Condanna all’ergastolo per 7 persone che hanno partecipato alle proteste per Kobanê.

Stampa

Sette persone sono state condannate all’ergastolo con la motivazione di aver partecipato alle proteste ad Antep durante la rivolta del 6-8 ottobre contro gli attacchi di invasione delle bande dell’ISIS contro Kobanê nel 2014. 

||||
|||| ||||

Le proteste di Kobanê sono state innescate dall’allora primo ministro Recep Tayyip Erdoğan. Le proteste si sono svolte in decina di città dopo che il primo ministro turco, che cooperava con Isis, aveva affermato: “Ayn-al Arab (Kobanê) sta per cadere”. Durante le rivolte del 6-8 ottobre,ad Antep 5 persone erano morte e 42 erano rimaste ferite. Durante l’udienza del verdetto tenutasi presso il tribunale penale di Antep contro 10 persone in relazione alle proteste di Kobanê, 7 sono state condannate all’ergastolo per “violazione dell’unità e dell’integrità territoriale dello Stato” oltre a 3 anni, 6 mesi e 14 giorni in totale per 3 reati separati. Poiché nessuno degli imputati è attualmente agli arresti in relazione al procedimento penale, solo uno di loro, Ayhan Işık, e il suo avvocato hanno partecipato all’udienza. Işık e gli avvocati degli altri imputati hanno chiesto l’assoluzione. Le persone condannate all’ergastolo sono: Ayhan, Imam, İbrahim, Mehmet e Muhittin Işık, Mehmet Caymaz e İzzet Nas. Dopo che è stato emesso un mandato di cattura per i sette imputati, Ayhan Işık, che era presente all’udienza, è stato immediatamente arrestato e mandato in carcere. N.Ü, A.I. e A.K. sono stati assolti.

“Processo Kobanê” ad Ankara

Giovedì scorso, il tribunale di Ankara ha accettato l’accusa del processo Kobanê, criticato a livello internazionale, contro l’allora leadership HDP. L’atto di accusa coinvolge un totale di 108 politici per reati terroristici, inclusi gli ex co-presidenti Figen Yüksekdağ e Selahattin Demirtaş, che sono in detenzione insieme ad altri 25 politici. Sei imputati del caso sono sotto controllo e altri 75 sono ricercati. Sono accusati anche diversi membri del Comitato Esecutivo del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) nel Kurdistan meridionale, tra cui Murat Karayılan, Duran Kalkan e Cemil Bayık. Sono tutti accusati di “aver distrutto l’unità dello Stato e dell’intero Paese”, oltre a 37 altri capi di accusa per omicidio e decine per tentati omicidi in relazione alle proteste di più di sei anni fa.

Proteste per Kobanê

La sera del 6 ottobre 2014 dopo 21 giorni di resistenza da parte delle YPG / YPJ e della popolazione, la milizia terroristica “Stato Islamico” (IS) era riuscita a penetrare nel centro della città della Siria del nord est di Kobanê. In considerazione della situazione critica, HDP aveva invitato la popolazione del Kurdistan settentrionale e della Turchia a protestare a tempo indeterminato contro il governo dell’AKP, poiché non aveva posto fine al suo sostegno all’ISIS. Nel corso di quelle proteste in molte città c’erano state vere e proprie battaglie di strada tra le forze di sicurezza turche e i manifestanti. Soldati, poliziotti, guardiani di villaggio nonché membri e sostenitori di Hezbollah avevano condotto una lotta comune contro i curdi che avevano partecipato alle proteste. Il numero di persone uccise, la maggior parte delle quali erano partecipanti alla rivolta, oscilla tra le 46 e le 53. Secondo un rapporto dell’Associazione dei diritti umani (IHD), sono rimaste ferite durante le proteste 682. Almeno 323 persone sono state arrestate. Nel corso della rivolta, ci furono anche attacchi incendiari contro negozi e strutture pubbliche.

Da: http://www.retekurdistan.it/http://www.retekurdistan.it/

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons