InfoAut
Immagine di copertina per il post

Sicilia: grandi crolli o grandi opere? Chi decide sulla spesa pubblica

Solamente l’ultimo dei numerosissimi episodi di crolli, frane, cedimenti che hanno colpito le arterie del trasporto siciliano: ricordiamo, ad esempio, il caso che, il 6 gennaio scorso, ad appena una settimana dall’apertura, ha visto cedere il ponte ”scorciavacche” situato sulla Palermo-Agrigento; strada provinciale già tristemente nota per il crollo del viadotto Petrulla che aveva causato il ferimento di 4 persone nel luglio 2014. E ancora, a dimostrazione della pessima gestione delle infrastrutture e arterie stradali siciliane il fatto che, tutte le strade alternative individuate alla A19, presentano di fatto qualche tipo di inagibilità, interruzione o impercorribilità (non stiamo né esagerando e neppure scherzando!).

Nelle ore immediatamente successive ai fatti della A19 non è mancato il consueto rimpallo di responsabilità tra Anas, Governo regionale e provinciale, che ha toccato vette di comicità surreale quando l’assessore alle infrastrutture del governo Crocetta, Giovanni Pirro, ha dichiarato che “non sono le nostre strade a crollare, ma le montagne a cadere per gli effetti del cambiamento climatico”. Come se non fosse eventualmente compito delle amministrazioni monitorare e intervenire in situazioni potenzialmente disastrose, soprattutto in un territorio (siciliano e italiano tutto) che si sa, ha il più elevato dissesto idrogeologico e il più alto numero di frane d’Europa (delle circa 500.000 frane avvenute in Europa quest’anno, 480.000 hanno interessato solo il territorio italiano!).

Basti pensare alla tragedia del paese di Giampilieri, devastato nel 2009 da un alluvione a causa della quale persero la vita 37 persone. Emblema, quest’ultimo, di un modello di sviluppo incentrato su disinvestimento strutturale, appalti facili e cementificazine diffusa, e che non si ferma neanche davanti alla messa in pericolo della vita di migliaia di persone, ampiamente salvaguardabile con previa preservazione dei territori.

Sull’economia siciliana si abbatte così un’ulteriore batosta: l’impossibilità di comunicazione tra i due poli economici della regione va a colpire settori centrali nell’economia isolana, che vede nell’agricoltura e nel trasporto di merci su gomma i due assi portanti. Non dimentichiamo inoltre i disagi che si troveranno ad affrontare i lavoratori pendolari e gli automobilisti, che al momento si trovano dinanzi alla possibilità di dover affrontare 5 ore di treno per attraversare poco più di 300km.

Ma l’emergenza siciliana sembra anche emblema di un paese, di un sistema e di una classe dirigente. Vediamo come.

Siamo di fronte infatti, a una classe dirigente che ha completamente abbandonato anche qualsiasi velleità di giustificare agli occhi dell’opinione pubblica, il giro d’affari e la devastazione di territori che soggiace a un’accumulazione capitalistica e finanziaria che – nell’immanenza della crisi – si nutre famelicamente di “Grandi opere” e “Grandi eventi”. Miliardi e miliardi di euro per la realizzazione di “Grandi Opere” tipo la Tav in Val Susa, o l’imminente appuntamento di Expo Milano. Opere e appuntamenti la cui utilità e impatto urbanistico e territoriale sono quotidianamente messi in discussione dall’evidenza dei fatti e dalla volontà di migliaia di persone che ne inficiano la legittimità.

Nel caso siciliano, assume notevole rilevanza il ruolo ricoperto dall’Anas, prima società per numero di appalti in Italia. Il che non rappresenterebbe un problema, in quanto azienda pubblica, se solo si potesse viaggiare sulle strade extraurbane in Italia senza il rischio che una montagna forse un giorno possa crollarti addosso! Soprattutto se da anni, nel caso della A19, sono centinaia le segnalazioni all’Anas da parte di chi percorre quotidianamente l’autostrada. Ma quello che accade in Sicilia non è che il diretto riflesso ed esasperazione di ciò che diventa sempre più palese anche a livello nazionale. In Val di Susa, come a Messina per il ponte (miliardarie consulenze a possibili ditte appaltatrici si sono susseguite per vent’anni), senza dimenticare i miliardi messi in campo per l’organizzazione del già citato Expo milanese, in cui i rapporti tra l’ex ministro Lupi e Ercole Incalza, dirigente dei Lavori pubblici per 7 governi (adesso in carcere), hanno portato in evidenza, per l’ennesima volta, la corruzione sistemica alla base della realizzazione di tali appuntamenti. Ma potremmo parlare anche degli sporchi affari del Mose o delle discariche e inceneritori campani. Insomma, viene puntualmente avanzato e imposto un modello di sviluppo funzionale solo all’arricchimento di cricche di potere strettamente connesse quando non immediatamente interne al sistema di governo. Un modello di sviluppo che ha visto la Sicilia come territorio privilegiato di saccheggio di risorse economiche e umane, in nome del superamento di un’“arretratezza” su cui le politiche degli ultimi 30 anni hanno creato i presupposti ideologici dello stato d’emergenza su cui lucrare.

Una delle regioni con il più alto costo tributario sostenuto dai cittadini sta cadendo materialmente a pezzi; e malgrado ciò i governi susseguitisi nel corso del tempo non hanno mai posto realmente rimedio a uno solo dei problemi che affliggono questo pezzo di meridione.

Perché destinare miliardi di euro per la costruzione di un treno ad Alta velocità in Val Susa, quando in Sicilia le linee ferroviarie hanno tempi di percorrenza che risalgono ai treni a vapore? Perché investire miliardi sull’Expo dovrebbe essere una priorità rispetto alla messa in sicurezza infrastrutturale di strade e territori che allo stato attuale mettono a repentaglio vite umane ed economie di intere regioni?

La risposta appare nella sua crudezza ogni giorno dinanzi ai nostri occhi: il modello di sviluppo portato avanti nei nostri territori è un modello che trova nel sistema capitalistico la sua ragion d’essere e che ruota intorno a due cardini: da una parte una gestione delle risorse che si basa esclusivamente sull’accumulazione di ricchezze e grossi capitali; dall’altra la distruzione di territori e la completa indifferenza nei confronti degli uomini e delle donne che questi territori li abitano e che diventano solo corpi e menti da soggiogare e sfruttare. Un menefreghismo criminale che, per il guadagno di pochi, mette a repentaglio non solo condizioni di esistenza dignitose ma addirittura la vita stessa degli abitanti (cosa sarebbe successo se non si fosse tempestivamente chiuso il tratto della A19? Quanti i morti!?).

Si palesa così come il principale motore del tanto acclamato “sviluppo” non sia altro che il tentacolo di un sistema, in cui politica, affaristi e appaltatori costituiscono un unico intreccio e concorrono per gli stessi interessi e profitto indiscriminato sulle spalle dei cittadini.

In Sicilia e più in generale nel meridione, ci troviamo di fronte a una condizione di sottosviluppo, di arretratezza e di precarietà delle strutture e infrastrutture che va pensata come una condizione imposta, derivante direttamente da una metodologia in stile coloniale portata avanti dal sistema capitalistico. Un sistema che fonda la propria esistenza sulle disuguaglianze, sullo sviluppo di alcuni territori a danno di altri che devono sistematicamente rimanere sottosviluppati e che vanno utilizzati alla stregua di colonie appunto, come bacini da cui trarre risorse umane e materiali da sfruttare. Questo sembra essere il passo successivo e conseguente nel capitalismo della crisi permanente, per una terra, come la Sicilia e il meridione tutto, che da territori di brutale sperimentazione di accumulazione e sfruttamento, si trasformano in vere e proprie discariche, effettive e di immaginario collettivo, delle insanabili contraddizioni e degli ormai incolmabili costi di un sistema Italia in profonda crisi. Costi e contraddizioni da scaricare, manco a dirlo, su popoli e territori.

Se infatti la creazione di veri e propri serbatoi di ammortizzazione sociale in settori nevralgici (come la pubblica amministrazione e il settore dell’edilizia) hanno segnato per quasi mezzo secolo la capacità delle governance di contenere gli effetti della devastazione sociale dell’isola, lo sgretolarsi di un meccanismo così rodato ha reso la Sicilia luogo di saccheggio privilegiato, priva delle forme di bilanciamento e contenimento sociale già menzionate. In poche parole, si prende tutto ciò che si può da queste terre senza preoccupazioni; né di consenso né di ridistribuzione sociale delle briciole tanto meno di messa in sicurezza delle infrastrutture più essenziali.

In questo quadro è necessario ribadire la centralità politica del tema della gestione delle risorse e delle priorità di investimento della spesa pubblica. Perché in una fase in cui il capitalismo fatica a riprodursi nelle sue forme tradizionali, trova invece sempre più, nella gestione indiscriminata e predatoria di territori e flussi di denaro liberi di muoversi, il nuovo modello di riproduzione e accumulazione nell’era della crisi.

A questo punto non sarà sicuramente la sostituzione per via giudiziaria di singoli personaggi all’interno di apparati consolidati di potere a determinare una differente gestione delle risorse e dei luoghi. Da qui la necessità di costruire e avanzare ipotesi di nuovi e altri modelli di gestione del territorio che vedano al centro, non più il profitto per amici dei vari governi, ma bisogni e possibilità reali di gestione dei territori da parte di coloro che li vivono.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

autostradacrollosiciliasviluppo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Misure cautelari per tre militanti di Antudo per un sanzionamento alla Leonardo SPA. Repressione su chi fa luce sulle fabbriche di morte e le guerre in atto

Ieri mattina la Questura di Palermo ha eseguito tre misure cautelari, due obblighi di firma e una custodia cautelare in carcere per tre militanti di Antudo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

2.8 Radura || Rivoltare la terra. Le mobilitazioni degli agricoltori

In tutta Europa stiamo assistendo alla crescita delle mobilitazioni di agricoltori ed allevatori. L’elemento scatenante è quasi ovunque l’aumento dei prezzi del gasolio agricolo e la nuova PAC, politica della comunità europea sull’agricoltura.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Agricoltori siciliani in protesta: primo corteo sulla Palermo-Sciacca

La protesta degli agricoltori e allevatori sbarca in Sicilia. Questa mattina (20 gennaio) si è svolto il primo corteo con i mezzi agricoli: partendo dall’area artigianale di Poggioreale, i trattori hanno sfilato lungo la Palermo-Sciacca per 3 km. Code infinite e traffico in tilt per diverse ore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nel Tarn: contro la A69 e il cemento

Nell’ambito delle “Giornate contro il cemento”, il dipartimento del Tarn, nel sud-ovest, si è distinto per la sua audacia. C’è da dire che le reti che attualmente lottano contro il delirante e distruttivo progetto dell’autostrada A69 sono numerose e determinate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La base siciliana di Sigonella spicca il volo.

La base siciliana di Sigonella spicca il volo verso le guerre stellari. L’ufficio stampa di U.S. Space Force, la divisione delle forze armate degli Stati Uniti d’America responsabile di tutte le operazioni spaziali, ha reso nota l’attivazione nella stazione aeronavale siciliana del 5th Space Warning Squadron Detachment 1 (5SWS/Det-1), distaccamento del 5° Squadrone di “pronto allarme” delle unità preposte alle Star Wars. La cerimonia di inaugurazione del centro di comando si è tenuta a Sigonella il 30 ottobre 2023.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Tra premierato e autonomia differenziata: la Sicilia stretta nella morsa delle politiche di Roma

Il 3 novembre il Consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge costituzionale per l’elezione diretta del Presidente del Consiglio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Terna, il Mase autorizza il secondo tratto del Tyrrhenian Link

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica ha autorizzato con il decreto del 5 settembre 2023 il progetto definitivo per la realizzazione della seconda tratta del Tyrrhenian Link

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verso il 21 ottobre in Sicilia: “costruiamo insieme l’opposizione alla guerra”

Domenica 10 settembre si terrà a Catania, presso la Palestra L.u.p.o. , l’assemblea generale verso il 21 ottobre in Sicilia, data di mobilitazione contro la militarizzazione dei territori.