Radio Onda D'urto: Primo Moroni una trasmissione a vent'anni dalla sua morte

Stampa

Nato nel 1936, figlio di emigranti toscani, aprirà la libreria Calusca, nel quartiere Ticinese di Milano, nell’inverno 1971/1972. Libreria che dal 1992 sarà stanziale dentro al Centro Sociale Conchetta.

||||
|||| ||||
Il 30 marzo del 1998 moriva Primo Moroni. Cameriere dopo aver lasciato anzitempo la scuola, ballerino notturno ed esperto di danza classica. Sempre allegro intellettuale eretico, innovatore culturale e punto di riferimento nazionale, con la sua libreria Calusca, per un largo spettro di militanti delle varie sinistre, punk, e ribelli metropolitani.

Imprigionare Primo Moroni in una categoria non è facile, e nemmeno corretto: Sergio Bologna, in un ricordo pubblico un paio di anni fa disse che ancora si chiedeva perchè Primo avesse aperto una libreria e non un’osteria. Qualcuno l’ha visto reagire alla notizia degli arresti di massa del 7 aprile 1979 con una risata, amara, e subito dopo interrogarsi su come star al fianco degli e delle arrestate/i. Alcuni lo ricordano per i libri regalati, per le cene offerte, per le grasse risate o per le prese di posizioni sui grandi temi.

Nella sua Calusca sono nati comitati internazionalisti, e non, sono nate le riviste Primo Maggio, Decoder e Mille Piano. Dalla Calusca uscivano libri che andavano nelle mani dei detenuti che chiedevano di rompere la norma del carcere con una lettura.

Primo Moroni, è stato quindi tante cose, e tra le tante è stato autore di libri, oltre che libraio. Uno su tutti è quello scritto a quattro mani con Nanni Balestrini, l’Orda D’oro testo fondamentale nel racconto dei movimenti sociali, operai e studenteschi d’Italia (1988).

Ma non solo, a lui si devono anche altri interessanti testi, tra questi: Centri sociali: che impresa! Oltre il ghetto: un dibattito cruciale, con D. Farina e P. Tripodi, Roma 1995; Le parole e la lotta armata. Storia vissuta e sinistra militante in Italia, Germania e Svizzera: materiali tratti dal Convegno di Zurigo Zwischenberichte, con IG Rote Fabrik e Konzeptbüro, Milano 1999; Ca’ lusca. Scritti e interventi di Primo Moroni, Milano 2001; La luna sotto casa. Milano tra rivolta esistenziale e movimenti politici, con J.N. Martin, Milano 2007; Sulla ruota di Milano, in Storia di un’autogestione, a cura di Cox 18, Milano 2010.

Le sue ricerche, i suoi studi e la sua volontà di creare un centro studi hanno permesso, nel 2002, di aprire l’Archivio Primo Moroni: una delle più importanti fonti storiche sui movimenti italiani dagli anni ’60 in poi.

A 20 anni dal 30 marzo 1998, Radio Onda d’Urto si ferma a ricordare Primo Moroni e lo fa con una trasmissione speciale che tiene assieme estratti audio dai nostri archivi (e non solo) e le voci di Tiziana Villani, Sergio Bologna, Sandrone Dazieri, Frank Cimini, Marco Philopat, Tommaso Spazzali e Paolo del Centro Sociale Conchetta Ascolta o scaricaAscolta o scarica

 

da radioondadurtoradioondadurto