Messico: Nel Puebla gli ejidatarios protestano per il furto dell’acqua contro l’impresa canadese Driscoll’s

Stampa

Città del Messico / Contadini ed ejidatarios del Puebla hanno protestato nei terreni seminati a fragole, mirtilli e lamponi dell’impresa canadese Driscoll’s, insediata nella comunità di San Andrés Payuca, Puebla, per denunciare il saccheggio e il sovrasfruttamento dell’acqua nell’irrigazione delle coltivazioni, nell’ambito del settimo giorno della “Carovana per l’acqua e per la vita: Popoli uniti contro il saccheggio capitalista”.

||||
|||| ||||

Durante la protesta, gli ejidatarios hanno accusato la Driscoll’s, che è giunta nella comunità cinque anni fa, di essere responsabile della siccità nella regione per l’uso di cannoni antigrandine e il sovrasfruttamento dei pozzi d’acqua, e rendono responsabile la Commissione Nazionale dell’Acqua (Conagua) perché dà le concessioni alle transnazionali.

Hanno spiegato che le terre che l’impresa canadese semina sono affittate dai latifondisti e dalla classe politica. Gli impresari, hanno dichiarato i popoli della Carovana, “hanno cominciato seminando 500 ettari con tutto e i pozzi di irrigazione, che i proprietari terrieri gli fanno pagare. Tengono nascoste le concessioni e i pozzi. Abbiamo indagato alla Conagua e il massimo che abbiamo scoperto sono state tre o quattro concessioni con 500 mila metri cubi d’acqua all’anno”.

WhatsApp Image 2022 03 29 at 09.48.23 640x296 1

Nella protesta, gli ejidatarios hanno affermato che la Conca d’acque Libere-Orientale, che abbraccia 33 municipi di Puebla, Tlaxcala e Veracruz, non solo è saccheggiata dalla canadese Driscoll’s, ma anche dalla Granjas Carroll e dal birrificio Heineken.

“I proprietari terrieri hanno irrigazione sufficiente per le loro coltivazioni di ortaggi, mentre ai contadini e agli ejidatarios la Conagua gli nega l’acqua”, hanno dichiarato nei terreni da semina dell’impresa canadese, dove si sono lamentati anche perché non c’è più acqua per i loro appezzamenti.

Hanno spiegato che la Conca d’acque Libere-Orientale è l’unica conca del Puebla che ha ancora acqua, per cui i governi federale e statale l’hanno presa di mira come riserva per rifornire in caso di scarsità e siccità che si stanno avvicinando alla città di Puebla e a Città del Messico.

Gli ejidatarios hanno detto che “in questa regione hanno voluto portarsi via l’acqua per Città del Messico e per la città di Puebla con un Piano Moctezuma, ma noi popoli ci opponiamo e non li lasciamo fare. Ora chiediamo che l’acqua del sottosuolo sia per i contadini, che ci diano le concessioni per l’irrigazione per i nostri appezzamenti ejidali”.

WhatsApp Image 2022 03 29 at 09.48.16 640x410

La Carovana ha anche chiesto un nuova Legge delle Acque Nazionali e la cancellazione di tutte le concessioni d’acqua che dagli anni 70 hanno permesso alle imprese transnazionali di saccheggiare ai popoli il liquido vitale.

“Non è siccità, è saccheggio”, hanno concluso i popoli della regione nella protesta a San Andrés Payuca.

29 marzo 2022

Desinformémonos

Da Comitato Carlos Fonseca

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons