InfoAut
Immagine di copertina per il post

Dillo all’Alma Mater! Contro il codice etico dell’UniBo!

Di seguito un comunicato a cura della neonata campagna “Dillo all’Alma Mater!

 

Pochi giorni fa è arrivata la proposta, da parte del “Magnifico” Rettore Ivano Dionigi, di una revisione del codice etico dell’Alma Mater già in vigore dal 2006.
Dietro alquanto finte declamazioni sulla libertà di pensiero e sull’uguaglianza tra studenti e corpo universitario, si celano in realtà proposte sanzionatorie per chiunque osi ledere l’immagine della nostra università. 
Un codice etico che ci trasmetta incoerenza e ipocrisia, un codice etico che obbliga gli studenti e le studentesse a comportarsi da burattini nelle mani di un Rettore che si preoccupa solamente di mantenere alto il prestigio e la reputazione di un’università che ora più che mai si dimostra un’università azienda e che cerca di reprimere chi mostra dissenso al suo interno.
“Caro” Rettore, ci chiedi di mostrare collaborazione e di adempiere diligentemente ai nostri doveri, ci chiedi di rispettare la dignità umana e di rifiutare ogni discriminazione ingiusta… Noi vogliamo chiederti invece perché allora tu non sei il primo a farlo? 
Ancora una volta questo codice puzza di perbenismo e falso moralismo, sopratutto scritto da chi, seduto comodo sulla sua poltrona, guarda ai problemi degli studenti dall’alto della sua finestra senza mai affacciarsi completamente, senza mai prendere posizione o parola, se non con comunicati ufficiali in cui si chiede di punire chi mostra dissenso. 
Come puoi parlare di dignità umana quanto migliaia di studenti e studentesse sono costretti ad abbandonare l’università, a vivere in sgabuzzini indecenti a causa degli affitti troppo alti o in studentati fatiscenti che crollano a pezzi, a non permettersi nemmeno un pranzo in mensa perché costa quanto un ristorante? 
Come puoi parlarci di esplorazione intellettuale e perseguimento della conoscenza quando sono in pochi a potersi permettere libri universitari e non? 
Come puoi scrivere che i privati non devono avere interessi economici riguardo l’università o che le risorse debbano essere utilizzate “in maniera responsabile e diligente in modo da poter giustificare le spese” quando sappiamo che in accordo con enti private e pubbliche volete svendere la maggior parte degli edifici di patrimonio pubblico e collettivo di via Zamboni?
Questo codice, che suona in realtà più come una minaccia con il tentativo di zittirci sui problemi che riscontriamo ogni giorno dentro le nostre facoltà, non ci intimorisce per niente, non ci farà cambiare idea né tanto meno ci farà perdere la voglia di lottare, di esprimere il nostro parere, che sia sui muri, sui social network o per strada. 
Non abbiamo timore di distruggere un’immagine costruita sulle sofferenze degli studenti e delle studentesse solo per farti fare bella figura con i tuoi colleghi, sceriffi e speculatori.
Se per il Rettore “ledere l’immagine dell’Alma Mater” significa parlare dei problemi e delle necessità degli studenti e risolverli con la lotta, allora noi continueremo a farlo, e non ci sarà codice che ci potrà fermare.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

Bolognacodice eticounibo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: dopo le cariche all’inaugurazione dell’anno accademico, occupato il rettorato

Occupato il rettorato dell’Università di Bologna. L’iniziativa si inserisce all’interno della “Israeli Genocide Week”, settimana di solidarietà e mobilitazione nelle Università contro il genocidio in corso a Gaza, promossa dai Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: “UNIBO complice del genocidio. Stop accordi con Israele”. La polizia carica il corteo per la Palestina

Centinaia di studentesse e studenti in corteo per le strade di Bologna mentre si svolge l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università felsinea alla presenza della ministra Bernini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.