InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cile: La convenzione costituzionale può essere la tomba della rivolta

||||

La destra pinochetista è stata sconfitta, giacché non ha ottenuto il terzo della convenzione costituzionale necessario a bloccare i cambiamenti. Una sconfitta che cominciò a configurarsi verso il 2000, con l’ostinata resistenza del popolo mapuche e dopo le lotte degli studenti secondari. A partire dall’ottobre del 2019, il popolo cileno decise di sotterrare l’eredità di Pinochet con un’affollata rivolta.

Di Raùl Zibechi

Anche i partiti della vecchia Concertazione, che ha governato il Cile dalla fine della dittatura, ne sono usciti mal messi, ottenendo solo 25 seggi sotto il motto di Unità Costituente, di fronte ai 37 della destra di Andiamo per il Cile. La sinistra ha ottenuto 28 seggi con un buon svolgimento. I popoli originari avevano assegnati 17 posti, gli indipendenti hanno ottenuto niente meno che 48 seggi ed è stata raggiunta la parità tra uomini e donne.

Sappiamo chi ha perso, ma non è semplice sapere chi sono risultati vincitori. In primo luogo, si deve constatare un’elevata astensione, giacché ha votato solo il 42,5 per cento degli iscritti, cifra che cade fino al 21 per cento tra i mapuche. Si può argomentare che la pandemia non ha favorito il voto, ma una cosa certa è che nell’ultimo decennio e mezzo sta crescendo la diserzione dalle urne.

La seconda questione è che sebbene la destra pinochetista non abbia il potere di veto, lo ha la somma di questa con l’ex Concertazione, composta essenzialmente da socialisti e democristiani che hanno appoggiato il modello neoliberale estrattivo. Insieme superano il terzo dei voti per impedire cambiamenti.

In terzo luogo, la rivolta in Cile non è avvenuta per ottenere una nuova Costituzione, ma per mettere fine al modello neoliberale. Da quando i negoziati delle cupole hanno aperto questa possibilità, argomentando che con la nuova Costituzione cadrà il modello, la mobilitazione ha cominciato a sgranarsi.

Sebbene tra i 155 membri della convenzione costituzionale ci sia una forte presenza della sinistra e dei movimenti sociali, che hanno apportato una parte considerevole dei costituenti indipendenti, la garanzia di cambiamenti non sta nei rappresentanti, ma nelle organizzazioni e nelle mobilitazioni collettive.

La quarta questione è guardare ai lati. In America Latina ci sono state tre nuove costituzioni in pochi anni: in Colombia nel 1991, in Ecuador nel 2008, e in Bolivia nel 2009. Alcune contengono capitoli molto interessanti: la natura come soggetto di diritti, nell’ecuadoriana, e la rifondazione dello stato, nella boliviana.

In nessuno dei casi sono state rispettate queste aspirazioni, nonostante che in Bolivia e in Ecuador la destra fosse stata sconfitta nelle strade e che caddesero cinque presidenti mediante grandi insurrezioni.

Nonostante ciò, il neoliberalismo estrattivista ha continuato a spogliare i popoli dei beni comuni, e la situazione concreta dei popoli originari e dei settori popolari non ha fatto altro che peggiorare. Non per le costituzioni, ma per qualcosa di più profondo: la smobilitazione delle società e dei popoli.

Pensare che si possa sconfiggere il neoliberalismo, che è la forma che assume il capitalismo in questo periodo, mediante nuove carte magne e con leggi che declamano diritti per le più diverse oppressioni, è un’illusione che conduce a vicoli cechi. Non è una questione di ideologie, ma di lettura del recente passato e della situazione che attraversiamo in tutto il mondo.

In Cile non siamo di fronte ad una costituente legittima, ma di fronte ad “un gioco politico”, come sostiene Gabriel Salazar (https://bit.ly/3f1W6Eo). Questo gioco lo hanno partorito i dirigenti del Fronte Ampio, la proclamata “nuova sinistra”, che patteggiarono con la destra quando c’erano milioni nelle strade e lo torneranno a fare in un recinto dove ci sono in totale impunità dei giocolieri della parola.

L’unica garanzia che abbiamo noi popoli, affinché almeno ci rispettino, è l’organizzazione e la mobilitazione. In Cile ci sono state per mesi enormi manifestazioni e sono state create più di 200 assemblee territoriali. I costituenti di sinistra stanno dicendo che non è necessario tornare nelle strade e la maggioranza delle assemblee si sono indebolite puntando sulle urne, anche se ora ritornano nei propri territori.

Come diventeranno realtà i migliori articoli della nuova Costituzione, che senza dubbio li avrà? Risuonano le parole della comandanta Amada all’inaugurazione del secondo Incontro Internazionale delle Donne che Lottano: “Dicono che ora ci siano più leggi che proteggono le donne. Ma continuano ad assassinarci”.

Nessuna legge impedirà agli uomini armati (carabinieri e militari), nucleo duro del patriarcato, di continuare a colpire, ferire e assassinare. Il mapuche Fernando Pairicán ha riconosciuto che l’80 per cento dei mapuche che non ha votato, lo ha fatto, in parte, per la forza del movimento autonomista che ha fatto appello a non votare (https://bit.ly/3ot3Gv0).

La speranza di un nuovo Cile continua a stare nella resistenza mapuche e nelle reti di vita che sopravvivono in alcune assemblee territoriali.

 

21 maggio 2021

La Jornada

Traduzione a cura del Comitato Carlos Fonseca

 

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cile

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cina: scontri fra operai e forze di sicurezza della Foxconn

A Zhengzhou, in Cina, lavoratori e lavoratrici di Foxconn, la più grande fabbrica al mondo di assembleggio delle componenti per I-Phone (e di proprietà taiwanese) sono in rivolta, con la polizia antisommossa schierata per le strade per fronteggiare la rabbia di operaie e operai.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gilet Gialli: a che punto siamo quattro anni dopo?

Il 17 novembre 2018, un nuovo tipo di movimento è esploso sotto gli occhi di molti osservatori e ha colto di sorpresa i sindacati e i partiti politici, convinti di avere il monopolio della protesta: il movimento dei Gilet Gialli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cop28 a Dubai: una comoda copertura per la repressione

I media e i politici occidentali difenderanno i diritti umani negli Emirati Arabi Uniti,  come non hanno invece fatto in Egitto?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fiumicino: bloccato il terminal della Turkish Airlines in solidarietà al Rojava sotto attacco

Bloccato ieri mattina il check-in Turkish-Airlines a Fiumicino. Una iniziativa di sostegno e solidarietà al Rojava sotto attacco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

COP27: l’agenda climatica di Israele è un “greenwashing” della sua occupazione di terre palestinesi?

Senza giustizia climatica per i palestinesi e per le minoranze arabe in patria, la strategia di Israele di utilizzare l’ambiente come trampolino di lancio per la cooperazione politica ed economica con i vicini equivale a un greenwashing del suo scarso record di diritti umani.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Come la pandemia ha cambiato il panorama del lavoro organizzato negli USA

La prospettiva dell’intreccio tra crisi sociale e crisi climatica e la centralità assunta da relativamente nuovi settori del lavoro contemporaneo accanto a mansioni più tradizionali ci paiono spunti di ragionamento fondamentali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: su Radio Onda d’Urto le corrispondenze dalla Siria del Nord e dell’Est, ancora sotto attacco turco

Radio Onda d’Urto è in Rojava, territorio della Siria del Nord e dell’Est che da dieci anni sperimenta l’autogoverno mettendo in pratica i principi del confederalismo democratico. Un territorio ancora una volta sotto attacco militare da parte dello Stato turco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Muore Hebe de Bonafini, storica presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo e simbolo mondiale della lotta per i diritti umani

La presidente delle Madri di Plaza de Mayo, Hebe de Bonafini, è morta domenica all’età di 93 anni, secondo fonti vicine all’attivista per i diritti umani.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: le forze israeliane attaccano e demoliscono scuole. A Hebron aggrediti brutalmente studenti e insegnanti

L’apartheid israeliana ha molti volti. Uno di questi è quello della persecuzione contro i giovani e giovanissimi palestinesi e l’attacco agli istituti della loro formazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bombardamenti turchi in Rojava e Iraq contro il Confederalismo Democratico

Gli aerei da guerra dello Stato turco hanno bombardato la parte occidentale della Siria settentrionale e orientale: Kobanê e il villaggio di Belûniyê a Shehba, a sud-ovest di Kobanê. E’ stato colpito anche il villaggio di Teqil Beqil, vicino a Qereçox a Dêrik, nella parte orientale del Rojava e i magazzini di grano di Dehir Ereb, a nord-est di Zirgan.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: La polizia reprime una marcia in onore di un dirigente mapuche assassinato dai carabinieri nel 2018

La Polizia di Santiago (Cile) ha utilizzato la violenza per reprimere e disperdere le manifestazioni realizzate questo lunedì per il quarto anniversario dell’assassinio del comunero mapuche Camilo Catrillanca, che morì dopo che i carabinieri gli spararono alle spalle.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Cile dopo la Costituente: Quando si svuotano i grandi viali

Le domande si accumulano quando alleati molto vicini del governo di Boric presentano critiche così forti, niente meno che su un aspetto così delicato come la repressione e i prigionieri politici.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: I fratelli, oggi detenuti, continuano a resistere e a dimostrare la forza di essere Mapuche

Noi Mapuche coscienti non permetteremo mai allo stato cileno di dichiarare, come vuole fare, illegali o giudicare terroriste le organizzazioni di autodifesa mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: intervista a Hector Llaitul, voce del popolo mapuche represso

Il portavoce della CAM (Coordinadora Arauco Malleco) spiega come il suo movimento stia cercando di recuperare le terre rubate dallo Stato cileno. di Ecomapuche da La Bottega del Barbieri Il 31 maggio 2022 la camera dei deputati del Cile dichiara 4 associazioni mapuche come “terroriste”. Dichiarando “nemico interno” la voce delle popolazioni originarie il governo […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’illusione di cambiare dall’alto

Colombia, Ecuador e Cile ci mostrano processi recenti relativamente simili. I governi della destra neoliberista sono stati affrontati da grandi rivolte popolari di lunga durata, che hanno aperto crepe nella dominazione e messo sotto scacco la governabilità. Il sistema politico ha risposto incanalando la disputa nel terreno istituzionale, con l’approvazione e l’entusiasmo delle sinistre. Di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: Boric decreta lo stato d’emergenza nei territori mapuche

Il decreto ha l’obiettivo di reprimere le azioni delle organizzazioni indigene nelle strade delle regioni del Biobío e dell’Araucanía, territorio ancestrale del popolo mapuche. Silvia Adoue e Tamy Cenamo Lunedì notte 16 maggio, la ministra dell’Interno del Cile, Izkia Siches, ha annunciato l’installazione di uno stato d’emergenza nelle regioni del centro sud. La decisione è […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: La Resistenza Mapuche Lavkenche (RML) rivendica un attacco a macchinari per la ghiaia e camion forestali a Los Álamos

Durante la giornata di venerdì 29 aprile è stata realizzata un’azione di sabotaggio contro un’impresa di macchinari e trasporti, effettuati principalmente per l’estrazione di ghiaia, e lavori forestali nel comune di Los Álamos, che ha avuto un grande impatto per la quantità di 33 attrezzature incendiate. Di seguito il comunicato dell’organizzazione Resistenza Mapuche Lavkenche RML. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Congresso cileno estende la militarizzazione nelle zone mapuche

La Camera dei Deputati ha approvato la richiesta del Governo di Sebastián Piñera con 70 voti a favore su 124 possibili. Questo mercoledì il Parlamento cileno ha approvato il prolungamento per altri quindici giorni della militarizzazione di una zona del sud del paese. In detta regione c’è da decenni un conflitto territoriale tra lo stato […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

IL CILE DOPO L’ELEZIONE DI BORIC

Al di là della figura di Boric e del ruolo che ha avuto dai movimenti studenteschi alla sua elezione, è importante sottolineare alcuni passaggi fondamentali nel panorama politico cileno di questi ultimi anni, come la protesta studentesca del 2019 contro l’aumento dei biglietti dei trasporti e il carovita che ha assunto anche la rivendicazione delle […]