InfoAut
Immagine di copertina per il post

Messico: Nel Puebla gli ejidatarios protestano per il furto dell’acqua contro l’impresa canadese Driscoll’s

||||

Città del Messico / Contadini ed ejidatarios del Puebla hanno protestato nei terreni seminati a fragole, mirtilli e lamponi dell’impresa canadese Driscoll’s, insediata nella comunità di San Andrés Payuca, Puebla, per denunciare il saccheggio e il sovrasfruttamento dell’acqua nell’irrigazione delle coltivazioni, nell’ambito del settimo giorno della “Carovana per l’acqua e per la vita: Popoli uniti contro il saccheggio capitalista”.

Durante la protesta, gli ejidatarios hanno accusato la Driscoll’s, che è giunta nella comunità cinque anni fa, di essere responsabile della siccità nella regione per l’uso di cannoni antigrandine e il sovrasfruttamento dei pozzi d’acqua, e rendono responsabile la Commissione Nazionale dell’Acqua (Conagua) perché dà le concessioni alle transnazionali.

Hanno spiegato che le terre che l’impresa canadese semina sono affittate dai latifondisti e dalla classe politica. Gli impresari, hanno dichiarato i popoli della Carovana, “hanno cominciato seminando 500 ettari con tutto e i pozzi di irrigazione, che i proprietari terrieri gli fanno pagare. Tengono nascoste le concessioni e i pozzi. Abbiamo indagato alla Conagua e il massimo che abbiamo scoperto sono state tre o quattro concessioni con 500 mila metri cubi d’acqua all’anno”.

WhatsApp Image 2022 03 29 at 09.48.23 640x296 1

Nella protesta, gli ejidatarios hanno affermato che la Conca d’acque Libere-Orientale, che abbraccia 33 municipi di Puebla, Tlaxcala e Veracruz, non solo è saccheggiata dalla canadese Driscoll’s, ma anche dalla Granjas Carroll e dal birrificio Heineken.

“I proprietari terrieri hanno irrigazione sufficiente per le loro coltivazioni di ortaggi, mentre ai contadini e agli ejidatarios la Conagua gli nega l’acqua”, hanno dichiarato nei terreni da semina dell’impresa canadese, dove si sono lamentati anche perché non c’è più acqua per i loro appezzamenti.

Hanno spiegato che la Conca d’acque Libere-Orientale è l’unica conca del Puebla che ha ancora acqua, per cui i governi federale e statale l’hanno presa di mira come riserva per rifornire in caso di scarsità e siccità che si stanno avvicinando alla città di Puebla e a Città del Messico.

Gli ejidatarios hanno detto che “in questa regione hanno voluto portarsi via l’acqua per Città del Messico e per la città di Puebla con un Piano Moctezuma, ma noi popoli ci opponiamo e non li lasciamo fare. Ora chiediamo che l’acqua del sottosuolo sia per i contadini, che ci diano le concessioni per l’irrigazione per i nostri appezzamenti ejidali”.

WhatsApp Image 2022 03 29 at 09.48.16 640x410

La Carovana ha anche chiesto un nuova Legge delle Acque Nazionali e la cancellazione di tutte le concessioni d’acqua che dagli anni 70 hanno permesso alle imprese transnazionali di saccheggiare ai popoli il liquido vitale.

“Non è siccità, è saccheggio”, hanno concluso i popoli della regione nella protesta a San Andrés Payuca.

29 marzo 2022

Desinformémonos

Da Comitato Carlos Fonseca

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

acquaAGROINDUSTRIAmessico

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“Ad Haiti c’è un caos pianificato, un piano del sistema neocoloniale”

Intervista ad Henry Boisrolín del Comitato Democratico Haitiano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Terra Trema: appunti sulle mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori

Le mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori, che stiamo seguendo e attraversando, ci danno la possibilità di ribadire alcune questioni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La lezione della rivolta dei trattori: l’ecologia sarà contadina e popolare o non sarà

Mentre i blocchi continuano un po’ ovunque, presentiamo alcune posizioni circa la presente situazione espresse dal punto di vista dei Soulèvements de la terre.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il campo (agricolo) di battaglia

Tutto quello che vorreste sapere sulla cosiddetta «rivolta dei trattori» e che non avete osato chiedere. (Spoiler: la posta in palio è il concetto di «sovranità alimentare»)

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: i migliori slogan visti sui trattori

Ma la rabbia degli agricoltori va ben oltre le semplici richieste sul diesel o sugli standard ecologici, come vorrebbe farci credere la FNSEA. Per molti, si tratta di una rabbia per la dignità, per una paga equa e per la fine del neoliberismo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Per la violenza migliaia di persone sono obbligate a sfollare nella regione Sierra e a Frontera nel Chiapas

Migliaia di persone dei municipi chiapanechi di Chicomuselo, Socoltenango e La Concordia sono state obbligate a sfollare dalle proprie comunità per la violenza provocata da gruppi del crimine organizzato e dalle forze armate, dopo lo scontro tra cartelli del passato 15 gennaio e l’irruzione dell’esercito e della Guardia Nazionale.