InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gruppi di coloni israeliani con legami negli Stati Uniti stanno sfrattando in massa i palestinesi.

||||

Jessica Buxbaum indaga sui numerosi gruppi di coloni israeliani che lavorano per sfrattare le famiglie palestinesi dalle loro case di Gerusalemme Est con l’aiuto di milioni di dollari da donatori americani. 

 

Quasi 20 famiglie palestinesi affrontano lo sfollamento in mezzo a una pandemia violenta e un inverno freddo e umido nella Gerusalemme Est occupata a causa delle cause di sfratto da parte di gruppi di coloni israeliani sostenuti da ricchi donatori americani.

Negli ultimi mesi, i tribunali israeliani hanno confermato gli ordini di sfratto di 16 famiglie palestinesi nei distretti di Silwan e Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est. Gli sgomberi vengono effettuati tramite azioni legali della società israeliana Nachalat Shimon e delle associazioni di coloni Ateret Cohanim ed Elad. Queste tre organizzazioni sostengono che la terra su cui si trovano le case delle famiglie appartiene a loro perché gli ebrei yemeniti possedevano la terra prima del 1948. La discriminatoria legge israeliana in materia legale e amministrativa consente agli ebrei di rivendicare la proprietà dei beni che hanno perso durante la guerra del 1948 ma non garantisce lo stesso diritto ai palestinesi.

Nachalat Shimon opera a Sheikh Jarrah ed è responsabile degli sgomberi di 11 famiglie palestinesi nel quartiere dal 2008. Ateret Cohanim ed Elad lavorano per lo sfollamento dei residenti palestinesi a Silwan e hanno sfrattato 14 famiglie nell’area dal 2015. Silwan fa parte del “Holy Basin” (Bacino Santo) un’area ambita dai coloni ebrei per la sua vicinanza alla Città Vecchia e per i presunti collegamenti con il Re Davide. Mentre 16 famiglie sono minacciate di sfratto imminente, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari stima che oltre 800 palestinesi siano a rischio di sgombero forzato, principalmente a causa dei coloni israeliani.

La prevista annessione della Grande Gerusalemme. Le aree in blu sono, o presto saranno, sotto il controllo israeliano. Credito | Ir Amim

Mentre Ateret Cohanim ed Elad ricevono donazioni israeliane, la maggior parte dei loro soldi proviene dall’estero. Ateret Cohanim ha ricevuto quasi 5 milioni di shekel (1 Milione 250 mila €) in donazioni straniere nel 2018, ma solo 100.000 shekel (25.000 €) a livello nazionale. Elad, nota anche come Ir David Foundation, si è assicurata molti più soldi stranieri con oltre 60.000 shekel (15.000€) provenienti dall’estero nel 2019 e solo 760.000 shekel (190.000 €) da Israele.

Le informazioni pubbliche su dove esattamente queste entità ricevono le loro donazioni sono limitate. Secondo il gruppo di monitoraggio degli insediamenti israeliano, Peace Now, Elad non ha comunicato una lista di donatori al Registro delle Associazioni di Israele dal 2005. Tuttavia, è ben documentato che Ateret Cohanim riceve denaro dalla sua sorella senza scopo di lucro American Friends of Ateret Cohanim ed Elad riceve fondi  dalla sua filiale americana, Friends of Ir David.

Il denaro americano dietro gli insediamenti

L’Agenzia delle Entrate statunitense non richiede alle organizzazioni no-profit di divulgare l’identità dei propri donatori, consentendo agli amici americani di Ateret Cohanim e agli amici di Ir David di non pubblicare queste informazioni nei loro documenti fiscali. Nonostante ciò, Friends of Ir David ha riferito di aver fornito sovvenzioni per 20 milioni di dollari a organizzazioni in Medio Oriente nel 2018. Nelle sue dichiarazioni fiscali, il gruppo scrive che il suo scopo dichiarato è “fornire assistenza alle organizzazioni nella Città Vecchia di Gerusalemme e nell’Antica Città di David”.

Elad sta attualmente lavorando con l’Autorità Archeologica Israeliana per scavare un tunnel lungo quasi 90 metri sotto il quartiere Wadi Hilweh di Silwan nella speranza di portare alla luce il primo e il secondo tempio ebraico. Questo scavo archeologico fa parte dei recenti sforzi di Israele per “giudaizzare” Gerusalemme e cancellare qualsiasi eredità palestinese dalla città.

American Friends of Ateret Cohanim ha dichiarato quasi 550.000 dollari nel 2016 (il documento più recente disponibile). L’organizzazione, nota anche come Jerusalem Reclamation Project (Progetto di Riappropriazione di Gerusalemme), afferma che parte della sua missione è “fornire aiuti per le attrezzature di sicurezza a sostegno della salvaguardia e della protezione dei residenti della comunità e fornire fondi alle famiglie bisognose per la ristrutturazione e la riparazione degli alloggi”.

L’ambasciatore statunitense David Friedman, a sinistra, parla con il magnate dei casinò Sheldon Adelson durante un evento nel quartiere palestinese di Silwan. Tsafrir Abayov | AP

Un’attenta analisi dei rapporti dell’Agenzia delle Entrate del 2014-2019 da parte di MintPress News rivela che i filantropi americani hanno donato ingenti somme a queste organizzazioni.

La Fondazione Hertog, la Fondazione Irving I Moskowitz, la Fondazione Adelson Family, la Fondazione Mindel, la Fondazione Samueli, la Fondazione Jay e Jeannie Schottenstein e il Jewish Communal Fund (Fondo Comune Ebraico) sono tutti donatori di Friends of Ir David. I maggiori contributi provenivano dalle fondazioni appartenenti ai miliardari americani Roger Hertog, Irving Moskowitz e Sheldon Adelson. La Fondazione Adelson Family ha donato a Friends of Ir David circa 3 milioni di dollari nel 2018. La Fondazione Irving I Moskowitz ha contribuito con 1,5 milioni di dollari e la Fondazione Hertog ha donato circa 600.000 dollari durante il periodo di cinque anni.

La Fondazione Cherna Moskowitz, il Jewish Communal Fund e la Fondazione Mermelstein hanno tutti donato agli American Friends of Ateret Cohanim. Durante i cinque anni esaminati, l’ente di beneficenza appartenente alla moglie di Irving Moskowitz, Cherna, ha dato il massimo con un totale di 775.000 dollari.

Queste fondazioni, insieme ad American Friends of Ateret Cohanim e Friends of Ir David, sono soggetti esenti da imposte. Le organizzazioni le cui informazioni di contatto sono disponibili non hanno risposto alle richieste di commento.

Nachalat Shimon è ancora meno trasparente di Ateret Cohanim ed Elad. Secondo i documenti ottenuti da Peace Now, la Shimon Hazadik Holdings LTD è registrata presso l’Autorità delle Società Israeliana come proprietaria di Nachalat Shimon.

L’indagine di Peace Now ha anche scoperto che Shimon Hazadik è registrato nella Divisione delle società del Delaware e un’altra società con un nome simile, Shimon Hazadik Partners, è registrata nel Delaware. Lo status di entrambe le società è stato annullato a causa del mancato pagamento delle tasse. Nachalat Shimon non ha risposto a una richiesta di commento.

La mano del Jewish National Fund nell’avanzare degli insediamenti

Mentre Nachalat Shimon, Ateret Cohanim ed Elad sono le entità principali dietro gli sfratti in corso, anche il Jewish National Fund (Fondo Nazionale Ebraico – JNF) è stato coinvolto nello sgombero delle famiglie palestinesi, in particolare collaborando con Elad.

Il JNF si propone come organizzazione ambientalista che contribuisce a rendere più verde il paesaggio di Israele. In realtà, il JNF ha sradicato le comunità palestinesi da prima che Israele diventasse uno stato.

Un’indagine di +972 Magazine ha scoperto che il JNF ha collaborato con gli avvocati di Elad per decenni per sfrattare le famiglie palestinesi a Silwan. Documenti storici indicano che il JNF ha acquistato proprietà palestinesi a Silwan attraverso la sua controllata Hemnutah. Hemnutah lavora quindi con Elad sui procedimenti di sfratto. In coordinamento con il JNF, Elad sta tentando di sfrattare la famiglia Sumarin dalla loro casa a Silwan.

La connessione USA-Israele

Fin dalla fondazione di Israele, lo stato ha fatto affidamento in modo schiacciante sui dollari americani per mantenere la sua occupazione della Palestina e del Golan siriano, sia attraverso aiuti militari che donazioni agli insediamenti colonici israeliani. Brian Reeves, direttore per lo sviluppo e le relazioni esterne di Peace Now, attribuisce questo fatto agli Stati Uniti che hanno la più grande popolazione ebraica del mondo al di fuori di Israele.

“Israele non sarebbe un vero Stato oggi se non beneficiasse di finanziamenti stranieri provenienti dagli Stati Uniti”, ha detto Reeves.

“E gli Stati Uniti hanno continuato a investire miliardi di dollari all’anno in attività filantropiche in Israele”, ha aggiunto Reeves.” “Anche se molti di quei soldi potrebbero sembrare destinati all’archeologia e alle cose che tutti sosteniamo, in realtà stanno andando alle organizzazioni di destra che stanno usando l’archeologia per ragioni ideologiche a spese della popolazione locale palestinese”.

Mentre le organizzazioni israeliane, di destra e di sinistra, ottengono sostegno finanziario dagli Stati Uniti, Reeves ha sottolineato che le cause conservatrici si assicurano sostanzialmente di più.

“Per le persone di destra, Israele è il loro progetto preferito, quindi incanaleranno una quantità sproporzionata delle loro donazioni e dell’impegno filantropico verso Israele”, ha detto Reeves.

Come israeliano, tuttavia, la preoccupazione principale di Reeves è come l’afflusso di ricchezza straniera stia di conseguenza guidando le priorità della nazione.

“Venendo da una prospettiva israeliana, come ci sentiamo riguardo al fatto che la nostra politica, i media e l’agenda del nostro paese sono in gran parte influenzati sia dai finanziamenti ebraici di destra che da quelli evangelici?” Ha detto Reeves. “Immaginate se il presidente Joe Biden fosse finanziato per la maggior parte da donatori privati ​​esterni in paesi stranieri.  Sarebbe semplicemente assurdo.”

“Sta violando la nostra sovranità e stiamo permettendo che accada.”

Jessica Buxbaum è una giornalista residente a Gerusalemme che copre Palestina, Israele e Siria. Il suo lavoro è stato presentato in Middle East Eye, The New Arab e Gulf New

Traduzione: Beniamino Rocchetto 

Da: Invictapalestina.org

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

israelepalestinaUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia si arma. Diretta con i portuali di Genova.

«Il Collettivo Autonomo dei Lavoratori Portuali (CALP) di Genova ha denunciato un nuovo sbarco di mezzi militari nel porto ligure, arrivati a bordo di una delle navi della compagnia saudita Bahri (le “navi delle armi”) e diretti a Camp Darby.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

GMO: l’esercito israeliano ha ucciso oltre 400 civili dentro e intorno all’ospedale di Al-Shifa.

Gaza. L’Ufficio Media governativo (GMO) di Gaza ha affermato che più di 400 persone – pazienti, civili sfollati di guerra e personale sanitario – sono state uccise negli attacchi israeliani durante 13 giorni di assedio militare all’ospedale Al-Shifa e ai quartieri vicini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello dei lavoratori palestinesi per la Giornata della Terra. Lottiamo per la nostra terra e per la nostra libertà

Il 30 marzo in Palestina è il Giorno della Terra, che ricorda i caduti negli scontri del 30 marzo 1976 quando l’esercito israeliano inviò le proprie forze in tre paesi (Sachnin, Arraba e Deir Hanna) allo scopo di reprimere le manifestazioni che ebbero luogo a seguito della decisione delle autorità israeliane di espropriare vasti terreni agricoli. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

In Italia stanno sbarcando molti mezzi militari americani

La denuncia dei portuali del Collettivo Autonomo dei Lavoratori Portuali (CALP) di Genova

Immagine di copertina per il post
Confluenza

VOI SETTE, NOI 99%

Dentro la Reggia di Venaria dal 28 al 30 aprile ci saranno i ministri delle 7 potenze mondiali a parlare di transizione ecologica ed energetica. A Torino si sta costruendo un percorso di avvicinamento che vede coinvolti comitati, associazioni ambientaliste, collettivi studenteschi e giovanili, realtà ecologiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: “UNIBO complice del genocidio. Stop accordi con Israele”. La polizia carica il corteo per la Palestina

Centinaia di studentesse e studenti in corteo per le strade di Bologna mentre si svolge l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università felsinea alla presenza della ministra Bernini.