InfoAut
Immagine di copertina per il post

Dire fascismo confonde e depoliticizza

||||

Proponiamo questa traduzione di un articolo di Raul Zibechi apparso sul sito de “la Jornada” il 9 novembre 2018. Si propone un interessante lettura sulle ultra-destre contemporanee a partire dal concetto di “Società estrattiva” proposto nei suoi lavori cercando di rintracciarne le matrici sistemiche e proponendo al “pensiero critico”di smarcarsi da facili quanto inefficaci parallelismi con il passato.

Dire “fascismo” confonde e depoliticizza – Raul Zibechi

L’estrema destra contemporanea è figlia dell’estrattivismo/quarta guerra mondiale [come dicono gli Zapatisti], mentre il fascismo era stato partorito dal capitalismo monopolista in disputa per i mercati mondiali, dal colonialismo e dall’imperialismo nella sua deriva razzista, come segnalava Hannah Arendt ne “Le origini del Totalitarismo”.

Posso comprendere che nei dibattiti appassionati, contro questa destra maschilista e razzista che cresce esponenzialmente, parliamo di “fascisti” o “fasci” o utilizziamo aggettivi simili. Molti lo fanno con l’obiettivo di colpirli. Senza dubbio l’analisi serena che richiederebbe il pensiero critico dovrebbe andare più a fondo nella questione.

Una porzione importante di questi analisti distacca la crescita di questa ultradestra dalla realtà economica, sociale e culturale che viviamo, e attribuisce questo processo all’influenza dei media, alla carta dell’imperialismo e ad altre questioni generali che non riescono a spiegare il fenomeno e lo attribuiscono a cause esogene o a fenomeni come i social network, che però non spiegano nulla. La Rivoluzione Francese non fu la conseguenza della diffusione della stampa, né quella russa fu figlia dell’elettricità o del cinema, nonostante questi sviluppi tecnologici ebbero la loro influenza.

D’altro canto, il capitalismo non è sempre stato uguale. Non ha sempre preteso di eliminare strati interi della società, come sta aspirando a fare di questi tempi. Ci furono dei periodi nei quali le classi dominanti cercarono di integrare le “classi pericolose”, con quella che chiamano politica del welfare. Oggi si tratta di spiegare perché si è passati dall’integrazione alla segregazione, per fantasticare poi sullo sterminio.

Per comprendere il nazismo ed il fascismo, Karl Polanyi si rifece all’Inghilterra dei secoli XVIII e XIX, analizzando nel dettaglio la divisione dei terreni comunali (enclosures) a favore dei terratenenti. Questo processo fu la chiave per promuovere la modernizzazione, “liberando” i contadini dalla terra dalla quale furono espulsi, senza altre opzioni se non offrire le proprie braccia alla nascente industria.

Però la proletarizzazione del contado fu un processo traumatico, che disarticolò la società inglese, come sottolinea Polanyi ne “La Grande Trasformazione”, pubblicato nel 1944. Con dati economici, sociologici e antropologici, l’autore conclude che il liberismo economico e il suo “mercato autoregolato”, distruggono le fondamenta materiali e spirituali della società precedente.

Nelle sue stesse parole, l’economia di mercato procedette alla “demolizione delle strutture sociali per ottenere mano d’opera”, e dalle rovine della vita comunitaria sorse la tentazione fascista.

Le ultradestre contemporanee hanno un’altra genealogia, nonostante sia evidente esistano dei punti in comune. Voglio sottolineare alcuni aspetti che mostrano la differenza con il fascismo degli anni ‘30 del secolo passato e che segnalano anche la necessità di rovistare tra le nostre società contemporanee per capire la deriva in corso.

Primo, l’estrattivismo allontana metà della popolazione mondiale (in alcune regioni più, altre meno) da una vita degna, escludendola dalla salute, educazione, casa, acqua e necessità minime. Questa popolazione lasciata all’addiaccio, deve poi essere controllata in nuovi modi: massificazione delle camere di sicurezza, militarizzazione, femminicidi, bande di narcotrafficanti, milizie paramilitari, tra le forme legali e illegali più conosciute.

Secondo, il tipo di stato che corrisponde a questo sistema di accumulazione per saccheggio/quarta guerra mondiale, è lo Stato di Polizia, con i suoi corrispondenti, campi di concentramento per “los de abajo”. Chi crede che stia esagerando, guardi con attenzione i dintorni delle grandi miniere, dei mega-progetti di infrastrutture e della monocultura, dove questo già succede. Cosa sono le baraccopoli della periferia urbana, senza acqua ma con un’abbondanza di uomini armati, se non campi di concentramento?

Terzo, questo sistema trasuda da tutti i suoi pori una violenza strutturale, maschilista e razzista. Suggerisco due letture. Il reportage di Katrin Beenhold del New York Times sugli uomini d’estrema destra nella Germania dell’est, qui la violenza maschilista ha una chiara origine sistemica; e “Il Laboratorio sociale della Cina a Xinjiang”, su Il Manifesto, dove il potere esercita un “controllo capillare” e diabolico sulla popolazione. Gli uomini, dalla Germania fino al Brasile, non diventano attori di femminicidi per genetica, ma perché hanno perso molte cose, come conseguenza di un modo di accumulazione che non riconosce frontiere. Tra quello che hanno perso, c’è il “mandato di masculinità”, come analizza Rita Segato.

Quarto, questo sistema estrattivo basato sulla guerra non può essere smontato pezzo per pezzo, dall’interno, perché le sue istituzioni non funzionano a favore della società, ma contro di questa. Non sono le istituzioni che abbiamo conosciuto durante il periodo della fede nello sviluppo e dello stato del benessere che proteggevano i cittadini. Quelle di ora sono parassitiche, soprattutto nei confronti di chi vive nella zona del non-essere: poveri, indesiderabili, donne e giovani.

Traduzione a cura di BC

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

zibechi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifa Budapest: Corteo a Roma né prigione né estradizione

Sabato 23 marzo a Roma c’è stato un corteo in solidarietà con Ilaria Salis, Gabriele e tutte le persone imputate per i fatti di Budapest. Il corteo è partito da metro Policlico, è passato nei pressi dell’ambasciata e poi è entrato nel quartiere di San Lorenzo dove si è concluso. Abbiamo raccolto diverse voci dal […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: sabato 13 gennaio corteo nazionale antifascista. Concentramento alle 15.00 in Piazza Durante

Oltre al sempre più evidente inasprimento di politiche securitarie, misure di segregazione ed esclusione, meccanismi di controllo della popolazione, che negli ultimi decenni stanno caratterizzando la gestione del territorio definito Europa, assistiamo contestualmente al rafforzamento di posizioni di estrema destra.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Addio Lucio, se ne è andato il partigiano Gastone Cottino

E’ morto ieri mattina a novantotto anni Gastone Cottino: partigiano, comunista sempre al fianco delle lotte sociali.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per capire l’ascesa dell’estrema destra bisogna partire dai media

Processi di normalizzazione e sdoganamento nei media della politica di estrema destra dipendono dai media mainstream, più che dall’estrema destra stessa

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Torino: assemblea antifascista in università.

Oggi pomeriggio alle 18.30 si terrà un’assemblea antifascista nella main hall del campus universitario Luigi Einaudi a seguito degli avvenimenti di ieri. Di seguito il comunicato del Collettivo Universitario Autonomo

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifascismo: domiciliari per Gabriele, compagno milanese che rischia l’estradizione in Ungheria

Su Gabriele pende un MAE (mandato d’arresto europeo) da parte dell’Ungheria nell’ambito dell’inchiesta magiara riguardante le azioni di antifascismo militante di febbraio 2023 a Budapest contro la cosiddetta “Giornata dell’onore”, il raduno dei neonazisti di mezza Europa, soprattutto orientale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Ribellione nel nord argentino, l’eterna conquista

La rivolta popolare che in queste settimane scuote la provincia di Jujuy, nel nord argentino, si aggiunge a quelle di cui sono stati protagonisti dal 2019 i popoli di mezza Sudamerica: ribellioni in Cile e Colombia, due sollevazioni indigene in Ecuador, un’ampia mobilitazione contadina e indigena in Perù, massicci blocchi in Bolivia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raúl Zibechi: “Il progressismo si adatta al sistema invece di affrontarlo”

“Lo Stato oggi non è la via per elaborare il cambiamento”, afferma il giornalista Raúl Zibechi; il ricercatore uruguaiano è autore, insieme al sociologo e analista politico Decio Machado, del libro “El Estado realmente existente. Del Estado de bienestar al Estado para el despojo”, pubblicato da La Vorágine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’illusione di cambiare dall’alto

Colombia, Ecuador e Cile ci mostrano processi recenti relativamente simili. I governi della destra neoliberista sono stati affrontati da grandi rivolte popolari di lunga durata, che hanno aperto crepe nella dominazione e messo sotto scacco la governabilità. Il sistema politico ha risposto incanalando la disputa nel terreno istituzionale, con l’approvazione e l’entusiasmo delle sinistre. Di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popoli originari e guerre imperiali

Da cinque secoli, i popoli originari delle Americhe stanno subendo una guerra di saccheggio, un lunghissimo etnocidio che cominciò con la dominazione coloniale, proseguì durante le repubbliche e si approfondisce (sì, ogni volta è peggio) durante il periodo neoliberale attraverso l’accumulazione per saccheggio o quarta guerra mondiale. di Raúl Zibechi La matrice di questo modello […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Un incontro di ribellioni

Il passaggio dal ripiegamento alla rottura dell’assedio mediatico e militare-poliziesco che subiscono tutti i movimenti nel mondo è un momento decisivo per l’immediato futuro. Raúl Zibechi lo sottolinea, a proposito del viaggio che porterà in Europa in estate un notevole numero di persone dal Messico: le zapatiste e gli zapatisti, rappresentati del Consiglio indigeno di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il nuovo sorvegliante

Chi occupava la Casa Bianca il 15 aprile 1961, quando gli Stati Uniti tentarono di invadere Cuba? Chi comandò “la più importante delle operazioni segrete di tutta la storia degli Stati Uniti”, come la definiva Cuba Debate? Chi incoraggiò la CIA a mettere in moto “una forza mercenaria organizzata, finanziata e armata dal governo degli […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colonialismo si scontra con le donne mapuche

Raúl Zibechi Due decenni fa Silvia Rivera Cusicanqui prospettava che il patriarcato è una parte sostanziale del colonialismo interno e che esiste un parallelismo tra la dominazione etnica e quella di genere. Visse sempre la propria identità femminile “a partire dall’interno storico e politico del colonialismo interno”, e da questo luogo poté comprendere, molto presto, […]