TORINO: PRESIDIO DI SOLIDARIETA’ AGLI ANTIFASCIST* COLPITI PER ESSERSI OPPOSTI AD UNA PROVOCAZIONE DEL FUAN

Stampa

Partecipata iniziativa solidale e di denuncia stamattina, 4 settembre 2020, fuori dal Palazzo di Giustizia di Torino: una dozzina di realtà, dal Cua al centro sociale Askatasuna, dai No Tav alle Mamme in piazza per la libertà di dissenso, oltre a diverse sezioni Anpi, si sono ritrovate per fare sentire la propria indignazione per le pesantissime misure comminate a 31 antifasciste e antifascisti, in concomitanza con l’udienza del Tribunale del Riesame chiamato a decidere se revocarle o meno.

||||
|||| ||||

Sono studentesse e studenti che a febbraio respinsero, in Università, la provocazione dei fascisti del Fuan, arrivati – con scorta poliziesca al seguito – a contestare un convegno su “Fascismo, colonialismo, foibe” alla presenza di Moni Ovadia, del giornalista ed ex senatore PCI Stojan Spetic e dello storico Eric Gobetti.

Risultato: cariche di polizia contro gli antifascisti, 31 denunce e per 19 di loro  (compresa Anna, studentessa bresciana a Torino) pesantissime misure restrittive, come arresti domiciliari e divieti di dimora.

Dal presidio di Torino con noi Sofia, del Collettivo Universitario Autonomo. Ascolta o scarica

Da Radio Onda d'Urto

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons