Articolo 18 a Bologna tra precari e delegati FIOM [audio clip]

Stampa

La riforma del lavoro è senza dubbio il provvedimento sul quale il governo Monti sta più faticando nel riuscire a portare a compimento la sua opera. Un provvedimento sul quale molte voci si sono rincorse l'un l'altra nelle scorse settimane, tra minacce incrociate delle parti sociali, mediazioni interessate dei partiti, tentazioni di scioperi generali, barricate confindustriali.

Sabato scorso al congresso dei giovani delegati il segretario Fiom Landini, ha lanciato per il 20 maggio una mobilitazione contro le precarietà e per l'estensione generalizzata dei diritti. Allo stesso tempo ha sferzato la Cgil a convocare lo sciopero generale contro il governo Monti prima possibile. Uno sciopero generale che dovrà però essere capace di unificare nella lotta le diverse componenti di un mondo lavorativo frammentato, sia a livello tecnico, sia di percezione degli obiettivi centrali della lotta da portare avanti.

 

Ascolta l'audio

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons