InfoAut

Erdogan, terrorista prezzolato dall’ UE

Al vertice UE-Turchia appena tenutosi a Bruxelles non sono mancate le richieste oltraggiose: e la più oltraggiosa in assoluto è stata quella di aggiungere altri 3 miliardi di euro ai 3 (ancora sulla carta) per “sostenere l’accoglienza dei rifugiati siriani” da devolvere alle casse di Erdogan. Questo il biglietto da visita del suo tirapiedi Davutoglu ai maggiorenti di un’Europa sfregiata ed involuta dai prodotti della propria bancarotta economica e politica: nazionalismo, militarismo e xenofobia – e in cui, appropriatamente, questa Turchia sogna l’entrata.

Ridicola la posizione del governo Renzi, che agita la questione della libertà di stampa mentre è in realtà intento a salvarsi la pelle – negoziando con la Germania il via libera alla pioggia di denaro sonante per il regime neo-ottomano in cambio di allentamenti ai propri obiettivi di bilancio, stretti nella morsa degli zero virgola. Mentre il mostro di Firenze, infatti, strepita sulla censura di Zaman (giornale-megafono del miliardario Gulen, ex-sodale di Erdogan e a capo di una sorta di Comunione e Liberazione turca) i principali quotidiani italiani (e non) nulla hanno scritto sulle atrocità di Cizre e sui suoi civili – inchiodati alla morte dall’assedio di Erdogan per fame, sete ed asfissia da lacrimogeni nella completa oscurità di un sotterraneo. Soccorsi medici bloccati e gasati, mediatori anche dell’opposizione istituzionale aggrediti e feriti, acqua, elettricità e servizi essenziali recisi: nemmeno la più elementare delle (loro) convenzioni di guerra è stata risparmiata dall’ultimo crimine di un esercito turco genocida, promotore e fiancheggiatore del terrorismo. Complimenti, davvero un buon uso della “libertà di parola”, cari amici di Voltaire!

E un vero e proprio tirapugni in faccia a chi per colpa della guerra civile alimentata dal governo dell’AKP (in Siria, ma anche nella stessa Turchia) deve lasciare la propria terra; alle ed ai combattenti kurdi del Rojava che vedranno quei soldi trasformarsi in armi e risorse per gli aguzzini dell’ISIS e di Al-Nusra; alle popolazioni che vedono le loro città ed i loro quartieri stuprati dai militari e ricostruiti secondo le esigenze del palazzinaro filo-governativo di turno; ma anche a chi fatica ad arrivare a metà mese qui in Italia, al nostro moribondo welfare, perfino alla nostra convivenza.

Il nesso tra guerra, politiche securitarie e dell’immigrazione ed austerità è proprio questo: aumenta la loro crisi, aumentano lo scempio di sanità, istruzione e pensioni ed il prelievo dei nostri soldi con tasse inique, per tenere ben oliate le baionette della marescialla Pinotti. Ma anche i business dell’accoglienza delle mafie capitali (e dei loro omologhi esteri), della “sicurezza” di contractor senza scrupoli, degli Stati di emergenza, che ci vendono il prodotto della loro stessa mala politica.

E’ davvero il caso di dissanguarci per prezzolare un nuovo Gheddafi nella costruzione di campi di internamento (nella già martoriata regione del sud-est anatolico), se si volesse davvero contenere l’afflusso di chi è costretto a migrare perché “casa loro” non esiste più? Non si dovrebbero piuttosto sostenere le forze che hanno un reale obiettivo ed interesse nella risoluzione del conflitto siriano in termini più democratici ed avanzati che dal suo inizio? Ogni riferimento al progetto delle Forze Siriane Democratiche (SDF), che ormai va oltre il Rojava e su cui ritorneremo, non è affatto casuale.

Ma non si può, né si vuole. In un paese in cui nessuna forza politica parlamentare si è sottratta alla solidarietà a Panebianco saranno più importanti questi dettagli o le commesse del terzo ponte sul Bosforo dell’Astaldi?

Non rimane che la mobilitazione dal basso.Un’opposizione al Sultano in guerra che non va lasciata allo sciacallaggio delle destre (a cui fa comodo aiutare i migranti a casa loro, ma a proprio modo: do you remember Prosperini?) e che va portata come contributo allo sciopero generale del 18 marzo, quando contemporaneamente al nuovo vertice UE-Turchia ed alla vigilia di un Newroz più infuocato che mai incroceranno le braccia i lavoratori della logistica – organizzati dal SI Cobas e da altre sigle sindacali di base. Una scadenza finalmente politica, come da tempo non se ne vedevano in un paese impallidito dalla subalternità dei sindacati confederali e tenuto alla mordacchia dai ricatti della flessibilità globale; e che può presentare il conto della soggettività operaia non solo ai caporali delle sedicenti cooperative ma anche, nel suo piccolo, a quelli degli eserciti di morte oggi all’opera nel Medio Oriente e nel Mediterraneo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

turchiaue

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Un sospiro di sollievo, nient’altro

Più che la vittoria dimezzata, per quanto in parte sorprendente, della sinistra in Francia ciò che c’è possiamo festeggiare è la sconfitta del Rassemblement National. Una sconfitta chiara, ed una buona notizia nel breve termine, ma che, dopo aver tirato un sospiro di sollievo, ci costringe a porci diverse domande.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni in Francia: a che punto è la notte

Le elezioni francesi hanno confermato l’ascesa della destra del Rassemblement National e la fine del regno incontrastato della Macronie.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Turchia liberi immediatamente le/i cinque torinesi arrestati ieri a Sanliurfa

Riceviamo e pubblichiamo… Manifestazione “Defend Kurdistan” a Torino domenica 15/10 ore 16.30, piazza Castello In questo momento cinque giovani di Torino si sono svegliate/i nelle mani dello Stato fascista turco.Sono trattenute/i da ieri insieme ad altre 10 internazionaliste e a 15 esponenti della giovanile del Partito della Sinistra Verde. L’opposizione democratica in Turchia e in […]