InfoAut
Immagine di copertina per il post

Le madri non scrivono, vengono scritte

Pubblichiamo il contributo della Mala Servenen Jin – Casa delle donne che combattono di Pisa su quanto accaduto a Roma questo fine settimana.

Vogliamo riportare questo esempio di narrazione tossica conseguente a una violenza patriarcale difficile da nominare e riconoscere.

Queste righe sono piene di rabbia ma anche di voglia e necessità di lottare insieme, per affrontare le violenze che viviamo nell’individualità ma che possono essere cambiate solo collettivamente.

I titoli si affollano, colpevolizzanti verso la madre, verso le ostetriche, verso le infermiere… dipende dalle testate.

Potremmo chiamarla violenza ostetrica, è qualcosa che già abbiamo sentito nominare, in Venezuela è così definita dalla legge “l’appropriazione del corpo e dei processi riproduttivi della donna da parte del personale sanitario, che si esprime in un trattamento disumano, nell’abuso di medicalizzazione e nella patologizzazione dei processi naturali, avendo come conseguenza la perdita di autonomia e della capacità di decidere liberamente del proprio corpo e della propria sessualità, impattando negativamente sulla qualità della vita della donna”.

Ma “violenza ostetrica” è estremamente riduttivo. Non si tratta del parto e post-parto e basta, ma del processo violento che subisci dall’inizio della gravidanza, spesso e volentieri in ambito “sanitario” ma non solo, in cui ti inculcano la sottomissione ad un ruolo patriarcale della maternità fatto di sacrificio, sofferenza, solitudine, competizione, vergogna in cui la tua identità non esiste più e non deve esistere, deve essere sepolta nel ricordo, non devi chiedere ne pretendere niente, devi riuscire da sola se no non sei buona, non sei forte abbastanza, non sei abbastanza “autodeterminata”. Ti sottoponi a livelli di stress, di carico di lavoro emotivo, fisico e mentale CONTEMPORANEAMENTE, è impensabile ma il mondo intorno a te è lì a dirti continuamente che non fai niente di speciale, niente di straordinario, tutto ordinario e “naturale”.

In una crisi sociale, economica, ecologica, pandemica e altre amenità di questa epoca, diciamocelo da sole che invece facciamo troppo!

E più facciamo e più ci viene chiesto, anzi preteso!

E se ti viene concesso qualcosa è sempre in cambio di qualche altro sacrificio TUO, ma in quel momento non puoi farne a meno, non hai scelta.

Così funzionano le istituzioni sanitarie, sociali, educative…e purtroppo non solo le istituzioni ma anche tanti rapporti umani, in una società intrisa di patriarcato, classismo, sessismo e razzismo invisibilizzati.

Per concludere riportiamo solo un esempio condiviso con noi e che probabilmente sarà comune a tantә.

Se scegli (?!) un reparto maternità in cui fanno rooming-in (neonato in camera) sei sola, con altre neo-mamme doloranti e neonatə urlanti 24h/24h. L’alternativa è non avere scelta nel rapporto con tuә figlә, che vedrai solo a orari preordinati.

Dicono che è per rafforzare il rapporto mamma-figlə, come se non avessi anni davanti a te per costruirlo. Se devi andare in bagno (con il tempo e il coraggio che ci vuole in quelle condizioni), mangiare o dormire un po’ devi chiedere e non sempre ti è concesso, te lo fanno pesare (salvo eccezioni) quasi fossero capricci, dimostrazione di incapacità, fallimento…

Per com’è organizzato, spesso e volentieri, è più un modo per il sistema sanitario nazionale di risparmiare sul personale, come su tutto ovviamente, ma su queste cose ci vanno giù di colpevolizzazioni sulle donne (e sul personale, con conseguenze diverse).

Ciò che spacciano come sostegno all’autonomia e alla scelta lo è solo a certe condizioni, pesanti condizioni. Sei mamma devi patire. Lo devi capire da subito!

Pensiamo a questa donna, a come si sentirà.

Mediatimo vendetta per tutto questo male che ci fanno da millenni!

“Hermana, si mañana soy yo, si mañana no vuelvo, destruyelo todo”

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

narrazioni tossiche

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Navi Ong: il nuovo decreto Meloni

Meloni ed il ministro dell’interno Piantedosi si muovono sul solco di quanto costruito dai loro predecessori per rendere sempre più difficile il soccorso in mare da parte delle navi delle ONG impegnate nelle attività di ricerca e soccorso di naufraghi lungo le rotte del Mediterraneo meridionale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

8 marzo 2023: appello verso lo sciopero globale femminista e transfemminista!

Il prossimo 8 marzo, per il settimo anno consecutivo in tutto il mondo sarà sciopero femminista e transfemminista  contro la violenza maschile sulle donne e ogni forma di violenza di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Il governo ostacola i soccorsi in mare. Livorno solidale ed antirazzista saluta l’arrivo della Life Support e della Sea Eye 4

Riceviamo e pubblichiamo volentieri da Ex Caserma Occupata… La mattina di oggi, 22 dicembre, al molo 75 del porto di Livorno è attraccata la Life Support di Emergency con a bordo 142 naufraghi. Dalle 6.30 di stamani a pochi metri dalla banchina alcune decine di persone hanno animato un presidio spontaneo in solidarietà con i […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Roma 26 Novembre, basta guerre sui nostri corpi: rivolta transfemminista

Gridiamo forte che non dimenticheremo nessunə, che conosciamo la diretta correlazione fra la piramide della violenza e le mani di chi ci uccide, la correlazione fra la violenza machista quotidiana e le guerre. Che riconosciamo la connessione intriseca fra l’abuso patriarcale e lo sfruttamento delle risorse del pianeta e l’abominio su tutte le forme di vita che lo abitano.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

La manifestazione nazionale di Non Una di Meno a Roma. Dirette, interviste e collegamenti dalla piazza femminista

Dietro lo slogan principale “basta guerre sui nostri corpi” torna a manifestare a Roma la rete femminista e transfemminista Non Una di Meno.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Basta guerre sui nostri corpi. Tra violenza di genere e ristrutturazione della riproduzione sociale

Domani si terrà a Roma la manifestazione di NUDM contro la violenza maschile sulle donne e quella di genere. Una manifestazione che parte da un assunto chiaro, la guerra si ripercuote sui corpi delle donne e delle soggettività non normate con estrema violenza. Un filo rosso che apre a molteplici considerazioni.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.