InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Il Comando del Quartier Generale del Centro di Difesa del Popolo (HSM) ha rilasciato una dichiarazione negando qualsiasi coinvolgimento nell’esplosione mortale di domenica in Istiklal Avenue a Istanbul.

Mentre i funzionari turchi hanno annunciato che 46 persone, tra cui la persona che presumibilmente ha lasciato la bomba sulla scena, sono state arrestate in relazione all’esplosione, l’HSM ha chiesto che venga esposto il background dell’attacco mortale.

La dichiarazione rilasciata lunedì dal Comando del Quartier Generale HSM include quanto segue:

“Prima di tutto, porgiamo le nostre condoglianze ai parenti delle vittime e auguriamo ai feriti una pronta guarigione. Non abbiamo nulla a che fare con questo incidente ed è ben noto all’opinione pubblica che non prenderemo di mira direttamente i civili né approveremo azioni dirette contro i civili. Siamo un movimento che conduce una lotta giusta e legittima per la libertà. Agiamo sulla base di una prospettiva che cerca di creare un futuro comune, democratico, libero e paritario con la società turca. Da questo punto di vista, prendere di mira la popolazione civile in qualsiasi modo è decisamente fuori questione.

E’ un’amara verità che il regime AKP-MHP stia avendo difficoltà di fronte alla nostra legittima lotta in via di sviluppo. Soprattutto con l’esposizione del loro uso di armi chimiche e le immagini che dimostrano che danno fuoco ai cadaveri dei loro stessi soldati, è ovvio che c’è un tentativo di mettere in atto un piano oscuro per distorcere del tutto lo stato attuale. I funzionari turchi che indicano Kobanê come obiettivo in relazione a questo attentato rivelano l’aspetto del loro piano. Se guardato da questo punto di vista, è ovvio che si tratta di un evento oscuro, e sebbene si affermi che l’autore sia curdo o siriano, questo non cambierà le conseguenze. L’incidente indica l’avvio di un piano oscuro. A questo proposito, è importante che i circoli democratici e l’opinione pubblica della Turchia vedano l’auspicato periodo buio e si battano per la denuncia di questo incidente”.

Anche il Comandante in Capo delle SDF (Syrian Democratic Forces) Mazlum Abdi ha smentito fortemente la tesi di Ankara di un coinvolgimento delle forze del confederalismo democratico nell’attentato.

Le Ypg in un comunicato attraverso il loro portavoce Noori Mahmood spiegano così il tentativo del governo di Erdogan di accusare il movimento curdo dell’attentato: “La crisi che il governo Erdogan sta affrontando soprattutto con l’avvicinarsi della data delle elezioni il prossimo anno. Erdogan sta cercando di trovare un motivo per convincere il mondo e ottenere l’approvazione internazionale per lanciare un attacco alle regioni del Rojava e del nord-est della Siria, questa operazione è la sua carta di sopravvivenza alle prossime elezioni.”

Di seguito la trasmissione di Radio Onda d’Urto con gli interventi da Istanbul di Mariano Giustino giornalista e inviato di Radio Radicale; di Murat Cinar giornalista della sinistra turca; di Davide Grasso docente, ricercatore e gia’ militante della resistenza curda in Siria del Nord Ascolta o scarica

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Attentato Istanbulconfederalismo democraticoerdogankurdistanpkkRojavaturchiaypg

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Di base in base. La fitta rete militare Usa-Nato in Italia

Alea iacta est. Il dado è tratto. Le nuove bombe nucleari USA a caduta libera saranno dislocate in Europa entro la fine del 2022 con tre mesi di anticipo sul cronogramma fissato da Washington con i partner NATO.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele: nasce il governo più a destra di sempre. Proteste fuori dalla Knesset

Al via dentro la Knesset, il Parlamento di Tel Aviv, il dibattito che porterà alla nascita del governo israeliano più a destra di sempre, fondato sull’accordo tra il Likud di Netanyahu (di nuovo premier), l’ultradestra religiosa e di quella, ancora più a destra, di Potere Ebraico e Sionismo Religioso, espressione politica dei coloni più oltranzisti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Tana dei Leoni non è un fenomeno transitorio: si profila una rivolta armata

Disincantati dal modello politico fallito dell’Autorità Palestinese e sempre più impressionati dalla resistenza armata a Gaza, una ribellione armata in Cisgiordania è semplicemente una questione di tempo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Per Lucha Indígena “Lo stato è il problema”

“La mobilitazione sociale in Perù è contro il potere economico che ha occupato lo stato. Per questo chiediamo la chiusura del congresso e l’inizio di un Governo Provvisorio delle organizzazioni popolari oggi in lotta di resistenza contro il neofascismo”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Capodanno turco: continuano gli attacchi chimici alla rivoluzione curda

Il silenzio internazionale si fa scudo del presunto ruolo di mediatore di questo paese nella guerra tra Russia e Ucraina. Nel frattempo, la Turchia viola i trattati, usa armi illegali e colpisce con i droni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Caucaso: 60mila persone in piazza in Artsakh contro il blocco azero del corridoio verso l’Armenia

Dal 12 dicembre l’unica strada che collega Artsakh e Armenia è stata occupata dagli azeri, che – nonostante la presenza di truppe russe a controllo del corridoio – impediscono il transito dei beni di prima necessità: cibo, riscaldamento e anche farmaci.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Miti e misfatti dell’attuale crisi energetica

Con la distruzione dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 (avvenuta lo scorso 26 settembre), L’Europa ha tagliato i ponti dietro se stessa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: “I nostri prigionieri non hanno commesso delitti, c’è una chiara persecuzione politica”

Per comprendere lo sciopero della fame di cui sono protagonisti i prigionieri politici mapuche del Coordinamento Arauco Malleco, parliamo con il portavoce del CAM, Rafael Pichún Collonao, che ci ha dichiarato che nonostante la criminalizzazione che subiscono da parte dello stato cileno, “loro sono decisi e in lotta”. di Carlos Aznárez e María Torrellas -Descrivici […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attentato di Parigi: un video dimostra che la polizia ha mentito sull’arresto dell’aggressore

La polizia ha detto di aver catturato l’aggressore e le autorità si sono congratulate con loro perché lo hanno catturato “rapidamente”. Tuttavia, il filmato mostra che l’aggressore è stato neutralizzato dai negozianti e che la polizia è arrivata sulla scena molto tardi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: attacco contro il centro culturale curdo Ahmet-Kaya, proteste e scontri di piazza

Dopo l’attacco, centinaia di giovani curdi e solidali si sono radunati attorno al Centro culturale dell’X arrondissement, dando vita a durissimi scontri con la polizia tra sanpietrini, lacrimogeni e cariche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco armato contro un’associazione curda a Parigi. Tre morti e diversi feriti

Poco prima di mezzogiorno a Parigi un uomo ha aperto il fuoco a Parigi contro il centro culturale curdo Ahmet-Kaya, al numero 16 di rue d’Enghien nel quartiere Saint Denis. L’assalitore avrebbe anche sparato su un ristorante curdo e un parrucchiere sulla stessa strada.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Filmato dell’azione di guerriglia contro le forze turche nel Kurdistan meridionale

Gerîla TV ha pubblicato una registrazione video di un’azione contro un campo base turco nel distretto di Zakho. Tre soldati delle forze di occupazione sono stati uccisi a seguito dell’azione all’inizio di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mahmut Tat estradato in Turchia dalla Svezia

Il membro del Pkk consegnato a Erdogan. Primo «rimpatrio» per ottenere l’ok della Turchia all’ingresso nella Alleanza Atlantica

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gerîla TV pubblica il filmato dell’operazione rivoluzionaria a Metina

42 soldati dell’esercito turco sono stati uccisi in un’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Metîna delle zone di difesa Medya nel nord dell’Iraq.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: blocco al check-in di Turkish Airlines in solidarietà con il Rojava

Ieri decine di persone, al grido Biji Rojava, hanno bloccato il banco check-in all’Areoporto di Napoli della Turkish Airlines, con uno striscione che riportava la dicitura ”Stop ErdogAn war, defend Rojava” in solidarietà alla resistenza della rivoluzione confederale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: rientrata in Italia la delegazione di Radio Onda d’Urto. Conferenza stampa a Brescia

Sono rientrate-i nelle scorse ore in Italia le-i corrispondenti di Radio Onda d’Urto dal Rojava, i territori del Nord e dell’Est della Siria da una decina d’anni amministrato secondo i principi rivoluzionari del Confederalismo Democratico, che prova a unire dal basso e nell’autogoverno popolazioni curde, arabe, cristiane, assire, circasse e di tante altre realtà, in […]