InfoAut
Immagine di copertina per il post

A prescindere dal risultato, l’avidità dei padroni batte la sicurezza dei giocatori di football

I tifosi e i giocatori di football sono rimasti sconvolti il 2 gennaio quando Damar Hamlin, 24 anni, safety dei Buffalo Bills, è andato in arresto cardiaco dopo aver effettuato un placcaggio di routine in una partita trasmessa a livello nazionale contro i Cincinnati Bengals.

di Zach Farber, tradotto da Liberation News

La diretta televisiva che mostrava Hamlin in difficoltà di rianimazione ha generato un’ondata di preoccupazione per lui e per gli altri giocatori, al di là della partita stessa, e molta solidarietà. Una pagina Go Fund Me creata da Hamlin per raccogliere 2.500 dollari per i bambini per Natale ha ricevuto più di 5,5 milioni di dollari di contributi nelle prime 24 ore dopo l’infortunio, e il denaro continua ad arrivare.

La necessità di far ripartire il cuore di Hamlin sul campo e la commozione cerebrale subita il giorno di Natale dal quarterback dei Miami Dolphins Tua Tagovailoa hanno richiamato l’attenzione nazionale sulle allarmanti lesioni che vengono regolarmente inflitte ai giocatori di football nello sport che genera più profitti al mondo.

La scrittrice sportiva veterana Jenny Vrentas, scrivendo per il New York Times, ha paragonato le collisioni ad alta velocità coinvolte in placcaggi come quello che Hamlin aveva appena completato come “simili a quelle di un velocista di livello mondiale che si scontra con un muro di mattoni”.

Il protocollo sulle commozioni cerebrali sta fallendo con i giocatori

Inoltre, nonostante l’implementazione di un protocollo ufficiale sulle commozioni cerebrali negli ultimi anni, i giocatori di football professionistico continuano a subire lesioni alla testa a tassi allarmanti, le lesioni non vengono individuate quando si verificano e i giocatori sono costretti a tornare in campo prima di essere guariti.

La commozione cerebrale subita da Tagovailoa il giorno di Natale è passata inosservata fino al giorno successivo. Si trattava della terza commozione cerebrale solo in questa stagione. Sebbene i Dolphins non abbiano controllato e riconosciuto la commozione cerebrale di Tagovailoa durante la partita, un’indagine congiunta della National Football League e dell’Associazione dei giocatori della NFL ha rilevato che il protocollo di commozione vigente non è stato violato nel caso di Tagovailoa. Questo fatto, insieme a quello che ha permesso a molti altri giocatori di giocare con una commozione cerebrale, ha fatto sì che esperti medici e analisti di football mettessero in dubbio il valore del protocollo sulla commozione cerebrale della National Football League nel proteggere i giocatori.

Dopo decenni di negligenza da parte della NFL nei confronti dei suoi giocatori e di insabbiamento dell’enorme tributo che le lesioni alla testa comportano per i giocatori, il fatto che esista un protocollo sulle commozioni cerebrali è il risultato di una lotta. Ex giocatori, attivisti e ricercatori medici chiedono da tempo che vengano riconosciuti i devastanti effetti a lungo termine delle commozioni cerebrali e dell’encefalopatia traumatica cronica sui giocatori e che vengano adottate misure per prevenirli. 

La CTE è una malattia degenerativa progressiva del cervello causata da ripetuti colpi alla testa. Può essere diagnosticata solo postuma. Uno studio del 2017 dell’Università di Boston ha rilevato che il 99% degli ex giocatori della NFL soffre di CTE, così come fino all’87% dei giocatori di livelli inferiori, tra cui il football delle scuole superiori e dei college.

La ricerca del profitto alimenta una cultura della violenza

L’insaziabile ricerca di profitti immediati da parte della proprietà della NFL va a scapito della salute e persino della vita dei giocatori. Nonostante l’apparente pericolo, i giocatori sono incoraggiati a giocare anche in caso di infortuni da una cultura di mascolinità tossica prevalente nell’industria del football, propagandata dalla proprietà, dagli allenatori e dagli annunciatori sportivi. Più vittorie significano in genere più vendite di biglietti, merchandising e concessioni, quindi ci si aspetta che i giocatori giochino nonostante gli infortuni piuttosto che prendersi il tempo necessario per guarire correttamente. Tutto ciò va a discapito della sicurezza dei giocatori, sia bianchi che neri, durante il periodo in cui sono in campo e anche dopo il loro ritiro.

La morte di Justin Conrad Strzelczyk nel 2004, all’età di 36 anni, ha contribuito ad accendere un dibattito nella NFL sul legame tra il gioco del football e la CTE.

Nel 2012, il giocatore della Hall of Fame della NFL Junior Seau è morto suicida all’età di 43 anni, sparandosi un colpo di pistola al petto, in modo che il suo cervello fosse intatto e disponibile per essere studiato dal National Institutes of Health, che ha concluso che aveva la CTE. Questa tragedia, insieme a una causa intentata dalla sua famiglia, ha portato la necessaria consapevolezza dell’opinione pubblica su questo problema. Due mesi prima del suo suicidio aveva detto che “il gioco doveva cambiare”.

Anche Grant Earl Feasel morì quell’anno all’età di 52 anni. La sua famiglia ha donato il suo cervello alla Concussion Legacy Foundation e lui è stato uno di quelli a cui è stata diagnosticata postuma la CTE.

Frank Gifford è morto nel 2015 a causa della CTE. Gifford ha avuto una lunga carriera nel football e in seguito è diventato un popolare annunciatore di “Monday Night Football”.

L’ex cornerback della NFL Phillip Adams ha sparato e ucciso sei persone e se stesso nell’aprile 2020. Anche a lui è stata diagnosticata la CTE al secondo stadio.

Nel dicembre 2021, l’ex wide receiver Demaryius Thomas è stato trovato morto nella sua casa all’età di 33 anni in seguito a complicazioni dovute a un disturbo epilettico. L’autopsia ha accertato che era affetto da CTE al secondo stadio.

In realtà, la CTE è stata diagnosticata postuma a più di 300 ex giocatori.

Data l’entità di questi casi, la mancanza di precauzioni nei confronti delle lesioni alla testa di Tagavailoa è allarmante. Tagavailoa potrebbe non aver manifestato sintomi evidenti di commozione cerebrale durante la partita, ma è risaputo che spesso ci vuole un po’ di tempo prima che i sintomi si manifestino. Tagovailoa avrebbe potuto essere valutato da consulenti neurotraumatici non affiliati, soprattutto perché l’azione in cui ha subito la commozione cerebrale era simile a quelle in cui aveva subito la commozione cerebrale nelle partite contro i Bills e i Bengals nell’arco di cinque giorni all’inizio della stagione. Ma non è stato valutato e ha giocato (male) il resto della partita, che i Dolphins hanno comunque perso.

Il fallimento del sistema di rilevamento delle commozioni cerebrali

Anche quando i giocatori presentano evidenti lesioni alla testa, come è successo a DeVante Parker dopo essere stato colpito durante un’azione di gioco il 12 dicembre, il protocollo della NFL li ha delusi. Il compagno di squadra di Parker, Nelson Agholor, ha notato che Parker aveva le vertigini e non riusciva a stare in piedi. Agholor ha cercato freneticamente di fermare il gioco per permettere a Parker di ricevere cure mediche, ma i suoi sforzi sono stati ignorati. Parker ha denunciato la NFL per come ha gestito la sua commozione cerebrale. 

L’autodenuncia non è la soluzione

La NFL fa ancora troppo affidamento sull’autodenuncia delle commozioni cerebrali da parte dei giocatori, anche se questi ultimi, a causa della commozione, potrebbero tardare a rendersi conto di ciò che gli è accaduto. Questo nonostante il fatto che ci siano più di 30 professionisti medici a disposizione delle squadre durante le partite. 

Il dottor Allen Sills, responsabile medico della NFL, sostiene che circa il 40% delle valutazioni delle commozioni cerebrali effettuate dalla lega riguardano l’autodenuncia. Ciò solleva la questione di quante commozioni cerebrali potrebbero passare inosservate e non trattate.

E anche questa autodenuncia è tradizionalmente scoraggiata dalla cultura tossica del football.

Il quarterback dei Los Angeles Rams Matthew Stafford ha autodenunciato i sintomi a novembre ed è stato inserito nel protocollo di commozione cerebrale. Poi, più tardi nel corso del mese, è stato nuovamente inserito nel protocollo per le commozioni cerebrali dopo aver accusato un intorpidimento della gamba che non era legato a un infortunio alla parte inferiore del corpo. Evidentemente non era guarito prima di tornare in campo.

Un fallimento sistemico

Il sistema capitalistico ha sempre dato e darà sempre la priorità ai profitti rispetto alla sicurezza personale e pubblica. Il football americano, che è un’industria globale da 28 miliardi di dollari, non fa eccezione. La National Football League è la squadra sportiva più redditizia al mondo. I giocatori, anche quelli che guadagnano milioni di dollari all’anno, sono trattati come oggetti usa e getta dai proprietari miliardari delle squadre.

Quante altre vite saranno rovinate dalla CTE e dalle politiche e dalla cultura negligenti della NFL? La proprietà e la dirigenza delle squadre professionistiche che non forniscono misure di sicurezza adeguate devono essere ritenute responsabili della sicurezza dei giocatori. E non si può fare solo quando i giocatori sono morti e sepolti.

Nella foto: Tua Tagovailoa (sinistra) e Damar Hamlin. Collage di Liberation News.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

capitalismofootballNFLsportUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

In Italia stanno sbarcando molti mezzi militari americani

La denuncia dei portuali del Collettivo Autonomo dei Lavoratori Portuali (CALP) di Genova

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Washington ha silenziosamente inondato Israele di armi utilizzate per la Pulizia Etnica di Gaza

Mentre la Casa Bianca finge pubblicamente di essere preoccupata per l’assassinio di massa di civili palestinesi da parte di Israele, negli ultimi cinque mesi il Pentagono ha fornito decine di migliaia di bombe usate per radere al suolo la Striscia di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Armi: verso il libero mercato?

L’intento è ben celato, ma evidente: smantellare la legge n. 185 del 1990, quella che introdusse in Italia “Nuove norme sul controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento”.