InfoAut
Immagine di copertina per il post

Lombardia: musei chiusi per sciopero contro il nuovo contratto del personale in appalto

Un importante sciopero sta coinvolgendo il personale in appalto di alcuni musei della regione Lombardia dopo che la nuova cooperativa subentrante ha proposto un contratto di 5€ lordi l’ora (con il 33% di ribasso sull’appalto). Di seguito riprendiamo due interessanti comunicati di Mi riconosci? sulle mobilitazioni.

Quattro musei statali chiusi perché il personale in appalto si rifiuta di firmare il nuovo contratto. È accaduto in Lombardia, oggi.

Sono rimasti chiusi il Museo della Certosa di Pavia; il Museo Archeologico Nazionale della Lomellina a Vigevano; il Museo Nazionale di Preistoria e Protostoria e il Parco Nazionale delle incisioni rupestri della Valle Camonica, entrambi siti Unesco. Mentre il Museo Archeologico Nazionale di Cividate Camuno, sempre in Val Camonica, ha aperto oggi grazie all’aiuto di personale interno al MiC, perché anche lì i lavoratori in appalto non c’erano.

Il quadro che vi descriviamo lascia stupefatti, conoscendo la bassa sindacalizzazione e bassa conflittualità del settore in cui operiamo. Ma le cose cambiano, perché a forza di tirare, a volte le corde si spezzano.

Vi raccontiamo cosa sta accadendo, partendo dalle parole dei lavoratori della Valle Camonica che ci hanno contattato mercoledì.

“Domani 1 dicembre dovrebbe subentrare una nuova cooperativa, vincitrice del Bando per l’affidamento del servizio di vigilanza e accoglienza a supporto del personale interno MiBACT presso 10 musei afferenti alla Direzione Regionale Musei Lombardia, valido per un anno, e noi ad oggi non sappiamo NULLA. Dopo sei anni che siamo in servizio negli stessi siti, che abbiamo collaborato a tenerli aperti e abbiamo accolto i visitatori, non sappiamo che contratto avremo dopodomani, quando potremo vedere il contratto, quanto tempo avremo per leggerlo prima di firmarlo (se ne avremo). E nella stessa situazione sono i nostri colleghi degli altri siti lombardi, con cui siamo in contatto. Ci mettono in condizioni talmente precarie da dover sperare di essere riassunti nella nuova cooperativa, perché nemmeno quello è dato per scontato, dopo sei anni, senza porci domande sulla paga oraria, i diritti, la dignità del nostro lavoro. Secondo la Direzione dovremo considerare un miracolo continuare a lavorare e non farci domande su tutto il resto?”

Sono stati convocati poi a leggere il contratto, presso il parcheggio di un centro commerciale, ma non si è presentato nessuno, e il contratto è arrivato via mail alle 21.15. Era peggio del già pessimo CCNL precedente: da un contratto da 6 euro lordi l’ora al contratto servizi fiduciari, 5 euro l’ora. Gli hanno chiesto di firmarlo, subito. Alcuni hanno accettato, come purtroppo accade sempre. Ma altri, decine di altri, no.

E così da due giorni i 4 musei sono senza il personale necessario a tenerli aperti: personale esternalizzato, che neppure dovrebbe e potrebbe occuparsi di aprire, ma la situazione disperata del Ministero lo rende sempre più vitale. Sono chiusi a tempo indeterminato.

Non sappiamo come finirà, loro hanno paura di essere sostituiti, è ovvio, la cooperativa ha buon gioco a chiedere di farla subito finita, non sappiamo ancora quanto otterranno. Ma questi lavoratori ci hanno mostrato cosa sia la dignità, e per la Direzione regionale Musei Lombardia sarà piuttosto difficile salvare la faccia, nonostante abbiano avuto cura di non fare nessun comunicato stampa per comunicare le chiusure (due dei musei chiusi sono patrimonio Unesco, peraltro). Siamo al fianco di queste lavoratrici e lavoratori, al fianco di chiunque non abbassa la testa, e continuiamo a chiedere al Ministero della Cultura e al Ministro Sangiuliano un semplice, banale, necessario regolamento che imponga il contratto Federculture per tutti gli appalti ministeriali: è una questione di decenza, è questione di dignità umana.


Anche oggi tre musei statali lombardi sono rimasti chiusi, e probabilmente lo saranno anche domani, domenica gratuita, perché il personale in appalto si rifiuta di firmare il contratto proposto dalla cooperativa subentrante (5 euro lordi l’ora).
Domani sarà il quarto giorno consecutivo di chiusure e disagi, ma dal Ministero neppure mezza parola per comunicare quanto sta accadendo. Non hanno problemi ad aggiudicare appalti con ribassi ributtanti (questo è stato assegnato col 33% di ribasso) e far lavorare il personale a 5 o 4 euro l’ora. Ma quando qualcuno si rifiuta e ne parla con la stampa, s’imbarazzano, si vergognano, non hanno parole.

“Abbiamo bisogno di fare qualcosa per migliorare una situazione delirante e distorta, in cui lo Stato si appropria di una fetta di patrimonio, la chiude e apre quando meglio crede, e sfrutta i lavoratori attraverso appalti con contratti collettivi inaccettabili.
Più che custodire il patrimonio, l’hanno preso in ostaggio”.

Ce lo scriveva il 30 novembre, poche ore prima che scoppiasse questo sciopero con pochi eguali nel nostro settore, una delle lavoratrici coinvolte. Dopo 3 giorni in cui, invece di ammettere un errore e concedere un salario umano a questa gente, la Direzione regionale Musei Lombardia ha optato per chiusure e silenzi, quella frase si rivela quasi profetica.
Quanto abbandono, quante chiusure, quanto sfruttamento, quanta violenza dovremo sopportare, prima che il Ministero decida di farla finita col sistema degli appalti al ribasso? Quanto?

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

appaltibeni culturalilombardiamuseisciopero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Daouda Diane: punta il dito contro il padrone e poi scompare

Non si sa più nulla di lui dallo scorso 2 luglio. Si chiamava Daouda Diane: quella mattina è partito di casa per andare al cementificio dove lavorava, Sgv ad Acate, in provincia di Ragusa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Calcio (BG): caricato dalla polizia il presidio dei lavoratori della Italtrans. Sabato 17 manifestazione a Bergamo

Polizia e carabinieri sono intervenuti duramente contro i lavoratori della logistica in sciopero con USB nello stabilimento Italtrans di Calcio (Bergamo), uno degli hub principali per il comparto alimentare del Nord Italia, dove operano un migliaio di facchini.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: 17 dicembre, in marcia per la libertà, i diritti, la dignità

Il movimento 8×5 ha bisogno di voi.
Il movimento ha bisogno che questo territorio scenda in campo quanto questo territorio ha bisogno di questo movimento. Per non essere più “zona economica speciale”, zona franca per diritti e dignità del lavoro.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Quanto fa paura l’autorganizzazione nelle campagne

Con Campagne in lotta ripercorriamo la lotta dei braccianti e dei lavoratori agricoli dal 2017 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

La fine della residua libertà e democrazia nei luoghi di lavoro

Controllare e punire ossia il nuovo codice di comportamento per i dipendenti Pubblici. Il nuovo codice di comportamento per il personale della Pubblica Amministrazione sta per essere approvato, una bozza del decreto è già stata licenziata dal Consiglio dei Ministri. 

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Il SI Cobas sulla manifestazione del 3 dicembre

Guerra, caro-vita, attacco ai salari e al reddito di cittadinanza, repressione delle lotte e delle conquiste sociali e civili: questi i temi centrali del corteo, e sui quali costruire e praticare un’opposizione di classe.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Morti sul lavoro: fermare la strage continua

Mentre rendiamo tributo ai 6 lavoratori uccisi e impegno a fianco dei parenti perchè sia resa loro giustizia, rendiamo noto e condanniamo la perenne strage di lavoratori, che in corso 2022 già ne vede uccisi al 1dicembre ben 1003 (709 sui posti di lavoro, 289 in itinere, 5 causa Covid): uno lavoricidio a fronte di 600.000 denunce di “incidenti”. Il lavoro uccide.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

“Giu’ le armi, su i salari”: la diretta dallo sciopero generale del sindacalismo di base di venerdì 2 dicembre

“Giù le armi, su i salari”. Con questo slogan oggi, venerdì 2 dicembre 2022, il sindacalismo conflittuale e di base italiano sciopera a livello nazionale e intercategoriale, con decine di appuntamenti di piazza.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: dopo l’aggressione squadrista gli operai licenziati occupano IronLogistics

Ancora una volta un operaio finisce in ospedale mentre manifesta pacificamente per i propri diritti.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

8 marzo 2023: appello verso lo sciopero globale femminista e transfemminista!

Il prossimo 8 marzo, per il settimo anno consecutivo in tutto il mondo sarà sciopero femminista e transfemminista  contro la violenza maschile sulle donne e ogni forma di violenza di genere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gran Bretagna: Natale di scioperi senza precedenti per chiedere aumenti salariali. Si fermano anche le ambulanze

Inghilterra. Infermieri, ambulanze, addetti ai controlli aeroportuali, lavoratori delle poste e delle ferrovie: tutti e tutte in sciopero in queste settimane per ottenere il tavolo sull’adeguamento salariale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La democrazia deragliata. Il blocco bipartisan della lotta dei ferrovieri negli USA

Da 30 anni il Congresso degli Stati Uniti non faceva ricorso alla cosiddetta clausola commerciale prevista dalla sezione 8 dell’art.1 della Costituzione. C’è voluto il Presidente ‘più favorevole ai sindacati’ – come molti a sinistra ancora si ostinano a credere – per invocarla e affossare il diritto di sciopero dei ferrovieri del trasporto merci. Biden come George H.W. Bush.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Alcune riflessioni sulle lotte della logistica

Nel settore della logistica appunto lo scontro quotidiano è caratterizzato dalla riscoperta di forme di lotta territoriali, già proprie del vecchio movimento operaio, dai picchetti ai blocchi stradali, che sono molto efficaci, in quanto vanno a bloccare la circolazione delle merci, provocando danni notevoli al padronato.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sciopero: tra necessità e ritualità.

I sindacati di base hanno chiamato a uno sciopero che vedrà delle mobilitazioni territoriali per venerdì 2 dicembre per poi confluire in una manifestazione nazionale a Roma il giorno successivo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale