InfoAut
Immagine di copertina per il post

Donald Trump fa una parodia del populismo

Definire Trump un “populista” significa dissacrare la memoria del movimento del XIX secolo che ha affrontato i robber barons1 come lui.

di Tim Brinkhof, tradotto da In These Times

Se avete seguito i preparativi per le elezioni presidenziali americane del prossimo anno, quasi certamente vi sarete imbattuti in un articolo che descrive Donald Trump e la sua campagna come “populista”. A prima vista, non sembra esserci nulla di sbagliato in questa osservazione. Dopo tutto, il populismo è diventato sinonimo di leader senza scrupoli che sfruttano i peggiori impulsi del pubblico votante.

Tuttavia, il populismo ha una storia progressista che queste narrazioni ignorano. Come dimostra l’ex educatore e attivista sindacale Steve Babson nel suo libro Forgotten Populists: When Farmers Turned Left to Save Democracy, il populismo aveva un significato completamente opposto a quello che ha assunto oggi. Negli anni Novanta del XIX secolo, il populismo era un termine che racchiudeva diversi movimenti politici organizzati dalla classe operaia statunitense. Lungi dal minacciare la democrazia, il loro obiettivo era quello di limitare e ridurre il potere dell’élite monetizzata del Paese.

Gli Stati Uniti rurali, una delle maggiori basi di sostegno di Trump, scrive Babson, sarebbero stati il suo più grande nemico all’inizio del secolo scorso. Sfruttati da milionari e miliardari della East Coast, i suoi abitanti erano profondamente diffidenti nei confronti della ricchezza – e a ragione, visto che molti vivevano ai limiti della povertà mentre robber barons come John D. Rockefeller, Cornelius Vanderbilt e Andrew Carnegie accumulavano fortune di proporzioni fino ad allora mai viste.

Che si lavorasse nei campi o in fabbrica, gli oppressori usavano le stesse tattiche.

Ma il libro di Babson non è solo un esercizio di ricerca storica: è un intervento nel dibattito pubblico sulla democrazia e sulla storia degli Stati Uniti. Forgotten Populists, scritto in un linguaggio semplice e avvincente e lungo solo una cinquantina di pagine, è una sorta di pamphlet politico. Scavando nel passato ormai oscurato del populismo, l’autore spera di salvarne il futuro. Recuperare il significato storico della sfida populista all’assolutismo corporativo”, si legge nell’introduzione, “è un primo passo per collegare quel passato alle lotte attuali contro i colossi corporativi e gli autoritari di destra del nostro tempo”.

Il palcoscenico di questa storia è la Gilded Age, un periodo di rapida industrializzazione e urbanizzazione che va dal 1877 al 1900. Fu un periodo in cui gli Stati Uniti emersero come superpotenza globale. Fu anche un periodo di sfruttamento grottesco, in cui il capitalismo industrializzato fece a pezzi le comunità tradizionali e proletarizzò gli agricoltori di sussistenza e i piccoli produttori. In questo ambiente tumultuoso, gli stretti legami tra governi e imprese permisero a queste ultime di spingere per ottenere agevolazioni fiscali e consolidare i monopoli. Nel 1892, solo il 9% della popolazione controllava il 71% della ricchezza del Paese.

Che si lavorasse nei campi o in fabbrica, gli oppressori usavano le stesse tattiche. Nelle campagne, i contadini bianchi e neri finirono incatenati da “pegni sui raccolti”, affittando semi e forniture dai commercianti a tassi di interesse che potevano raggiungere il 100%. In città, i banchieri di New York tenevano in ostaggio l’economia nazionale con la loro devozione al gold standard, la scarsità artificiale che assicurava che la cartamoneta rimanesse limitata e, di conseguenza, costosa da prendere in prestito.

“L’indigenza diffusa si trova nel mezzo della più grande abbondanza”, osservava l’economista politico Henry George nel suo bestseller del 1879 Progresso e povertà. Un’illustrazione enfatica di questo punto, citata da Babson, viene dalla moglie di un piccolo agricoltore del Kansas, che nel 1894 scrisse una lettera al governatore dello Stato “per farle sapere che stiamo morendo di fame” dopo che una grandinata aveva distrutto il loro raccolto.

Secondo Babson, la resistenza delle classi basse “giunse a un punto di ebollizione alla fine degli anni Ottanta del XIX secolo, quando un numero sempre maggiore di agricoltori perse la pazienza nei confronti di un sistema che, ai loro occhi, privilegiava i ricchi a loro spese”. Il malcontento si incanalò in due organizzazioni: la Farmers’ Alliance e, più tardi, il People’s Party. Nata in Texas, una destinazione popolare per i fuggitivi del raccolto, l’Alleanza dei contadini crebbe rapidamente di oltre un milione di membri, attirando non solo agricoltori, ma anche minatori, ferrovieri, ministri, medici e insegnanti.

L’inclusività si estese dalla professione alla religione, al genere e, anche se in misura minore, persino alla razza. Pur essendo prevalentemente cristiano, Babson sottolinea che il cristianesimo serviva all’Alleanza solo nella misura in cui si sovrapponeva ai principi del socialismo. Cristo non è venuto a preparare gli uomini per un altro mondo”, dichiarò un ministro del Texas, “ma a insegnare loro come vivere giustamente in questo”. L’Alleanza”, chiarisce Babson, “sarebbe stata il loro strumento morale per una salvezza collettiva e terrena”.

Gli Stati Uniti rurali, una delle maggiori basi di sostegno di Trump, sarebbero stati il suo più grande nemico all’inizio del secolo scorso. Sfruttati da milionari e miliardari della East Coast, i suoi abitanti erano profondamente sospettosi della ricchezza.

Abbracciando il ruolo sociale in espansione delle donne, l’Alleanza reclutava avidamente membri di entrambi i sessi, con un capitolo che arrivava a multare i mariti che non fornivano una “scusa plausibile” per presentarsi senza la moglie. “L’Alleanza”, annunciava la leader dell’organizzazione Bettie Gay, “è venuta per riscattare la donna dalla sua condizione di schiavitù. La donna è ammessa nell’organizzazione, al pari del fratello”.

Lo stesso invito non fu rivolto agli afroamericani che, in ossequio alla pratica della segregazione, dovettero creare movimenti propri e paralleli.

Uno dei maggiori lasciti dell’Alleanza fu la creazione di borse cooperative, sindacati che permettevano a contadini e operai di mettere in comune e vendere il proprio lavoro a un prezzo equo. Combattendo “il capitale con il capitale”, l’Alleanza escogitò un piano ancora più audace: l’apertura di una catena di magazzini sub-tributari di proprietà del governo, dove i contadini potevano immagazzinare i loro raccolti in attesa di prezzi migliori.

Piuttosto che esercitare pressioni sui politici da una posizione defilata, la Farmers’ Alliance decise infine di scendere in campo e di lanciare una lista di terzi, fondendosi con la federazione dei lavoratori Knights of Labor per formare il People’s Party. Mobilitando i membri di entrambi i gruppi, i candidati di questa lista ottennero piccole ma significative vittorie al congresso in diversi Stati “flyover”, minacciando di sconvolgere l’equilibrio di potere tra Democratici e Repubblicani.

“Il nuovo partito chiedeva una svolta epocale nelle politiche pubbliche”, scrive Babson, promettendo di espandere il “piccolo governo” sostenuto dai robber barons. In questo modo, si sperava di trasformare uno Stato precedentemente “impotente di fronte alla crescente potenza delle grandi imprese” in uno capace di porre fine a “oppressione, ingiustizia e povertà”. Oltre a istituire delle sub-tesorerie, i populisti chiedevano anche la proprietà pubblica di banche e ferrovie.

Inutile dire che molti di questi obiettivi non furono mai raggiunti. Nonostante abbia sostenuto riforme che alla fine sono state accettate decenni dopo, come la fine della convertibilità del dollaro in oro avviata da Nixon nel 1971, il People’s Party non è riuscito a ottenere una vittoria a livello nazionale di cui aveva bisogno per sopravvivere e prosperare. Passando in rassegna le possibili spiegazioni, Forgotten Populists elenca non solo i brogli elettorali e le intimidazioni ai danni degli elettori – per ogni nero rurale che votava alle proprie condizioni, altri due venivano portati in cabina dai democratici e minacciati con il cappio se si rifiutavano di obbedire – ma anche le campagne diffamatorie dei rivali del movimento. Temendo per le loro posizioni, i leader conservatori bollarono i populisti come “radicali”, “aspiranti rivoluzionari” e “nemici di Dio e dell’uomo”.

Il crollo del People’s Party, che ebbe vita breve, coincise con l’ascesa del deputato del probiviro William McKinley. Anche se la presidenza di McKinley, che si concluse con il suo assassinio, fu altrettanto breve, accelerò molte tendenze che i populisti avevano cercato di invertire. Il principale di questi è stato lo smantellamento dello Sherman Anti-Trust Act, che ha permesso a giganti come la U.S. Steel di crescere ancora di più.

Oltre a questa sfida crescente, gli eventi del XX secolo hanno fatto ben poco per ripristinare la popolarità del populismo tra gli elettori, con la guerra fredda contro la Russia e la Cina comuniste e la conseguente Red Scare che hanno bloccato definitivamente il sostegno del mainstream alle politiche socialiste negli Stati Uniti.

È stato proprio durante la Red Scare che il termine “populista” ha iniziato ad acquisire le connotazioni odierne. Babson fa riferimento all’influenza dello storico Richard Hofstadter, che cercò di dimostrare che l'”ansia da status” dei lavoratori poveri era alla base del maccartismo. Sebbene siano state a lungo confutate in ambito accademico, le idee di Hofstadter continuano a circolare tra il grande pubblico, incoraggiando le persone a pensare al “proletariato” come a poco più di una folla impulsiva e irresponsabile in cerca di uomini di paglia da distruggere.

In realtà, però, Joseph McCarthy ha tanto in comune con i populisti quanto Trump. Lungi dal distruggere la democrazia, i populisti della Gilded Age cercavano solo di proteggerla. Invece di distruggere la società, il movimento populista vedeva persone di diverse estrazioni sociali mettere da parte le loro differenze e combattere come un’unica persona contro un nemico comune.

Definire il populismo non è affatto una questione semantica. In gioco nelle discussioni sul termine c’è la questione del ruolo della classe operaia multirazziale nella storia degli Stati Uniti. Come osserva Babson verso la fine del suo libro, il modo in cui il termine viene attualmente utilizzato non aiuta nessuno, tranne le persone che viene usato per descrivere. Innanzitutto, definire populista una persona come Trump significa dissacrare la memoria del movimento originario e dei cambiamenti genuinamente positivi e necessari che esso rappresentava. Ancora peggio, ci impedisce di vedere questi “populisti” moderni per quello che sono in realtà: la prossima generazione di robber barons.

Nota dell’editore: Questa recensione di Forgotten Populists: When Farmers Turned Left to Save Democracy di Steve Babson (Mission Point Press, 2023) è stata pubblicata originariamente da Jacobin.

  1. NdT: Negli Stati Uniti dell’Ottocento, il termine robber baron designava quella tipologia di imprenditori e banchieri che ammassavano grandi quantità di denaro, costruendosi delle enormi fortune personali, di solito con pratiche senza scrupoli e attraverso forme di concorrenza sleale. ↩︎

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

Donald TrumppopulismoRURALEstati uniti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

2023: un anno di scioperi USA

Questo articolo di “Labor Notes” ripreso da “In These Times” traccia un bilancio degli scioperi che si sono succeduti negli Stati Uniti nel 2023. Per questo va letto e rilanciato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La NATO guida il riarmo globale tra cyberwar e tecnologie quantistiche

Alea iacta est. Il dado è tratto. Ciò che disse Cesare prima di varcare il Rubicone e iniziare la guerra contro Pompeo, lo hanno ripetuto duemila anni dopo i Capi di Stato maggiore della difesa dei 31 paesi membri della NATO più la new entry di Svezia.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I quattro cavalieri dell’Apocalisse di Gaza

Joe Biden si affida a consiglieri che vedono il mondo attraverso la lente della missione civilizzatrice dell’Occidente nei confronti delle “razze inferiori” della terra per formulare le sue politiche nei confronti di Israele e del Medio Oriente.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Resistenza, repressione e lotta contro il Mountain Valley Pipeline a sei anni di distanza in Appalachia

Da oltre sei anni, gli abitanti degli Appalachi conducono una campagna non-stop di azioni dirette per fermare la costruzione dell’oleodotto Mountain Valley Pipeline (MVP), il cui progetto è in ritardo “di sei anni sulla tabella di marcia e di circa mezzo miliardo di dollari sul budget”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il popolo ribelle che abita lo Yemen

Continuare a considerare quegli yemeniti, una minoranza che ha comunque una storia che risale all’VIII secolo, un “gruppo di fanatici ribelli” dal nome buffo sarebbe un imperdonabile errore, oltre che l’ennessima dimostrazione di una presunta arroganza eurocentrica che ha già fatto ridere (e piangere) abbastanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il governo Biden si sta preparando per un’era post-Netanyahu in Israele, affermano i media statunitensi

Mercoledì la NBC ha citato funzionari statunitensi secondo i quali le divisioni tra l’amministrazione Biden e il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu “si sono solo accentuate dopo la visita del [Segretario di Stato] Blinken in Israele”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Ecuador si apre all’intervento militare degli Stati Uniti

La violenza e l’insicurezza che da più di un lustro imperano in Ecuador, promosse da una successione di governi di destra, ha raggiunto oggi una nuova pietra miliare, dopo che il 2023 si è chiuso con circa 8 mila morti violente, il tasso più alto nel numero di assassinati nella storia del paese, e quasi il doppio rispetto alle più di 4 mila avvenute un anno prima.