InfoAut
Immagine di copertina per il post

California: bloccata fabbrica Raytheon che arma l’esercito israeliano

Il 13 novembre, alcuni manifestanti nel sud della California hanno bloccato una struttura di un appaltatore della difesa in solidarietà con i Palestinesi che vengono colpiti dalle bombe che produce. Questo reportage analizza come sono riusciti a farlo.

da CrimethInc

Alle 7 del mattino del 13 novembre, decine di persone sono confluite nel vasto campus della California meridionale dell’azienda di difesa Raytheon, in risposta a un appello di Lavoratori in Palestina a intraprendere un’azione diretta per bloccare il flusso di armi all’esercito israeliano. Hanno bloccato la struttura per più di sette ore, durante le quali altre centinaia di manifestanti si sono uniti all’azione a ondate, attirati dagli annunci sui social media. Insieme, sono riusciti a bloccare le operazioni dell’impianto per tutto il giorno.

Il cartello all’ingresso principale della struttura.

Situata a sud dell’aeroporto internazionale di Los Angeles e di fronte alla controversa raffineria di petrolio Chevron, Raytheon è uno dei numerosi produttori di armi con sede nel sud della California. Come Lockheed Martin, Northrup Grumman, Boeing, Elbit Systems e General Dynamics, Raytheon trae profitto dai contratti con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Questi contratti consentono a Raytheon e ad altri produttori di armi di trarre profitto dalla fornitura di tecnologia militare come i missili Sidewinder, le bombe a guida laser Paveway, i missili intercettori Tamir e le munizioni per attacco diretto congiunto (JDAM) all’esercito israeliano.

Tali contratti hanno permesso all’esercito israeliano di uccidere oltre 11.000 palestinesi dall’attacco di Hamas del 7 ottobre. L’esercito israeliano ha intenzionalmente preso di mira ospedali, abitazioni e strutture scolastiche; quasi la metà dei morti palestinesi sono bambini. Circa una persona su duecento a Gaza è stata uccisa e non c’è alcuna indicazione che il governo israeliano abbia intenzione di fermarsi. Elementi del governo israeliano hanno esplicitamente proposto di costringere ogni singolo palestinese che non viene ucciso a fuggire nella penisola del Sinai, uccidendo o sfollando 2,3 milioni di persone.

Questo è un genocidio. L’esercito israeliano sta intenzionalmente uccidendo palestinesi a migliaia, unicamente sulla base della loro etnia. Un’azione diretta contro l’industria delle armi che rende possibile tutto questo è una delle uniche cose che potrebbe mitigare il disastro.

Persone che reggono striscioni per bloccare l’ingresso principale di El Segundo, a mezzogiorno.

L’azione

Le persone hanno indetto e coordinato questa azione in modo autonomo, senza il coinvolgimento formale di alcuna organizzazione o gruppo. La mattina di sabato 11 novembre, sui social media è circolato un volantino che indirizzava le persone a un link per iscriversi a un canale Telegram dedicato. Questo annuncio ha fornito meno di due giorni di preavviso dell’azione. Esattamente un’ora prima dell’inizio dell’azione, alle 6 del mattino, sul canale Telegram è apparso un messaggio che annunciava il luogo esatto e l’obiettivo.

Un’ora dopo, i gruppi si sono riuniti in quattro punti della struttura, poiché era necessario bloccare tutti e tre gli ingressi principali per interrompere il lavoro per la giornata. I punti di incontro comprendevano l’ingresso principale della struttura all’incrocio tra El Segundo Boulevard e Continental Boulevard, il primo ingresso a piedi/con tessera elettronica su Continental Boulevard, l’ingresso a piedi/con tessera elettronica nella vicina piazza con i ristoranti e l’ingresso posteriore su South Hughes Way e South Allied Way.

Le barre rosse rappresentano le posizioni dei blocchi nel corso dell’azione. Alcuni di questi sono stati mantenuti per sette ore, mentre altri sono emersi temporaneamente in risposta all’evolversi della situazione.

In primo luogo, le persone hanno sbarrato l’ingresso principale e gli ingressi pedonali. I dipendenti sono stati reindirizzati all’ingresso posteriore, che si trovava a più di un miglio di distanza, a quindici o venti minuti di cammino. Era l’ingresso più isolato di tutti e l’ultimo a essere transennato.

Quando i partecipanti sono arrivati all’ingresso posteriore di Hughes/Allied Way, alle 7:20 circa, sono bastate tre persone per iniziare a creare una barricata e allontanare le auto. Poco dopo l’arrivo di altre persone in quel luogo, un grande camion Raytheon è uscito dal cancello. La gente ha fermato il camion davanti alla barricata e l’autista si è girato, disperando di poter lasciare l’impianto. In quest’area, i partecipanti hanno utilizzato i materiali da costruzione presenti nelle vicinanze per creare tre strati di barricate che si estendevano dall’ingresso posteriore fino alla strada trasversale.

I dimostranti tengono uno striscione davanti alla barricata all’ingresso posteriore.
La barricata su South Hughes all’ingresso posteriore, che ha impedito a un camion di lasciare la struttura all’inizio del blocco.

A due dei tre ingressi, le persone hanno distrutto i tastierini per i codici di accesso come fossero pignatte. Una strada a quattro corsie, molto trafficata, è stata riempita di rocce provenienti da aree commerciali vicine, oltre che di vari materiali per la costruzione, i lavori stradali e il controllo del traffico. L’atmosfera era vivace, con musica fornita da un sistema audio mobile e l’uso occasionale di fumogeni. Alcuni hanno esposto striscioni, altri hanno aggiunto messaggi ai cartelli Raytheon. I partecipanti non si sono controllati a vicenda, ma hanno comunicato con rispetto.

La tastiera dell’ingresso pedonale accanto all’ingresso principale, in tarda mattinata.

La decisione degli organizzatori di non condividere il luogo dell’azione fino all’ultimo momento può aver limitato il numero dei partecipanti, ma è anche riuscita a ritardare la risposta della polizia. La polizia è arrivata all’ingresso posteriore alle 9:25, oltre due ore dopo l’inizio del blocco. Tra queste, la polizia di El Segundo (ESPD), la polizia di Culver City (CCPD) e la polizia di Hermosa Beach (HBPD). Gli agenti del dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles (LASD) li hanno raggiunti più tardi.

La polizia di El Segundo è arrivata all’ingresso principale alle 10:53, ma alla fine se ne è andata. La polizia di Torrance e Inglewood si è presentata all’ingresso con il supporto di altre agenzie alle 12:04.

La polizia ha impiegato molte ore per stabilire il controllo della situazione. I vari dipartimenti di polizia chiamati hanno faticato a coordinarsi tra loro. Gli agenti sembravano confusi. Quelli di un dipartimento davano un ordine da una direzione e gli agenti di un altro dipartimento li interrompevano con un altro ordine da una direzione diversa. Non era chiaro cosa stessero dicendo alla gente di fare; spesso i loro ordini erano completamente incomprensibili.

Non sembrava che la polizia locale fosse esperta nel controllo della folla in questo tipo di situazione. La priorità è stata quella di entrare nel campus Raytheon per proteggerlo dall’interno piuttosto che interagire con i manifestanti.

Un partecipante che si aggira tra le barricate adiacenti all’ingresso principale.

Quando è apparsa la prima barricata all’ingresso posteriore, più isolato, la polizia è scesa dai veicoli e ha faticosamente spostato le barriere, i coni stradali e le recinzioni. Dopo che la barricata sul retro è stata sgomberata, i manifestanti hanno istituito un picchetto itinerante, spostandosi ulteriormente nelle due strade che conducevano all’ingresso posteriore. Questo ha permesso loro di continuare a bloccare l’accesso alla struttura.

Questo picchetto itinerante è stato infine spostato dal gran numero di poliziotti che hanno iniziato a entrare nel sito per posizionare gli agenti all’interno della barricata all’ingresso principale. Dopo l’ingresso di un certo numero di auto di routine della polizia, hanno iniziato ad arrivare diversi Humvee della SWAT e veicoli di emergenza.

Alla fine, la risposta della polizia ha incluso agenti di El Segundo, Torrance, Manhattan Beach, Hermosa Beach, Culver City, Gardena, Hawthorne e Inglewood, oltre al dipartimento dello sceriffo di Los Angeles e alla polizia dell’aeroporto internazionale di Los Angeles. Quattro elicotteri hanno sorvolato il sito per ore. Ciononostante, i manifestanti si sono spostati strategicamente tra i tre ingressi, rafforzando il numero di persone secondo le necessità e proteggendosi efficacemente l’un l’altro dall’arresto. L’azione si è conclusa senza arresti o feriti, nonostante il fatto che, quando i partecipanti hanno deciso di disperdersi, il numero di manifestanti e di poliziotti fosse più o meno pari.

L’ingresso principale della struttura a mezzogiorno.

Contesto

Questa non è stata la prima azione contro Raytheon dall’inizio dell’ultimo capitolo della tragedia in Palestina. Il 1° novembre, oltre 100 attivisti ebrei e palestinesi hanno inscenato un die-in per bloccare l’ingresso di un ufficio Raytheon a Tucson, in Arizona. L’8 novembre, gli attivisti di Arlington, in Virginia, hanno inscenato un die-in e hanno consegnato alla Raytheon un “mandato di comparizione” per un Tribunale dei Mercanti di Morte. Il giorno seguente, 150 persone hanno interrotto la sede di Raytheon a Goleta, in California, per pretendere che il governo degli Stati Uniti chieda un cessate il fuoco, la fine dei contratti militari privati tra Raytheon e il Dipartimento della Difesa e che gli Stati Uniti smettano di armare Israele. Hanno bloccato l’ingresso principale del sito, costringendo i lavoratori a entrare da un altro ingresso. Tutte queste azioni hanno attirato l’attenzione sul ruolo di Raytheon, ma restava da vedere come un numero minore di persone avrebbe potuto chiudere completamente un impianto Raytheon, anche solo per un giorno.

Los Angeles può essere un contesto difficile in cui organizzare azioni dirette. Quasi 13 milioni di persone vivono nelle vicinanze dell’area metropolitana, ma questa popolazione è distribuita su un vasto territorio. I mezzi di trasporto pubblico sono disponibili, ma raramente sono accessibili o rapidi, il che rende difficile il raduno, sia per l’organizzazione che per le azioni. La maggior parte delle reti politiche più radicali sono più o meno isolate, a causa della geografia, dei conflitti ideologici e delle complicazioni della politica identitaria.

Di conseguenza, l’affluenza alle manifestazioni in questa città è stata spesso molto inferiore a quella che ci si aspetterebbe in un luogo con una popolazione così numerosa. Molti di coloro che si presentano sono persone di sinistra e liberali che, nella migliore delle ipotesi, vengono assorbite da organizzazioni che si concentrano su azioni che comportano un alto grado di controllo dall’alto e un impatto deliberatamente limitato. Tali organizzazioni spesso usano la retorica della sicurezza per giustificare la collaborazione con la polizia.

Adiacente al cancello principale: rocce paesaggistiche che fanno la loro parte.

Questo tipo di azione organizzata orizzontalmente è rara nel panorama politico di Los Angeles. Il metodo con cui è stata annunciata l’azione non ha attirato un numero massiccio di persone, ma ha minimizzato il pericolo che la polizia o i contro-protestanti si mobilitassero in risposta. Una volta che l’azione ha preso il via, la notizia ha attirato altre persone, che sono state parte integrante del suo successo.

Vale la pena notare che il Dipartimento di Polizia di Los Angeles (LAPD) non ha risposto all’azione, e questo è stato un fattore che ha influito sul suo svolgimento. La polizia di Los Angeles è una delle più grandi forze di polizia degli Stati Uniti; ha molta pratica nel controllo delle folle e nelle tattiche di contro-insurrezione e si addestra con le forze di occupazione israeliane. Allo stesso tempo, hanno un protocollo più consolidato per affrontare le proteste, quindi possono essere in qualche modo più prevedibili. In alcuni casi, scelgono un approccio più distaccato nel rispondere alle occupazioni. Probabilmente è più facile sopraffare i dipartimenti di polizia più piccoli delle città vicine, ma questo può portare ad adottare un approccio pesante. In questo caso particolare, l’assenza della polizia di Los Angeles ha funzionato per il meglio, poiché i poliziotti della piccola città erano sovraccarichi e non hanno attaccato frontalmente la folla.

La barricata all’ingresso principale della struttura.
I dimostranti aggiungono sassi alla strada mentre la polizia li guarda.

Andare avanti

Partecipare ad un’azione diretta implica sempre un atto di fede, un affidarsi al valore della solidarietà e un mettersi alla ricerca di ciò che è possibile fare nel corso dell’azione. È una cosa che richiede pratica: dobbiamo agire, riflettere e riprovare. Questo particolare esperimento è riuscito a creare un ponte tra diverse comunità, mettendo insieme persone con strategie, esperienze, competenze, background e gradi di tolleranza al rischio diversi. Dare priorità alla sicurezza, alla diversità delle tattiche e all’impatto concreto rispetto al simbolismo ha posto le basi per un intervento efficace rispetto al numero di persone che vi hanno partecipato e al tempo necessario per pianificarlo.

Tra le barricate del cancello principale, guardando Raytheon in lontananza.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAcaliforniapalestinastati unitiTRAFFICO DI ARMI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

Di seguito pubblichiamo alcuni contributi che provengono delle occupazioni studentesche avvenute ieri a Torino e Pisa e aggiornamenti dalle altre università italiane occupate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Salone del Libro: come è fatta la vera censura

Riprendiamo il comunicato del Coordinamento cittadino Torino per Gaza su quanto accaduto ieri al Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

25 Aprile 2024: appunti di lotta dalla piazza di Milano

Condividiamo di seguito la cronaca della giornata del 25 aprile milanese e le indicazioni di lotta che arrivano da questa piazza, tutta a sostegno della resistenza Palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amsterdam: rivolta studentesca per la Palestina

Anche nei Paesi Bassi il genocidio commesso dallo Stato israeliano sta infiammando i giovani.