InfoAut
Immagine di copertina per il post

Ipse Dixit. Il programma di Emma

Dopo i sindacati, non poteva mancare il parere dell’altra “parte sociale” firmataria dell’accordo del 28 giugno, confermato dalla firma di alcuni giorni fa. Un parere negativo verso l’operato del governo che però vuole dare un segno di continuità al potere dello stato. Dopo un industriale, deve esserci un uomo degli industriali; da qui la scesa in campo di Confindustria per, come dicono loro, “salvare l’Italia”!

Con la presentazione della piattaforma composta da 5 punti, Confindustria scende in campo contro il governo, amico fino all’altro giorno; scende in campo dettando le proprie priorità, dando un segnale forte e un inizio di spallata a Berlusconi e ai suoi scagnozzi. 

Ma se da un certo punto di vista si potrebbe pensare come un segnale positivo il fatto che gli industriali stiano mollando l’attuale governo, se poi entriamo nel merito delle proposte della Marcegaglia si può ben notare come le sue non siano altro che quelle riforme che da anni Confindustria chiede e che il governo non fa: privatizzazioni, liberalizzazioni, un progetto “serio” sulle infrastrutture e un piano “serio” sul mondo del lavoro.

Tutto questo è un chiaro tentativo di dare continuità al comando di Confindustria sul paese. Non è un caso che i nomi che si fanno per le prossime candidature provengono dal mondo dell’indistria e della finanza. Ma in tutto questo chi continuerà a pagare il prezzo piu’ alto di questa crisi saranno i soliti, nonostante i minimi tentativi di facciata di fare proposte che vadano in direzione della gente. Perché è evidente che quando si parla di infrastrutture si va nella direzione delle grandi opere (tav, ponte, etc…) e della privatizzazione per andare a mettere le mani sulle ancor poche aziende pubbliche e sui beni comuni primari. 

Ora, è chiaro a tutti come si voglia cambiare tutto senza cambiare nulla, cercando di evitare quella rivolta sociale che farebbe cadere le certezze dei poteri forti di questo paese: prima l’attacco dei sindacati con la Cgil in testa e gli altri due costretti (a piccoli e lenti passi) a rivedere le proprie scelte politiche, lanciando scioperi e proteste, ora gli industriali che vedono i propri interessi toccati e a rischio.

Diventa fondamentale quindi la data del 15 ottobre per dire che questa crisi la si risolve solo dal basso, riprendendosi in mano quello che ci aspetta e facendo capire a chi governa questo paese, in tutte le sue forme, che non siamo piu’ disposti a compromessi o finte promesse, che non vogliamo avere rapporti con una classe politica ormai fallita e che sta facendo fallire questo paese. 

E lo diciamo chiaro: se si deve fallire… che si fallisca, ripartire da zero ma con un po’ di potere in più  nelle nostre mani.

 

Tanto per capire di che morte vogliono farci morire, val la pena leggersi i terribili 9 punti per la crescita del Sole24Ore

vedi anche le misure draconiane invocate da Perotti e Zingales

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

15ottobreconfindustriamarcegaglia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ciao Ste, che la terra ti sia lieve

Se ne è andato Stefano, compagno, No Tav. Come redazione di InfoAut ci uniamo al ricordo del movimento No Tav ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza ed affetto ad Ermelinda, ai compagni ed alle compagne che hanno condiviso le piazze, le strade ed i sentieri di montagna con Stefano.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Giocate, giocate! L’azzardo del Governo

Il gioco d’azzardo nel nostro Paese non conosce crisi e la crescita del gioco online sembra sempre più inarrestabile. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: morta a 75 anni Barbara Balzerani

In carcere e poi fuori la Balzerani ha riletto a lungo la storia – personale e collettiva – degli anni ’70 e ’80, attraverso molti incontri pubblici, prese di posizione e soprattutto con numerosi libri.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Il castello di carte della questura è sempre più instabile.

A proposito del processo conclusosi in primo grado per i fatti di Confindustria a Torino, in occasione di una manifestazione studentesca dell’anno scorso contro l’alternanza scuola-lavoro, di seguito diamo spazio ad alcune valutazioni da parte degli studenti e delle studentesse coinvolti e che parteciparono alla mobilitazione di quel periodo.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Processo agli studenti per i fatti dell’Unione Industriale: emessa la sentenza

Si è concluso ieri il processo di I grado che vedeva imputati 11 giovani per gli scontri davanti all’Unione Industriale nel febbraio 2022, durante una manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro e per protestare contro le morti di 2 giovani studenti vittime nello svolgimento dei loro stage.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Quattro studenti da sette mesi ai domiciliari. Lo Stato che odia i giovani

Di seguito riportiamo una riflessione studentesca a più di sette mesi dagli arresti di quattro studenti per il corteo del 18 febbraio a Torino. Buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

GKN: gli operai occupano la sede fiorentina di Confindustria

Ieri alcune decine di dipendenti della ex Gkn sono entrati nel cortile della sede di Confidustria a Firenze, in via Valfonda, sul retro della stazione di Santa Maria Novella, per denunciare l’atteggiamento degli industriali fiorentini nella vertenza con l’attuale proprietà Qf, che fa capo all’imprenditore Francesco Borgomeo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Che Italia ha in mente la Meloni? Quella delle piccole-medie imprese ad alto coefficiente di sfruttamento

Al netto della vittimizzazione continua dell’imprenditoria italiana – come se negli ultimi anni avessero governato socialisti inferociti e non banchieri propensi a realizzare i desiderata di Confindustria in ogni ambito – qual’è l’Italia che per Meloni non va disturbata?

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: Confindustria che tu sia maledetta!

Condividiamo di seguito il comunicato del Laboratorio Politico Iskra sulle iniziative repressive che stanno colpendo in tutta Italia gli studenti e le studentesse in lotta contro l’alternanza scuola-lavoro. Siamo complici e solidali con gli attivisti e le attiviste, gli studenti e le studentesse di Torino colpiti dalla repressione delle FFOO e dalla vendetta di Confindustria […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il 13 novembre tutti/e a Napoli! Manifestazione contro governo Draghi e Confindustria

Questo è il testo proposto dal Movimento di lotta dei disoccupati 7 novembre per l’indizione della manifestazione contro il governo Draghi e la Confindustria di sabato 13 novembre a Napoli. E’ in corso la raccolta delle adesioni. La crisi pandemica e la gestione dell’emergenza sanitaria hanno palesato, una volta di più, le priorità del sistema […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

LAVORO: AGITAZIONI OPERAIE TRA METALMECCANICA, AGROALIMENTARE E FINCANTIERI

Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, torna a strigliare il governo e a chiedere di allargare i cordoni della borsa, ovviamente a favore dei padroni stessi: ‘Il dialogo tra le istituzioni non è invitarci su una passerella rossa agli Stati generali o a bere un caffè al ministero. O il confronto è vero sui fatti […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Confindustria all’attacco del Recovery Fund

Mentre la popolazione italiana è ancora intorpidita dagli effetti della pandemia, traumatizzata dalle incerte prospettive sia epidemiologiche sia economiche, il dibattito politico post-elezioni/referendum (20-21 settembre) si è spostato velocemente sulla Legge di Bilancio (finanziaria), sulle finalità del Recovery Fund, e sull’annosa questione del MES (meccanismo europeo di stabilità). Purtroppo dobbiamo riconoscere che, in assenza di […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La geografia dei nuovi focolai è quella dello sfruttamento

Tra oggi e ieri sono apparse sui giornali le notizie di due nuovi focolai di Coronavirus. Uno nelle palazzine Cirio a Mondragone dove vivono molti braccianti di origine bulgara e l’altro alla Bartolini (l’azienda logistica) di Bologna. Una foto plastica dello sfruttamento nel nostro paese si direbbe, da un lato la Pianura Padana con i […]