InfoAut
Immagine di copertina per il post

Nicolò Rondinelli: ‘Ribelli, sociali e romantici! Fc St. Pauli tra calcio e resistenza’

Anche la storia qui ricostruita non viene dal caso. Alle sue spalle, la realtà di un quartiere, il Sankt Pauli, cresciuto a ridosso del porto della metropoli anseatica di Amburgo. Un sobborgo popolare, luogo di emarginazione, prostituzione, delinquenza e, assieme, crocevia di culture, etnie, solidarietà e di un tessuto sociale dal basso imbastito nel corso del tempo. A Sankt Pauli, per intenderci, è stato girato il film I Magliari di Francesco Rosi (1959) con Alberto Sordi, sugli immigrati italiani. Scritturati da un club di Sankt Pauli, nello stesso anno, i Beatles facevano la prima esperienza all’estero e gettavano le basi di quella che, eufemisticamente, chiamiamo la loro carriera, nonché della loro immagine. Nel medesimo club, contemporaneamente, il nostro Mino Reitano…
Un’area urbana abituata quindi a confrontarsi con un’umanità varia, con un antirazzismo per forza di cose già iscritto nel dna, quando le pulsioni xenofobe torneranno a farsi sentire, in una Germania altresì, come quella occidentale, che, detto anche qui eufemisticamente, non ha fatto i conti con il proprio passato, nella fattispecie riguardo l’impunità dei gerarchi nazisti. Proprio in Germania, però, si sviluppa negli anni Ottanta un forte movimento antagonista, per l’ambiente, per l’occupazione delle case (da cui trarranno ispirazione i nostri centri sociali) e contro il neofascismo. In seno all’Antifa farà la sua comparsa il Blocco nero. A comporre la colonna sonora, un’affollata scena punk. Questo fermento, assai presente nel quartiere Sankt Pauli, andrà a riversarsi sugli spalti dello stadio locale, tra i tifosi della squadra bianco-marrone, combinazione di colori sociali di per sé alquanto singolare. Gli ultrà prendono come simbolo il Jolly Roger, su cui qui si fa ampia disamina: teschio e ossa incrociate mutuati dal punk, ad affermare la propria indole corsara e ribelle. Il logo, riprodotto nei modi più disparati, farà il giro del mondo, tantoché la squadra del St. Pauli figurerà tra le prime dieci per merchandising, testimoniando la simpatia cresciuta attorno ad un team non propriamente blasonato, che vanta appena qualche comparsata in serie A e qualche memorabile vittoria contro le grandi, ma divenuto ugualmente riferimento morale e politico: un cosiddetto kult club.
Quella dello stadio Millerntor è una curva che vive in simbiosi con la realtà esterna, che si fa esempio affinché questa possa mutare o non degenerare, che si occupa delle varie sfaccettature della vita sociale, come l’educazione al rispetto delle diversità, la prevenzione dell’alcol e delle droghe presso i più giovani e tanto altro. Lo spirito ricorda un po’ quello di certi vagheggiamenti del socialismo utopistico, di alcune forme di organizzazione del tempo libero messe su dal movimento operaio oltre un secolo fa, come i club di vita morale, e delle organizzazioni cooperative e mutualistiche dello stesso periodo per cui, per la prima volta, si usò il termine “resistenza”. Da questa curva sono stati gridati e scritti slogan divenuti celebri come, “Niente gioco del calcio per i fascisti”, “A voce alta contro i nazi” e l’ironico autoreferenziale “Mai più guerre, mai più fascismo, mai più serie C”. Contro il razzismo è stato adottato il motto “Nessun uomo è illegale”, la cui concretizzazione ci porta alla stretta attualità, con un progetto del club che ci riguarda da vicino, vale a dire il Lampedusa in Hamburg, finalizzato ad assistere gli immigrati provenienti dall’isola.
Come si evince da progetti come questo, quella del St. Pauli è una tifoseria che è riuscita ad influenzare e condizionare la dirigenza del club, nel corso degli anni, tantoché i valori di cui si fa promotrice – antifascismo, antirazzismo, antidiscriminazione etc. – sono finiti nello Statuto stesso. Nel calcio moderno, regolato da criteri commerciali e di mero intrattenimento in modo sempre più totalizzante, non è certo impresa facile e quella della mercificazione è stata una deriva che i tifosi si sono trovati a combattere. Una deriva che, in termini urbanistici, è definita gentrification, fenomeno, si esplica in una nota, inerente la riqualificazione dei quartieri popolari attraverso il flusso di capitale privato e l’insediamento della classe media con l’inevitabile snaturamento della fisionomia sociale del posto. Un discorso che si può estendere a tutti gli altri aspetti del vivere. Ebbene, nonostante tutte le avversità, gli ultrà bianco-marroni sono riusciti a conseguire delle vittorie, come nel caso dell’opposizione al progetto Sport-dome che prevedeva la trasformazione dello stadio in una sorta di centro commerciale. In conclusione, come recita una scritta tracciata proprio nei pressi dello stadio: “St. Pauli resta politico!”.
Non rimane quindi altro da fare che immergersi in questa piacevole lettura, adattamento di una Tesi di Laurea magistrale in Consulenza pedagogica, dedicata “A chi lotta e resiste in ogni dove”, ed acquisire una mole smisurata di informazioni sul quartiere di Amburgo, le sue origini e la sua storia sociale e politica, utile anche come ottima guida turistica, fino a toccare approfonditamente gli elementi sportivi ed agonistici. A fare da architrave del tutto, una corposa bibliografia, comprendente anche fanzines e pubblicazioni di movimento, nonché interviste ai protagonisti e materiale audiovisivo.
L’autore, Nicolò Rondinelli di Novara, trentatré anni ancora da compiere, è educatore per minori presso una cooperativa sociale, uno dei fondatori dell’associazione culturale Lucha libri, calciatore e dirigente dell’Asd Csrc Cuore e chitarrista del gruppo punk ’n roll Johnny y los santos. Tutti impegni ed interessi che si riflettono ampiamente in questa pubblicazione, come poche altre didascalica e appassionante insieme.
pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

amburgocalcionicolò rondelliresistenzaribellisociali stpaulstpaul

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Fabu – Abboccano?

La vignetta di Fabu – Abboccano?

Immagine di copertina per il post
Culture

Saramago, Lisbona e il pallone

Il 16 novembre 1922 nasceva nel piccolo comune di Azinhaga, facente parte del distretto del Portogallo centrale di Santarém, lo scrittore José de Sousa Saramago.

Immagine di copertina per il post
Culture

Qatar. Calcio, sangue, armi, gas

La squadra italiana non parteciperà a questi mondiali perché non si è qualificata, ma al posto dei calciatori sarà comunque presente una task force italiana che comprende circa 600 militari e carabinieri, con mezzi e armamenti terrestri, navali ed aerei.

Immagine di copertina per il post
Culture

26 anni di Askatasuna: “In lotta nel presente, lo sguardo sul futuro”

Sono passati 26 anni: turbolenti, eccezionali, difficili, ma sempre ribelli.
Siamo ancora qui, nell’ ex asilo degli gnomi, nella casa rossa, al 47 di Corso Regina Margherita.

Immagine di copertina per il post
Culture

Guerra e rivoluzione nell’immaginario cinematografico contemporaneo

Un film che gronda letteralmente sangue, fango, violenza, paura, fame, orrore e merda. Sia fisica, quest’ultima, che ideologica. Ma che non sa sottrarsi alla vita politica della Germania odierna.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Cinema Palestinese: dal servire la rivoluzione all’espressione creativa

I critici concordano sul fatto che il cinema è rimasto quasi sconosciuto in Palestina prima della Nakba nel 1948.

Immagine di copertina per il post
Culture

Sognavo di essere una camionista

La storia de Las Reinas de la 57, otto camioniste protagoniste di un progetto di documentazione del fotografo Miguel Pérez, che ha deciso di raccontare la loro quotidianità sulla strada, con i loro sogni e le loro lotte.

Immagine di copertina per il post
Culture

Complottismo e narrative egemoniche: sono così diverse?

Quello che accomuna “teorie del complotto” e narrative egemoniche è la costruzione di regimi di verità fondati su drastici meccanismi di semplificazione.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Resistenza ucraina?

In occasione del 25 aprile quest’anno un dibattito si impone. Il tema è ovviamente riguarda i possibili accostamenti tra quello che è accaduto in Italia tra il 1943 e il 1945 e quello che sta accadendo in Ucraina a seguito dell’abominevole aggressione russa. Di Valerio Romitelli per Machina Deriveapprodi L’Anpi dichiarandosi contro l’invio di armi […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’ascesa della resistenza armata di Jenin

Come i combattenti della resistenza del campo sono diventati una spina nel fianco di Israele e dell’Autorità Palestinese. Fonte: english version Di Shatha Hammad – 4 febbraio 2022 Un cupo silenzio aleggia sul campo profughi di Jenin. Negli ultimi mesi, le crescenti tensioni hanno reso i suoi abitanti sempre più inquieti mentre vigilano costantemente sulla […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Palestinesi nella Gaza assediata formano la nazionale di calcio per amputati

La squadra, che spera di qualificarsi per l’Amputee Football Club, si è allenata giovedì, il giorno prima della Giornata internazionale delle persone con disabilità. Fonte: english version The New Arab Staff- 3 dicembre 2021 Immagine di copertina: La nazionale è stata formata da cinque club per amputati di Gaza [Sameh Rahmi/NurPhoto/Getty] Giovedì i giocatori della […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

LETTERA A STELLA A 1 ANNO DALL’ARRESTO: AMORE, RESISTENZA, LOTTA

Cara Stella, è passato un anno da quando è diventata attiva la tua pena. Un anno dal tuo arresto domiciliare. Un anno senza vederti. Un anno senza i tuoi sorrisi e la tua incessante energia gioiosa.  Possiamo solo immaginare la difficoltà di vivere distante da tutti i tuoi affetti e dalla tua amata Valsusa, per […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

CASO PLUSVALENZE. IL MONDO DEL PALLONE TREMA: OPERAZIONI DI MERCATO E BILANCI DELLE SOCIETÀ SOTTO INCHIESTA

Il caso plusvalenze entra a gamba tesa sul mondo del pallone. Da giorni su tutte le teste giornalistiche si parla di questo fenomeno attraverso cui diverse società di calcio italiane, Juventus su tutte, gonfiando il valore di alcuni giocatori con operazioni di mercato in entrata e in uscita sarebbero riuscite ad aggiustare i bilanci. L’inchiesta […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Francesco Totti, non prestarti alle operazioni propagandistiche di Israele

BDS Italia condanna la decisione di Francesco Totti, idolo calcistico della Roma, di recarsi a Tel Aviv in Israele per assistere in TV alla partita conclusiva della Champions League di domani (che si giocherà in Portogallo), nell’ambito di un evento organizzato dalla multinazionale Heineken, sponsor del torneo della UEFA ed organizzatore del progetto Totti’s friends. Con […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Lilian Thuram: «Per quanto riguarda il razzismo, la neutralità non può essere accettata»

I presunti insulti razzisti del calciatore Juan Cala a Mouctar Diakhaby hanno messo ancora una volta il razzismo al centro dell’attualità nello sport più bello del mondo. Questo incidente non solo ha dimostrato come questa piaga persista sui campi da gioco, ma anche una crescente consapevolezza negli atleti di alto livello nel condannare questo tipo […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Calcio e Capitale: la “rivoluzione dall’alto” della SuperLeague

Domenica notte il calcio mondiale è stato scosso da un terremoto dalla magnitudo senza precedenti. Dodici tra i club più blasonati d’Europa hanno annunciato la nascita della Super League. Una competizione a gironi con fasi eliminatorie composta da 20 squadre, alternativa all’attuale Champions League organizzata dalla società UEFA. Nelle intenzioni dei promotori tale competizione non […]