“Le carceri sono sempre state la seconda residenza dei rivoluzionari”.

Stampa

Il 31 marzo 2019 il dottor Adnan Selçuk Mızraklı è stato eletto sindaco dell'area metropolitana di Diyarbakir, (Amed per i curdi), una città di poco più di 1.700.000 abitanti. La maggioranza assoluta da lui ottenuta, il 62% dei voti, non gli impedito la destituzione dal suo incarico ad opera del governo turco nell'agosto dello stesso anno e di controllare il comune. Anche Mizrakli è stato arrestato a ottobre, accusato di appartenere a una "organizzazione terroristica" e infine condannato il 9 marzo a 9 anni e quattro mesi di prigione. Mizrakli fa parte di un gruppo di 23 sindaci HDP attualmente in carcere. Human Rights Watch ha affermato, nel suo caso, che: "le prove contro di lui non supportano l'accusa". A seguito della visita dei suoi parenti, Berria ha potuto comunicare alcune riflessioni sulla sua situazione, a proposito dell’attitudine repressiva del regime di Erdogan e sulla lotta del movimento curdo.

||||
|||| ||||
Intervista ad Adnan Selçuk Mızraklı, sindaco dell'area metropolitana di Diyarbakir, attualmente detenuto. 

Hai lasciato il posto di vice per candidarti a sindaco di Amed. Cosa ti ha spinto a prendere questo impegno?

Mi sono dimesso dalla carica di parlamentare, parzialmente tutelato, per svolgere l'incarico di sindaco, che infine mi ha portato ad essere qui oggi. La mia scelta è stata quella di essere più vicino alle persone, che ho servito in modo diverso negli anni, per sperimentare in prima persona quello che è la pietra miliare della democrazia locale. D'altra parte, ha considerato la possibilità di contribuire al futuro comune di un popolo che con il suo lavoro, i suoi valori e le sue risorse è riuscito a creare la più ampia partecipazione ai meccanismi democratici per il proprio futuro di comunità locale. Ho servito come vice e sindaco il Comune metropolitano di Amed, perché quella era la volontà e parte della resistenza del mio popolo, che mi ha dato l'onore di eleggermi.

La città sembra avere un significato speciale per te..

Ho sempre sognato che Amed fosse la pietra miliare di quelli che sono stati i miei valori per anni: democrazia, uso dei diritti e delle libertà, giustizia, fine delle disuguaglianze, benessere di una società, rafforzamento della speranza e della fiducia; in altre parole, un clima dominato dalla pace. Questo sogno, come molte volte prima, è il compagno più vicino alla verità e alla realtà quando si arricchisce della pratica popolare. Diyarbakır è una città con una lunga memoria di dignità e lotta. La storia prende inizio in questa città e la lotta e la resistenza continuano la storia. È una città fatta di persone che hanno coltivato la pazienza, io sono uno studente di quella città, ho vissuto qui e ci vivrò, sapendo che sono sempre in debito con queste persone e ho una responsabilità nei loro confronti.

Il tuo impegno e il tuo ampio trionfo elettorale ti hanno portato in prigione. Come valuta questa situazione?

Le carceri sono sempre state la seconda casa dei rivoluzionari democratici in tempi di vessazioni. Quando si tratta di curdi che lottano per la loro rappresentanza democratica e la loro vita dal punto di vista della legge, le carceri sono uno strumento di minaccia, intimidazione e ricatto, ma anche una seconda possibilità. Le condizioni carcerarie in Turchia, come in tutti i paesi del mondo, sono luoghi in cui si sperimentano direttamente sia i punti di forza che i punti deboli.

Come affronti la tua incarcerazione?

Nel mio caso particolare sto cercando di ignorare la prigione, che sta cercando di diventare luogo di punizione e isolamento a 700 km dal mio spazio vitale. L'amore per la libertà della mia mente, la mia coscienza e la consapevolezza di questa situazione sono la mia forza. Ci sono molti insorti nella storia politica dei socialisti che hanno trasformato la prigione in luoghi di creazione che abbattono i muri che fisicamente ci racchiudono, penso a Mandela o Gramsci.

La sua permanenza in carcere è coincisa in parte con la pandemia e con le proteste dei detenuti durante lo sciopero della fame .

Durante il fenomeno del coronavirus, stiamo assistendo a un atteggiamento del potere politico, come in molte altre occasioni, dominato dalla vendetta a scapito della protezione della vita e della salute umana. In questo periodo sono state molto presenti anche le richieste di coloro che, attraverso lo sciopero della fame, chiedevano un processo equo, nonché il persistere di rapporti che indicavano che le condizioni di detenzione erano inadeguate a preservare la vita. Abbiamo subito morti, come quella dell'avvocato Ebru Timtik, dopo 238 giorni di sciopero della fame, che chiedeva qualcosa di fondamentale, ossia un giusto processo. Ebru è immortalata nella sua richiesta di giustizia, e l'atteggiamento della magistratura e dell'amministrazione turche ha dimostrato ancora una volta che considerano la vita umana come insignificante.

Come valuta l'atteggiamento dell'UE di fronte alla grave situazione delle violazioni dei diritti umani in Turchia e il suo ruolo ambiguo nel conflitto in Medio Oriente?

I responsabili delle decisioni dell'UE hanno sempre dato la priorità ai propri interessi e alle loro strategie. La differenza tra le decisioni prese dal Parlamento e dalle commissioni dell'UE e la loro attuazione va in questa direzione. Stiamo assistendo al fatto che Erdogan non segue una politica che tienga conto degli equilibri e delle sensibilità, e se necessario ricorre persino a tenere in ostaggio l'opposizione democratica interna nel suo tentativo di sfidare costantemente l'Ue. In questo gioco, la geopolitica e la geostrategia della Turchia sono fatte di materiale altamente infiammabile, dall'essere un asse di pace a diventare un asse di guerra e alimentando la capacità di far esplodere conflitti. L'UE non è stata in grado di adottare atteggiamenti efficaci nei confronti di minacce diverse come l'emigrazione o i jihadisti radicali e, nonostante si sia dichiarata difensore dei valori universali, agisce sulla base dei suoi interessi e delle sue ansie. Come sempre i popoli oppressi sono quelli che pagano un prezzo nelle lotte e nei conflitti.

La lotta del popolo curdo, oltre a rivendicazioni politiche concrete, adattate alle differenze regionali, è attraversata da un approccio globale e alternativo che ispira la sua resistenza. Potresti riassumere queste aspirazioni per noi? 

Nella nostra lingua c'è un detto che dice che una disgrazia vale più di mille mance. Siamo di fronte al fatto che la pandemia non riconosce nazioni, confini o ricchezze e può essere il disastro comune di tutta l'umanità. Come tutti i fratelli e le sorelle che vivono in questo mondo, il nostro futuro è comune. Il mondo in cui viviamo ci appartiene, ma abbiamo anche la responsabilità nei confronti delle prossime generazioni di stabilire un futuro comune per l'umanità, basato sullo stabilire un legame organico con la natura invece di cercare di dominarla. Abbiamo bisogno di un mondo che elimini le disuguaglianze, il razzismo, protegga l'ambiente e protegga la pace. Stabilire la pace dell'umanità, eliminare le condizioni di sfruttamento, è nostra responsabilità.

Fonti: Rebellion / Berria

Di : Orsola Casagrande

Articolo originale : https://rebelion.org/las-carceles-siempre-han-sido-la-segunda-residencia-de-los-revolucionarios/

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons