InfoAut
Immagine di copertina per il post

Ultrabandiere, un progetto di opere meticce, nato tra le mura di un’occupazione abitativa

||||

Fino al 25 maggio una mostra nell’atrio dello Spazio popolare Neruda. Intervista agli artisti di Mattia B. foto di Alberto D. B.

Le attività non autorizzate del collettivo Guerrilla Spam appaiono sui muri di molte città in Italia ed Europa, colpiscono per il loro stile e denunciano i problemi che affliggono la società, rifiutano la mercificazione dell’arte muovendosi in un terreno  fatto di buio, illegalità e anonimato. 
Questi attacchinaggi diventano pratiche di riappropriazione dello spazio urbano, e al contempo di un immaginario che il capitalismo attraverso la pubblicità moltiplicatrice di loghi e simboli in primis ci sottrae continuamente.

Un’esperienza nata dalla street art ma che si sgancia dai soliti circuiti dell’arte e si conferma ad oggi una delle più interessanti nel panorama italiano.

Dalla street art i lavori si sono poi evoluti negli anni incrociando occupazioni, lotte e tematiche sociali. Il progetto Ultrabandiere rimarrà in mostra allo Spazio Popolare Neruda, dove è nato e si è sviluppato, in C.so Ciriè 7 a Torino. La mostra sarà poi allestita a Roma il 25 giugno nella sede del Macro, Museo di Arte Contemporanea. Questo progetto, a cui siamo molto affezionati rappresenta per noi l’incontro di arte e militanza in una dinamica politica collettiva che si è compiuta partendo dal basso, omaggio all’autogestione, allo spazio occupato e al superamento di ogni confine imposto.
Nelle opere prodotte si incontrano tratti delle bandiere Asafo dei Fante, popolazione del Ghana, ma quello che si è voluto fare è stato decostruire e superare la bandiera nazionale, aggiungere possibilità in un immaginario collettivo, per arrivare a qualcosa di nuovo e risignificato, delle Ultrabandiere appunto. 

ultrabnd2

Che cos’è Guerrilla Spam?

Guerrilla Spam (guerrillaspam.blogspot.com)  è un progetto e un collettivo che nasce nel 2010 a Firenze come azione spontanea di attacchinaggio di poster negli spazi pubblici, quindi nelle strade, principalmente a Firenze spostandosi poi in tutta Italia e in Europa. Nasce come esigenza di dire qualcosa, di esprimersi su idee e su tematiche di attualità principalmente sociali attraverso il disegno, poster in bianco e nero attaccati quasi sempre in modo non autorizzato negli spazi della collettività. Oltre a questo, negli anni, il progetto si è ampliato attraverso opere di muralismo dipingendo murales in spazi pubblici.

Dedichiamo inoltre molto tempo a laboratori con italiani e stranieri soprattutto africani nei centri di accoglienza, nelle scuole e in altre realtà. Questo ultimo progetto l’abbiamo realizzato nello Spazio Popolare Neruda.

Come avete incontrato lo Spazio Popolare Neruda, stabile occupato e totalmente diverso da quelli istituzionali?

Il tutto è nato quando un ragazzo del collettivo PrendoCasa, che non conoscevamo direttamente, ma che seguiva il nostro lavoro, ci ha portato a conoscere il posto. Da questo incontro è nata l’idea di fare un murales all’interno dello stabile (https://www.infoaut.org/culture/la-scala-degli-antenati-quando-lo-spam-segue-fini-altri) e abbiamo poi pensato di fare qualcosa di più, perché lo spazio si prestava per la realizzazione di un lavoro più articolato, dove restare, conoscere le persone e la realtà del Neruda che è molto complessa e variegata. Da qui è nato il progetto “Ultrabandiere” iniziato molto lentamente, durato due anni, coinvolgendo prima i bambini,  poi gli adulti e le famiglie. Con loro abbiamo disegnato le bozze per arrivare a realizzare le 14 bandiere che sono state cucite a mano da un ragazzo di nome Masrè del Gambia e da una signora che abita al Neruda di nome Fatima.

Attraverso le bandiere si vogliono raccontare le storie reali di queste persone, i loro sogni, ricordi o scene di fantasia; un modo per portare persone del quartiere e della città al Neruda, e successivamente gli abitanti e queste storie fuori in altri contesti.

ultrabnd3

Il progetto “Ultrabandiere” è stato un progetto collettivo, vuoi raccontarci qualche aneddoto su questa esperienza e le sue differenze rispetto ad altri progetti?

Diciamo che qui è stato tutto molto spontaneo: il posto si prestava ad una conoscenza lenta e non troppo programmata, non come capita quando lavoriamo nelle scuole, nelle associazioni o in un contesto istituzionale dove tutto deve essere deciso e pianificato. Siamo arrivati con l’idea vaga di fare delle bandiere ma nessuno di noi sapeva cucire, nessuno aveva mai preso un ago in mano e non sapevamo nemmeno come gli abitanti avrebbero reagito a questo progetto. Approcciando prima i bambini e poi gli adulti abbiamo realizzato i primi bozzetti, raccolto i materiali e poi casualmente, incontrato il sarto, anche fratello di un occupante. Lui ci ha detto “Proviamo a farle” e siamo partiti; aveva una macchina da cucire a pedale che gli era stata regalata ma da tempo non aveva occasione di utilizzarla. Nonostante questo sembrava che non avesse mai smesso e grazie alla sua abilità, il tutto si è realizzato passo dopo passo. 

Un esperimento il cui risultato non era chiaro benché l’idea lo fosse. Anche gli occupanti all’inizio non sapevano bene quale sarebbe stato il risultato: vedevano che arrivavamo al Neruda, ci mettevamo a disegnare, a cucire e poi, giorno dopo giorno, il progetto ha preso forma. 

Siamo rimasti sorpresi, non solo loro ma anche noi, nel vedere le 14 bandiere allestite nell’atrio dell’occupazione, cuore pulsante e luogo di transito per recarsi nelle proprie abitazioni o per le persone che vengono per partecipare alle iniziative e alle attività.

ultra4

Rispetto alla “street art” il progetto “Ultrabandiere” dove si colloca?

Innanzi tutto non ci piace definire il progetto delle “Ultrabandiere” come street art,  lo concepiamo come un esempio di arte collettiva e pubblica. Le bandiere adesso sono esposte qui, ma in futuro potranno essere esposte in altri luoghi come ad esempio nei musei di arte contemporane 

Lo scopo del progetto è quello di portare le bandiere, gli occupanti e le loro storie, in posti differenti. È un’opera diversa da tante azioni, tanti progetti di street art o muralismo che oggi gli artisti realizzano “mordi e fuggi” nelle periferie dipingendo grandi facciate, di grande impatto, ma poi andandosene via subito dopo. Il nostro progetto, invece, è totalmente autofinanziato, autoprodotto, non ci sono sponsor e la conoscenza del luogo e stata lenta e graduale. Le persone che lo vogliono sostenere possono contribuire acquistando alcune delle nostre serigrafie rientrando in questo modo delle spese sostenute.

Siaka uno degli autori delle bandiere, abitante dello Spazio Popolare Neruda ci racconta:

“Io sono Siaka, abito qua da quasi tre anni, mi trovo bene, ho costruito diverse amicizie importanti, che per me sono come fratelli e sorelle, perchè lottando insieme abbiamo una casa.

Facciamo diverse attività e anche questo progetto delle bandiere per me è stato una possibilità di esprimermi.

Ho deciso di mettere la storia di Kuntakinte, che è antica e molto lunga: parla di schiavismo e di quello che gli americani hanno fatto agli schiavi. Non devono mai più accadere cose del genere, non ci possono essere schiavi solo perchè hanno un colore diverso della pelle.

Sono contento che attraverso la mia bandiera posso far vedere questa storia e cosa è il Neruda oggi per me”.

Invitiamo tutt* a passare a trovarci!

 

ULTRABANDIERE – FINO AL 28 MAGGIO ORE 18:00-20:00 (o su appuntamento scrivendo alla pagina FB dello Spazio popolare Neruda) – C.so Ciriè 7 – Torino

Orari : 11- 20 fino a sabato 25 maggio.

ultra5

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

neruda

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Culture

APPELLO della PALESTRA SOLIDALE ANTIRAZZISTA NERUDA BOXE TORINO per Dana

Ciao Dana, Siamo i tuoi amic* e compagn* della Palestra Solidale Antirazzista Neruda Boxe Torino. Ricordiamo a tutt* che attualmente Dana è detenuta nel carcere delle Vallette di Torino, dove deve scontare una condanna a 2 anni, per il fatto di essere una NO TAV. Come Palestra Solidale Antirazzista ci sentiamo in dovere di starle […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Neruda: castelli di carta e ricatti razzisti della Questura di Torino

Era fine maggio quando abbiamo assistito al tentativo da parte di questura e giornali di attaccare e screditare lo Spazio Popolare Neruda con accuse infondate e diffamanti. Sebbene siano ormai trascorsi quasi due mesi, va detto che l’attenzione della questura nei confronti dello spazio e l’accanimento delle forze dell’ordine verso i suoi abitanti non si […]

Immagine di copertina per il post
Culture

La scala di Neruda

All’interno dello Spazio Popolare Neruda in C.so Ciriè a Torino, è spuntato un dipinto murale, intitolato La scala degli Antenati. Vuole ricordarci le nostre origini meticce attraverso immagini, simboli e testo. E’ opera di Guerrilla Spam, http://guerrillaspam.blogspot.com un collettivo che nasce come spontanea azione non autorizzata – agisce in modo diretto, non invasivo, rispettando lo […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino, iniziative contro le banche e la rapina dei mutui

Iniziative di contestazione a Torino riguardanti il decreto che interessa i mutui che il Governo Renzi sta portando avanti. Diverse le banche sanzionate in questa giornata che ha visto i principali istituti di credito, Unicredit e San Paolo in primis, giustamente individuate come soggetti colpevoli di quello che sarà un decreto volto a espropriare i […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Occupying families and evictees block the Première at the Teatro Regio in Turin

The families took advantage of the big participation and of the media attention that this event has always been enjoying, in order to break the image of the “showcase city”, made of big events, openings and massive speculations that the local administration has been building and proposing again for years, and to have everyone’s eyes […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino. Molino dichiara guerra ai picchetti anti-sfratto.

L’occasione si è presentata nella giornata di oggi in cui due muri popolari organizzati dalle nostre famiglie hanno impedito il pignoramento della casa di Patience e lo sfratto di Teresa. La casa di Patience, donna sola con tre figli, è stata venduta all’asta. Con l’acquisto della casa il rischio di essere buttata in mezzo a […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Elide Tisi ha mentito? Retroscena da via Bardonecchia

Le dichiarazioni di Elide Tisi, tuttavia, contengono qualcosa di peggio di una mera contraddizione. L’assessore (e vicesindaco nella giunta Fassino) ha infatti dichiarato al periodico on line Nuova Società di non esser stata al corrente dello sgombero fino a martedì mattina, ossia fino all’intervento manu militari della polizia. Ha aggiunto testualmente, a riprova di ciò: […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Eviction attempt in Turin against the families of the Spazio Popolare Neruda Occupato

In the early hours of the morning police surrounded the Spazio Popolare Neruda, the building that was occupied a couple of weeks ago by about thirty families under eviction, in order to proceed with the eviction. About thirty people, among which ten little children or so, were inside the building – a former school that […]