per il 23enne Elijah McClain, un uomo di colore ucciso dalla polizia di Aurora nell'agosto 2019.

Elijah era un massaggiatore e un violinista autodidatta di talento che tornava a casa a piedi dal negozio all'angolo indossando una maschera da sci completa per scaldarsi e ballare mentre ascoltava la musica. La polizia di Aurora lo ha avvicinato dopo aver ricevuto le chiamate di una "persona sospetta" e ha proceduto a trattenerlo con violenza e a iniettargli ketamina per sottometterlo. Ha avuto un arresto cardiaco mentre andava in ospedale ed è morto tre giorni dopo.

Blm3

Il caso straziante di Elijah ha suscitato forti e costanti proteste a Denver, alcune delle quali organizzate dagli attivisti presi di mira.

 Il 3 luglio, circa 600 manifestanti hanno circondato per ore un distretto di polizia di Aurora. Lo Stato usa questa situazione per sostenere che i 18 agenti all’interno siano stati "rapiti" a causa della farsesca idea che le proteste li tenessero "intrappolati" all'interno, e che gli agenti fossero tenuti in ostaggio fino a quando "le richieste sono state soddisfatte", comprese le richieste di giustizia per Elia e per le vittime della brutalità della polizia. Questo caso dimostra che lo Stato cerca di criminalizzare anche le posizioni politiche più moderate.

Lo Stato si fa beffe delle proprie leggi nel disperato tentativo di attaccare il movimento di massa in generale, e il PSL in particolare.

La protesta del 3 luglio, secondo cui le autorità sostengono che gli ufficiali sono stati "intrappolati", portando alle false accuse di sequestro di persona.

Blm2

Tutte le persone di coscienza, specialmente quelle impegnate a difendere le vite dei neri dagli omicidi razzisti e dalla brutalità della polizia in tutti gli Stati Uniti, devono mostrare solidarietà e sollevarsi per condannare tali accuse.

Lo Stato è sempre più disperato, temendo le mobilitazioni di massa e le rivolte che da maggio hanno scosso il Paese fino alla sua fondazione. Questo è uno dei tentativi più trasparenti e volgari di mettere a tacere il movimento impiccando quelli che lo Stato considera socialisti radicali. Con l'approssimarsi delle elezioni, lo Stato diventerà sempre più disperato nel voler piazzare accuse ancora più estreme contro coloro che si candidano per un mondo migliore.

Questi arresti sono un attacco al movimento e a tutto il popolo.

Questa repressione arriva sulla scia della fuga di notizie che il procuratore generale William P. Barr ha sostenuto che i manifestanti devono essere accusati di sedizione federale, e il Dipartimento di giustizia ha dichiarato che qualsiasi forte resistenza all'autorità governativa può ricevere questa accusa.

PSL dice che uno degli attivisti è stato arrestato nel parcheggio di un Home Depot, un altro è stato circondato da veicoli della polizia mentre guidava, e altri sono stati arrestati nelle loro case.

L'operazione coordinata ha lo scopo di incutere paura nella gente e paralizzare il movimento, ma per ogni individuo che rapiscono dalle strade, altri si alzeranno per prendere il loro posto.

Alcuni degli attivisti arrestati a Denver sono usciti su cauzione, mentre altri sono ancora nelle grinfie del sistema.

Il bersaglio nei confronti degli attivisti, con un'attenzione nel sottolineare il loro coinvolgimento con le organizzazioni socialiste e comuniste, assomiglia alle azioni della polizia ad Austin, dove i Targeted Three sono stati rapiti al di fuori delle proteste e accusati di essere "antifa" e "scassinatori" per nulla più che per aver partecipato a una protesta e aver svolto un lavoro documentario di base.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons