Battisti: Brasilia nega l'estradizione. E l'Italia nasconde la testa sotto la sabbia

Stampa

 

||||
|||| ||||

Secondo le autorità di Brasilia, l’estradizione avrebbe messo in discussione la sovranità nazionale brasiliana, perché il volere italiano avrebbe prevalso sulle decisioni dell’ex presidente Lula.

Il governo italiano, dal canto suo, ha annunciato ricorso a L’Aja, attraverso il ministro degli Esteri Frattini. Dalla maggioranza, e pure dall’opposizione di quasi tutto il centrosinistra, si sprecano invece le dichiarazioni di condanna.

Grande assente dal dibattito politico, però, è una riflessione generale sull’esperienza della lotta armata nel nostro Paese. Una riflessione tanto più necessaria quanto irrealistica, alla luce dell’attuale pochezza del ceto politico italiano.

da: Radio Onda d'UrtoRadio Onda d'Urto

Sulla vicenda Battisti in particolare, e più in generale su questi temi, Radio Onda d'Urto ha intervistato Paolo Persichetti, giornalista di Liberazione. 

 

Articoli Correlati:

- CESARE BATTISTI UNA STORIA DEGLI ANNI SETTANTA (Onda d'Urto)

- Caso Battisti. Una sintesiCaso Battisti. Una sintesi di Valerio Evangelisti (Carmilla On-line)

- Il caso Battisti: tutti i dubbi sui processi e le condanne, esposti punto per punto

- Lula dà il benservito all'Italia-provincettaLula dà il benservito all'Italia-provincetta (Infoaut 2.0)

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons