InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’irrimediabile stupidità dei bianchi. “Killers of the Flower Moon”

L’uomo non merita di vivere, qualcuno dice. Chi non lo merita? L’ uomo europeo, colui che ricatta ed è ricattato dal dio denaro, che è il dio del potere; anche i conquistadores che sbarcarono in America, certamente, responsabili di genocidi. Proviamo a pensare se invece dei genocidi, gli indios fossero in qualche modo rimasti padroni delle loro terre e delle loro ricchezze.

di ASJane, da Codice Rosso

Questo è avvenuto limitatamente e per brevi decenni alla tribù degli Osage, nel territorio del Missouri. In queste terre fu scoperto il petrolio e la tribù diventò ricchissima, molto più dei bianchi i quali erano i loro servi e proletari. Ma il serpente della discordia si sarebbe insinuato di nuovo in una società pacifica trasformando una eccezione storica in un incubo. La tribù sarebbe stata colpita fino all’estinzione da una serie di omicidi da parte dell’uomo bianco.

In Killers of the Flower Moon (2023) di Martin Scorsese vi sono due figure principali: Ernest Burkhart (Leonardo Di Caprio) uno sciocco, ansioso, furbo, immigrato in questa zona come lavoratore alla ricerca di fortuna; lo zio, che ci abita da tempo immemorabile, cinico, affarista e manipolatore del nipote, rappresentato da William Hale (Robert De Niro). L’anziano William è da molto tempo in questa comunità e da sempre finge di volere il bene degli Osage che lo trattano da amico. In realtà è un massone, ha una serie di relazioni con uomini bianchi che, come lui, sono attenti a speculare sulle ricchezze della tribù indigena che per alcune importazioni (ad esempio medicine) dipendono da altri Stati governati solo da bianchi. La tribù è costituita da persone sagge, fatta di gente che si ama e da rapporti di lealtà e rispetto sacri. La doppiezza dell’uomo bianco, rappresentato da Ernest e dallo zio, è finzione, inganno e, nel caso di Ernest, incapacità di riconoscere l’amore. Egli sposa una ricca Usage, inizialmente per interesse e sotto la pressione dello zio, ma poi se ne innamora. Egli ama la propria moglie, ne è certo, tuttavia compie azioni che distruggono la sua vita. Egli ama il denaro, dice, “quasi come la propria moglie”: ha chiara l’ipocrisia di possedere una gerarchia di valori nelle parole ma non altrettanto nelle azioni.

Noi spettatori ci aspettavamo una ritardata ma sicura ribellione di Ernest contro lo zio, in nome dell’amore per la moglie, e invece niente. Braccato dalla polizia, insieme a suo zio, confessa i suoi omicidi. Mentre lo zio continua i suoi sogni megalomani di essere liberato e di essere più forte dello Stato.

Mentre Israele bombarda senza il bisogno di nessuna mafia un popolo inerme, perché la mafia è globale, Ernest, marito della Usage, uccide i componenti della sua famiglia uno dopo l’altro, ingaggiando killers, e poi cede la sua eredità futura allo zio, forse perché ne è succube, forse perché ha capito che diversamente sarebbe stato ammazzato. Questo passaggio di soldi è un passaggio finanziario tra massoni, tra i re del mondo che guadagnano dalle guerre. Una intelligenza limitata (Ernest Burkhart, allora, ci potrebbe ricordare il governo israeliano e l’opinione pubblica mediatica) è al servizio di un espropriatore delle terre e dei beni palestinesi (Netanyahu) attraverso lo spargimento di sangue.

L’uomo bianco non cambia mai. Uno dopo l’altro. Tutti in massa. Uccidere.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

colonialismofilmmartin scorsese

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove siamo? Tra disordine e responsabilità – Parte 2

Chiunque abbia letto “Le vene aperte dell’America Latina”di Eduardo Galeano ha ben presente qual’è la relazione tra la concezione capitalista della natura ed il colonialismo, vecchio e nuovo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Una Gaza planetaria

Già nelle prime otto settimane dell’ultima terrificante escalation della guerra contro la popolazione di Gaza, Israele aveva ucciso più Palestinesi che nei 106 anni trascorsi dalla nota Dichiarazione di Balfour, quella in cui il ministro inglese si diceva favorevole a una “dimora nazionale per il popolo ebraico” in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il massacro di Gaza serve a creare un circolo vizioso finalizzato al genocidio dei palestinesi

Una delle pose più odiose e fasulle in merito allo spietato assedio e bombardamento della Striscia è quella di chi, come l’ineffabile Paolo Mieli, si dice contrito per le perdite ma al contempo, asciugandosi lacrime di coccodrillo, si domanda “cos’altro si potrebbe fare?”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sterminare tutte le “bestie”

Tutti i progetti coloniali, incluso Israele, raggiungono un punto in cui abbracciano il massacro e il Genocidio su larga scala per sradicare una popolazione nativa che rifiuta di capitolare.