InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il punto di vista del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina su quanto sta accadendo

Riproduciamo alcuni articoli e dichiarazioni del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina sulla fase che si è aperta in Medio Oriente dal 7 ottobre. In un momento in cui il dibattito pubblico è ambiguo e confusionario leggere le parole dei compagni e delle compagne impegnate direttamente nella lotta può essere utile ad orientarsi. Buona lettura!

Marwan Abdel Aal: Gli effetti e le ripercussioni della battaglia di “Al-Aqsa” non saranno limitati alla Palestina

Marwan Abdel Aal, membro dell’ufficio politico del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina in Libano, ha dichiarato martedì sera che “dobbiamo tutti muoverci a tutti i livelli per fermare questa aggressione, e la Cisgiordania deve muoversi più forte per la sua efficacia e il suo impatto sul terreno”.

Abdel Aal ha sottolineato in un’intervista a Palestine Today TV, che “il nemico non ha la capacità di determinare i suoi obiettivi nella guerra in corso, quindi ha fatto ricorso a colpire i civili e a commettere massacri, e non raggiungere l’obiettivo dell’occupazione di eliminare la resistenza a Gaza è una vera vittoria per questa resistenza”.

Abdel Aal ha sottolineato che “l’esercito di occupazione è stato distrutto e il suo morale è stato scosso in un modo senza precedenti nella battaglia del “diluvio di Al-Aqsa”, soprattutto perché Gaza ha affrontato l’occupazione con una strategia a sorpresa, che ha avuto successo clamorosamente”.

Abdel Aal ha spiegato che “le folle meccanizzate dell’occupazione al confine di Gaza non riusciranno a portare a termine un’operazione di terra con la facilità con cui l’occupazione immagina, quindi diciamo che la questione che Israele è uno stato sicuro è una grande menzogna, e questa entità è destinata ad essere piantata nella nostra geografia araba per espandersi ed espandersi per controllare la ricchezza, le capacità e le terre arabe”.

Abdel Aal ha sottolineato che “lo spargimento di sangue a Gaza continuerà fino a quando ci sarà un silenzio ufficiale arabo e internazionale e una posizione poco brillante che non è salita al livello richiesto”, sottolineando la necessità di “togliere l’assedio a Gaza e condannare questa brutale aggressione, anche se si tratta di minacciare con armi a petrolio”.

Abdel Aal ha anche sottolineato che “l’occupazione non immagina la forma dell’operazione di terra a Gaza, e sarà molto costosa per lui e le sue forze a causa della ferocia della resistenza a Gaza”, osservando che “Israele” ha messo il mondo di fronte al muro, in particolare i paesi che cantano di valori, giustizia e diritti umani.

Abdel Aal ha sottolineato che “gli effetti e le ripercussioni della battaglia del “Diluvio di Al-Aqsa” non saranno limitati alla Palestina, e il futuro politico di Netanyahu a causa di questa battaglia è in gioco, e ci sono importanti trasformazioni in atto oggi a livello globale”, rivelando che “l’asse della resistenza nell’intera regione partecipa alla battaglia del “Diluvio di Al-Aqsa” in varie forme”.

Per quanto riguarda l’escalation dell’aggressione dell’occupazione contro il movimento dei prigionieri palestinesi, Abdel Aal ha concluso il suo discorso dicendo: “L’occupazione pratica un’esecuzione sistematica di ogni prigioniero, sia che si tratti di un prigioniero rilasciato o di un prigioniero all’interno delle carceri”.

Haitham Abdo: La resistenza continua e la prossima è più grande

Urgente| Haitham Abdo, funzionario del FPLP in Libano:

– Ciò che è stato preso con la forza può essere recuperato solo con la forza, non con i negoziati, senza un quartetto, nemmeno con un Consiglio di sicurezza.

– Il detto che sta dietro al nemico dappertutto deve essere riconsiderato, perché questo nemico capisce solo il linguaggio della forza.

– La resistenza continua e la prossima è più grande, e diciamo a questo nemico che quando scenderà a terra e affronterà i resistenti, sarà la seconda sorpresa e la sconfitta schiacciante.

– Questo nemico è ancora sotto l’influenza dello shock e non si è svegliato da esso e sta praticando ogni forma di violenza e terrorismo, e tutto ciò di cui accusa la resistenza è praticato da lui.

– Il nemico vive in un dilemma interno e vive in uno stato di conflitto e c’è disaccordo tra la leadership politica e quella militare

– Netanyahu sa che non appena la guerra sarà finita, andrà in tribunale e il suo mandato finirà, quindi sta cercando di prolungare la guerra

– Ringraziamo il popolo libanese per il sostegno e l’abbraccio alla resistenza e ai diritti del popolo palestinese

Ufficio dei Martiri, dei Prigionieri e dei Feriti del Fronte Popolare: si ritiene l’occupazione responsabile della vita del Compagno Segretario Generale, dei suoi compagni e di tutti i prigionieri nelle prigioni dell’occupazione

O figli del nostro grande popolo palestinese, con l’inizio della battaglia dell’inondazione di Al-Aqsa, l’amministrazione carceraria ha trasferito il Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, il compagno comandante Ahmed Saadat e i suoi compagni, e tutti i prigionieri nelle prigioni del Negev, e l’amministrazione del Servizio Penitenziario Sionista ha preso misure contro i prigionieri, tra cui il taglio dell’elettricità e dell’acqua, la trasmissione di televisione, le comunicazioni e la comunicazione con il resto delle prigioni.

L’amministrazione penitenziaria prende d’assalto tutte le prigioni con le unità Masada e Daron, ufficiali e soldati dell’esercito sionista, perquisisce le sezioni dell’amministrazione penitenziaria, fa fiutare i cani, umilia i prigionieri praticando tutti i tipi di tortura, li priva dei loro diritti umani più elementari, impedisce le visite delle famiglie dei prigionieri e ritira i diritti di tutti i prigionieri.

Noi, nell’Ufficio dei Martiri, Prigionieri e Feriti del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, riteniamo l’amministrazione dell’Autorità Penitenziaria e le autorità di occupazione sioniste responsabili della vita del Compagno Segretario Generale e dei suoi compagni, così come di tutti i prigionieri, nelle prigioni di occupazione.

Pertanto, le organizzazioni internazionali e umanitarie, l’Organizzazione Internazionale della Giustizia e il Comitato Internazionale della Croce Rossa devono svolgere i loro compiti, visitare i prigionieri nelle carceri sioniste e conoscere le loro condizioni nelle prigioni e nei centri di detenzione dell’entità sionista.

Dal 7 ottobre, le forze di occupazione sioniste hanno lanciato arresti e incursioni che colpiscono il nostro popolo di resistenza e i prigionieri, e noi mettiamo in guardia l’occupazione sionista dal continuare la campagna di arresti, e che il nostro popolo e la sua resistenza non staranno a guardare con le mani in mano su ciò che sta accadendo in Cisgiordania, e riteniamo il nemico pienamente responsabile della vita del nostro popolo, e che la resistenza sarà per il nemico all’erta.

La resistenza a Gaza oggi è impegnata in un’eroica battaglia contro le forze di occupazione sioniste, e le più meravigliose epopee di eroismo, orgoglio e redenzione sono scritte per liberare i prigionieri e imbiancare le prigioni sioniste.

Salutate i coraggiosi detenuti che affrontano con coraggio e ancora coraggio l’amministrazione e l’autorità penitenziaria per ottenere la loro libertà. La vittoria è alleata del nostro popolo e l’occupazione non c’è più.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

fplpisraelelibanopalestinaprigionieri politici

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.