Stampa questa pagina

Gli internazionalisti spiegano perché vanno in Rojava.

10 Gennaio 2022 | in CONFLITTI GLOBALI.

La Comune internazionalista è un luogo che raccoglie persone da tutto il mondo per istruirsi sulla base ideologica del movimento rivoluzionario in Kurdistan e per partecipare alla rivoluzione in Rojava. 

||||
|||| ||||

Per condividere un po' della realtà degli internazionalisti che vengono in Rojava, la Comune ha chiesto ad alcuni membri della Comune internazionalista di raccontarci quali sono le loro motivazioni e cosa li ha colpiti di più finora.

Bruno dalla Germania: Sono un internazionalista dall'Europa. Sono venuto in Rojava perché l'ideologia del movimento di libertà curdo e il confederalismo democratico sono grandi fonti di speranza e comprensione.

Vengo dalla sinistra radicale in Germania. Lì ho visto che la mentalità del sistema non si ferma alla sinistra. Individualismo, liberalismo, comportamento patriarcale, riformismo o una grande mancanza di speranza sono fenomeni predominanti.

Sono venuto qui per sviluppare un atteggiamento verso la rivoluzione che possa resistere a lungo termine e prendere una strada diversa. La vita e le società in Europa sono frammentate, molto isolate dal capitalismo e lontane da una comprensione collettiva. Questo ci rende molto difficile vivere una vita secondo i principi comunitari e socialisti.

bruno.jpg

Nella nostra epoca, una delle più importanti rivoluzioni del nostro tempo è nel Rojava e nel Kurdistan. Per i rivoluzionari e tutti coloro che cercano una via d'uscita dalla dominazione capitalista, è un importante punto di riferimento e una scintilla di speranza. Sostenere e difendere questa scintilla di speranza, attraverso le relazioni pubbliche e il lavoro dei media, educando e riportando dalla terra è anche un motivo importante per cui sono venuto qui.

Per conoscere la rivoluzione in Rojava, la comune internazionalista è il luogo ideale. Qui possiamo conoscere la cultura della regione, la lingua e le particolarità politiche della rivoluzione.

Inoltre, lo scambio comune sulla situazione nei nostri paesi d'origine è un'esperienza preziosa. Qui ha luogo un processo di consapevolezza e offre la possibilità di organizzarsi secondo le necessità rivoluzionarie per trovare il proprio posto in diversi lavori.

E' il luogo ideale per conoscere il processo rivoluzionario qui e per iniziare i lavori qui a livello locale.

Vivere e imparare nel collettivo, aiutarsi a vicenda a svilupparsi, riflettere sulle mentalità del sistema e del patriarcato e cambiare è un'esperienza molto bella. La comprensione della critica, cioè come qualcosa che ci fa andare avanti e ci aiuta a cambiare, invece di metterci sopra gli altri con essa, è una parte importante di questo aiuto reciproco. Dopo un po' di tempo in cui si vive insieme e ci si critica a vicenda, emerge una profonda comprensione e connessione con l'altro. Queste connessioni sono ciò di cui l'organizzazione rivoluzionaria ha bisogno ed è possibile qui nella comune internazionalista costruire la capacità di imparare e sviluppare insieme.

Tekoşer dagli Stati Uniti d'America: Sono arrivato in Rojava all'inizio del 2020. Sono venuto qui con l'intenzione di prendere parte alla rivoluzione e imparare dal Movimento di Liberazione Curdo, dalla loro decennale esperienza nella pratica rivoluzionaria. Sono arrivato in Rojava con poche aspettative, ma qualcosa che mi ha sorpreso è stato il vero senso di comunità che è ancora molto vivo qui, ma è quasi morto in Europa. In Rojava, e altrove in Medio Oriente, la società respira ancora e la nostra Rivoluzione non solo la sta preservando ma la sta portando a un nuovo livello di sviluppo. Nel primo villaggio in cui ho vissuto, i vicini civili ci portavano spesso yogurt e cibo fatto da loro. All'epoca, questo tipo di comportamento era molto strano per me, ma presto ho capito che è così che la società dovrebbe essere. Naturalmente, questo dare senza aspettativa di ritorno è ricambiato.

00tekos-er.jpg

È importante per noi, come rivoluzionari cresciuti nel cuore del neoliberismo, imparare dal modo di vivere che ancora sopravvive in Rojava. Per tutto il tempo che sono stato in Rojava, ho sperimentato questo modo di vivere in ogni villaggio in cui sono stato. Molte di queste famiglie hanno dato così tanto per vedere il successo della Rivoluzione; i loro martiri e la loro attività nel movimento fanno da ponte tra noi, e ogni membro della famiglia si sente un compagno. A parte l'esperienza della società qui, l'educazione del movimento è stata la più impattante sul mio sviluppo personale. Sfidare la profonda influenza del patriarcato è stato un processo molto difficile, specialmente considerando il mio background, e senza questa educazione posso tranquillamente dire che non solo non avrei lavorato per superarlo, ma non mi sarei resa conto della portata dell'influenza. Questo tipo di lotte sono necessarie per sviluppare una mentalità veramente rivoluzionaria e militante e qualcosa che non ho potuto trovare al di fuori del Movimento di Liberazione Curdo.

Christoph dalla Svizzera: Sono venuto in Rojava con un misto di seria preoccupazione di cambiare il mondo e un po' di voglia di avventura. Sapevo un po' della rivoluzione prima di venire qui, ma non sapevo nulla della cultura curda. Quindi il Comune internazionalista con la sua funzione di essere un'interfaccia tra la cultura locale, l'ideologia e la rivoluzione e il luogo da cui provengo, è davvero molto utile per me. Sono molto grato a tutti gli amici che hanno dato molti sforzi ed energie per costruirla.

Nei 2 mesi da quando sono qui, le mie prospettive su molte cose sono cambiate parecchio. Con abbastanza spazio lontano dal Sistema, dalla sua ideologia e dalle circostanze in cui sono cresciuto, è molto più facile vedere chiaramente come queste hanno influenzato il mio carattere. Creiamo un ambiente insieme nella comune per alimentare attivamente questo processo interiore. Naturalmente mi sento spesso confuso con le mie emozioni, i miei pensieri e i miei bisogni a causa di ciò, il che non mi fa sentire molto a mio agio. Ho un po' di crisi d'identità qui. Ma lottare con noi stessi è in realtà l'obiettivo. Naturalmente ci aiutiamo a vicenda in questo. Parliamo anche molto di cosa sia una personalità rivoluzionaria e di quali siano i metodi e le lotte necessarie per sviluppare se stessi.00chris.jpg

Ci sono stati alcuni momenti di cui ho un ottimo ricordo. Uno per esempio è stato il giorno in cui abbiamo analizzato e criticato pesantemente la personalità dell'altro dopo due settimane di blocco educativo auto-organizzato. Stare lì e ricevere tutte le critiche degli amici, sapendo che ognuno di loro desidera solo il meglio per me, è stato un regalo più prezioso di quanto potessi immaginare prima. Un'altra volta abbiamo visitato una famiglia con tre bambini e ci siamo fermati per la notte. Essere invitati e calorosamente accolti e curati è stato prezioso. Anche l'interazione gioiosa con i bambini e il modo di agire comune sono buoni nella memoria. E infine: Mi piace molto ballare le danze tradizionali curde. C'era un grande evento culturale nella città vicina. Ognuno prendeva la mano dell'altro e formavamo un enorme cerchio mentre ballavamo. In qualche modo questo ci univa tutti.

Otelo dal Portogallo: Nel mio paese, non sapevo cosa fare, come vivere. Non accettavo né potevo sopportare di essere integrato nel sistema, di vivere una vita individualista e di essere uno strumento del sistema capitalista. L'unica cosa giusta da fare era lottare per una rivoluzione, ma non c'era una lotta rivoluzionaria, che si opponesse veramente e attivamente al sistema, a cui potessi unirmi, né ero in grado di sviluppare la mia, essendo generalmente isolato e circondato dal liberalismo. Di fronte a questa situazione, la rivoluzione del Rojava e il movimento di libertà curdo mi sono sembrati un picco di speranza per una liberazione vera e mondiale, una lotta rivoluzionaria che offre un'alternativa al sistema capitalista nel XXI secolo, una lotta che è capace di reinventarsi attraverso la critica e l'autocritica, rifiutare il liberalismo e opporsi alle radici dell'oppressione, le radici del sistema statale patriarcale vecchio di 5000 anni.

Da tempo pensavo di andare in Rojava, alla ricerca di una vita significativa e di svilupparmi come rivoluzionario. In questo, la Comune Internazionalista è emersa come un mezzo per arrivare in Rojava e per essere coinvolto nel movimento rivoluzionario curdo, vedere la formazione ideologica e capire meglio come posso sviluppare una lotta rivoluzionaria nel mio paese, anche se questo è ancora molto lontano. Penso che offra una buona opportunità agli internazionalisti di tutto il mondo di vedere la realtà di un movimento rivoluzionario e di rendersi meglio conto del ruolo che l'ideologia liberale ha nell'impedire alle lotte rivoluzionarie di emergere e come possiamo lottare per superarla. Naturalmente ha anche il potenziale per rafforzare i legami internazionalisti, non solo con il movimento curdo ma anche tra i paesi degli internazionalisti che si riuniscono qui, e per imparare anche gli uni dagli altri.00otelo.jpg

Qui, coinvolgendomi attraverso la Comune Internazionalista con il movimento rivoluzionario e i suoi metodi, sto sviluppando una migliore connessione tra la teoria e la pratica, e tra il sentire, il pensare e l'agire, cioè nella vita comunitaria, e in questo modo sto sviluppando una serie di aspetti per costruire un atteggiamento rivoluzionario. Per questo movimento, la lotta interna è forse la più importante, poiché è fondamentale che i rivoluzionari agiscano secondo i loro principi se il loro obiettivo è di diffonderli a tutta la società. In questo senso, la critica e l'autocritica diventano della massima importanza, poiché i nostri caratteri sono stati profondamente modellati dall'ambiente in cui siamo cresciuti.

Una cosa che posso dire ha avuto un'influenza particolare su di me è stata la piattaforma, che si svolge alla fine di un'educazione. Qui, ognuno analizza se stesso e la sua partecipazione all'educazione, e viene poi analizzato e criticato dai suoi compagni. Questi non sono destinati a portare demotivazione, ma ad aiutare e spingere tutti a migliorarsi come rivoluzionari. Nella mia esperienza, questo è stato un importante momento di rinnovamento della prospettiva e della mentalità rivoluzionaria.

Da https://anfenglishmobile.com/

Potrebbe interessarti