InfoAut
Immagine di copertina per il post

SUI FATTI DI IERI IN SAPIENZA: L’Università di polizia e di merito

Ieri mattina, 25 ottobre un gruppo di studenti e studentesse di diversi collettivi antifascisti dell’università La Sapienza si sono ritrovati nel cortile antistante alla Facoltà di Scienze Politiche per costruire un contraddittorio ad una conferenza dal titolo “Il Capitalismo: il profilo nascosto del sistema” organizzata da Azione Universitaria, propaggine di Fratelli d’Italia. A parlare anche il giornalista Daniele Capezzone e il deputato di Fdi e presidente di Gioventù Nazionale, Fabio Roscani.

Dalla. prime ore della mattina il presidio di persone che si andava riempendo per costruire un’opposizione a questa conferenza ha trovato chiusi i cancelli della propria facoltà, difesi, come se non bastasse, da un folto schieramento di digos.

Mentre però Azione Universitaria veniva scortata e chiusa dentro a braccetto con l’amministrazione della facoltà e con la polizia, saliva spontaneamente lo sdegno e la rabbia per quello che stava succedendo di fronte agli occhi degli studenti e delle studentesse che tutti i giorni attraversano quegli spazi e che invece li ritrovavano chiusi per garantire l’accesso a un piccolo gruppo neofascista.

Di fronte alla volontà di affiggere uno striscione con su scritto “Sapienza Antifà: per questo, per altro, per tutto” sulle grate del cancello chiuso della facoltà, la digos, con il supporto degli agenti in divisa antisommossa, arrivati in grande stile per l’occasione, ha più volte caricato con l’utilizzo di manganelli gli studenti. Più studenti hanno riportato contusioni per le cariche e uno studente è stato temporaneamente fermato e denunciato dalla polizia dell’ateneo.

Fa sorridere la particolare concomitanza di eventi per cui mentre venivano alzati i manganelli alla Sapienza, la neopremier Giorgia Meloni pronunciava nel suo discorso di fiducia alla Camera di provare “un moto di simpatia anche per coloro che scenderanno in piazza contro le politiche del governo”.

Di fronte alle spietate cariche della polizia gli studenti e le studentesse scesi in cortile per la grida o accorse per la rapida diffusione del video delle cariche e degli abusi della polizia si sono mosse in corteo per la Città Universitaria arrivando fino al Rettorato, responsabile primario di quanto successo nel corso della mattinata: l’ingresso della celere deve passare per il suo assenso.

Un silenzio assordante quello de La Rettrice, Antonella Polimeni, che si è rifiutata di scendere dal suo ufficio per un confronto pubblico con le migliaia di studenti e studentesse che chiedevano spiegazioni rispetto alla gestione schizofrenica della “sicurezza e dell’ordine pubblico” in Università. La giornata si è chiusa con un partecipato e animato corteo per le strade dell’Ateneo, che si è riunito in una ricca assemblea pubblica. “È  solo l’inizio” gridano i partecipanti alla discussione.

La giornata di ieri restituisce degli elementi significativi che parlano chiaramente del profilo che l’università sta assumendo di fronte al neo-governo a guida Meloni, nonché del sempre più esplicito posizionamento politico che l’ateneo sta scegliendo di mostrare nella gestione tanto delle iniziative accademiche che propone quanto della gestione del dissenso.

Abbiamo di fronte un istituto formativo che proponendosi apolitico e neutrale, sostiene e difende gruppi politici e personaggi decisamente schierati politicamente. Dietro alla retorica della democrazia e della libera espressione di tutte e tutti si nasconde in realtà un posizionamento chiaro che parla di una deriva sempre più destrorsa dell’amministrazione firmata Sapienza, ormai impossibile da nascondere anche per i più abili burocrati dell’università.

Molte sono le dichiarazioni della Rettrice in solidarietà alle donne in Iran o a sostegno dell’Ucraina nella guerra in corso, mentre nulla cambia in materia dei tanti accordi che la Sapienza stipula con aziende che producono armi e morte in tutto il mondo. Il riferimento ineludibile è all’accordo con la Leonardo S. p. a. tutt’ora in vigore, mentre vengono affisse bandiere della pace per l’università e organizzati proclami di solidarietà. L’università resta collusa, e anzi finanzia, chi la guerra la rende possibile. La Sapienza si riflette in uno specchio che inizia a deformarne il volto.

A tratteggiarne ulteriormente il tetro scenario, a pochi giorni dalle elezioni di Giorgia Meloni, arriva l’invito della Sapienza in una conferenza sul diritto di famiglia di Simone Pillon, uno dei personaggi più schierati in senso anti-abortista e omofobo di questo paese. È una maschera quella che indossa la Sapienza. Gli studenti e le studentesse ne riconoscono il reale volto, la conferenza è contesta.

È una faccia, quella che mostra di sé l’università, che con impaccio prova a raccontarsi come luogo di democrazia e libertà, mentre viene richiesto agli studenti e le studentesse che più volte domandano la possibilità di fare iniziative di attualità sugli attacchi israeliani in Palestina o sulla Rivoluzione Confederale Siriana di disporre di un contraddittorio per evitare iniziative troppo politiche. Contemporaneamente per le iniziative di un gruppo di neo-fascisti nessun contraddittorio è richiesto e anzi è impedito agli studenti l’accesso all’università a suon di manganelli e fermi dii polizia.

I democratici liberali si indignano, gli studenti e gli studenti lo chiariscono bene: il fascismo non è un’opinione. La democrazia concreta, la libertà reale inizia dove i fascisti non esistono. La maschera democratica e pacifista dell’amministrazione dell’Ateneo orami è in frantumi. Cade di fronte ai manganelli, alle cariche e alla violenza istituzionale di “contenimento” del dissenso.

Ecco che compare chiaramente un’università che presta il fianco alle più argute sperimentazioni di contenimento delle libertà e di repressione. Non un caso che le cariche siano arrivate il giorno del voto di fiducia alla Camera del nuovo governo. Non un caso che le forze dell’ordine difendevano un gruppo politico connesso con il partito di maggioranza attualmente al potere.

La giornata di ieri all’università restituisce anche però il dato di partecipazione e indignazione degli studenti e delle studentesse, disposti spontaneamente a mobilitarsi di fronte ad un episodio ritenuto inaccettabile in uno spazio di formazione. L’odio per le forze dell’ordine e per la violenza della polizia contiene in sé il germe della possibilità di opporsi a questo nuovo governo, che già dalle prime ore ci mostra il suo volto più duro.

La partecipazione spontanea mossa dall’indignazione di fronte ai manganelli che si è mossa in corteo, ieri in Sapienza, descrive lo sdegno di un segmento generazionale che sembra disponibile allo scontro, anche diretto, con il reale sistema meritocratico e oppressivo che si va delineando. “Sono loro a non meritarsi quelle poltrone” grida una studentessa nel corso del presidio.

Domani, 27 Ottobre, gli studenti e le studentesse si sono date un nuovo appuntamento per proseguire la mobilitazione: “Alla luce dei fatti accaduti ieri 25 ottobre nella nostra facoltà, chiamiamo un’assemblea pubblica nel cortile di scienze politiche giovedì’ 27 alle ore 17.00, per discutere dell’accaduto e costruire insieme l’università che vogliamo, libera da ogni forma di violenza e repressione” (Collettivo di Scienze Politiche).

Gli studenti e le studentesse raggiungono il Rettorato de La Sapienza

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

antifascismoformazionela sapienzaromauniversità

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifa Budapest: Corteo a Roma né prigione né estradizione

Sabato 23 marzo a Roma c’è stato un corteo in solidarietà con Ilaria Salis, Gabriele e tutte le persone imputate per i fatti di Budapest. Il corteo è partito da metro Policlico, è passato nei pressi dell’ambasciata e poi è entrato nel quartiere di San Lorenzo dove si è concluso. Abbiamo raccolto diverse voci dal […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: sabato 13 gennaio corteo nazionale antifascista. Concentramento alle 15.00 in Piazza Durante

Oltre al sempre più evidente inasprimento di politiche securitarie, misure di segregazione ed esclusione, meccanismi di controllo della popolazione, che negli ultimi decenni stanno caratterizzando la gestione del territorio definito Europa, assistiamo contestualmente al rafforzamento di posizioni di estrema destra.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Addio Lucio, se ne è andato il partigiano Gastone Cottino

E’ morto ieri mattina a novantotto anni Gastone Cottino: partigiano, comunista sempre al fianco delle lotte sociali.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per capire l’ascesa dell’estrema destra bisogna partire dai media

Processi di normalizzazione e sdoganamento nei media della politica di estrema destra dipendono dai media mainstream, più che dall’estrema destra stessa

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Torino: assemblea antifascista in università.

Oggi pomeriggio alle 18.30 si terrà un’assemblea antifascista nella main hall del campus universitario Luigi Einaudi a seguito degli avvenimenti di ieri. Di seguito il comunicato del Collettivo Universitario Autonomo

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifascismo: domiciliari per Gabriele, compagno milanese che rischia l’estradizione in Ungheria

Su Gabriele pende un MAE (mandato d’arresto europeo) da parte dell’Ungheria nell’ambito dell’inchiesta magiara riguardante le azioni di antifascismo militante di febbraio 2023 a Budapest contro la cosiddetta “Giornata dell’onore”, il raduno dei neonazisti di mezza Europa, soprattutto orientale.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Scuola IIS Ferrari, Susa: ulteriori sviluppi nell’inchiesta.

Simone Zito, vittima di svariate vicende dopo aver pubblicamente preso una posizione sulla perquisizione antidroga avvenuta nell’Istituto lo scorso giugno, è stato scagionato dalle accuse.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Roma: manganellate della polizia sugli studenti a Montecitorio

Le forze dell’ordine in tenuta anti sommossa hanno caricato gli studenti dei collettivi degli istituti occupati che tentavano di raggiungere Palazzo Chigi. Fermi e identificazioni

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola Resistente: viaggio dentro gli istituti romani occupati

Una critica è rivolta anche verso una scuola concepita come azienda o come “ufficio di collocamento” e non, come pretendono gli stessi studenti, come luogo di cultura.