InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Criminalizzazione originaria.

di Daniel Satur

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Il massimo tribunale nazionale ha respinto le motivazione della difesa di Jones Huala, che aveva denunciato irregolarità nel processo di prima istanza che aveva ordinato la sua estradizione e chiedeva la realizzazione di un nuovo processo orale e pubblico “nel quale sia assicurato al nostro difeso il dovuto processo nel quale poter opporre le relative effettive e reali argomentazioni”.

Il Potere Giudiziario cileno chiede che lo stato argentino invii il rappresentante della comunità mapuche affinché questi “termini di scontare” una condanna che ricevette nel 2018 per l’accusa di “incendio” e “porto illegale d’arma da fuoco di fabbricazione artigianale”. Dopo aver passato vari anni in prigione, in Cile dicono che deve scontare ancora altri 16 mesi di condanna. Con il verdetto delle ultime ore della CSJN, ora il Potere Esecutivo, attraverso la Cancelleria che è diretta da Santiago Cafiero, dovrà decidere se dar corso o no all’estradizione.

Una storia di persecuzione politica

Jones Huala da vari anni viene criminalizzato tanto dallo stato cileno come da quello argentino. Sebbene i fatti per cui fu condannato in Cile sono datati 2013, fu nel 2017 che aumentò la persecuzione contro di lui e la sua comunità in Argentina, a partire da un “accordo” tra i governi di Mauricio Macri e Michelle Bachelet per estradare il lonko.

Nel giugno del 2017 Jones Huala fu detenuto nel Río Negro durante un controllo stradale. Su di lui pesava una richiesta di estradizione in Cile. Mentre il Potere Giudiziario definiva la sua situazione, il Potere Esecutivo perseguitava e attaccava la sua comunità Pu Lof Resistencia Cushamen, che si mobilitava per la sua liberazione. Dopo una manifestazione a Bariloche fortemente repressa (con detenuti e feriti), il 1° agosto di quel anno la Gendarmeria, inviata dall’allora ministra della Sicurezza Patricia Bullrich, scatenò una brutale caccia nel territorio, il cui saldo fu la scomparsa e la morte di Santiago Maldonado.

Nel 2018 Jones Huala ebbe un primo processo di estradizione a Bariloche. Ignorando un suggerimento dell’ONU, alla fine lo stato argentino inviò il lonko in Cile. Lì fu giudicato e condannato nell’ambito di una causa piena di irregolarità, contraddizioni e con prove deboli. Di tutti i processati, fu l’unico a non essere archiviato, nonostante che non si potè nemmeno comprovare che fosse stato effettivamente presente nel luogo dei fatti. Condannato a nove anni di prigione (dopo ridotti a sei), fu un vero “processo politico” che consolidò la persecuzione della sua figura e la criminalizzazione delle proteste mapuche.

Tre anni prigioniero nel Centro di Compimento Penitenziario di Temuco (dove la sua comunità denunciò maltrattamenti), nel gennaio del 2022 a Jones Huala fu concessa la scarcerazione. Ma mentre la sua difesa preparava le condizioni affinché scontasse la sua condanna con la libertà condizionata in Argentina, per pressione del governo di Sebastián Piñera il Potere Giudiziario revocò quella scarcerazione e tornò ad ordinare che fosse detenuto. Siccome lui stava dall’altro lato della Cordigliera, fu dichiarato “latitante” e l’Interpol lanciò una “allerta azzurra”, che di solito non è altro che una richiesta allo stato affinché fornisca “informazioni sull’identità di una persona, il suo domicilio o le sue attività” relative ad una determinata indagine giudiziaria.

Per un anno lo stato argentino neppure cercò Jones Huala. Ma alla fine di gennaio di quest’anno la Polizia del Río Negro lo trovò casualmente. Fu per una probabile chiamata di alcuni abitanti di El Bolsón che avevano sentito dei “rumori molesti” in una casa. Lui non offrì resistenza e fu arrestato per un delitto minore, scarcerabile. Nonostante ciò, mentre la governatrice Arabela Carreras si vantava di un inesistente “lavoro di indagine” della sua polizia, lo tennero in prigione, prima in un commissariato di Dina Huapi (vicino a Bariloche) e successivamente nel carcere penale di Esquel, dove è rimasto alloggiato fino ad oggi.

La Carreras chiese al governo di Alberto Fernández e Cristina Fernández in Kirchner di avvisare sia l’Interpol che il governo cileno di Gabriel Boric che tenevano in prigione Jones Huala. Ma per mantenerlo in prigione e, eventualmente, estradarlo in Cile, era necessario cambiare la “allerta azzurra” con una “allerta rossa”. Con una pratica espressa, l’Interpol lo fece e così si assicurarono di non dover liberare il lonko per i delitti minori che gli erano imputati.

Dopo aver ricevuto dal Cile una nuova richiesta di estradizione, il giudice federale di Bariloche Gustavo Villanueva (che ha nelle sue mani il caso dal 2017) ha condotto un nuovo processo. Disattendendo la richiesta della difesa su possibili nuove irregolarità a scapito del lonko mapuche, il giudice tornò a sentenziare contro Jones Huala. La difesa contestò la sentenza e fece appello di fronte alla Corte Suprema, adducendo il fatto che furono negate prove che sarebbero servite a contestualizzare la persecuzione a livello politico e storico.

Alla fine, questo martedì, dopo un giudizio favorevole all’estradizione da parte del procuratore generale (ad interim) Eduardo Casal, i quattro membri massimi della casta giudiziaria argentina, Horacio Rosatti, Carlos Rosenkrantz, Juan Carlos Maqueda e Ricardo Lorenzetti hanno confermato la sentenza del giudice di Bariloche e hanno dichiarato “fondata” l’estradizione di Jones Huala in Cile.

Ora è il governo nazionale che deve decidere di realizzare o no l’estradizione. Sarà il Ministero delle Relazioni Estere e del Culto, guidato da Santiago Cafiero fino al 10 dicembre, quello che decide. Per questo avrà dieci giorni dal momento del ricevimento della pratica per il suo esame.

Criminalizzazione permanente

Come si sa, in Argentina Jones Huala è stato indicato come dirigente della “Resistenza Ancestrale Mapuche”, la RAM, sigla con cui si identifica una presunta organizzazione “terrorista” che opererebbe nel paese con finanziamenti internazionali. Ma in tutti questi anni lo stato non ha potuto provare nessun delitto commesso da questa apparente organizzazione né ancor meno identificare qualche colpevole di atti terroristi. Anche in diverse cause penali contro le comunità, anche senza parlare della RAM, si è finito con l’assolvere i membri mapuche imputati dopo che era stato provato che erano cause montate.

E un altro elemento che non si può eludere è che, anche se si rifiutasse di estradare Jones Huala in Cile, l’attuale governo nazionale (con il sostegno dei governatori della Patagonia) non lesina sforzi per perpetuare la criminalizzazione e la repressione delle comunità originarie che “osano” reclamare territori ancestrali strappati molto tempo fa dallo stato.

Tale è il caso del brutale sgombero realizzato nell’ottobre del 2022 dalla Polizia Federale nella comunità Lafken Winkul Mapu di Villa Mascardi, vicina a Bariloche. Lì, tutelate da una sentenza giudiziaria e inviate da Aníbal Fernández (successore della Bullrich nel Ministero della Sicurezza), le truppe federali si scagliarono contro donne e bambini, ruppero tutto quello che trovarono al loro passaggio e arrestarono vari membri della lof.

Le denunce per violazioni dei DDUU e dei popoli originari commesse in quello sgombero ebbero una portata internazionale e misero in evidenza la politica criminalizzatrice del Fronte di Tutti. Tale fu la brutalità esibita dal Governo che perfino l’avvocata Elizabeth Góme Alcorta, allora ministra delle Donne, Generi e Diversità, non poté sostenere una sola giustificazione e finì con il rinunciare al suo incarico.

Alla comunità Lafken Wincul Mapu apparteneva Rafael Nahuel, il giovane assassinato alla schiena il 25 novembre 2017 da agenti della Prefettura Navale. Il prossimo mercoledì 29 novembre (quattro giorni dopo il sesto anniversario di questo crimine di stato) nei Tribunali Federali di Fiske Menuco (General Roca) si conoscerà la sentenza contro cinque dei prefetti che quel giorno agirono.

Paradossalmente, oltre alla famiglia di Nahuel in quel processo agisce come querelante la Segreteria dei DDUU della Nazione, come dire lo stesso Potere Esecutivo che reprime la comunità mapuche di cui faceva parte la vittima. Lo stesso Potere Esecutivo che, inoltre, non sta rispettando un accordo firmato con quella comunità dopo il brutale sgombero, dimostrando qual è la vera priorità se si tratta di scegliere tra carte e proiettili.

Sia i crimini di Nahuel e di Maldonado come la lunga persecuzione contro Jones Huala si iscrivono in una tradizione di politiche repressive e criminalizzatrici dei popoli originari da parte dello stato capitalista argentino. Qualcosa che succede anche in Cile e in altri paesi latinoamericani. Sia la storiografia come la letteratura ne hanno dato ampiamente conto. 

Il fatto curioso? a questa altezza è che, con tutte le possibilità tecnologiche e investigative su cui contano il potere politico e i suoi giudici, sia le morti di innocenti come le cause penali contro membri di quelle comunità si basino su prove più che deboli e siano articolate “naturalmente” con il vetusto racconto razzista e classista di coloro che sono beneficiati dall’appropriazione dei beni naturali comuni.

Come non denunciare allora questi stati che uccidono e imprigionano a tutti i costi per allontanare le comunità indigene dai loro “preziosi” territori? E come non organizzarsi indipendentemente da questi stessi stati, e dai loro dirigenti politici, per lottare per il pieno rispetto dei diritti dei popoli originari.

La Izquierda Diario

18/11/2023

tratto da La Haine

Tradotto da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinacilemapuchePOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il primo sciopero generale contro Milei e lo smantellamento dello stato

Javier Milei ha affrontato il suo primo sciopero generale soltanto dopo sei settimane dall’essersi insediato alla presidenza con un piano di governo che punta ad una riduzione minima dello stato, stabilendo un nuovo primato, dopo aver superato il primato di tre mesi che ostentava Fernando de la Rúa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: Una guerra contro il movimento indigeno

Il decreto di Conflitto Armato Interno emesso dal governo di Daniel Noboa “si inscrive in modo diretto nella Dottrina dello Shock come condizione di possibilità per l’aggiustamento economico”, sostiene l’economista ecuadoriano Pablo Dávalos.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il CAM in Sciopero della Fame dice che “Non ci può essere dialogo con militarizzazione, prigionieri politici e senza la restituzione delle terre”

Dal 13 novembre sono in sciopero della fame i prigionieri politici mapuche del CAM (Coordinamento Arauco-Malleco) reclusi nel CCP Biobío di Concepción, Ernesto Llaitul, Esteban Henríquez, Ricardo Delgado Reinao e Nicolás Alcamán, per chiedere l’annullamento della sentenza di condanna a più di 15 anni di reclusione che pesa su di loro.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La dittatura mineraria in tempi di democrazia elettorale

Le politiche estrattiviste hanno attraversato la “democrazia” argentina sotto tutti i governi, indipendentemente dal segno politico.