Sanatoria per tutti e tutte, repressione per nessuno: inizia un'estate di lotte!

Stampa

Condividiamo il comunicato del Comitato Lavoratori delle Campagne sulla giornata di lotta di ieri 15 Luglio, dove da Foggia a Reggio Calabria divers* lavorator* sono scesi in strada per chiedere documenti, case e contratti per tutt* e per protestare contro i criteri estramemente restrittivi della sanatoria.

||||
|||| ||||

 

Ieri a Foggia e a Reggio Calabria i lavoratori e le lavoratrici delle campagne sono scesi ancora una volta in strada per fare sentire la loro voce riguardo alle profonde criticità della sanatoria, e per chiedere documenti, case e contratti di lavoro. A un mese e mezzo dall’inizio della sanatoria è chiaro a tutti che questa legge non sta funzionando: da un lato ha criteri di accesso estremamente restrittivi in cui la maggior parte delle persone non rientra; dall’altro moltissimi padroni non sono disposti a pagare per la procedura di emersione né a fare contratti regolari. Nei pochi casi in cui i datori di lavoro accettano di regolarizzare, spesso chiedono ai lavoratori di pagare al posto loro i 500 euro richiesti o anche di più, a dimostrazione del fatto che questi meccanismi di regolarizzazione non fanno altro che alimentare forme di truffa ed estorsione. E’ noto del resto quanto il comparto agroindustriale si regga da anni sull’irregoralità contrattuale diffusa e che I prezzi di frutta e verdura siano totalmente schiacciati a favore della trasformazione e della grande distribuzione: per questi motivi chi fa le leggi non può fare affidamento soltanto sulla volontà dei singoli agricoltori di procedere all’emersione, ma dovrebbe invece intervenire sul ruolo della grandi organizzazioni datoriali affinchè queste si facciano carico dei costi legati alla regolarizzazione.
A Foggia si è tenuto un presidio davanti alla sede di Coldiretti per denunciare un fatto semplice: le associazioni di categoria – Coldiretti e Confagricoltura in primis – non si sono prese alcuna responsabilità e continuano ad essere complici delle condizioni di sfruttamento e precarietà. Contemporaneamente a Reggio, nonostante intimidazioni e minacce, è stato fatto un presidio nei pressi della Prefettura (perché la Questura non ha neanche permesso di manifestare nella piazza di fronte).
Accanto ai lavoratori e lavoratrici delle campagne, ieri in piazza c’erano anche alcuni studenti, precari e disoccupati di Puglia e Calabria, a ribadire ancora una volta come i motivi per cui si lotta siano gli stessi: un contratto, in un paese con un mercato del lavoro tra i più precari d’Europa; case e servizi, spesso assenti in molte zone del paese, specie al sud; istruzione garantita, a fronte di un sistema scolastico e universitario lasciato senza fondi e strutture. Unire le lotte è importante e necessario per tutti: perchè ogni miglioramento ottenuto da chi lotta è contagioso; così come ogni peggioramento delle condizioni di ciascuno è usato da chi sfrutta e trae profitto da questo stato di cose, come deterrente, minaccia, gioco al ribasso per tutti gli altri.
Anche in questa occasione è stata chiara l’intenzione di reprimere, separare e mettere paura a chi si batte contro razzismo e sfruttamento, come già accaduto in passato. A Foggia le forze dell’ordine hanno scortato le persone che stavano raggiungendo il luogo del presidio e, alla fine della manifestazione, hanno fermato otto solidali, identificandoli e fotografandoli nella stazione dei treni. A Reggio dal giorno precedente le persone di alcuni insediamenti hanno ricevuto minacce di sgombero se avessero partecipato alla manifestazione; nel corso della mattinata diversi lavoratori sono stati fermati e identificati e due trattenuti in commissariato.
La giornata di ieri ha dimostrato che le minacce e la repressione non fermano le lotte, al contrario: il grido “sanatoria per tutti, repressione per nessuno” si è propagato dalla frontiera di Oulx ai picchetti dei facchini del Si Cobas all’interporto di Bologna, a Modena e a Piacenza; dai disoccupati in presidio e dalle compagne femministe a Napoli, fino ai solidali a Firenze e Venezia. In tutte queste realtà, e in molte altre, immigrati e solidali portano avanti lotte autorganizzate e subiscono per questo azioni di rappresaglia: fogli di via, divieti di dimora, denunce, processi, multe, condanne, sgomberi, botte.

Ci vogliono isolare e spaventare, ci troveranno invece più uniti e determinati a continuare.

La giornata di ieri è stata la prima tappa di una lunga estate calda di lotte.
Ci vediamo nelle strade, nelle campagne e nelle lotte ovunque!

Da Campagne in lotta

 

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons