InfoAut
Immagine di copertina per il post

Guerra mondiale ibrida

Diventa sempre più verosimile la tesi di molti geopolitici che siamo già in una guerra mondiale.

di Omar Felipe Giraldo

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è appena la punta dell’iceberg di una guerra ibrida nella quale si riordinano le potenze economiche mondiali, con una componente bellica, certamente, con missili e carri armati (si calcola che questa guerra già faccia mezzo milione di morti), ma che include anche, come tutte le guerre, cambiamenti economici, energetici, politici, tecnologici e monetari. Questa guerra mondiale ibrida è il risultato di una crisi cronica del capitalismo, in cui l’egemonia statunitense si trova in aperta decadenza mentre cresce un blocco asiatico multipolare guidato dalla Cina.

Diceva il Subcomandante Marcos che le guerre mondiali sono momenti di riordinamento geopolitico. Sia attraverso una strategia o un’altra, il risultato finale di ogni guerra mondiale è l’emergere di un nuovo mappamondo. Orbene, è già chiaro che il mappamondo in emergenza è il risultato del riordinamento multipolare globale e della conquista di territori nei due blocchi: uno, con epicentro in Cina e i suoi alleati, e l’altro, con il vecchio blocco egemonico guidato dagli Stati Uniti e dalla NATO. Tutti i fatti che stanno avvenendo negli ultimi giorni, devono essere analizzati nel contesto delle tensioni imperiali per il nuovo ordine globale, che prendono il volto di una guerra mondiale in corso, come ha recentemente circoscritto il presidente siriano Bashar Al Assad (http://bit.ly/3ZdrAvu).

L’Ucraina è soltanto il territorio prestato per ingaggiare una battaglia di questa guerra. Ma il territorio può cambiare e allargarsi ad altre regioni. Si pensa che il prossimo scenario della guerra scoppierà in qualche luogo del Pacifico. Oggi tutti gli occhi sono puntati su Taiwan, ma potrebbe essere in qualsiasi altro territorio. E per preparare lo scenario tutti stanno armandosi fino ai denti: il Pentagono ha approvato un bilancio record per il 2023 di $842 miliardi di dollari per cercare di tenersi aggiornato nello svantaggio tecnologico che da anni grava sui suoi avversari. E questo senza contare sul riarmo dell’Unione Europea e degli altri paesi della NATO per dare assistenza bellica all’Ucraina. Da parte sua il partito comunista cinese ha approvato un bilancio militare annuale per il 2023 di $224 miliardi di dollari (un aumento del 7%), mentre la Russia si ritira dall’accordo antinucleare e minaccia l’Occidente dicendo che si difenderà con qualsiasi arma, mentre suggerisce che duplicherà la produzione di missili ad alta precisione.

La spiegazione più immediata di questa guerra di potenze è la lotta per il controllo territoriale. Questo è certo, ma c’è di più. La guerra è la cosa sensata, non la cosa folle, quando ci sono crisi capitaliste, come sta avvenendo da decenni, dato che il sistema soffre di una crisi di sovraccumulazione cronica che si esprime nella caduta dei tassi di profitto.

Fonte: Robert Brenner http://bit.ly/3TxE53s

Che significa questo? Che la redditività è sempre più minore e, di conseguenza, i capitali trovano sempre meno sbocchi redditizi di investimento. Come dire, i capitali rimangono oziosi: non trovano dove accumulare. Un dato che dimostra che questo è in realtà quello che sta avvenendo, è che prima di iniziare la pandemia il capitale ozioso era aumentato da $6,6 miliardi a $14,2 miliardi di dollari tra il 2010 e il 2020: una quantità superiore al totale di tutte le riserve in divisa dei governi centrali del mondo.

Dobbiamo ricordare che, come ha analizzato Karl Polanyi, la seconda guerra mondiale fu la risposta sensata di fronte ad una crisi cronica di sovraccumulazione che per decenni non si era riusciti a correggere. Una volta finita la seconda guerra inizia la grande crescita economica guidata dagli Stati Uniti, che è la constatazione che la guerra è consustanziale alla logica dell’accumulazione di capitale.

Tyler Cowen, un esperto economico nell’area della stagnazione economica, ha espresso la necessità di una conflagrazione bellica delle dimensioni dei nostri tempi in un controverso articolo pubblicato nel 2014 sul New York Times dal titolo: “La mancanza di grandi guerre può stare compromettendo la crescita economica” (https://nyti.ms/3FBy7sP). Secondo Cowen la guerra non solo aumenta la spesa pubblica che mette la gente a lavorare, come pensava Keynes, ma prima di tutto “la possibilità stessa di una guerra pone l’attenzione dei governi nel prendere alcune decisioni di base giuste”. Cowen fa una confessione che non molti si azzardano a fare: l’unico modo di attivare un capitalismo stagnante è attraverso la guerra.

E il fatto è che in un contesto di caduta dei tassi di profitto, la salvezza per i capitali oziosi in cerca di redditività attrattiva, per decenni, è stata la speculazione finanziaria. È lì che si è rifugiato ed è stato visto crescere e crescere. Ma questo ha dei limiti. Il capitalismo, come un tutto, non può durare accumulando indefinitamente nel mercato finanziario. Deve aprire fonti di economia reale. E per questo la cosa migliore è la guerra, perché, permette una “distruzione creativa” per la futura ricostruzione, apre opportunità di investimento molto redditizie nell’industria bellica, e, in genere, dinamizza una quantità di settori dove si possono promuovere nuovi poli di accumulazione di capitale.

Ancora non sappiamo se la bancarotta della Silicon Valley Bank e di altre bache, si tradurrà in una crisi finanziaria come quella del 2008 che obbligherà i capitali a uscire in massa a cercare nuove fonti d’investimento nell’economia “reale”. Ma in qualche modo il terreno è già stato preparato, con il falso discorso della transizione energetica. Perché oltre all’industria militare, gli stati stanno incoraggiando investimenti in pannelli solari, energia eolica, idrogeno verde e trasporto elettrico, fatto che a sua volta promuove l’attività megamineraria, principalmente rame, litio, cobalto, zinco, cadmio e terre rare, e aumenta la domanda di petrolio e carbone. La crisi energetica europea, precipitata per le sanzioni alla Russia, ha accelerato gli investimenti in questa transizione verso le mal chiamate energie rinnovabili, e questo sta aumentando la domanda di minerali e risorse fossili, in uno scenario dove abbiamo già passato il picco del petrolio.

L’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) ha appena finito di affermare (http://bit.ly/3nbzGY9) che l’offerta di petrolio per il secondo semestre del 2023 non potrà soddisfare la sua domanda. Questo significa molte cose, ma nell’immediato prezzi alti, che non farà che aumentare l’inflazione mondiale, incrementare ulteriormente il prezzo degli alimenti, in uno scenario molto negativo per gli Stati Uniti, dato che in questa guerra ibrida la Cina ha appena finito di oliare un accordo storico tra le potenze petrolifere dell’Arabia Saudita e dell’Iran, fatto che minaccia il controllo statunitense sul Medio Oriente. È molto chiaro che siamo in una guerra geopolitica per le risorse: petrolio, carbone, gas, minerali, terra, acqua, e tutta la catena di fornitura per i semiconduttori, e in questo il blocco asiatico ha tutto il vantaggio, non solo perché da tempo sta consolidando accordi per il controllo delle proprie nel continente, ma anche in Africa e America Latina. La Cina ha preso il comando molti anni fa sulla maggior parte dei fronti, e senza dubbio la sua scommessa più importante è la nuova rotta della seta e la sua rinnovata alleanza con la Russia ribadita nell’incontro di questa settimana tra Putin e Xi Jinping.

Qualcosa di molto importante sta avvenendo nel contesto del capitalismo globale: il declino del capitalismo neoliberale. La Cina ha dimostrato che un capitalismo di stato può giungere ad essere moltissimo più efficiente per l’accumulazione di capitale, del capitalismo di libero mercato. E gli Stati Uniti, l’Unione Europea e i paesi alleati lo sanno. Ci sono varie analisi economiche recenti che mostrano come le nazioni occidentali stiano coproducendo una crisi finanziaria mediate l’incremento del tasso d’interesse per portare il sistema finanziario commerciale alla rovina, sotterrando poco a poco l’economia di mercato, per fare un riassetto monetario mediante divise digitali delle banche centrali. In altre parole, secondo questi analisti sarebbe in marcia un’operazione per ridurre le banche, concentrarle e nazionalizzarle, di modo che tutti i depositi in futuro rimangano nel conto della banca centrale in forma digitale, mentre si va ad eliminare il denaro in contanti.

La guerra ibrida avviene anche nel sistema monetario, e il blocco occidentale sta facendo queste scommesse in uno scenario molto avverso, dato che i paesi con materie prime potrebbero legare le divise digitali ad asset reali, fatto che consolidandosi metterebbe fine all’egemonia del dollaro e dell’euro. Cina, Arabia Saudita, Russia, Iran possono creare una super divisa sostenuta sulle loro ricchezze naturali, e da lì la necessità di fare riassetti del sistema monetario. Anche se ancora è molto presto per affermarlo, non è assurdo sospettare che il capitalismo di mercato stia mutando in un sistema economico pianificato in uno scenario di riordino politico globale.

Tyler Cowen aveva ragione: solo la guerra permette di dare un nuovo impulso ai processi dinamici di accumulazione del capitale mediante il tipo riaggiustamenti economici, politici, tecnologici ed energetici di cui siamo testimoni, e che molto sicuramente si apprestano ad approfondire mentre si aprono nuove battaglie nel fronte di combattimento. 

*Professore della Scuola Nazionale di Studi Superiori, ENES Mérida, Università Nazionale Autonoma del Messico.

Foto: Radio Zapatista

23 marzo 2023

Desinformémonos

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

guerraimperialismomonetarussiaUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Commercio di armi: Leonardo Spa partecipa al massacro dei Palestinesi

L’alleanza tra Leonardo Spa, azienda italiana a partecipazione pubblica che è attiva nella produzione e fornitura di tecnologie e armi a livello mondiale nonchè primo produttore di armi nell’Unione Europea, e Israele è consolidata da decenni ed è florida.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

No alla disumanizzazione! Fermiamo il genocidio!

Pubblichiamo di seguito l’appello alla mobilitazione in solidarietà alla Palestina lanciato dal coordinamento Torino per Gaza per domani sabato 2 marzo rivolto a tutte le piazze italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

L’invasione di Gaza è anche una catastrofe climatica

Solo i primi 60 giorni di conflitto hanno provocato la dispersione nell’atmosfera terrestre di 281mila tonnellate di anidride carbonica

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La NATO guida il riarmo globale tra cyberwar e tecnologie quantistiche

Alea iacta est. Il dado è tratto. Ciò che disse Cesare prima di varcare il Rubicone e iniziare la guerra contro Pompeo, lo hanno ripetuto duemila anni dopo i Capi di Stato maggiore della difesa dei 31 paesi membri della NATO più la new entry di Svezia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Come fa la Leonardo a dire che non è implicata nei teatri di guerra?

L’ospedale Bambin Gesù ha rifiutato una donazione natalizia di Leonardo ritenendola “inopportuna”. La Società ha commentato dicendo “In tutti i teatri di guerra in corso non c’è nessun sistema offensivo di nostra produzione”

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Il via libera alla vendita di armi senza remore etiche e morali

Nei giorni scorsi la commissione Affari esteri e Difesa del Senato ha approvato alcuni emendamenti finalizzati a modificare  tutti quei meccanismi di rilascio delle autorizzazioni alla vendita di armi che erano stati per anni ferocemente contestati dalle lobby delle imprese belliche trovando sponda nei partiti del centro destra

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: Olimpiadi del colonialismo e della pulizia etnica

Lo stato coloniale, che sta commettendo attualmente una pulizia etnica contro il popolo palestinese, sarà comunque presente alla cerimonia di apertura.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Più resistenti dei diamanti: scontri a Vicenza alla Fiera dell’Oro

In centinaia provano a bloccare il padiglione israeliano, cariche della polizia con fermi e feriti.