Comunicato di ATA. Il prigioniero politico basco Patxy Ruiz ha sospeso lo sciopero della fame dopo 31 giorni

Stampa

Il prigioniero politico del Txantrea (storico  quartiere indipendentista di Pamplona), Patxi Ruiz ha lasciato oggi, il 31 ° giorno, lo sciopero della fame che ha mantenuto dall’11 maggio.

||||
|||| ||||

Lo stesso Patxi ha spiegato a un amico che questa mattina ha iniziato a nutrirsi e che spiegherà i motivi per cui ha sospeso lo sciopero della fame. Nei primi 12 giorni, oltre allo sciopero della fame, ha anche mantenuto uno sciopero della sete fino a quando il suo corpo era quasi al collasso. Fu ricoverato in ospedale il 21 maggio e il giorno dopo iniziò a bere. Oggi sarebbe stato trasferito al modulo 10, ma non possiamo ancora confermare questo fatto.

Patxi è vivo e questa è la prima cosa che il movimento per l’amnistia e contro la repressione vuole celebrare. Invece, la prima cosa che vuole criticare è l’atteggiamento omicida della gestione della prigione di Murcia II, dal primo all’ultimo giorno. È sorprendente la rapidità con cui ha contattato l’agenzia Europa Press per dire che Patxi aveva lasciato lo sciopero della fame, senza rispettare il tempo di recupero del prigioniero, mentre 10 giorni dopo Patxi ha iniziato lo sciopero della fame e della sete, ha detto che non ne aveva conoscenza dei fatti.

Per quanto riguarda questi ultimi 31 giorni, il nostro movimento apprezza in modo molto positivo la ferma risposta data da Euskal Herria. Migliaia di persone hanno partecipato alle mobilitazioni, ai confini, ai digiuni e agli scioperi della fame, alle carovane e ad altre dinamiche di protesta condotte ogni giorno in Euskal Herria.

Anche la solidarietà arrivata dalle carceri è stata essenziale per ottenere supporto a Patxi. Alcuni prigionieri sono stati rinchiusi nella cella per un mese, con le conseguenze che ciò comporta. Sono aspre proteste che sono state coperte dalla situazione di Patxi. Hanno effettuato scioperi della fame, confini, digiuni, rifiuti di vassoi alimentari e spedizioni ai direttori delle carceri. In totale, 20 presx del Movimiento Pro Amnistía, dell’EPPK e sia GRAPO che PCEr hanno partecipato a queste dinamiche a favore di Patxi.

Anche se stiamo ancora aspettando il messaggio di Patxi, in questo momento possiamo dire senza dubbio che la mobilitazione popolare è stata essenziale per proteggere la sua vita e per darle le richieste nel posto che meritavano. Grazie alla pressione popolare, Patxi non si è mai sentito solo, e il Movimiento Pro Amnistía y Contra la Represión vuole ringraziare tutte le persone che si sono mobilitate in un modo o nell’altro.

La lotta di Patxi Ruiz ha scosso il Paese Basco e, soprattutto, è servito a svelare la brutalità della prigione. Nelle carceri spagnole e francesi, la tortura cronica viene applicata ai prigionieri e, spesso, anche tortura diretta. Dalle pareti interne, prevale l’opacità e i carcerieri (anche i dottori, come abbiamo visto in questo caso) agiscono impunemente per maltrattare i prigionieri.

Le gallerie di isolamento, i primi gradi, i file interni di follow-up speciali, i moduli di rispetto per ricattare i prigionieri e l’intera struttura della prigione sono strumenti di tortura per spezzare l’essere e la volontà della gente e avere responsabili politici. Sono proprio questi leader politici che, da quando Patxi ha iniziato lo sciopero della fame e della sete, hanno attaccato e preso di mira il movimento contro l’amnistia e contro la repressione su base giornaliera.

Durante questo lungo mese è diventato chiaro chi è chi, le priorità di ciascun agente politico e la distanza tra la politica istituzionale e i veri bisogni della gente. È stato anche evidente che, contrariamente a quanto ci viene detto dai partiti politici borghesi, le persone hanno una reale capacità di condizionare la politica dalla strada, che è sincero, pulito e molto più sano di ciò che rimane nelle mani di un’élite.

Per finire, non possiamo partire senza menzionare che coloro che consideravano Euskal Herria assimilati hanno commesso di nuovo degli errori. La lotta di Patxi ha messo in luce l’esistenza di un nuovo spazio sociopolitico composto da diverse organizzazioni, ognuna con le sue specificità, ma con la premessa del rispetto reciproco. Ha anche scoperto l’esistenza di una rete internazionalista e solidale che ha lavorato umilmente negli ultimi sei anni, con sorpresa di molti.

Il percorso non è finito. Rimangono alcune delle mobilitazioni convocate prima. Nelle prossime ore e giorni le renderemo concrete. La lotta continua, per l’amnistia e per un’organizzazione che porta alla libertà di Euskal Herria e la sua classe operaia all’Indipendenza e al socialismo! Gora Patxi!

En Euskal Herria, a 10 de junio de 2020.

Movimiento Pro Amnistía y Contra la Represión.

Traduzione a cura di Les Enfants Terribles

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons