InfoAut
Immagine di copertina per il post

Capodanno turco: continuano gli attacchi chimici alla rivoluzione curda

Nel seguente articolo pubblicato sulla rivista femminista Pikara Magazine, il collettivo valenciano Legerin Azadi denuncia l’uso di armi chimiche da parte del regime turco.

Condividiamo l’articolo pubblicato su Pikara Magazine e scritto dal collettivo Legerin Azadi País Valencià sull’uso di armi chimiche da parte del regime turco contro i guerriglieri curdi nelle montagne del Kurdistan meridionale. Per accedere alla versione originale clicca su questo link.

Il silenzio internazionale si fa scudo del presunto ruolo di mediatore di questo paese nella guerra tra Russia e Ucraina. Nel frattempo, la Turchia viola i trattati, usa armi illegali e colpisce con i droni.

Mai prima d’ora la Turchia ha commesso così tanti crimini di guerra come nel 2022. L’approccio internazionale alla guerra in Ucraina non può essere usato per nascondere che l’occupazione turca del Kurdistan ha portato a numerosi casi di crimini di guerra, tra cui l’uso pesante di armi chimiche e attacchi di droni. Questo insabbiamento è dovuto al ritratto internazionale della Turchia di se stessa come uno “stato di mediazione” tra Russia e Ucraina.

La Turchia è parte della Convenzione sulle armi chimiche (CWC), ma sta violando i suoi impegni nei confronti di questo trattato. Inoltre, il silenzio internazionale è complice di questo. È a causa del suo ruolo di “mediatore”? Perché è il secondo esercito più grande della NATO?

Per anni, le forze armate turche hanno usato queste armi chimiche proibite dal diritto internazionale, nei loro incessanti tentativi di sterminare la resistenza del movimento di liberazione del popolo curdo.

Mappa della Turchia estratta dal rapporto “Rapporto sull’uso turco di agenti chimici in guerra”, Il tuo silenzio uccide.

(1): Questa è la mappa del Kurdistan divisa in quattro diverse parti. Dal 1923 il Kurdistan è sotto occupazione da parte di Siria, Iraq, Iran e Turchia.

(2). Le aree contrassegnate sono Heftanin, Metina, Zap e Avashin; regioni in cui l’operazione turca “Claw-Lock” mira al suo annientamento. Fin dal suo inizio, il 14 aprile, i guerriglieri hanno intensificato la resistenza nelle suddette aree. Negli ultimi 7 mesi una guerra brutale si sta svolgendo in un’area lunga 60 chilometri tra Avashin e Metina. Finora è stato riferito che l’esercito turco ha usato armi chimiche vietate a livello internazionale in 2837 occasioni da aprile a novembre 2022.

Le armi chimiche sono state vietate a livello internazionale dalla fine della prima guerra mondiale a causa delle gravi conseguenze che hanno avuto. Vietati, tranne che nel loro uso contro la rivoluzione in Kurdistan.

La popolazione curda è uno dei più grandi gruppi etnici del mondo senza uno stato proprio. Ha vissuto sotto l’occupazione di Turchia, Iran, Iraq e Siria dalla fine della prima guerra mondiale. Dalla fondazione dello stato turco nel 1923, la popolazione curda nel Kurdistan settentrionale ha combattuto per i diritti umani fondamentali: il diritto alla propria lingua, alla partecipazione politica, alla pratica della propria cultura e all’autonomia.

Il popolo curdo in Turchia è stato oggetto di persecuzioni di Stato, massacri ed espulsioni. Le Unità di Difesa Popolare (hęzen parastina gel – HPG), il braccio armato del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), sono state coinvolte nella resistenza armata contro le politiche di genocidio dello stato turco dal 1984.

Più di dieci tipi di agenti di guerra chimica

Dalla primavera del 2021, sono stati fatti sempre più rapporti che dimostrano attacchi con più di dieci tipi di agenti di guerra chimica contro le persone in Kurdistan: gas mostarda, tabun, gas al cloro, gas lacrimogeni e Buzz15 / BZ.

L’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW), che monitora le armi chimiche vietate, rimane inattiva. L’OPCW è stata creata nel 1997 e conta 193 membri. Uno di questi è la Turchia.

Tutti gli Stati membri concordano, con l’adesione all’OPCW, di dismettere le armi chimiche. L’OPCW, così come le Nazioni Unite, stanno impedendo le indagini sulle accuse contro la Turchia, nonostante il loro numero crescente. Solo la richiesta di uno Stato membro può avviare un’indagine sui sospetti. I governi e l’OPCW non stanno adempiendo alle loro responsabilità e il loro silenzio uccide.

Un guerrigliero di Baz Mordem che subisce l’esposizione a un gas chimico come il gas di cloro. A destra un tentativo dell’esercito turco di distribuire gas chimici all’interno delle grotte. | Foto: SDF Press (Syrian Democratic Forces Press).

Una delle tante armi chimiche usate dall’esercito turco contro i guerriglieri è il gas cloro-polmonare. Un rapporto dell’IPPNW3 (International Physicians for the Prevention of Nuclear War) mostra segni di gas cloro dopo un attacco a Werxelê, nel nord della Siria, alla fine del 2021.

Il rapporto descrive come i soldati turchi introducono contenitori di acido cloridrico nei tunnel della guerriglia curda. È stato pubblicato un video
del guerrigliero di Baz Mordem Mehmet Can Evren, ucciso nell’agosto 2022 a Werxelê (Avaşîn) dopo essere stato avvelenato dall’esposizione ad armi chimiche. Il video mostra convulsioni e mancanza di respiro, che suggeriscono l’esposizione a un gas chimico come il gas di cloro.

Procedimento giudiziario per accuse di uso di armi chimiche

Il 20 ottobre, l’ufficio del procuratore generale di Ankara ha aperto un’indagine contro il presidente dell’Associazione medica turca, Şebnem Korur Fincancı, a causa dei suoi commenti su un video pubblicato dall’agenzia di stampa ANF, il 18 ottobre, che mostrava due membri del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan) soffrire di un attacco chimico nella regione del Kurdistan iracheno (Bashur).

Fincancı è stato trattenuto in custodia per presunta “diffusione di propaganda per un’organizzazione terroristica”. È stata portata nella prigione femminile chiusa, distretto di Sincan.

Dal 20 al 27 settembre, l’IPPNW ha visitato il KRI (Regione del Kurdistan) per indagare sull’uso di armi chimiche. Tuttavia, la sua missione è stata ostacolata dal KDP (Partito democratico del Kurdistan), che collabora con il regime turco per ambizioni strategiche.

Nel rapporto pubblicato il 12 ottobre 2022, l’IPPNW, che ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1985, ha affermato che c’erano prove a sostegno di alcune delle accuse di uso di armi chimiche. Riferendosi all’uso di “gas lacrimogeni, così come agenti chimici improvvisati come il cloro”, gli autori del rapporto hanno chiesto “un’indagine internazionale immediata e indipendente per indagare ulteriormente e prevenire future violazioni del divieto di armi chimiche della Turchia”.

È un privilegio internazionalista non opporsi a questi crimini di guerra?

Un fatto importante è che la fabbricazione di queste armi chimiche viene effettuata in Germania e nei Paesi Bassi. Sembra che il Movimento per la Libertà del Kurdistan, con il suo paradigma di democrazia radicale, ecologia e liberazione delle donne, sia un ostacolo agli interessi di potere delle forze egemoniche regionali e internazionali. Soprattutto perché è la sua forza ideologica, che si muove in tutte le parti del mondo, che è un ostacolo per la Turchia. È il movimento che destabilizza il paese politicamente, come stato, e impedisce la realizzazione dei suoi desideri colonizzatori ottomani in Medio Oriente.

Per un popolo come i curdi è molto difficile essere ascoltati. Per più di 50 anni (dopo la prima guerra mondiale fino alle prime rivolte organizzate alla fine degli anni ’70 da Abdullah Öcalan e da coloro che sarebbero stati i fondatori del PKK) la lingua, qualsiasi accenno alla cultura curda o ai nomi curdi, sono stati banditi e criminalizzati. Ci sono omicidi, torture, incarcerazioni e molte altre violazioni dei diritti umani che persistono ancora oggi. Pertanto, avere una sorta di influenza sul processo decisionale nelle istituzioni internazionali oggi non è qualcosa che dà fiducia al popolo curdo, ma è una strategia di rumore geopolitico.

E’ importante che venga riconosciuta la libertà di queste persone in modo che possano alzarsi e riconoscere le atrocità a cui sono sottoposte. Questa è una situazione che molti popoli colonizzati hanno affrontato nella storia e affrontano ancora oggi. Stiamo combattendo insieme!

Non resteremo in silenzio di fronte alla complicità dei nostri governi!

Le leggi e le regole internazionali sono fatte dagli stati e giudicate dagli stati, con i colonizzatori che sono i più potenti. In quanto membro della NATO e dell’ONU, lo Stato turco ha firmato la Carta internazionale dei diritti umani delle Nazioni Unite ed è candidato all’adesione all’Unione europea. Ciò significa che tutte queste istituzioni internazionali sono direttamente responsabili delle azioni turche in materia di tali questioni.

Pertanto, come società dovremmo essere mossi dalla solidarietà internazionalista in un momento in cui o sosteniamo le richieste delle donne e dei popoli oppressi, essendo questa la nostra responsabilità di liberarci del nostro privilegio europeo, combattendo corpo a corpo, o vedremo come la straordinaria gravità del potere umano che agisce senza alcun tipo di etica, Alla fine ucciderà tutti i nostri popoli fratelli.

Come internazionalisti, numerose organizzazioni si sono mobilitate, attraverso la campagna “Defend Kurdistan” per denunciare la complicità internazionale in questi crimini contro l’umanità. Alla complicità criminale dei governi, la nostra risposta è l’unità e la solidarietà dei popoli!

HPG rilascia l’identità di 11 guerriglieri caduti come martiri in un attacco chimico

L’HPG ha annunciato che 11 guerriglieri sono morti nell’area di Saca a seguito di attacchi con armi chimiche da parte dello stato turco e ha invitato le istituzioni competenti a svolgere un’indagine.

L’HPG Press Center ha riferito che 11 guerriglieri sono stati martirizzati a seguito di un attacco con armi chimiche a Saca, aggiungendo: “L’operazione di invasione, iniziata con pesanti attacchi aerei il 14 aprile e atterraggi di elicotteri su Zap il 17 aprile, ha incontrato la più grande resistenza della storia. Oltre ad essere uno degli eserciti della NATO, l’esercito turco ha ricevuto attivamente sostegno finanziario e militare, è stato equipaggiato con tutti i tipi di tecniche di guerra, i piani di genocidio sono stati approvati da potenze egemoniche, sono state effettuate bombe vietate e armi chimiche, anche se sono chiaramente crimini di guerra.

“I tunnel di guerra del martire Xursi nel villaggio di Saca, nel sottodistretto di Şêladize di Amediye, nella regione curda del sud di Zap, sono stati l’obiettivo dell’esercito turco invasore da agosto. I tunnel del martire Xursi furono bombardati con aerei da guerra, obici, mortai ed esplosivi vietati. I nostri compagni hanno compiuto azioni efficaci contro il nemico, non gli hanno permesso di avvicinarsi ai tunnel di guerra per un mese, hanno inflitto colpi pesanti e sequestrato molto materiale nemico”.

Uso di armi chimiche

La dichiarazione ha aggiunto che l’esercito turco ha usato armi chimiche contro la resistenza e ha dichiarato: “Come risultato dell’uso intenso e sistematico di armi chimiche ed esplosivi vietati, 11 dei nostri compagni dei tunnel di guerra del martire Xursi sono caduti come martiri il 5 novembre. Il Ministero della Guerra turco, sotto il comando di Hulusi Akar, ha mentito al pubblico annunciando che il martirio di questi compagni è avvenuto a seguito di scontri e ha tentato di coprire i crimini di guerra che avevano commesso con l’uso di armi chimiche.

I dati identificativi dei martiri sono i seguenti:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

armi chimicheconfederalismo democraticocurditurchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”