InfoAut
Immagine di copertina per il post

La pellicola “Black Panther” riapre il dibattito sulla carcerazione delle autentiche Pantere Nere

||||

Vari membri delle Pantere Nere continuano a stare in prigione 40 anni dopo per delitti che loro negano di aver commesso.

“Molti di loro stanno nelle peggiori carceri subendo le peggiori condizioni, e alcuni stanno invecchiando e hanno problemi di salute”, dice Sekou Odinga, che ha passato 33 anni in prigione.

Quando nel 2014 uscì dal carcere, Sekou Odinga si sentì come se avesse finito con l’atterrare in un paese sconosciuto. Dopo aver passato 33 anni dietro le grate, l’ex leader del partito delle Pantere Nere ha dovuto affrontare un paese che non riconosceva, una tecnologia estranea e alcuni nipoti che non aveva mai abbracciato.

Anche se festeggiò con la sua famiglia e i simpatizzanti di essere tornato un uomo libero, Odinga, di 73 anni, ha anche continuato a pensare a tutti quei difensori dei diritti umani che non avevano avuto tanta fortuna: “Sempre mi accompagna la sensazione di non voler lasciare nessuno indietro”.

I suoi sostenitori si sono riuniti il passato fine settimana di fronte ai cinema di New York per fornire informazioni ai presenti alla prima della pellicola di cassetta Black Panther, sulle autentiche Pantere Nere che difesero le libertà dei neri negli anni sessanta e settanta. Alcuni di loro oggi in prigione hanno lottato per decenni per ottenere la propria scarcerazione.

La pellicola, che è già un record al botteghino, è ambientata in un paese fittizio dell’Africa e ha ricevuto molti elogi considerando che il suo contenuto politico giunge al momento opportuno.

Nonostante ciò, per alcuni attivisti, la pellicola di Ryan Coglier e il cast, composto nella maggior parte da attori neri, è molto più che una storia che rompe stereotipi in un’industria controllata da cineasti bianchi.

Immagine della pellicola “Black Panther”.

Questa pellicola afrofururista ha riaperto il dibattito e anche gli appelli degli avvocati, delle famiglie e dei difensori dei diritti civili affinché siano messi in libertà più di una dozzina di ex membri del Partito delle Pantere Nere per l’Autodifesa (BPP nella sua sigla in inglese), un gruppo radicale fondato nel 1966 ad Oakland, California.

“Molti di loro stanno nelle peggiori carceri sopportando le peggiori condizioni, e alcuni stanno invecchiando e hanno problemi di salute”, dice Odinga, che fu condannato per il tentativo di assassinio  alcuni poliziotti nel decennio degli ottanta.

La sua detenzione avvenne in un’epoca in cui il Governo degli Stati Uniti promosse misure per arrestare, controllare e perseguire i movimenti per il potere nero. “Questa è una opportunità per spiegare alla popolazione chi erano gli eroi delle Pantere Nere e le condizioni in cui vivono”.

La prima della pellicola, che incomincia ad Oakland, c’è stata un mese dopo che si era saputo che una unità antiterrorismo della FBI aveva definito alcune persone come “estremisti di identità nera” con l’affermazione che gli attivisti che si difendevano dalla brutalità poliziesca rappresentavano una minaccia.

Questa idea ricorda il contestato programma di intelligence del Governo conosciuto come Cointelpro che fu utilizzato per controllare e destabilizzare le Pantere Nere e altri gruppi di sinistra.

“Non siamo di fronte a dei criminali”

“Dobbiamo spiegare alla popolazione che questo avvenne nel passato e che tornerà a succedere se non facciamo attenzione”, spiega Malia Cyril, una attivista della California la cui madre era una Pantera Nera. Spiega che Kamau Sadiki, un ex Pantera Nera che è come uno zio per lei, fu condannato per l’assassinio di un poliziotto avvenuto decenni prima (1971) e che è ancora in carcere nonostante lui affermi di essere innocente.

“Abbiamo bisogno che la popolazione intenda che non siamo di fronte a dei criminali che stanno venendo puniti perché commisero delitti orrendi, -afferma Cyril- sono attivisti neri che stanno venendo puniti per il loro attivismo”.

Anche se le Pantere Nere uscirono nelle notizie per le loro cause penali e i loro scontri con la polizia, una cosa certa è che quando il partito fu fondato il suo lavoro si focalizzava nell’organizzare “programmi di sopravvivenza” per comunità nere abbandonate dal Governo. Questi programmi fornivano la colazione ai bambini e assistenza sanitaria, e organizzavano scuole per la “liberazione”.

“Sollevarono l’animo di molte persone”, afferma Ericka Huggins, una ex leader Pantera Nera di Oakland.

Huggins dice di sperare che la pellicola diffonda questo messaggio. Ricorda quando l’ex Pantera Nera Eddie Conway uscì nel 2014 dal carcere dopo aver fatto ricorso con successo alla sua condanna per aver ucciso un poliziotto, dopo aver passato 44 anni in prigione: “Quando è riuscito ad attraversare i muri del carcere ha mostrato solo amore e passione”.

“Anche altri meritano una opportunità”, afferma.

Molti hanno menzionato Mumia Abu-Jamal, una ex Pantera Nera, che fu condannato a morte per l’assassinio di un poliziotto, al quale un tribunale commutò la sua condanna all’ergastolo senza possibilità di chiedere la libertà condizionale. Attualmente continua a lottare per la propria liberazione.

I suoi avvocati da molto tempo stanno difendendo la sua innocenza e affermano che gli fu negato un giusto processo. Più recentemente hanno lottato affinché gli sia fornito il trattamento medico di cui ha bisogno.

“Mumia ha sempre imperniato il proprio lavoro sulla liberazione dei neri e di tutte le persone oppresse” , dichiara il suo avvocato Bret Grote. “È abbastanza ottimista e trabocca di energie e vitalità, e questo è qualcosa che non gli hanno mai potuto portar via nonostante tutto quello che gli hanno fatto passare”.

Kietryn Zychal, una scrittrice e attivista del Nebraska, dichiara che vedrà la pellicola e presterà attenzione perché così dopo potrà raccontarla il più dettagliatamente possibile ad Ed Poindexter, un altro membro del Partito delle Pantere Nere che continua a stare in carcere. Fu condannato all’ergastolo per una esplosione in cui morì un poliziotto. La condanna si basò sulla controversa testimonianza di un adolescente.

“È necessario che il suo caso sia conosciuto fuori del Nebraska”, dichiara Zychal.

Monifa Akinwole-Bandele, una attivista il cui padre era membro del Partito delle Pantere Nere afferma che ad alcuni di loro, che continuano a stare in carcere, come Herman Bell, gli è stata ripetutamente negata la libertà condizionale per le pressioni dei sindacati di polizia.

Dichiara di sperare che la pellicola, mostrando personaggi neri potenti, ispiri gli spettatori allo stesso modo in cui il Partito delle Pantere Nere ispirò lei.

“Gli adulti che io ammiravo lottavano con coraggio contro il razzismo negli Stati Uniti”, afferma. “Questo ebbe un profondo impatto su di me e sulla mia visione di quello che era possibile”.

The Guardian

Tradotto in spagnolo da Emma Reverter

22/02/2018

El Diario (Spagna)

Nella foto Bobby Seale e Huey Newton, due dei fondatori delle Pantere Nere.

Sam Levin

Traduzione del Comitato Carlos Fonseca:
Sam Levin, La película ‘Black Panther’ reabre el debate sobre el encarcelamiento de los auténticos Panteras Negras” pubblicato il 22/02/2018 in El Diario (Spagna)su [http://www.eldiario.es/theguardian/pelicula-Panteras-Negras-historia-encarcelamiento_0_742276751.html]

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

americablack panterpanterepantere nereUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’America Latina al crocevia. Tensioni geopolitiche e la sfida dell’Unità Regionale

Il mese di aprile del 2024 ha tratto con sé una rivelazione di grande impatto: un rapporto fatto trapelare dall’ambasciata degli Stati Uniti in Bolivia, meticolosamente elaborato dal Centro di Studi Geopolitici Multidisciplinari (CEGM), getta luce sul nuovo e ambizioso piano di ricolonizzazione dell’America Latina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: Columbia occupata, iniziano le sospensioni, prosegue la repressione poliziesca. Centinaia di arresti

Il campus di New York è off limits anche alla stampa. E i ragazzi erigono le barricate. La Polizia entra a Columbia, centinaia di arresti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un documento trapelato dal New York Times su Gaza dice ai giornalisti di evitare le parole: “Genocidio”, “Pulizia Etnica” e “Territorio Occupato”

Nel mezzo della battaglia interna sulla copertura del New York Times riguardo la guerra di Israele, i principali redattori hanno emanato una serie di direttive.