InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il punto di vista del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina su quanto sta accadendo

Riproduciamo alcuni articoli e dichiarazioni del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina sulla fase che si è aperta in Medio Oriente dal 7 ottobre. In un momento in cui il dibattito pubblico è ambiguo e confusionario leggere le parole dei compagni e delle compagne impegnate direttamente nella lotta può essere utile ad orientarsi. Buona lettura!

Marwan Abdel Aal: Gli effetti e le ripercussioni della battaglia di “Al-Aqsa” non saranno limitati alla Palestina

Marwan Abdel Aal, membro dell’ufficio politico del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina in Libano, ha dichiarato martedì sera che “dobbiamo tutti muoverci a tutti i livelli per fermare questa aggressione, e la Cisgiordania deve muoversi più forte per la sua efficacia e il suo impatto sul terreno”.

Abdel Aal ha sottolineato in un’intervista a Palestine Today TV, che “il nemico non ha la capacità di determinare i suoi obiettivi nella guerra in corso, quindi ha fatto ricorso a colpire i civili e a commettere massacri, e non raggiungere l’obiettivo dell’occupazione di eliminare la resistenza a Gaza è una vera vittoria per questa resistenza”.

Abdel Aal ha sottolineato che “l’esercito di occupazione è stato distrutto e il suo morale è stato scosso in un modo senza precedenti nella battaglia del “diluvio di Al-Aqsa”, soprattutto perché Gaza ha affrontato l’occupazione con una strategia a sorpresa, che ha avuto successo clamorosamente”.

Abdel Aal ha spiegato che “le folle meccanizzate dell’occupazione al confine di Gaza non riusciranno a portare a termine un’operazione di terra con la facilità con cui l’occupazione immagina, quindi diciamo che la questione che Israele è uno stato sicuro è una grande menzogna, e questa entità è destinata ad essere piantata nella nostra geografia araba per espandersi ed espandersi per controllare la ricchezza, le capacità e le terre arabe”.

Abdel Aal ha sottolineato che “lo spargimento di sangue a Gaza continuerà fino a quando ci sarà un silenzio ufficiale arabo e internazionale e una posizione poco brillante che non è salita al livello richiesto”, sottolineando la necessità di “togliere l’assedio a Gaza e condannare questa brutale aggressione, anche se si tratta di minacciare con armi a petrolio”.

Abdel Aal ha anche sottolineato che “l’occupazione non immagina la forma dell’operazione di terra a Gaza, e sarà molto costosa per lui e le sue forze a causa della ferocia della resistenza a Gaza”, osservando che “Israele” ha messo il mondo di fronte al muro, in particolare i paesi che cantano di valori, giustizia e diritti umani.

Abdel Aal ha sottolineato che “gli effetti e le ripercussioni della battaglia del “Diluvio di Al-Aqsa” non saranno limitati alla Palestina, e il futuro politico di Netanyahu a causa di questa battaglia è in gioco, e ci sono importanti trasformazioni in atto oggi a livello globale”, rivelando che “l’asse della resistenza nell’intera regione partecipa alla battaglia del “Diluvio di Al-Aqsa” in varie forme”.

Per quanto riguarda l’escalation dell’aggressione dell’occupazione contro il movimento dei prigionieri palestinesi, Abdel Aal ha concluso il suo discorso dicendo: “L’occupazione pratica un’esecuzione sistematica di ogni prigioniero, sia che si tratti di un prigioniero rilasciato o di un prigioniero all’interno delle carceri”.

Haitham Abdo: La resistenza continua e la prossima è più grande

Urgente| Haitham Abdo, funzionario del FPLP in Libano:

– Ciò che è stato preso con la forza può essere recuperato solo con la forza, non con i negoziati, senza un quartetto, nemmeno con un Consiglio di sicurezza.

– Il detto che sta dietro al nemico dappertutto deve essere riconsiderato, perché questo nemico capisce solo il linguaggio della forza.

– La resistenza continua e la prossima è più grande, e diciamo a questo nemico che quando scenderà a terra e affronterà i resistenti, sarà la seconda sorpresa e la sconfitta schiacciante.

– Questo nemico è ancora sotto l’influenza dello shock e non si è svegliato da esso e sta praticando ogni forma di violenza e terrorismo, e tutto ciò di cui accusa la resistenza è praticato da lui.

– Il nemico vive in un dilemma interno e vive in uno stato di conflitto e c’è disaccordo tra la leadership politica e quella militare

– Netanyahu sa che non appena la guerra sarà finita, andrà in tribunale e il suo mandato finirà, quindi sta cercando di prolungare la guerra

– Ringraziamo il popolo libanese per il sostegno e l’abbraccio alla resistenza e ai diritti del popolo palestinese

Ufficio dei Martiri, dei Prigionieri e dei Feriti del Fronte Popolare: si ritiene l’occupazione responsabile della vita del Compagno Segretario Generale, dei suoi compagni e di tutti i prigionieri nelle prigioni dell’occupazione

O figli del nostro grande popolo palestinese, con l’inizio della battaglia dell’inondazione di Al-Aqsa, l’amministrazione carceraria ha trasferito il Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, il compagno comandante Ahmed Saadat e i suoi compagni, e tutti i prigionieri nelle prigioni del Negev, e l’amministrazione del Servizio Penitenziario Sionista ha preso misure contro i prigionieri, tra cui il taglio dell’elettricità e dell’acqua, la trasmissione di televisione, le comunicazioni e la comunicazione con il resto delle prigioni.

L’amministrazione penitenziaria prende d’assalto tutte le prigioni con le unità Masada e Daron, ufficiali e soldati dell’esercito sionista, perquisisce le sezioni dell’amministrazione penitenziaria, fa fiutare i cani, umilia i prigionieri praticando tutti i tipi di tortura, li priva dei loro diritti umani più elementari, impedisce le visite delle famiglie dei prigionieri e ritira i diritti di tutti i prigionieri.

Noi, nell’Ufficio dei Martiri, Prigionieri e Feriti del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, riteniamo l’amministrazione dell’Autorità Penitenziaria e le autorità di occupazione sioniste responsabili della vita del Compagno Segretario Generale e dei suoi compagni, così come di tutti i prigionieri, nelle prigioni di occupazione.

Pertanto, le organizzazioni internazionali e umanitarie, l’Organizzazione Internazionale della Giustizia e il Comitato Internazionale della Croce Rossa devono svolgere i loro compiti, visitare i prigionieri nelle carceri sioniste e conoscere le loro condizioni nelle prigioni e nei centri di detenzione dell’entità sionista.

Dal 7 ottobre, le forze di occupazione sioniste hanno lanciato arresti e incursioni che colpiscono il nostro popolo di resistenza e i prigionieri, e noi mettiamo in guardia l’occupazione sionista dal continuare la campagna di arresti, e che il nostro popolo e la sua resistenza non staranno a guardare con le mani in mano su ciò che sta accadendo in Cisgiordania, e riteniamo il nemico pienamente responsabile della vita del nostro popolo, e che la resistenza sarà per il nemico all’erta.

La resistenza a Gaza oggi è impegnata in un’eroica battaglia contro le forze di occupazione sioniste, e le più meravigliose epopee di eroismo, orgoglio e redenzione sono scritte per liberare i prigionieri e imbiancare le prigioni sioniste.

Salutate i coraggiosi detenuti che affrontano con coraggio e ancora coraggio l’amministrazione e l’autorità penitenziaria per ottenere la loro libertà. La vittoria è alleata del nostro popolo e l’occupazione non c’è più.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

fplpisraelelibanopalestinaprigionieri politici

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Mantenere il sangue freddo, rimanere strategici, definire gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, acquisire forza, puntare al 2027.

Abbiamo tradotto questo contributo di Houria Bouteldja apparso su QG Décolonial per continuare ad approfondire quanto sta accadendo in Francia in merito alla costituzione di un nuovo Fronte Popolare per le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“La Palestina è un laboratorio: così Israele esporta la tecnologia dell’occupazione”

Armi, tecnologie della sorveglianza, droni, tattiche e repressione: Antony Loewenstein, giornalista australiano e nipote di ebrei tedeschi rifugiati, racconta come la Palestina sia diventata il luogo perfetto per gli affari dell’industria militare israeliana.