"Non è il nostro cambiamento", migliaia di studenti in piazza

Stampa
Video

In tutta Italia oggi si sono svolte le mobilitazioni studentesche contro il decreto 'Scuole sicure'. Gli studenti hanno criticato il nuovo governo giallo-verde.

Immagine dal corteo studentesco di Roma||||
Immagine dal corteo studentesco di Roma|||| ||||

Migliaia di studenti che da Torino a Palermo sono scesi in piazza oggi. A Roma circa duemila studenti hanno sfilato fino al Ministero dell'Istruzione. A Torino gli studenti hanno bruciato due manichini che portavano le facce di Di Maio e Salvini. A Palermo mille giovani hanno attraversato il centro mentre a Napoli il corteo è stato partecipato sia da studenti sia da migranti. Anche a Catanzaro, Brescia, Bari hanno visto centinaia di studenti in piazza. A Catania per l'allerta meteo la mobilitazione è stata rinviata a settimana prossima.

Da Nord a Sud pioggia di critiche al decreto 'Scuole sicure', fortemente voluto dal ministro Salvini. 'Scuole sicure' prevede un finanziamento di 2,5 milioni per telecamere e agenti di polizia per sorvegliare le scuole. I giovani in piazza hanno ribadito l'importanza di criticare tutto il disegno securitario e razzista del ministro Salvini, nel quale questo decreto si inserisce. Alle scuole, alle università come alle piazze e alle strade delle città non servono agenti in divisa, ma soldi per servizi e miglioramenti delle condizioni sociali ed economiche per chi è tagliato fuori dal mercato. In particolare gli studenti chiedono di spostare le risorse previste per la sicurezza in investimenti su ricerca, scuola e cultura. Inoltre il Def, presentato in questi giorni in Parlamento, non prevede nessun nuovo finanziamento per il Ministero dell'Istruzione. Anzi la riduzione delle ore di Alternanza Scuola-Lavoro, sulla quale viene parzialmente riconosciuta l'inutilità, ha permesso di risparmiare un centinaio di milioni di euro che sono stati destinati ad altri ministeri. Soldi che vengono di fatto tagliati e non reinvestiti nel mondo della formazione. 
Il problema della fatiscenza degli edifici scolastici è sempre un tema ricorrente nelle manifestazioni studentesche. 'Le vostre scuole sicure ci cadono addosso' scritto su uno striscione del corteo romano è una delle frasi più chiare e dirette a questo governo. Il governo del "cambiamento", almeno guardando al Def, non investe sui giovani e sulla loro formazione. Gli studenti in piazza hanno voluto dire al governo come questo "cambiamento" non gli appartiene e non li tiene in considerazione.

Il video dei manichini bruciati a Torino.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);