InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’eccidio di Sant’Anna di Stazzema

||||

Estate 1944, l’ultima estate di guerra. La zona della Versilia in questo momento costituisce il fronte occidentale dell Linea Gotica e le disposizioni tedesche costringono la popolazione di evacuare l’area , per spostarsi al di là dell’Appennino, in provincia di Parma. L’ordine è impraticabile, vista la scarsità dei mezzi a disposizione, ma la popolazione della piana si vede comunque costretta a sfollare, per sottrarsi ai rischi della zona di guerra.

È così che un piccolo paesino di mezza montagna,raggiungibile solo attraverso le mulattiere, Sant’Anna di Stazzema, comincia ad accogliere molti rifugiati e vede di fatto quadruplicare la propria popolazione, che raggiunge i 1500 abitanti.

All’alba del 30 luglio i partigiani dellaa X Brigata Garibaldi danno battaglia alle truppe tedesche sul monte Ornato, non distante da Sant’Anna di Stazzema, che il 5 agosto viene investita dal terribile ordine di sfollamento, che fortunatamente viene però ritirato alcuni giorni dopo, in quanto la zona viene qualificata come “zona bianca” cioè adatta ad accogliere sfollati, in quanti i partigiani hanno abbandonato la zona, attestatisi in una zona più interna, in direzione di Lucca. L’operazione tedesca arriva perciò, improvvisa e del tutto inaspettata.

All’alba del 12 agosto tre reparti di SS (in tutto alcune centinaia di unità), accompagnati da fascisti collaborazionisti in funzione di guide della zona, salgono a Sant’Anna, mentre un quarto reparto si attesta più in basso, nel paese di Valdicastello, per chiudere qualsiasi via di fuga.

Alle sette il paese è completamente circondato: la popolazione, pensando ad un’operazione di rastrellamento, si divide; gli uomini scappano nei boschi, per evitare la deportazione in Germania, mentre donne e bambini restano rintanati nelle proprie case.

 

I nazisti inizialmente rastrellano circa centocinquanta persone, le conducono nel piazzale antistante la chiesa e aprono il fuoco. Terminate le raffiche dei mitragliatori, ammassano sul cumulo di corpi, tra cui vi erano ancora dei vivi, le panche e le suppellettili della chiesa, dandovi fuoco. Altre decine di persone, atterrite e sconvolte, quindi incapaci di opporre resistenza, vengono spinte vive nel rogo.

Nel frattempo altre SS entrano in ogni casa, rastrellano tutti i presenti e li rinchiudono nelle stalle e nelle cucine delle case, e poi provvedono, con feroce meticolosità, all’eccidio, con colpi di mitra, fuoco e bombe a mano.

Chiunque cerchi di fuggire verso il bosco viene raggiunto da raffiche di mitra, alcuni bambini vengono colpiti alla testa con calci di fucile e lanciati nel forno del pane.

A mezzogiorno tutte le piccole case di Sant’Anna bruciano.

I tedeschi, esaltati e brutali, scendono a valle per il sentiero, continuando ad ammazzare e bruciare qualsiasi cosa incontrino sulla propria strada: solo il calar delle tenebre pone finalmente fine all’eccidio. In tutto le vittime saranno un numero imprecisato, sicuramente superiore alle 560 persone, per la maggior parte bambini, donne e anziani. Le indagini sul massacro di Sant’Anna di Stazzema inizieranno immediatamente, inizialmente condotte da inglesi e americani, con lo scopo di identificare i responsabili: una verità giudiziaria definitiva non arriverà però per più di cinquant’anni. Si tratterà di una delle tante vergogne di cui si coprirà il sistema giudiziario italiano: nel 1960, infatti, verrà disposta l’archiviazione di circa 695 fascicoli riguardanti gli eccidi nazisti che in Italia hanno provocato più di quindicimila vittime.

I fascicoli verranno ritrovati nel 1994, durante il processo a Eric Priebke, in quello che verrà chiamato “l’armadio della vergogna”. Infine, il 22 giugno 2005 il Tribunale Militare di La Spezia condannerà all’ergastolo tutte e dieci le SS imputate per il massacro di Sant’Anna: Sonner, Sontag, Schonemberg, Bruss, Rauch, Schendel, Concina, Gopler, Richter e Goring.

 

pubblicato il in Storia di Classedi redazioneTag correlati:

1944eccidionazistisant'annasant'anna di stazzemass

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Uno per uno, i nazisti nel nuovo governo ucraino

E non è tutto. Due di queste persone sono legate a Doku Khamatovich Umarov (conosciuto col nome islamico di Dokka Abu Usman), uno dei più feroci comandanti dei ribelli ceceni, nonché autoproclamatosi ex Emiro dell’Emirato del Caucaso. Abu Usman ha rivendicato sia l’attentato del 29 marzo 2010 alla metropolitana di Mosca (quarantuno morti), sia quelo […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Vienna: ultimo valzer per nazi e polizia!

L’annuale cerimonia, indetta dal partito xenofobo FPOE nel fastoso palazzo imperiale di Hofburg, godeva del beneplacito delle autorità e della protezione di una zona rossa che si estendeva per mezza città; a cui solo un numero limitato di giornalisti sotto scorta poteva avere accesso (provocando la dura reazione di numerose associazioni per la libertà di […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Un “tranquillo ed allegro” festival nazista a Milano

Ora è la volta dell’Italia, dove, tra concerti nazi-rock e dibattiti vari, sono attesi, oltre agli esponenti dell’Hivm ungherese, i croati dell’Hcsp (già accusati di antisemitismo nel proprio paese), gli spagnoli di Democracia nacional, gli svedesi del Nordisk ungdom (un gruppo in rapporti da tempo con Forza nuova), i norvegesi di Malmannen, i francesi di […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Brighton si scontra con i nazisti

Apparentemente, la Marcia per l’Inghilterra è una divertente celebrazione dell’orgoglio inglese che si tiene il giorno di San Giorgio. E mentre alcuni vorrebbero soltanto dipingersi la bandiera inglese sulla faccia, cantare “Jerusalem” e parlare di quanto fosse bravo Churchill, l’evento finisce sempre con l’essere dominato dai membri della English Defence League e da un minestrone […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sui nazisti che strumentalizzano la lotta palestinese

Il sottotitolo di queste osservazioni potrebbe essere: CHI PROMUOVE ANTISEMITISMO IN EUROPA E’ IL MIGLIOR ALLEATO DEL SIONISMO! Vediamo se riusciamo a capirci sui termini e vedremo come le conseguenze siano inevitabili. Noi diciamo che ebraismo e sionismo sono due questioni differenti e separate: il governo israeliano cerca da sempre di mettere insieme le due […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

La Germania archivia il massacro di Sant’Anna di Stazzema

  Niente processo in Germania per 8 ex militari delle SS accusati di aver preso parte al massacro di S. Anna di Stazzema, dove vennero uccise durante la seconda guerra mondiale 560 persone fra antifascisti e civili inermi. Lo ha deciso la procura di Stoccarda per insufficienza di prove, al termine di un’inchiesta durata 10 […]

Immagine di copertina per il post
Storia di Classe

Il rapimento Schleyer

Il 5 settembre 1977 viene rapito a Colonia il presidente della Confindustria tedesca Hanns Martin Schleyer ad opera della Rote Armee Fraktion (RAF), tra i gruppi combattenti di estrema sinistra più influenti e attivi nel mondo occidentale. Durante l’attentato rimangono uccisi anche i tre agenti di polizia di scorta e l’autista della macchina sulla quale […]

Immagine di copertina per il post
Storia di Classe

La strage di Marzabotto

Dopo il massacro di civili compiuto a Sant’Anna di Stazzema compiuto dalle SS il 12 agosto 1944, gli eccidi nazifascisti ai danni delle popolazioni lungo la linea gotica hanno un momentaneo arresto. Il maresciallo Albert Kesserling, comandante della cosiddetta “campagna d’Italia” contro gli alleati, continua però, anche nei mesi successivi, ad avere l’incubo di quei […]

Immagine di copertina per il post
Storia di Classe

L’assalto al treno e la Resistenza novarese

L’estate 1944 è nel Nord Italia una stagione di grandi offensive partigiane, è la stagione delle zone libere, della controffensiva e dell’intensificarsi dell’operazione di guerriglia. Nella città di Novara numerosissime sono le azioni di sabotaggio che si susseguono, notte dopo notte, e che esasperano sempre più gli occupanti tedeschi ed i loro scagnozzi repubblichini. La […]

Immagine di copertina per il post
Storia di Classe

L’eccidio di Sant’Anna di Stazzema

Estate 1944, l’ultima estate di guerra. La zona della Versilia in questo momento costituisce il fronte occidentale dell Linea Gotica e le disposizioni tedesche costringono la popolazione di evacuare l’area , per spostarsi al di là dell’Appennino, in provincia di Parma. L’ordine è impraticabile, vista la scarsità dei mezzi a disposizione, ma la popolazione della […]