InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cile: Gabriel Boric e Carolina Tohá sul sentiero di Dina Boluarte

Manifesto per Mijael Carbone Queipul e tutti i prigionieri politici

1. Il vigente diritto internazionale in Cile e il consenso delle nazioni riconosce ai popoli originari il diritto ai propri territori e, pertanto, ad amministrare le risorse di questi. Non riconoscendo questo diritto il potere cileno attenta all’esistenza della cultura e all’esistenza del popolo mapuche, mantenendo fino al giorno d’oggi la criminalizzazione di coloro che decidono di esercitarlo e appoggiando con denaro, indagini tecniche, leggi speciali e dando sicurezza armata alle imprese che occupano questi territori. È in questo contesto che Mijael Carbone, come molti, appoggia il recupero di terre e l’uso delle risorse di queste con l’obiettivo di recuperare gli ecosistemi danneggiati dalla monocoltura, come già si può osservare nei terreni da anni degradati dalle transnazionali forestali e che oggi, come è il caso della tenuta Alaska, incominciano a recuperare la loro vita e le fonti d’acqua naturali.

2. Il sequestro da parte della polizia cilena di Mijael Carbone, questo 21 dicembre, è una in più delle tante aggressioni poliziesche e militari che ha dovuto affrontare il werken (portavoce), e fa parte di una pianificazione del governo, della classe politica e degli imprenditori per annullare ogni movimento mapuche, fatto che implica una quantità di risorse che supera di gran lunga il valore delle terre usurpate alla nostra nazione.

3. Si devono sottolineare le molteplici forme di tortura che i poliziotti del “governo democratico” applicano dopo aver immobilizzato i detenuti, non sono solo colpi destinati a generare un danno cerebrale e gas, aggravano anche con colpi di armi da fuoco le ferite precedentemente causate dai proiettili, rompendo ossa e applicando anestetici. In questo caso la Polizia di Investigazione ha applicato un anestetico, la cui chimica ed effetti permanenti sulla salute devono essere indagati. Chiediamo agli organismi pertinenti l’applicazione del Protocollo di Istambul sulla tortura e stabilire le responsabilità individuali e politiche.

4. Gabriel (González Videla) Boric Font, Carolina Tohá Morales, i sostenitori cileni del Fronte Ampio, l’ex Concertazione e il Partito Comunista del Cile sono responsabili di questo patto con la classe imprenditoriale e il mantenimento del sostegno dello stato alle imprese esperte nel distruggere ogni vita, “con abbastanza sostegno politico” come ha riconosciuto la ministra. Questa aggressione avviene nello stesso momento in cui il governo sottoscrive accordi internazionali di libero commercio (TPP11), dalle già conosciute conseguenze ecocide ed espropriatrici, simultaneamente avalla la nuova dittatura recentemente insediatasi in Perù e dal palazzo di governo si minacciano i media indipendenti per aver pubblicato la verità sulla sua posizione. Che rimangano nella storia del Latinoamerica questi fatti, con i nomi dei responsabili. Non si può non ricordare il colloquio che la stessa Carolina Tohá sollecitò a diversi dirigenti mapuche nel 2010, quando si impegnò a sostenere i diritti mapuche come un dovere morale, rispondendo così alla contestazione mapuche che disse che lo faceva per ragioni elettorali. Oggi ascoltiamo le loro parole in questo atto, e in quelle della giudice che effettuò il controllo dell’arresto, vediamo come si rivela il suo profondo razzismo, l’aggettivazione facile di delinquente al werken, il trattamento spregiativo, come fu nel 19° secolo e come hanno vissuto molti dei nostri padri e nonni nel 20°.

5. Uno dei grandi dolori degli usurpatori è che la nostra gente generi risorse, che possa muoversi convenientemente nel proprio mondo di commerci, si erano abituati a vederci sempre con il carretto infangato e un atteggiamento silenzioso credendo che queste manifestazioni di un’economia sostenibile e autonoma sarebbero un argomento per mantenere il pregiudizio che siamo inferiori a loro e lavare la loro coscienza per la spoliazione così come il massacro permanente e selettivo. Con tutte le norme che inventano per controllare e rubare legalmente mediante le loro imposte (la parola mantiene il suo significato letterale), hanno obbligato la nostra gente a creare imprese, nonostante queste non siano uguali a quelle dell’usurpatore, hanno coscienza e fini opposti alle loro. Ieri hanno controllato l’uso degli alberi e dei semi, oggi controllano la nostra gente che applica la medicina naturale e anche chi mantiene forme di allevamento e alimentazione autonome, dividendo coloro che sono organizzati e intimorendo la maggioranza. Hanno decretato che tutto debba passare per i supermercati dei falsi: cibo, idee, educazione, salute, vita e morte. Oggi gli impiegati politici del grande capitale strillano chiedendo di indagare come la nostra gente genera risorse, che interessante sarebbe indagare come loro e i loro capi generano le proprie risorse, come investono per alienare tutto il popolo mediante i loro show sportivi, le loro false campagne di solidarietà, il loro mondo politico dello spettacolo, creando un paese senza cultura, una massa di menti vuote.

6. I lof  (clan) mobilitati e le persone coscienti di ogni nazionalità hanno chiara la propria responsabilità di acquistare potere ed alzare il livello di studio e riflessione del kimvn (conoscenza) e altri pensieri di liberazione, la loro applicazione, l’educazione politica e l’azione che permetta di andare avanti nel recupero dei diritti. La crescente repressione è solo una prova del rafforzamento del processo che permette di emancipare la vita naturale del pianeta.

Libertà per Mijael Carbone Queipul, per tutti i prigionieri politici mapuche, per i coraggiosi dell’esplosione sociale, e per i prigionieri di tutti i movimenti di liberazione.

Marrichiweu!   (Vinceremo!)

Marrichiweu!   (Vinceremo!)

Firmano da vari Pu Lof Mobilitati.

29 dicembre 2022

Desinformémonos

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Boriccilemapuche

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: la Via Istituzionale v/s Resistenza e Controllo Territoriale

Sotto uno stato capitalista e coloniale è impossibile garantire i diritti fondamentali dei popoli originari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il CAM in Sciopero della Fame dice che “Non ci può essere dialogo con militarizzazione, prigionieri politici e senza la restituzione delle terre”

Dal 13 novembre sono in sciopero della fame i prigionieri politici mapuche del CAM (Coordinamento Arauco-Malleco) reclusi nel CCP Biobío di Concepción, Ernesto Llaitul, Esteban Henríquez, Ricardo Delgado Reinao e Nicolás Alcamán, per chiedere l’annullamento della sentenza di condanna a più di 15 anni di reclusione che pesa su di loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: i prigionieri politici mapuche iniziano uno sciopero della fame fino ad ottenere l’annullamento del processo del razzista stato cileno

Facciamo un appello al nostro Popolo, alle comunità in resistenza, così come agli oppressi in generale, ad accompagnare questa mobilitazione con denunce, proteste e azioni contro lo stato cileno e principalmente contro i veri nemici, i capitalisti e i loro lacchè, responsabili di tante ingiustizie, così come del saccheggio dei territori ancestrali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popolo mapuche: accanimento giudiziario verso i dirigenti mapuche con condanne carcerarie eterne

La persecuzione verso le dirigenze mapuche non cessano, nemmeno dietro le sbarre, dove ultimamente abbiamo visto condanne di decine d’anni, una vita intera in carcere, un peso della legge che non cade così nemmeno sui violentatori di diritti umani di questo paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: rifiuto della condanna senza prove di 4 prigionieri politici mapuche del CAM

Queste azioni si iscrivono in un progressismo liberale che reprime i movimenti popolari, una tendenza che soddisfa le richieste dell’estrema destra e dei grandi imprenditori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: a 4 anni dalla Rivolta, centinaia di giovani hanno lottato contro i carabinieri di Boric e hanno ripreso Plaza de la Dignidad

Non sono state le moltitudini del 2019, ma ci sono stati scontri simili a quelli di quell’epoca, con gli “sbirri bastardi” del presidente Boric, questo grande usurpatore e arrivista che si è tenuto il reddito dell’indignazione popolare.