8 marzo: Sciopero Globale Transfemminista, le voci dalle piazze

Stampa

Riprendiamo di seguito le voci raccolte dalle piazze transnazionali dell'8 marzo da Radio Onda d'Urto e Radio Blackout.

||||
|||| ||||

 

BRESCIA 

17.30 – Molto partecipato il presidio in Piazzetta Bella Italia tanto che ormai l’iniziativa si è spostata nell’antistante Piazza della Loggia. Diversi gli interventi che si stanno susseguendo in attesa della partenza del corteo alle 18.30 Il collegamento dal presidio con Michele della nostra redazione Ascolta o scarica

Di seguito anche alcuni degli interventi e interviste dal presidio:

Qui le interviste Ascolta o scarica

Chiara Rossini di Narrazioni Differenti Ascolta o scarica

Angelica Martin di Colazione da Tiffany Ascolta o scarica

Pamela Marelli di NUDM Brescia Ascolta o scarica

18.45 – Diverse centinaia i e le partecipanti al corteo che sta prendendo vita da Piazza Rovetta dopo alcuni flash mob in Piazza Loggia.  Il collegamento dalla partenza del corteo con Michele della nostra redazione e con Pamela di NUDM Brescia Ascolta o scarica

19.20 – Il corteo si sta muovendo per le vie del centro storico di Brescia tra interventi e slogan. Il racconto di Michele della nostra redazione Ascolta o scarica

{mp3remote}https://www.radiondadurto.org/wp-content/uploads/2022/03/rec0308-192510.mp3{/mp3remote}

ROMA – In migliaia stanno partecipando al corteo partito alle ore 17 da Piazza della Repubblica. Con noi dalla Capitale, Ambra di NUDM Roma Ascolta o scarica

Progetto senza titolo 3

BOLOGNA – Oltre 10mila al corteo sotto le Due Torri. Nel corso della giornata si sono svolte diverse iniziative. Ce le racconta Alina di NUDM Bologna in collegamento dal corteo Ascolta o scarica

FIRENZE – In mattinata occupato e poco dopo sgomberato da Polizia e Digos uno spazio femminista e transfemminista. Il racconto di Botta Ascolta o scarica

La diretta di Blackout da Firenze:

Torino: le testimonianze dalla piazza della città piemontese a cura di Radio Blackout.

Dal presidio mattutino delle lavoratrici delle pulizie dell’Agenzia delle Entrate, Torino:

Dal presidio al Tribunale, Torino:

275498302 4256660154436347 337992652639896130 n

Dalle Marche:

Da Pozzuoli:

Da Genova:

Da Pisa:

Dalla Consultoria di Catania:

Dalla Consultoria di Cosenza:

8 copia

Alcuni approfondimenti:

Approfondimento su IVG, pagina social che raccoglie le testimonianze di interruzioni volontarie di gravidanze:

Approfondimento PrEP:

Alcune corrispondenze internazionali:

Da Zurigo:

Da Parigi:

Da Marsiglia:

274288242 5208735542478541 2814004523145461617 n 768x292

8 marzo, giornata internazionale di lotta delle donne – ma non solo – contro il patriarcato, il machismo, la violenza di genere ed il capitalismo. Anche questo 8 marzo è sciopero globale transfemminista di Non Una Di Meno che nel suo comunicato stampa ricorda “Lo sciopero femminista e transfemminista è la nostra risposta alla produzione e riproduzione di un sistema basato sulla violenza strutturale, di cui le guerre sono una delle espressioni più organizzate e intense. Per questo l’8 marzo quest’anno lo sciopero femminista e transfemminista sarà anche uno sciopero contro la guerra e contro il riarmo!”

Partiamo dai numeri: nel quadriennio 2018-2021 si registra un calo dei femminicidi, ma un aumento dei cosiddetti reati-spia: stalking, maltrattamenti e violenze sessuali. A dirlo la Direzione centrale della Polizia criminale. I femminicidi nel 2021 sono stati 119, con una flessione del 16% rispetto al 2018, quando erano stati 141, ma una tendenza in crescita rispetto al 2020 (117) e 2019 (109). Rispetto al 2018, crescono stalking (+18%), maltrattamenti contro familiari e conviventi (+30%) e violenza (2%).

Secondo il 73esimo dossier Caritas, diffuso oggi, “gli studi sull’impatto pandemico nella popolazione mondiale ci dicono che sono le donne a subire le peggiori conseguenze sociali ed economiche. Eppure il genere femminile è stato in prima linea contro la pandemia: in Europa il 76% del personale dei servizi sanitari e sociali e l’86% del personale che presta assistenza sono donne. Con la pandemia però sono cresciuti gender gap, carichi di lavoro, compreso quello di cura casalingo e non retribuito, oltre alla violenza domestica”.

In questo clima, e con una guerra arrivata ormai al 13 giorno, oggi sono una quarantina le città italiane mobilitate. A Roma e anche a Milano, in attesa dei cortei del pomeriggio, stamattina sono scese in piazza le realtà studentesche. Anche a Brescia mobilitazione già da questa mattina, con un volantinaggio all’Iveco e poi due azioni fuori da Giornale di Brescia e Bresciaoggi. Nel pomeriggio invece dalle ore 16 presidio con voci e musica in piazzetta Bell’Italia, mentre dalle 18.30 partirà un corteo, nonostante il divieto delle autorità all’uso della piazza.

Una trasmissione della nostra redazione dedica alle mobilitazioni di Milano e Brescia inizia con tre voci dal Latino America: Bolivia, Argentina e Messico Ascolta o scarica

Dalla Russia. Ascolta o Scarica.

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons