InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il partito di Mattarella all’incasso

||||

Raffaele Sciortino

Se vogliamo andare oltre gli aspetti psicopatologici della situazione politica italica, è utile fare due considerazioni generali.

Primo. Già in occasione del varo del governo gialloverde pesante era stata l’ipoteca richiesta da Mattarella sia in tema di dicastero dell’economia sia più in generale a garanzia dell’affidabilità italiana nei confronti dei mercati e della UE. In questo annetto si è poi visto che anche il premier, un oscuro paglietta dallo sguardo sornione, era della cerchia del pdr, se non da subito sicuramente lo è diventato, nello stile trasformista tipico del suo ceto (e da sincero adepto di Padre Pio). L’obiettivo era chiarissimo: controllare, ostacolare, imbalsamare, svuotare i due partiti populisti per distruggere quanto di pericolosamente sociale e anti-establishment c’era nel consenso elettorale raccolto, per poi al momento giusto…

Se è così, nello show agostano – dietro i movimenti confusi delle comparse messi in risalto dalle cronache bulimiche dei media buone solo a rim(bambin)ire la gente – il protagonista principale è stato il partito di Mattarella: lo Stato profondo con le sue tecnocrazie ministeriali, Bankitalia, la magistratura, i corpi armati, gli incroci trasversali con la Chiesa, i media e il partito del Pil, probabilmente anche con una parte delle reti di potere meridionali spaventate dal progetto di regionalismo spinto della Lega. Tutti uniti a evitare un secondo round di scontro con la Ue sulla prossima legge di bilancio, uno scontro cui preferiscono uno sconto in cambio degli scalpi politici da offrire a Bruxelles.

Secondo. La crisi italica va provincializzata, collocandola sull’orizzonte europeo. Qui assistiamo ad una vera e propria crisi di governabilità dei sistemi politici di stati cruciali: dal Brexit – con il tragicomico mix di colpi di mano dei conservatori, immobilismo dei laboristi, spinte secessioniste scozzesi – alla Spagna priva da un pezzo di governi centrali stabili e a rischio secessionismo dei ricchi catalano, alla Francia scossa dal più importante scontro sociale di classe, in Occidente, dallo scoppio della crisi globale. Neppure la stabile Germania è esente da smottamenti, tra la crisi irreversibile della sinistra socialdemocratica, la strana ascesa dei Verdi pro-debito – per l’economia green, chiaro, non per le spese sociali – e l’appannamento strategico della Merkel.

Se è così, solo apparentemente il voto europeo ha stoppato la rincorsa delle forze populiste, palesando in realtà tutte le fragilità e le linee di faglia intra- e inter-statuali. La questione di fondo è la crisi dei blocchi sociali e politici interni in uno con lo smottamento della collocazione geoeconomica e geopolitica dell’Europa, sballottata tra fedeltà transatlantica e scontro Stati Uniti/Cina (e Russia) che chiama dazio. Su tutto, la recessione economica in arrivo. Disinnescare per quanto possibile la mina vagante italiana, a rischio contagio innanzitutto in Francia, è diventata allora questione fondamentale per la UE e la sua nuova Commissione.

L’obiettivo, al momento, sembra raggiunto con la formazione del governo di un Conte neo-umanista born again basato sull’inedito asse 5S-Pd uscito fuori – su pressioni fortissime dei poteri europei e nostrani, segretario Montalbano dixit – da quello che sembra a prima vista un rocambolesco autogol di Salvini. Che, per il suo crescente consenso effettivo a fronte di un M5S sempre più slavato e disorientato, è diventato il pollo da spennare oggi per venir cucinato a fuoco più o meno lento domani (appigli ce ne sono o verranno creati: Russiagate, indagini sui comportamenti anti-umanitari e, se necessario, tanto altro ancora, magari anche guai giudiziari, ora che il pollo è stato mollato dai trumpisti…). Distruggere il suo progetto di Lega, dopo che già i 5S sono cappottati, ecco l’obiettivo delle forze europeiste, interne e esterne.

Ora, non è chiaro e forse neanche importante se Salvini abbia commesso un clamoroso errore politico oppure valutato di chiamarsi fuori – in attesa di un ritorno sull’onda dell’impopolarità del nuovo governo (ma, appunto, è tutto da vedere se ciò sarà possibile) – temendo uno scontro aperto sulle autonomie regionali, che avrebbe minato la sua idea di partito sovranista nazionale alienandogli il Meridione. Ufficialmente non avrebbe potuto prendere le distanze dai maggiorenti della Lega, e dalla sua stessa base popolare padanista, e uno scontro aperto sulla questione lo avrebbe di sicuro esposto al rischio di diventare o succube o nemico della trimurti Zaia-Maroni-Fontana. Va tenuto presente che la Lega attuale contiene due partiti in uno, quello borghese padano già filo-berlusconiano e quello nazionalista salviniano: il primo ha bisogno di Salvini per ampliare consenso elettorale e potere ma non vuole certo rinunciare alla propria rete di interessi legata principalmente alla filiera produttiva tedesca, e quindi alla UE, ed è allineato al partito del Pil contro reddito di cittadinanza e quota cento; il secondo si presenta popolare e anche operaio con un orizzonte (pseudo)sovranista filo-Usa ma è, al momento, assai debole al sud. La difficile situazione attuale del leader va dunque commisurata a questa contraddizione di fondo tra il suo progetto e l’autonomismo padano europeista (stile bavarese: v. http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=915); oltreché, in politica estera, alla non completa coincidenza con i progetti di Trump per la Russia: mentre Salvini pensa agli affari e a controbilanciare il potere di Bruxelles trovando sponde a Mosca e Washington, Trump vorrebbe una Russia alleata in quanto sottomessa, cui eventualmente togliere le sanzioni in cambio della rinuncia di Mosca ai legami con Pechino e alla proiezione in Medio Oriente. Insomma, in cambio del suo ruolo di guastatore interno all’Europa, al leader leghista Trump non sembra disposto a concedere nulla ma, come a Washington si è abituati a fare con gli utili idioti, si pretende a gratis.

Quanto ai 5S, c’è poco da dire che non sia sotto gli occhi di tutti. Bersaglio da subito del partito del Pil e strapazzati dalla Lega (troppo, si sarà ricreduto Salvini), si sono lasciati prendere a schiaffi da chiunque. Sempre più democristiani nei comportamenti interni e nelle scelte politiche – fino al voto a favore della neo-commissaria europea! – si sono ridotti a un contenitore moribondo di voti in uscita libera, che l’esperienza di governo prossima potrà solo rimandare ma non bloccare e tanto meno invertire. La fine ultraveloce dell’esperienza grillina non rimanda, però, tanto o solo alla pochezza del personale, quanto all’impossibilità di tenere insieme istanze inconciliabili: cittadini frastornati dalla crisi e imprese sempre più voraci e parassitarie, Nord e Sud, giovani e meno giovani, meritocrazia pretesa e risposte raffazzonate a domande sociali reali. Il tutto in assenza di una qualche consistente spinta dal basso, mentre l’unico movimento reale, quello NoTav, è stato sacrificato sull’altare della governabilità (con la benedizione di un Grillo sempre più rin-gretinito che crede di vedere nell’Italietta allo sbando un laboratorio economico-sociale del Green New Deal da far calare su di un popolo non rivelatosi all’altezza degli… elevati. Ma non è certo l’unico a non voler vedere che un capitalismo verde sarebbe per l’essenziale un mix di tasse ecologiche sui ceti bassi più debito pubblico pro-imprese, il tutto condito da tagli al welfare e misure neocolonialiste contro i paesi extra-occidentali produttori di materie prime). Insomma, l’istanza cittadinista si è rivelata inconsistente a fronte dell’assenza, al di là di qualche accenno, di un’effettiva politica sovranista ma, soprattutto, a causa del sistematico evitamento dello scontro coi poteri forti. Come possibile sottoprodotto di tutto ciò avremo forse, ma anche questo è tutt’altro che garantito, una mutazione di fatto dei 5S in Lega Sud dai connotati plebei in cerca di addentellati e mediazioni nelle reti di potere territoriali, nazionali, europee.

Il Pd da parte sua è un partito evanescente e frantumato – Calenda già in uscita, Renzi in attesa della prima occasione per spaccare e crearsi un partito macronista, il pezzo emiliano-romagnolo oramai regionalista spinto – che cercherà di usare i 5S come ciambella di salvataggio per continuare a esistere ancora un po’ (tipo modello Chiamppendino in via di sdoganamento, una volta archiviato il fastidio NoTav, in una Torino moribonda ma smart, tutta turismo e… nuova Salerno-Lione). In politica estera si colloca decisamente, e non da ora, dal lato filo-Usa, ma sul versante dei Democratici e dello stato profondo, la fazione che spera che Trump tolga il disturbo e si possa ritornare al precedente ordine mondiale lasciando all’Europa qualche margine ma pur sempre in funzione anti-cinese.

L’operazione mattarelliana Pd-5S è dunque pienamente di palazzo, in puro stile gesuitico. Nulla la possibilità di varare un blocco sociale con una sia pur minima stabilità e possibilità di indicare una prospettiva di lungo corso. Serve a prendere tempo e, non ultimo, a evitare che il prossimo presidente della repubblica sia espressione diretta di una destra ipotecata dalla fazione sovranista. Comunque vada, più zombie non fanno un vivente. A scorno della sceneggiata del fronte unito anti-salviniano Grillo-Renzi-antirazzisti-antifascisti-meridionalisti-preti-centrosocialisti (con qualche meritoria eccezione), per la salvezza nazionale e la rinascita della sinistra progressista grazie all’evitamento… del voto (simpatico questo risvolto anti-elettoralistico, esplicitamente rivendicato p.es. nelle pagine de Il Manifesto, da parte di chi ha fatto fin qui del voto garantito dalla Costituzione un feticcio intoccabile per le classi dominate: che la democrazia formale non serva più a contenerle? Anche a sinistra si è alla ricerca di un governo di illuminati?).

L’aspetto di fondo di questa commedia psicopolitica degna del miglior situazionismo è che essa mostra il livello cui è giunta la destrutturazione del sistema politico. Che se non è equivalente con il sistema dei poteri effettivi, ne è però stato fin qui, tra alti e bassi, elemento inaggirabile di mediazione dello stato e del capitale con le istanze e le classi sociali. Dei grillini – oramai esaurite le proficue ambivalenze di cui sono stati espressione – resta appunto il merito, peraltro del tutto involontario, di aver rivelato la crisi profonda di un sistema che nulla potrà riportare indietro alle caselle precedenti. Quello che si evidenzia è un generale incasinamento (pur con una temperatura delle tensioni sociali ancora bassa). L’Italia ne è solo il riflesso più abbagliante in un’Europa percorsa da profondissime e molteplici linee di faglia. La soluzione mattarelliana non è in grado di risolvere alcuno dei problemi del declino italiano e può solo sperare in un soccorso tedesco almeno di medio periodo, ciò che Berlino al momento farebbe volentieri, se non fosse per l’ammuina creata da Trump con la guerra dei dazi e la recessione alle porte. Che metteranno a dura prova la tenuta della UE costringendo a scelte decisive nei rapporti commerciali e nelle alleanze politico-militari. La pantomima italica – con seri rischi di frammentazione dello stesso tessuto nazionale – si svolge in questo quadro da cui non è possibile prescindere.

Su questo sfondo un attenuamento delle politiche restrittive di bilancio da parte della UE potrebbe dunque essere transitoriamente indispensabile per evitare un ulteriore indebolimento con la perdita di pezzi in direzione degli Stati Uniti e per cercare di prevenire forti scontri sociali, cui in questo momento ci sarebbero ben poche carote da offrire. Ma, appunto, si tratterà di vedere quali saranno le condizioni degli eventuali sconti, sui quali conta il nuovo governo. E, al di là di eventuali aspettative passive che dovessero riattivarsi tra la gente, è escluso a priori che ce ne sia per tutti e che il corso generale verso il baratro risulti invertito. L’Italietta, con una massa notevole di risparmi e quel che resta dell’apparato produttivo, è un boccone che la finanza internazionale deve ancora trovare il modo di ingurgitare a dovere. Delle ragioni di fondo che cosiddetti populismo e sovranismo hanno fin qui (mal)interpretato sentiremo ancora parlare: si spera, alla prossima tornata, un po’ più in salsa francese tipo conflitto di classe à la Gilets Jaunes…

31 agosto ‘19

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Lavender”: la macchina dell’Intelligenza Artificiale di Israele che dirige i bombardamenti a Gaza

L’esercito israeliano ha contrassegnato decine di migliaia di gazawi come sospetti per l’assassinio, utilizzando un sistema di puntamento AI con scarsa supervisione umana e una politica permissiva per i danni collaterali, rivelano +972 e Local Call.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

ELEZIONI LOCALI DEL 2024 IN TURCHIA

Riprendiamo dall’osservatorio internazionale per la coesione e l’inclusione sociale questo quadro sulle elezioni a livello locale che si sono tenute in Turchia il 31 marzo 2024. Pur non condividendo l’enfasi sulla rinascita della socialdemocrazia, il testo ha il merito di fornire un panorama chiaro sulla sconfitta subita dall’AKP di Erdogan. La Turchia ha vissuto una […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Uscita la legge europea sull’Intelligenza Artificiale: cosa va alle imprese e cosa ai lavoratori

Il 13 marzo 2024 è stato approvato l’Artificial Intelligence Act, la prima norma al mondo che fornisce una base giuridica complessiva sulle attività di produzione, sfruttamento e utilizzo dell’Intelligenza Artificiale.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Elezioni: vince Fratelli d’Italia, ma “l’essenziale è invisibile agli occhi”

I risultati  di queste elezioni, punto più, punto meno, sono quelli che si potevano immaginare già settimane fa. Nessuno sconvolgimento, nessun vento che cambia, Fratelli d’Italia si è posizionato agevolmente come primo partito svuotando il bacino elettorale della Lega e mandando il capitano ed il suo progetto nazionale con le gambe all’aria. Queste elezioni certificano […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Mascherarsi non può l’uomo ignorante, se parla è conosciuto al primo istante.”

Pubblichiamo il comunicato scritto dal centro sociale askatasuna a seguito di ciò che si apprende dai giornali, ossia la discussione avvenuta ieri in Comune a proposito della richiesta di sgombero dello spazio entro la fine della campagna elettorale.   Crosetto capogruppo di Fratelli d’Italia, nipote di Crosetto Guido, fondatore di FdI (perchè è sempre bene fare tutto in […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Crisi di governo: il circo di Draghi e gli scenari greci

Nella giornata di giovedì 14 luglio il movimento 5 Stelle, astenendosi al senato dal voto di fiducia posta dal governo Draghi sul decreto “aiuti”, ha aperto la terza crisi di governo della XVIII legislatura. Cronaca saliente e scenari. Com’è noto, Mario Draghi ieri pomeriggio è salito due volte al colle, rassegnando in serata le dimissioni […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il governo decreta 3 mesi di stato di emergenza per partecipare al potenziamento dei dispositivi Nato

Altro che pace, il governo italiano delibera lo stato d’emergenza e conferma la partecipazione alle iniziative della NATO, mentre i politici di tutta Europa soffiano sul fuoco promuovendo l’invio di armamenti, anche pesanti in Ucraina. E’ difficile comprendere come tutto questo dovrebbe contribuire ad una risoluzione pacifica del conflitto, piuttosto il fine sotteso sembra essere […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Meglio una proposta di lotta che una proposta di Letta

Mentre la pandemia sembra allentare la morsa sulle nostre vite e la stesura Draghi del Recovery Fund continua a favorire “impresa” e capitale da un lato, disuguaglianze e devastazione ambientale dall’altro, giunge come un fulmine a ciel sereno la timidissima proposta di tassa sull’eredità fatta dal Segretario PD, Enrico Letta. La proposta è timida perché […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Governo Draghi: il “marciare divisi, colpire uniti” della borghesia italiana

Marx ed Engels nel Manifesto del Partito Comunista definivano il potere statale moderno come il comitato d’affari della borghesia. Questa considerazione, arcinota e spesso abusata, sembra calzare a pennello sulla genesi del governo Draghi e sul suo probabile ruolo all’interno dello scenario politico attuale. La beatificazione a reti unificate, l’entusiasmo delle cancellerie occidentali, il cicaleggio […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

L’anno del Draghi?

Un nome evocato decine di volte negli anni, con plauso tra le fila dei confindustriali e terrore tra quelle di chi lavora per vivere. E’ questo l’uomo del destino della borghesia italiana? Le consultazioni della Presidente della Camera Roberto Fico sono fallite. Le quattro forze di governo non hanno trovato un accordo sul Conte-Ter. Renzi […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Tra crisi e crisi. Conte tiene botta, per ora…

Le alchimie parlamentari hanno dato il loro responso, anche questa volta Conte la scampa. Il presidente del Consiglio è riuscito a tenere in piedi una maggioranza relativa grazie alle magre defezioni tra i renziani e Forza Italia al Senato. Eppure il segnale è chiaro, ad oggi il governo è oggettivamente più debole e costretto a […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Crisi di governo: lo spettacolo imbarazzante della politica italiana

Ieri pomeriggio (13 febbraio) Renzi ha comunicato ufficialmente il ritiro delle due ministre di Italia Viva dal governo: Elena Bonetti (Pari opportunità) e Teresa Bellanova (Agricoltura), più il sottosegretario agli Esteri Ivan Scalfarotto. Sembrerebbe il preludio della fine del Governo Conte, ma non poniamo limiti alla ‘creatività parlamentare’ della politica italiana, infatti nonostante il ritiro […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

LAVORO ED ECONOMIA: IL 2021 TRA FINE BLOCCO DEI LICENZIAMENTI E RECOVERY PLAN

Mercoledì 30 dicembre 2020 – Il presidente del Consiglio Conte ha tenuto, da Palazzo Chigi, una conferenza stampa di fine anno. Un bilancio attraversato ovviamente in tutti i suoi aspetti dalla pandemia di Covid-19 ancora in corso e dalle sue conseguenze. Tra i tanti temi affrontati spicca quello relativo all’occupazione, uno scenario che, per il […]