12 giugno 1970 : Discorso di George Habash ad Amman

Stampa

George Habash, massimo dirigente del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (FPLP), parla agli ostaggi di ben quattro aerei di linea occidentali sequestrati, costretti ad atterrare in una pista nel deserto della Giordania.

||||
|||| ||||

 

Signore e Signori;

Sento che è mio dovere spiegare il motivo per cui abbiamo fatto quello che abbiamo fatto. Naturalmente, da un punto di vista di pensiero liberale, mi dispiace per quello che è successo, e mi dispiace che vi abbiamo causato qualche problema nel corso degli ultimi 2 o 3 giorni. Ma lasciando da parte questo, spero che capirete, o almeno cercherete di capire, perché abbiamo fatto quello che abbiamo fatto.

Forse sarà difficile per voi capire il nostro punto di vista. Le persone che vivono in diverse circostanze pensano su linee diverse. Non possono tutti pensare allo stesso modo, e per noi, il popolo palestinese, le condizioni in cui abbiamo vissuto per un buon numero di anni, tutte queste condizioni hanno modellato il nostro modo di pensare. Non possiamo farne a meno. Forse potrete capire il nostro modo di pensare una volta che conoscerete un fatto molto semplice. Noi, i palestinesi, per 22 anni, per gli ultimi 22 anni, abbiamo vissuto in campi e tende. Siamo stati scacciati dal nostro paese, le nostre dimore, le nostre case e le nostre terre, cacciati come pecore e lasciati qui nei campi profughi in condizioni completamente disumane.

Per 22 anni il nostro popolo è rimasto in attesa di vedere ripristinati i propri diritti, ma non è successo niente. 3 anni fa le circostanze si sono rese favorevoli, in modo che il nostro popolo potesse imbracciare le armi per difendere la propria causa e iniziare a combattere per riconquistare i propri diritti, di tornare al proprio paese e liberare il proprio paese. Dopo 22 anni di ingiustizia, disumanità, di vita nei campi senza che a nessuno interessasse di noi, sentiamo di avere il diritto assoluto di proteggere la nostra rivoluzione. Abbiamo tutto il diritto di proteggere la nostra rivoluzione. Il nostro codice morale è la nostra rivoluzione. Ciò che salva la nostra rivoluzione, ciò che aiuta la nostra rivoluzione, quella che protegge la nostra rivoluzione è giusta, è molto giusta e molto onorevole e molto nobile e molto bella, perché la nostra rivoluzione significa giustizia, significa avere indietro le nostre case, avere indietro il nostro paese, che è uno scopo molto giusto e nobile.

Occorre che prendiate questo punto in considerazione. Se volete essere in un modo o nell'altro cooperativi con noi, cercate di capire il nostro punto di vista. Noi non ci svegliamo la mattina per bere una tazza di latte con Nescafè e poi trascorrere mezz'ora davanti allo specchio pensando di volare in Svizzera o trascorrere un mese in questo paese o un mese in quell’altro paese.. Non abbiamo le migliaia di milioni di dollari che in America e in Gran Bretagna la gente ha. Viviamo ogni giorno nei campi. Le nostre mogli aspettano che arrivi l'acqua, non si sa se arriverà alle 10:00 del mattino, alle12 o alle 3:00 del pomeriggio. Non possiamo stare tranquilli come voi. Non possiamo pensare come voi. Abbiamo vissuto in queste condizioni, non per un giorno, non per 2 giorni, non per 3 giorni. Non per una settimana, non per 2 settimane, non per 3 settimane. Non per un anno, non per due anni, ma per 22 anni. Se qualcuno di voi venisse in questi campi e restasse per una o due settimane, rimarrebbe segnato. Non riuscirebbe a pensare e a gestire le cose indipendentemente dalle condizioni in cui vive. Quando la nostra rivoluzione iniziò tre anni fa, tanti tentativi sono stati progettati per colpirla. In realtà, tutte le organizzazioni commando sono proprio nate dopo il giugno 1967, una data molto nota a voi, sono state avviate e i loro occhi rivolti verso la terra conquistata. Ma quando la rivoluzione poi continuò tante forze - i nostri nemici – hanno ideato progetti per sconfiggere questa rivoluzione.

L'America è contro questo. Lo sappiamo molto bene. Lo percepiamo molto bene. Lo abbiamo avvertito lo scorso anno attraverso l’aiuto dei “Fantasmi”. L'America è contro la nostra rivoluzione, lavora per schiacciare la nostra rivoluzione. Lavora tramite il regime reazionario in Giordania e il regime reazionario in Libano. Hanno tentato il quattro di novembre del 1968 di schiacciare la rivoluzione. Tuttavia, durante gli eventi qui, tutti noi puntavamo verso la terra conquistata. Questo è stato il primo tentativo il 4 novembre 1968. Un secondo tentativo, quattro mesi fa, il 10 febbraio e durante l'ultima settimana abbiamo testimoniato il 3 ° tentativo. In realtà, stanno lavorando ogni giorno contro la rivoluzione. Ogni giorno. Queste date sono solo le punte di un iceberg. Quando i loro tentativi raggiunsero un certo livello, ogni volta che perdiamo uomini, perdiamo sangue, offriamo sacrifici. Il 10 febbraio c'è stato un qualcosa come 50 morti almeno. Per quanto riguarda questo terzo tentativo da parte del regime reazionario di distruggere la rivoluzione e le persone che vivono qui in Giordania lo sanno molto bene e lo avvertono molto bene, tutto questo è stato iniziato dal regime reazionario. Chiunque viva in Giordania lo sa molto bene. Non possiamo basare la nostra rivoluzione sulla menzogna. Sto parlando di fatti concreti qui.

Sabato scorso, c'è stato un incidente qui ad Amman. Domenica scorsa, c'è stato l’ incidente di Zarqa. E poi tutto si è infiammato. Questa volta abbiamo avvertito, per essere franco con lei, che questo tentativo,almeno dal loro punto di vista, sembrava essere l' ultimo tentativo. Voglio dire, abbiamo avvertito come questa volta fossero determinati a distruggere la rivoluzione non importa su quale livello di sacrificio. Ecco, ci siamo sentiti di avere tutto il diritto al mondo di proteggere la nostra rivoluzione. Abbiamo ricordato tutte le sofferenze, tutte le ingiustizie, la nostra gente e le condizioni in cui vivevano, la freddezza con cui l'opinione pubblica mondiale guarda al nostro caso,e quindi ci siamo sentiti di non poter permettere loro di schiacciarci.

Difenderemo noi stessi e la nostra rivoluzione in ogni modo e con ogni mezzo, perché - come ho detto - il nostro codice morale è la nostra rivoluzione. Tutto ciò che protegge la nostra rivoluzione sarebbe giusto. Questa è la nostra linea di pensiero. Così abbiamo attuato dei contrattacchi decidendo che dobbiamo vincere. Uno degli elementi di questo piano eravate voi, ciò che è successo qui. Abbiamo avvertito di avere il pieno diritto di fare pressione qui sul regime reazionario e in America e su tutte le forze, e che tutto questo sarà una carta vincente nelle nostre mani. Sto parlando molto francamente e devo anche essere sincero e dirvi la verità, eravamo davvero determinati. Non stavamo scherzando.

Sono così felice che le cose i fatti si siano svolti come dovevano, perché - ad essere sinceri - eravamo totalmente determinati che nel caso in cui ci avessero dovuto battere nei campi, avremmo fatto saltare in aria tutto l'edificio e il Philadelphia. Siamo stati davvero decisi a fare questo. Perché? Perché sappiamo che la nostra rivoluzione continuerà anche se ci schiacciano qui ad Amman e vogliamo che i vostri governi sappiano che da ora in poi il Fronte manterrà ogni parola che dice, eravamo pienamente determinati a far saltare questo Hotel e il Philadelphia Hotel ad una condizione e in una circostanza, eravamo inclini a non farci saltare i nervi. Loro sono molto determinati, si vede dai loro carri armati, artiglieria e aerei, a distruggerci.

Non siete meglio del nostro popolo. Negli ultimi incidenti c'è stato qualcosa come 500 vittime, il minor numero, mi creda, il numero minimo. Ieri sono stato in un solo ospedale, dove i medici mi hanno informato che ci sono 280 feriti e 60 morti. Combattenti morti.

 

Signore e Signori;

 

Mi sento così sollevato,ora che non ci hanno messo in un angolo e costretti a fare tutto ciò che eravamo determinati a fare, in caso le condizioni fossero state quelle. Conosco quel modo liberale di pensare, lo conosco molto bene. So quanto sarebbe stato difficile convincervi.

So che alcuni di voi diranno oggi: " Che cosa devo farci io con queste condizioni? Questo è molto ingiusto e molto ingiusto e scortese ed egoista ". Va bene, le condizioni in cui le persone vivono - queste condizioni, in realtà, determinano il loro modo di pensare e il loro codice morale. Abbiamo fatto del nostro meglio - e spero che siamo riusciti in questo - affinché durante la vostra permanenza in questo hotel sotto gli auspici del Fronte sareste stati trattati nel miglior modo possibile. Questa è la prima volta che gestiamo un albergo. I nostri uomini, sono sicuro, sanno come combattere molto bene, ma non so fino a che punto potessero essere bravi a gestire un hotel. Ma le istruzioni erano molto chiare. Spero che siano riusciti in questo.

Penso di avervi sempre aiutato a mantenere la vostra verve. L'altro ieri il campo di al-Wahdat è stato bombardato per più di mezz'ora. Chiunque di voi può andare al campo di al-Wahdat e vedere i luoghi colpiti. E ' molto naturale iniziare a pensare che fosse ora di eseguire gli ordini. Abbiamo tenuto i nostri nervi saldi molto bene.

 

Signore e Signori;

Dovete scusare il mio inglese. Dal punto di vista personale, lasciatemelo dire, mi scuso con voi. Mi dispiace per il vostro disturbo per 3 o 4 giorni. Ma da un punto di vista rivoluzionario, ci sentiamo e noi continueremo a sentire, che abbiamo il pieno, davvero pieno diritto di fare quello che abbiamo fatto.

 

Grazie mille.

Amman / Giordania

 

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons