InfoAut
Immagine di copertina per il post

Chip Fitzgerald, militante delle Pantere Nere, muore in prigione

||||

Romaine “Chip” Fitzgerald, è morto il 29 marzo in una prigione della California dopo essere stato detenuto per più di 51 anni, fin dalla sua adolescenza. Fitzgerald, 71 anni, è stato il membro incarcerato più a lungo dei Black Panthers.

Stava scontando due ergastoli per l’omicidio di una guardia di sicurezza e il tentato omicidio di un ufficiale della pattuglia della California Highway. Sebbene fragile e malato, a Fitzgerald è stata negata la libertà condizionale più volte. Mentre era in prigione, ha subito un ictus e ha dovuto usare una sedia a rotelle o un deambulatore, secondo Democracy Now. Fitzgerald era un ex membro della sezione di Los Angeles del Black Panther Party.

Il 7 settembre 1969, un ufficiale della California Highway Patrol fermò una Volkswagen con Fitzgerald e altri due membri del Black Panther Party (Robert Williams e Luxey Irvin).

Il rapporto della polizia affermò che gli uomini erano stati fermati per un fanale posteriore difettoso. Tuttavia, molti attivisti nella comunità pensavano che fosse dovuto alla loro affiliazione ai Panthers, secondo una biografia online scritta da Mumia Abu-Jamal, membro del Black Panther Party incarcerato. Durante il controllo, iniziò una sparatoria che lasciò Fitzgerald e un ufficiale feriti. 

Non si conoscono le cause della morte di Fitzgerald.

 

Nato l’11 aprile 1949, Fitzgerald è cresciuto nei quartieri di Watts e Compton della California centro-meridionale. Da adolescente, è entrato a far parte del Black Panther Party, partecipando ai programmi di empowerment della comunità dei Panthers. Al suo arresto in seguito alla sparatoria, Fitzgerald si è dichiarato non colpevole dell’accusa di tentato omicidio dell’ufficiale della pattuglia della California Highway. “Ma c’era qualcos’altro in gioco contro Chip. Durante i giorni prima del suo arresto, Chip è stato accusato di essere coinvolto nella morte di una guardia di sicurezza. Sebbene le prove contro di lui fossero deboli e Chip abbia negato qualsiasi coinvolgimento, è stato comunque condannato a morte ”, ha riferito Peoples World.

La Corte Suprema della California ha dichiarato fuorilegge la pena di morte nel 1972 e Fitzgerald e altri nel braccio della morte hanno visto le loro condanne commutate in ergastolo con possibilità di libertà condizionale. A Fitzgerald è stata negata la libertà condizionale più di una dozzina di volte. “Era idoneo alla libertà sulla parola per la prima volta nel 1976 e ha scontato più del triplo della pena media per il suo reato”, hanno scritto i residenti della California su una petizione per liberare Fitzgerald su Change.org.

Diversi collettivi, attivisti ed associazioni hanno ricordato Fitzgerald e la sua vita derubata fin dall’adolescenza dal razzismo e l’oppressione sistemica.

Fonte: https://moguldom.com/345674/original-black-panther-party-soldier-romaine-chip-fitzgerald-passes-away-in-prison/

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

black panterpantere nere

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“La Palestina è un laboratorio: così Israele esporta la tecnologia dell’occupazione”

Armi, tecnologie della sorveglianza, droni, tattiche e repressione: Antony Loewenstein, giornalista australiano e nipote di ebrei tedeschi rifugiati, racconta come la Palestina sia diventata il luogo perfetto per gli affari dell’industria militare israeliana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Yesh Gvul: aumento senza precedenti del rifiuto dell’arruolamento nella guerra di Gaza

Mercoledì, un movimento israeliano di sinistra ha riferito di un aumento senza precedenti del numero di israeliani che si rifiutano di prestare servizio militare nella guerra in corso nella Striscia di Gaza, riferisce l’agenzia Anadolu.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Salute ribelle e movimenti anticapitalisti

Più di mezzo secolo fa il partito delle Pantere Nere fu, probabilmente, una delle prime organizzazioni a mettere in moto un sistema di salute alternativo al sistema egemonico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: L’ex Pantera Nera ottiene la libertà vigilata dopo 49 anni di prigione

Jalil Muntaqim è detenuto da più di 49 anni dopo essere stato arrestato e successivamente condannato per l’omicidio di due agenti di polizia ad Harlem nel 1971. Al momento dell’incidente di Harlem, era un membro clandestino dell’ala sotterranea delle Pantere, l’Esercito di liberazione nera, che rivendicava la responsabilità dell’attacco. Jalil Muntaqim è stato appena rilasciato […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dopo oltre 40 anni Eddie Africa è libero!

Dopo oltre 40 anni nelle carceri federali e statali della Pennsylvania, Eddie Africa è tornato a casa. Lettera di Mumia Abu Jamal La notizia è arrivata come un raggio di luce che illumina la notte, è stato rilasciato Eddie Africa. Eddie Africa, membro di MOVE e sopravvissuto al confronto con la polizia di Philadelphia dell’8 […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La pellicola “Black Panther” riapre il dibattito sulla carcerazione delle autentiche Pantere Nere

Vari membri delle Pantere Nere continuano a stare in prigione 40 anni dopo per delitti che loro negano di aver commesso. “Molti di loro stanno nelle peggiori carceri subendo le peggiori condizioni, e alcuni stanno invecchiando e hanno problemi di salute”, dice Sekou Odinga, che ha passato 33 anni in prigione. Quando nel 2014 uscì dal […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Liberato Albert Woodfox, ex Black Panther detenuto per 44 anni in isolamento

L’accusa, uno dei tanti pretesti utilizzati dalle autorità americane per arrestare i militanti delle pantere nere, era talmente falsa che persino Amnesty International si era schierata a favore della loro liberazione. King, Wallace e Woodfox si sono sempre dichiarati innocenti rispetto alle accuse contestategli. La giuria che li ha condannati era composta interamente da bianchi […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: le Black Panther attaccano corteo del Ku Klux Klan. 20 feriti e 5 arresti

In seguito all’attentato contro la chiesa di Charleston per mano di un neonazista suprematista bianco una vasta campagna di sensibilizzazione antirazzista lanciata dal movimento Black Lives Matter aveva convinto i governatori di molti stati del Sud a rimuovere la bandiera incriminata; in tutta risposta sono cresciuti esponenzialmente gli attacchi incendiari contro le chiese della comunità […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Mumia Abu Jamal ricoverato in ospedale. Vietate le visite ai famigliari

Non è la prima volta che Abu-Jamal si trova in delicate condizioni di salute: negli ultimi tre mesi ha infatti sofferto di un eczema alla pelle ed ogni assistenza sanitaria gli è stata sempre negata, fino a peggiorare la situazione. A far presupporre che le condizioni di salute siano gravi è inoltre la decisione di […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Dallas: corteo armato delle nuove Pantere Nere per Ferguson

La protesta è stata preceduta nel pomeriggio dal corteo armato di una trentina di associati dello Huey P. Newton Gun Club che hanno brandito apertamente fucili a canne mozze e d’assalto (oltreché cartelli e striscioni) nella zona meridionale della città come monito agli agenti dal grilletto facile e riaffermazione del diritto all’autodifesa della comunità da […]