InfoAut
Immagine di copertina per il post

Lombardia: musei chiusi per sciopero contro il nuovo contratto del personale in appalto

Un importante sciopero sta coinvolgendo il personale in appalto di alcuni musei della regione Lombardia dopo che la nuova cooperativa subentrante ha proposto un contratto di 5€ lordi l’ora (con il 33% di ribasso sull’appalto). Di seguito riprendiamo due interessanti comunicati di Mi riconosci? sulle mobilitazioni.

Quattro musei statali chiusi perché il personale in appalto si rifiuta di firmare il nuovo contratto. È accaduto in Lombardia, oggi.

Sono rimasti chiusi il Museo della Certosa di Pavia; il Museo Archeologico Nazionale della Lomellina a Vigevano; il Museo Nazionale di Preistoria e Protostoria e il Parco Nazionale delle incisioni rupestri della Valle Camonica, entrambi siti Unesco. Mentre il Museo Archeologico Nazionale di Cividate Camuno, sempre in Val Camonica, ha aperto oggi grazie all’aiuto di personale interno al MiC, perché anche lì i lavoratori in appalto non c’erano.

Il quadro che vi descriviamo lascia stupefatti, conoscendo la bassa sindacalizzazione e bassa conflittualità del settore in cui operiamo. Ma le cose cambiano, perché a forza di tirare, a volte le corde si spezzano.

Vi raccontiamo cosa sta accadendo, partendo dalle parole dei lavoratori della Valle Camonica che ci hanno contattato mercoledì.

“Domani 1 dicembre dovrebbe subentrare una nuova cooperativa, vincitrice del Bando per l’affidamento del servizio di vigilanza e accoglienza a supporto del personale interno MiBACT presso 10 musei afferenti alla Direzione Regionale Musei Lombardia, valido per un anno, e noi ad oggi non sappiamo NULLA. Dopo sei anni che siamo in servizio negli stessi siti, che abbiamo collaborato a tenerli aperti e abbiamo accolto i visitatori, non sappiamo che contratto avremo dopodomani, quando potremo vedere il contratto, quanto tempo avremo per leggerlo prima di firmarlo (se ne avremo). E nella stessa situazione sono i nostri colleghi degli altri siti lombardi, con cui siamo in contatto. Ci mettono in condizioni talmente precarie da dover sperare di essere riassunti nella nuova cooperativa, perché nemmeno quello è dato per scontato, dopo sei anni, senza porci domande sulla paga oraria, i diritti, la dignità del nostro lavoro. Secondo la Direzione dovremo considerare un miracolo continuare a lavorare e non farci domande su tutto il resto?”

Sono stati convocati poi a leggere il contratto, presso il parcheggio di un centro commerciale, ma non si è presentato nessuno, e il contratto è arrivato via mail alle 21.15. Era peggio del già pessimo CCNL precedente: da un contratto da 6 euro lordi l’ora al contratto servizi fiduciari, 5 euro l’ora. Gli hanno chiesto di firmarlo, subito. Alcuni hanno accettato, come purtroppo accade sempre. Ma altri, decine di altri, no.

E così da due giorni i 4 musei sono senza il personale necessario a tenerli aperti: personale esternalizzato, che neppure dovrebbe e potrebbe occuparsi di aprire, ma la situazione disperata del Ministero lo rende sempre più vitale. Sono chiusi a tempo indeterminato.

Non sappiamo come finirà, loro hanno paura di essere sostituiti, è ovvio, la cooperativa ha buon gioco a chiedere di farla subito finita, non sappiamo ancora quanto otterranno. Ma questi lavoratori ci hanno mostrato cosa sia la dignità, e per la Direzione regionale Musei Lombardia sarà piuttosto difficile salvare la faccia, nonostante abbiano avuto cura di non fare nessun comunicato stampa per comunicare le chiusure (due dei musei chiusi sono patrimonio Unesco, peraltro). Siamo al fianco di queste lavoratrici e lavoratori, al fianco di chiunque non abbassa la testa, e continuiamo a chiedere al Ministero della Cultura e al Ministro Sangiuliano un semplice, banale, necessario regolamento che imponga il contratto Federculture per tutti gli appalti ministeriali: è una questione di decenza, è questione di dignità umana.


Anche oggi tre musei statali lombardi sono rimasti chiusi, e probabilmente lo saranno anche domani, domenica gratuita, perché il personale in appalto si rifiuta di firmare il contratto proposto dalla cooperativa subentrante (5 euro lordi l’ora).
Domani sarà il quarto giorno consecutivo di chiusure e disagi, ma dal Ministero neppure mezza parola per comunicare quanto sta accadendo. Non hanno problemi ad aggiudicare appalti con ribassi ributtanti (questo è stato assegnato col 33% di ribasso) e far lavorare il personale a 5 o 4 euro l’ora. Ma quando qualcuno si rifiuta e ne parla con la stampa, s’imbarazzano, si vergognano, non hanno parole.

“Abbiamo bisogno di fare qualcosa per migliorare una situazione delirante e distorta, in cui lo Stato si appropria di una fetta di patrimonio, la chiude e apre quando meglio crede, e sfrutta i lavoratori attraverso appalti con contratti collettivi inaccettabili.
Più che custodire il patrimonio, l’hanno preso in ostaggio”.

Ce lo scriveva il 30 novembre, poche ore prima che scoppiasse questo sciopero con pochi eguali nel nostro settore, una delle lavoratrici coinvolte. Dopo 3 giorni in cui, invece di ammettere un errore e concedere un salario umano a questa gente, la Direzione regionale Musei Lombardia ha optato per chiusure e silenzi, quella frase si rivela quasi profetica.
Quanto abbandono, quante chiusure, quanto sfruttamento, quanta violenza dovremo sopportare, prima che il Ministero decida di farla finita col sistema degli appalti al ribasso? Quanto?

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

appaltibeni culturalilombardiamuseisciopero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Stellantis senza freni

Le ore successive allo sciopero del settore automotive a Torino sono state sorprendenti: i media hanno annunciato l’aumento dei compensi che si sono riservati i vari dirigenti del gruppo Stellantis, in primis il Ceo Tavares.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Contro la vostra “pace” e il vostro “lavoro” la lotta è solo all’inizio

Primo maggio a Torino: con la resistenza palestinese, contro il governo della crisi sociale.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lotte operaie: bloccato per ore a Tortona un intero polo della logistica. Alle 20 si replica

Sciopero nazionale della logistica promosso da Si Cobas, Adl Cobas, Cobas Lavoro Privato, Sgb e Cub, esclusi dal tavolo di rinnovo del Ccnl, nonostante la forte rappresentatività tra facchini, driver e operai.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lavoro: maxi-sequestro a GS (Gruppo Carrefour). Quale futuro attende lavoratori e lavoratrici?

Si arricchisce di ulteriori dettagli il maxisequestro della Procura di Milano (65 milioni di euro) a Gs spa, il gruppo di 1.500 supermercati italiani di proprietà del colosso francese Carrefour.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Esselunga di Firenze: qualcosa si muove

A due settimane dal crollo nel cantiere per la costruzione di un nuovo negozio Esselunga nel quartiere di Rifredi, che ha provocato la morte di cinque operai, la popolazione locale continua a mobilitarsi

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Addio Pasquale, compagno generoso ed instancabile

Apprendiamo con amarezza che per un malore improvviso è venuto a mancare Pasquale Lojacono.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello dei lavoratori palestinesi per la Giornata della Terra. Lottiamo per la nostra terra e per la nostra libertà

Il 30 marzo in Palestina è il Giorno della Terra, che ricorda i caduti negli scontri del 30 marzo 1976 quando l’esercito israeliano inviò le proprie forze in tre paesi (Sachnin, Arraba e Deir Hanna) allo scopo di reprimere le manifestazioni che ebbero luogo a seguito della decisione delle autorità israeliane di espropriare vasti terreni agricoli. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sanità: nuovo sciopero di medici e infermieri contro la manovra economica del governo

Nuovo sciopero dei medici oggi lunedì 18 dicembre 2023. Si tratta della seconda giornata di protesta dopo quella del 5 dicembre contro la manovra economica del Governo che taglia fondi alla sanita’ pubblica a favore di quella privata.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Trasporti: Salvini precetta lo sciopero del sindacalismo di base che replica “Confermiamo l’astensione e siamo pronti ad azioni di piazza”

Come era prevedibile l’incontro con il ministro dei Trasporti Salvini del 12 dicembre 2023 “si è concluso con un nulla di fatto” e di fronte all’ordinanza del leghista di ridurre la mobilitazione da 24 a 4 ore si  “conferma lo sciopero”.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Le improbabili genealogie di uno sciopero. Lotte di classe dentro e contro il sindacato

Dopo 46 giorni di sciopero, che nell’ultima fase ha coinvolto 45 mila lavoratori su 146 mila, alla Ford, General Motors e Stellantis – le cosiddette Big Three americane dell’automotive – sono stati rinnovati i contratti per i prossimi i 4 anni e 7 mesi

Immagine di copertina per il post
Bisogni

2.7 Radura || Un posto dove stare. La lotta per la casa a Pavia

La questione abitativa viene spesso considerata come un problema relegato alle metropoli. In realtà anche nelle città medio-piccole gli sfratti, i pignoramenti, l’aumento del costo degli affitti sono fenomeni all’ordine del giorno.