InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il rap a Piazza Tahrir

Parlano i membri del collettivo hip hop Arabian Knightz, che al Cairo si dividono tra gli scontri di strada e lo studio di registrazione. «È la prima volta che i giovani egiziani hanno una possibilità di scelta nelle loro mani e non se la faranno scappare. I militari? Peggio di Mubarak»

Karim Adel Eissa, 31 anni, ha iniziato con il gruppo hip hop Mask of Empire e poi ha creato il collettivo Arabian Knightz, con Sphinx e E-Money. Una discreta fama internazionale è arrivata nei giorni della prima rivoluzione di piazza Tahrir, quando la star african-american Lauryn Hill ha accettato di aggiungere la sua voce al brano Rebel.

Arabian Knightz è una filosofia di vita, una open source connessa a una community di rapper che comunicano tra loro, si aiutano, si frequentano, si scambiano i beat e si aiutano nella composizione dei pezzi. Dall’Egitto al Marocco, dalla Libia alla Tunisia, dalla Palestina all’Iraq passando per l’Arabia Saudita, la Giordania, la Siria e il Libano. Cantano contro le ingiustizie, i soprusi dei governanti e a proposito della vita quotidiana. Yasser Mohamed, 28 anni, è un suo caro amico. Con il nome d’arte Afrid pratica tutte le contaminazioni musicali con il jazz e il blues, il rock, il soul, il funky e persino la musica classica; insieme a Ibrahim Farouk è stato il fondatore del gruppo Asfalt, che poi ha vinto un’edizione degli Mtv Arabia Awards. Spesso i loro beat e mix si mescolano con quelli degli altri gruppi presenti nel panorama mediorientale, Y-Crew, Shadia Mansur, l’iracheno Narsi, la libanese Malika. Arabian Knightz è il fulcro intorno al quale ruota tutto il movimento hip hop arabo, perché Karim in veste di produttore esecutivo contatta tutti gli altri gruppi per collaborazioni e remix. Ma ora la priorità è l’Egitto, quello che succede nel paese e a piazza Tahrir.

Sei andato a votare?

 Certo, per mandare finalmente a casa i militari… Ma subito dopo sono tornato a Tahrir, perché sappiamo che sono dei bugiardi. I militari sono peggio diMubarak! È una vecchia tattica tipica degli egiziani: un tuo amico sta per picchiarsi con qualcun altro e tu sai che le prenderà di sicuro. Allora ti metti in mezzo, gridando e prendendo a sberle il tuo amico rimproverandolo davanti a tutti, a poco a poco lo porti fuori dalla mischia, lo proteggi. Questo è quello che ha fatto Tantawi con Mubarak: l’ha sbeffeggiato con il processo, ma nel frattempo l’ha tolto dalla scena.

Provenendo entrambi dall’esercito hanno lo stesso spirito corporativo?

 Sì, il problema è che l’Egitto e tutto il Medio Oriente continuano a vivere su un sistema dittatoriale di cui l’Europa si è liberata con la fine della seconda guerra mondiale, mentre noi ancora insistiamo.

Come conciliate il vostro lavoro con piazza Tahrir?

La settimana scorsa con Afrid eravamo in piazza a tirare pietre alla polizia che aveva ucciso tutta quella gente, ma alle 11 di sera siamo andati a registrare il suo nuovo album… Lanciavo il più possibile per tutto il tempo che avrei dovuto passare nello studio. Nel mezzo della rivolta ero indeciso se rimanere o andare, ma il nostro ruolo rivoluzionario non è solo tirare pietre. La musica è più efficace di un sasso, perché può coinvolgere più persone e può cambiare la coscienza popolare anche nei prossimi anni.

Cosa pensate di quel che succede a Tahrir?

 Questa è la prima volta che i giovani egiziani hanno una possibilità di scelta nelle loro mani e non se la lasceranno scappare; è la prima volta nella storia dell’Egitto moderno che il popolo si rivolta contro i militari, non era mai successo prima.

Ma avete mai avuto fiducia nei militari dopo le dimissioni di Mubarak?”

 Solo all’inizio, poi non hanno fatto niente per rimuovere le politiche e i modi del vecchio regime, non sappiamo se ci proteggono o se preferiscono il regime che c’era prima. Certo l’economia sta andando a rotoli grazie a loro. Ci sono stati investimenti nel paese, ma non nel senso che puoi immaginare. uarda l’equipaggiamento dei poliziotti negli ultimi scontri, molto più professionale di prima: giubbotti antiproiettile, caschi protettivi nuovi, fucili a pompa appena usciti dalla fabbrica, e un po’ di gas nervino che non guasta mai… Se si calcola che ogni capsula di gas può costare intorno ai 40 dollari e che sono state lanciate circa 15 mila quanti soldi sono? Da dove li prendono? E quante armi sono state acquistate in tutto questo periodo? Stiamo ripagando il debito americano! Per un europeo non sono molti, ma qui in Egitto potrebbero fare la differenza per milioni di persone. Se avevano tutti questi soldi da spendere per l’attrezzatura della polizia, perché non li hanno spesi per il popolo? Questo la dice lunga su quanto ci si possa fidare dei militari.

Cosa pensi che accadrà nel futuro?

 È chiaro che la rivoluzione può ricominciare in meno di un secondo. Ma rispetto a fine gennaio, mi dispiace dirlo, ci sono molti più criminali che si mischiano alla gente comune. Il problema è che non si possono riconoscere finché non iniziano a fare qualcosa di nocivo. Sono assoldati da qualcuno. Una volta individuati vengono cacciati dalla piazza.

Yasser: Vorrei aggiungere che l’altro giorno è venuta una persona che mi ha chiesto di portare a votare più gente che potevo per i Fratelli Musulmani. Per ogni voto mi avrebbe pagato 1000 lire egiziane; questa è gente che sa che i giovani hanno bisogno di lavoro e che non hanno soldi. Cortesemente gli ho detto di continuare a camminare davanti a me come se non mi avesse mai incontrato, l’ho fatto sentire come un cane. Il paese dipende da quello che succede a piazza Tahrir. I ragazzi che sono a Tahrir sono più forti del sistema.

Di cosa parlano le vostre canzoni?

L’ultimo album è intitolato Uknighted States of Arabia, perché cerchiamo l’unità. Non parliamo solo di unità araba, ma globale, perché tutto il mondo è cosciente di quello che stanno facendo i governi. Noi abbiamo iniziato in Egitto, poi si sono create piazze Tahrir a Madrid, a New York, a Parigi… In Spagna non gliene importava nulla che eravamo arabi, rispettavano la nostra rivoluzione, tanto da sventolare la nostra bandiera anche a Madrid. Il discorso non è solo riferito al Medio Oriente, ma è mondiale. Altri brani riguardano le molestie sessuali contro le donne, parliamo di droghe, della corruzione e c’è una canzone contro i Fratelli Musulmani, dove diciamo che sono persone che usano la religione per controllare la mente della gente… Ovviamente non ci sono le tipiche canzoni d’amore egiziane che servivano al regime precedente.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

Arabian KnightzEgittoIl Cairopiazza tahrirrap

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia dimentica Regeni e la 185 e fa affari con l’Egitto

L’Italia continua a violare almeno lo spirito della legge 185 del 1990 dove si vieta l’esportazione di materiale di armamento « verso i Paesi i cui governi sono responsabili di gravi violazioni delle convenzioni internazionali in materia di diritti umani ».

Immagine di copertina per il post
Storia di Classe

Il primo sciopero della storia – Documenti dello sciopero in Egitto sotto Ramses III

14 novembre 1157 A.C. In Egitto, durante il regno di Ramses III, gli abitanti di un villaggio, che stavano costruendo i templi di Tebe, si fermarono: fu il primo sciopero della storia. Lo racconta il papiro redatto da uno scriba, conservato presso il Museo egizio di Torino. Il Papiro dello Sciopero di Torino è un […]

Immagine di copertina per il post
Culture

SPECIALE BANLIEUE “Vogliamo che questi prigionieri vengano rilasciati”. Intervista al rapper Médine

Médine, pseudonimo di Médine Zaouiche, è un rapper francese di origini algerine. I suoi nonni emigrarono in Francia dopo la seconda guerra mondiale ed è cresciuto nel quartiere popolare di Caucriauville a Le Havre.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La COP 27 dalle mille e una contraddizioni

Il messaggio principale di questa Cop è che non c’è giustizia climatica senza giustizia sociale.

Immagine di copertina per il post
Culture

Che succede al rap? Parlano i P38: “A noi interessa rovesciare la narrativa dominante”

La nona tappa dello Speciale di Zic.it: una conversazione sul ribaltamento degli stilemi della trap o del rap più classico, in primo luogo rispetto al machismo, alla misoginia, ai soldi, per “intaccare le certezze precostituite dalla ideologia consumistico-capitalista”. La nona puntata dello speciale sulla situazione del rap in Italia: l’intervista ai P38 si aggiunge ai […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Missione Sirli: Francia e Egitto collaborano nella lotta al terrorismo bombardando civili

Pochi giorni fa è stata pubblicata un’inchiesta da parte di un media indipendente francese, Disclose, che rivela il coinvolgimento della Francia in azioni militari condotte dall’Egitto nei confronti di presunti trafficanti alla frontiera con la Libia. La missione, dal nome Sirli, è iniziata nel febbraio 2016 quando la Francia ha stabilito di sostenere l’Egitto di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sospeso il processo per l’omicidio di Giulio Regeni

«Gli agenti egiziani vanno informati» La terza Corte d’Assise annulla il rinvio a giudizio. Ora servirà una nuova rogatoria per chiedere l’elezione di domicilio dei quattro membri della National security. La decisione dopo una lunghissima giornata di dibattimento La terza Corte d’Assise di Roma rientra in aula alle 20.45, dopo quasi sei ore di camera […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Business first! Regeni e Zaki non contano: altra fornitura di elicotteri di Leonardo all’ Egitto

Patrick Zaki? Giulio Regeni? Non contano. Le dichiarazioni solidarietà, di indignazione per la detenzione del primo e l’omicidio del secondo non scalfiscono di un millimetro il rapporto di collaborazione tra l’Italia e l’Egitto e il business delle armi continua imperterrito (come pr altro quello del petrolio).  L’ultimo affare riguarda una partita di elicotteri operativi al 100 per cento. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Egitto: Il ministero egiziano della repressione e dei depistaggi si addestra in Italia

Tra il 2018 e il 2019 la polizia italiana ha formato agenti egiziani. Una collaborazione con il ministero più controverso d’Egitto: quello che gestisce i servizi segreti, che ha depistato sull’omicidio di Regeni e di cui fanno parte i suoi aguzzini. E quello che ogni anno indaga, incarcera e fa sparire dissidenti veri e presunti […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

A 5 anni dalla scomparsa di Giulio Regeni

Cinque anni fa moriva Giulio Regeni, dottorando presso l’università di Cambridge dapprima rapito e poi ucciso in Egitto mentre conduceva delle ricerche sul ruolo dei sindacati autonomi nelle proteste che stavano attraversando il paese. (L’immagine tratta dalla pagina satirica Compagni Annoiati riporta la foto che Giulio aveva mandato dall’Egitto, due giorni prima di essere rapito.) […]