InfoAut
Immagine di copertina per il post

Dichiarazione del Newroz 2022: ”Ora è il momento del successo”

||||

Un’alleanza di partiti e organizzazioni curde ha presentato le sue richieste di libertà e pace in Kurdistan e la fine delle guerre globali e delle lotte di potere con una Dichiarazione del Newroz ad Amed (Diyarbakir).

Da Rete Kurdistan

La dichiarazione del Newroz è stata letta dalla co-presidente presidente del DBP (Partito delle regioni democratiche) Saliha Aydeniz in curdo e dal presidente del Partito del popolo e delle libertà (PIA) Mehmet Kamaç in turco. La dichiarazione inizia sottolineando che il Newroz è celebrato da molti popoli del Medio Oriente e del Caucaso come l’inizio della primavera e risale alla leggenda di Kawa il fabbro, che sconfisse il tiranno Dehaq. Il fuoco del Newroz simboleggia la vittoria della ribellione contro il crudele despota.

La dichiarazione prosegue: “Celebriamo il Newroz 2022 in un momento in cui fascismo e colonialismo vogliono condannarci all’oscurità. In tutto il mondo, in Medio Oriente e in Kurdistan, il dispotismo e l’oppressione stanno aumentando. Allo stesso tempo stiamo assistendo a un’enorme resistenza contro di essa. Il capitalismo sta cercando la via d’uscita dalla sua profonda crisi e dal caos che ha causato in nuove guerre. Dopo le guerre per procura in Afghanistan, Iraq, Siria e Libia, la lotta per l’egemonia ha assunto una nuova dimensione con la guerra in Ucraina. Guerra significa distruzione. Chiediamo ai popoli di dire no alla guerra e di costruire una barricata di pace contro le politiche di guerra dei loro stati. La soluzione è una rapida fine della guerra e la capacità dell’Ucraina di essere un imparziale ponte di pace tra l’Occidente e la Russia.

Concetto di guerra totalitaria e sogni neo-ottomani

Il governo dell’AKP/MHP si attiene al suo concetto di guerra totalitaria contro il popolo curdo con i suoi sogni neo-ottomani. In Rojava e nel Kurdistan meridionale viene attuata una politica di occupazione e annessione. Davanti agli occhi dell’opinione pubblica mondiale, viene commesso un crimine contro l’umanità con l’uso di armi chimiche. Per distruggere le conquiste del nostro popolo, per le quali si è combattuto con grandi sacrifici, sono in corso continui attacchi aerei contro il Kurdistan, da sud a Shengal, da Maxmur al Rojava. Condanniamo questi attacchi e chiediamo la loro fine.

Divisione nella politica curda

Questi attacchi sono purtroppo rafforzati dalla divisione della politica curda. È la richiesta prioritaria del nostro popolo che i partiti e le forze curde si astengano da atteggiamenti e politiche contrarie agli interessi nazionali. Chiediamo ai partiti e ai movimenti di stabilire l’unità nazionale e di proteggere i nostri risultati di fronte all’aggressione colonialista e sciovinista contro il popolo curdo.

Libertà per Abdullah Öcalan

Nonostante i suoi sforzi per la pace e una soluzione, Abdullah Öcalan è stato detenuto illegalmente nel sistema di isolamento e tortura nella prigione dell’isola di Imrali per 23 anni. Questo è un crimine contro l’umanità. Le carceri sono state trasformate in luoghi della morte dalla politica dell’isolamento, dove tutti gli ostaggi politici e soprattutto i prigionieri malati sono esposti alla morte. I prigionieri politici continuano a essere detenuti arbitrariamente dopo aver scontato la loro pena. L’Istituto di medicina legale produce rapporti illegali e motivati politicamente sull’idoneità alla detenzione di persone gravemente ammalate. Chiediamo al governo di agire affinché Abdullah Öcalan e tutti i prigionieri politici e quelli malati vengano rilasciati immediatamente.

Non rinunceremo alla nostra lingua madre

Con l’usurpazione del regime di fiduciari, viene attuata una politica mirante al genocidio contro la volontà, la lingua, l’identità e la cultura del popolo curdo. Il curdo è una delle lingue antiche del Medio Oriente ed è stato effettivamente bandito per oltre cento anni. L’ultimo anello della catena delle politiche di negazione e proibizione è il governo dell’AKP. La coalizione di governo dell’AKP e dell’MHP sta trasformando sui canali statali la lingua curda in un mezzo di anti-propaganda contro il popolo curdo e la sua rappresentanza politica.

Allo stesso tempo offrire il curdo come corso elettivo viene presentato come una grande bontà. L’istruzione nella lingua madre è una delle richieste più importanti dei curdi ed è una linea rossa indispensabile. Sosteniamo che la lingua curda diventi una lingua di insegnamento dalla scuola primaria all’università. Dichiariamo ancora una volta che continueremo a lottare per questo.

Libertà e democratizzazione

La politica di guerra speciale del governo dell’AKP/MHP e la guerra totale contro le conquiste del popolo curdo in patria e all’estero hanno portato a una grave crisi economica e a una polarizzazione politica della società.Tutte le risorse del Paese sono mobilitate per questa guerra. Un pesante fardello grava sulle persone, sulle donne e sui lavoratori. La società è condannata alla fame. Per coprire la propria bancarotta e la sconfitta, e per mantenersi al potere, il governo ha organizzato processi farsa per chiudere HDP e bloccare in generale la politica curda organizzata. Come sempre il risultato dipenderà dalla resistenza. Il popolo curdo e i suoi amici stanno resistendo senza sosta e facendo fallire gli attacchi. Allo stesso tempo questi attacchi ci ricordano la nostra stessa responsabilità. Vediamo la via d’uscita nello sviluppo e nel consolidamento dei nostri passi verso l’unità democratica in Kurdistan.Con questo passo, ci assumiamo la lotta di liberazione nazionale in Kurdistan. Siamo convinti di contribuire anche alla democratizzazione della Turchia.

Il popolo curdo è vicino alla vittoria

In questo momento storicamente significativo, celebriamo il Newroz 2022 con lo slogan ” Adesso è il momento del successo”. Il Newroz è il giorno dell’inizio della primavera, delle nuove speranze e aspirazioni e delle grandi conquiste.Il popolo curdo si sta ricreando per il Newroz e si sta concentrando sulla vittoria. Sono più vicini al successo che mai.Celebreremo il Newroz di quest’anno come un festival di libertà e vittoria. Invitiamo tutta la nostra gente a riunirsi attorno al fuoco del Newroz, per amplificare il nostro entusiasmo, la nostra rabbia e la nostra rivolta, per gridare forte la nostra richiesta di libertà e per celebrare ovunque il Newroz. Per rafforzare l’atmosfera di resistenza femminile al Newroz, creata l’8 marzo con spirito di libertà e culminata nella vittoria, invitiamo tutti a riversarsi nelle piazze e celebrare il Newroz con grande entusiasmo. Newroz piroz be!”

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

kurdistannewroz

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: La polizia reprime una marcia in onore di un dirigente mapuche assassinato dai carabinieri nel 2018

La Polizia di Santiago (Cile) ha utilizzato la violenza per reprimere e disperdere le manifestazioni realizzate questo lunedì per il quarto anniversario dell’assassinio del comunero mapuche Camilo Catrillanca, che morì dopo che i carabinieri gli spararono alle spalle.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Congresso nazionale del Kurdistan: la Turchia colpevole di crimini di guerra

Riprendiamo la dichiarazione del KCK (Congresso Nazionale del Kurdistan) che invita alla mobilitazione contro i crimini di guerra dello stato turco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

IRAN: “NEL FINE SETTIMANA 200 CITTA’ IN RIVOLTA, OTTO MILIONI IN STRADA, 90 MORTI A SANANDAJ”. INTERVISTA A UN MEMBRO DELLA RESISTENZA IRANIANA

Domenica 9 ottobre è stato il 24° giorno di proteste contro il regime in tutto l’Iran. Scontri e manifestazioni si sono svolte , secondo i dati diffusi dalla Resisteza Iraniana, in almeno 200 citta’ di tutte le 31 provincie e hanno visto scendere in strada almeno 8 milioni di persone. I manifestanti hanno intensificato le […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

In ricordo di Nagihan Akarsel

La notizia dell’uccisione di Nagihan Akarsel, attivista e studiosa femminista impegnata nella Jineoloji, fuori dalla sua casa di Sulaymaniyah ha sconvolto il mondo martedì mattina. Traduciamo il contributo di Zîlan Diyar, dal Comitato Europeo di Jineolojî e pubblicato sul sito dell’Accademia per la Modernità Democratica. Volevo iniziare con una poesia. Poi ho visto che la […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il fiore della trasformazione sboccia in Kurdistan.

La piena fioritura del Fiore della Trasformazione comporterà lotte difficili e a lungo termine. Ma ciò che la società curda sta cercando di realizzare può essere definito una “nowtopia” in divenire, e molte altre sono visibili all’orizzonte in tutto il mondo, un vero e proprio pluriverso di pratiche e visioni del mondo.  Immaginate questo scenario. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello per una mobilitazione nazionale il 4 giugno 2022 a Roma contro la guerra e l’invasione turca del Kurdistan

Il 17 aprile lo Stato turco ha lanciato una nuova campagna militare volta ad occupare le aree di Şikefta Birîndara, Kurêjaro (Kurazhar) e Çiyayê Reş nella regione dello Zap nel Kurdistan meridionale. In questa campagna transfrontaliera illegale le forze armate turche hanno utilizzato artiglieria pesante, aerei da guerra, droni ed elicotteri e il trasporto aereo […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

23 anni di Newroz

Documento prodotto dallo Spazio Antagonista Newroz di Pisa.  Perchè un ciclo di iniziative sul movimento rivoluzionario curdo A fine dicembre 2021, con la proiezione del documentario su Lorenzo Orsetti, abbiamo riaperto delle riflessioni a partire dalla domanda “perché scegliamo di lottare?” e “quali costi decidiamo di sostenere?”. Ciò che ci ha colpit* di più sono […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ogni tempesta comincia con una singola goccia: Ciao Orso

Ormai tre anni fa venivamo a conoscenza della morte di Lorenzo Orsetti, detto Orso. Le YPG davano notizia del martirio del combattente internazionalista a Baghouz attraverso un comunicato che ricordava la sua vita, le sue scelte e rendeva omaggio alla sua morte per la causa rivoluzionaria del Rojava. Riportiamo le parole di Orso perché possa […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“IL TEMPO DELLA LIBERTÀ È ARRIVATO”: IN MIGLIAIA IN CORTEO TRA MILANO E ROMA PER LA LIBERAZIONE DI ABDULLAH OCALAN

Arrivata anche in Italia la mobilitazione internazionale per la liberazione del cofondatore del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk) e ispiratore del Confederalismo democratico Abdullah Apo Ocalan, arrestato il 15 febbraio 1999 dai servizi segreti turchi a Nairobi, in Kenya, deportato in Turchia e da allora recluso nell’isola-carcere di Imrali. Sabato 12 febbraio ci sono […]