InfoAut
Immagine di copertina per il post

Aprile indigeno occupa Brasilia

||||

In questo articolo l’autrice si fa eco delle mobilitazioni che da 17 anni i popoli indigeni del Brasile hanno effettuato nell’Accampamento Terra Libera.

L’Accampamento Terra Libera, organizzato dalle comunità indigene a Brasilia, fa parte di una trama di azioni che si stanno già convocando da 17 anni durante il cosiddetto “Aprile Indigeno”, uno dei principali riferimenti di mobilitazioni popolari del paese. Sono due settimane intere di marce, dibattiti e proteste, nelle quali gli indigeni occupano la capitale brasiliana per rivendicare i diritti garantiti nella Costituzione del 1988. Nemmeno la pandemia ha raffreddato gli animi delle comunità e nel 2020 gli indigeni sono stati i primi a realizzare una programmazione intera nello spazio virtuale, mantenendo così la mobilitazione e la tradizione di lotta. Anche con tutto il dramma dell’abbandono durante questi due anni di battaglia contro il covid-19, non c’è stato un minuto di riposo poiché dalla vittoria di Bolsonaro gli indigeni stanno venendo attaccati con molta più forza, sia mediante la tradizionale violenza dei pistoleri o per mezzo dello stesso governo, che chiude un occhio sui crimini e incentiva l’occupazione delle terre indigene.

Ora, nel 2022, l’accampamento ha recuperato la sua edizione in presenza e sta riunendo a Brasilia più di settemila indigeni, che rappresentano più di 300 etnie che sopravvivono in Brasile. Il punto centrale di quest’anno è la lotta contro la PEC 191, presentata dal governo federale, che fissa nuove regole per l’attività mineraria nelle terre originarie.

I dati del 2021, divulgati dall’Istituto Socioambientale dicono che attualmente le terre indigene corrispondono a 725 terre in differenti fasi del procedimento di demarcazione. Raggiungono i 114 milioni di ettari e formano il 13,8% del territorio nazionale. In generale sono spazi ecologicamente preservati, dove le comunità ne fanno un uso sostenibile, e ricchi di biodiversità e minerali, fatto che li rende terre molto bramate da parte delle imprese minerarie e di latifondisti. Giustamente è per questa ragione che il governo federale, per rispettare le promesse della campagna elettorale, ha presentato al Congresso una Proposta di Emendamento Costituzionale (PEC) che prevede l’attività mineraria nelle aree indigene, senza che le comunità possano esercitare il diritto di veto. Complice di questo attacco contro gli indigeni, la maggioranza dei congressisti ha votato per inoltrare la legge in modo urgente, eludendo in questo modo la fase di discussione e dibattito nelle commissioni. La PEC sarà portata direttamente in plenaria. Una plenaria che è in maggioranza favorevole a tutto quello che propone il governo.

La Costituzione del 1988 è stata un ambito importante per le comunità indigene, precisamente per il fatto che ha imposto alcune condizioni normative all’estrazione dei minerali nelle terre che le appartengono. Dice l’articolo 176, paragrafo 1°: “L’indagine e l’estrazione di risorse minerali e l’utilizzo delle potenzialità a cui fa riferimento l’introduzione di questo articolo, potranno essere effettuati solo mediante un’autorizzazione o concessione dell’Unione, nell’interesse nazionale, da brasiliani o imprese costituite attraverso leggi brasiliane e che abbiano la propria sede e amministrazione nel Paese, nella forma che stabilisce la legge, che stabilirà le condizioni specifiche quando queste attività si svilupperanno in spazi di frontiera o in terre indigene”. E anche se è di interesse nazionale, qualsiasi estrazione deve passare attraverso una consultazione delle stesse comunità. Ora, con la PEC proposta da Bolsonaro, questo diritto di veto scompare. Questo significa che i popoli indigeni non avranno alcun controllo sull’attività mineraria nelle proprie terre. Il progetto prevede che le comunità potranno avere un profitto sull’attività mineraria, ma la partecipazione ai benefici rimane limitata ad un unico 1,75% delle entrate nette dell’impresa mineraria. Non sono considerati i danni ambientali e umani che verranno dall’estrazione, in genere predatrice, che distrugge l’ambiente, il modo di vita e la stessa esistenza delle comunità.

Secondo studi fatti da Ana Carolina Reginatto e Luiz Jardín Wanderley nel libro “Chi è chi nel dibattito sull’attività mineraria nelle terre indigene?”, da quando Bolsonaro si è insediato nel governo del paese, nel 2019, le richieste di attività mineraria in terre indigene sono passate da 57 nel 2018 a 82 l’anno seguente e a 214 nel 2020, la maggiore registrazione di richieste in 24 anni, più di quattro volte la media annuale. L’Agenzia Nazionale dell’attività Mineraria ha concesso, inoltre, in modo incostituzionale, 59 ordini di estrazione ed esplorazione in terre indigene senza l’autorizzazione delle comunità, fatto che ha causato innumerevoli situazioni di violenza contro gli indigeni.

Lo studio indica anche le principali imprese che stanno intervenendo nelle terre indigene, solo le seguenti: Anglo American, Guanhãos, Río Verde e altre decine di differenti cooperative di garimpeios (minatori). Tra i popoli più minacciati ci sono i Kayapó, Nambikwára, Munduruku, Yanomami, Paresí e Apurinã, oltre agli indigeni che vivono in terre isolate, che nemmeno sono rimasti fuori dalla portata della PEC.

È di fronte a questa congiuntura che i popoli originari hanno occupato Brasilia in un nuovo “Aprile Indigeno”, visitando ministeri, protestando nel Congresso, di fronte al Palazzo presidenziale, rendendo evidente con fermezza la propria protesta contro questo nuovo attacco che è sul punto di essere sostenuto dal Congresso Nazionale. A questa mobilitazione si uniscono i movimenti sociali legati alle questioni indigene, studenti, sindacalisti e altri movimenti popolari di lotta per un paese migliore.

Da parte sua, mentre aspetta la risposta positiva del Congresso, il governo ha esaudito le richieste dei lobbisti dell’attività mineraria illegale, smantellando gli organi di controllo, distruggendo la Funai, ricevendo i minatori illegali in udienze amichevoli e garantendogli che il governo non distruggerà le loro attrezzature che sono già installate nelle terre indigene. Agendo così continua a sostenere le azioni criminali che sistematicamente si presentano contro le comunità, incentivando ancor di più gli attacchi e la violenza contro i popoli indigeni.

Le attività dei popoli originari a Brasilia, anche se grandiose, sono totalmente ignorate dalla maggioranza dei mezzi di comunicazione, che gli dedica appena delle note a pié di pagina, senza garantire un’informazione veritiera ai brasiliani. In questo gigantesco Brasile, i nemici degli indigeni sono potenti, come ha già detto il grande Ailton Krenak, gli indigeni stanno resistendo da più di 500 anni e non si fermeranno.

Con loro, andiamo anche noi in questa lotta senza fine…

Foto: Marcia dell’Aprile indigeno a Brasilia, concessa dall’autrice, @oliverninja.

Tradotto dal portoghese in spagnolo  per Rebelión da Alfredo Iglesias Diéguez.

15/04/2022

Rebelión

Da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

brasileindigeni in lottaPOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: la questione dei terreni e l’influenza politica nelle zone delle milizie hanno motivato l’assassinio di Marielle Franco

Secondo il documento, i fratelli Brazão decisero di assassinare Marielle Franco perché si opponeva alla votazione del Progetto di Legge (PL) 174/2016, di cui era autore Chiquinho Brazão, allora consigliere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: la Via Istituzionale v/s Resistenza e Controllo Territoriale

Sotto uno stato capitalista e coloniale è impossibile garantire i diritti fondamentali dei popoli originari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.