InfoAut

Renzi e il dipartimento mamme: ancora recinti per le donne

 

L’ex premier Matteo Renzi ha istituito 40 dipartimenti interni al Pd in vista delle prossime elezioni. Lo scopo, secondo le dichiarazioni degli ideatori, è quello di avvicinarsi il più possibile alle problematiche che vivono i cittadini italiani per stilare un programma elettorale alla vecchia maniera. Insomma, sembrerebbe un ritorno alla vecchia funzione del partito di raccoglitore della domanda dal basso per portarla nei luoghi decisionali. Il tutto verrà fatto con criteri che rispettano la parità di genere. Saranno rigorosamente 20 uomini e 20 donne alla direzione di questi dipartimenti. Peccato per Renzi che mentre il partito democratico contava i propri quattrini la società tutta è andata avanti e del Partito Democratico nei territori si è fatto a meno e si continuerà a farne a meno soprattutto se nella forma e nella sostanza si vuole rimane a 50 anni fa, ma attenzione non perchè fascisti ma perchè utile alla necessità della crescita ad ogni costo.

Ieri, infatti, sono state sollevate diverse polemiche, soprattutto tramite i social network, per un dipartimento in particolare: il “dipartimento mamme” che sarà guidato da Titti di Salvo una donna del sindacato adesso nel Partito Democratico. La Titti risponde che il dipartimento vuole problematizzare l’essere madre oggi, in quanto non è più diventata una scelta ma una rinuncia imposta dalle condizioni economiche. La Titti è femminista ed è per questo che è stata inserita a capo del dipartimento, ma questo termine non è neutro e stamattina era abbastanza inflazionato. A leggere i giornali sembrava di essere il paese più femminista della terra peccato che essere la prima firmataria e organizzatrice di “se non ora quando” non equivale proprio ad essere femministe anzi quelle donne sono inesorabilmente figlie del proprio partito. Ma è questione di punti di vista. Ce lo spiega bene Toffanin nel suo libro Fabbriche Invisibili che citando “La morale comunista” di Bellassai ci racconta di quanto il Partito Comunista italiano e il sindacato di Corso d’Italia fossero intrisi della morale cattolica e lavorista che gli ha impedito di sostenere le lotte delle lavoratrici domestiche che hanno sorretto la produzione industriale italiana creando quel famoso valore aggiunto chiamato Made in Italy. Per quanto riguarda “se non ora quando”, infatti, alla “morale comunista” aggiungeremmo come commento “la morale opportunista”.

Perciò non stupisce che a partire dalle parole d’ordine presentate da Renzi “casa, lavoro, mamme” si sia istituito un dipartimento ad hoc che ha lo scopo di rimettere a lavoro le donne italiane poco riproduttive. La demografia italiana ci comunica che la media dei figli per donna è di 1,37, troppo poco per quelle che sono le necessità di forza lavoro in Italia. A chi afferma che non è più una scelta diventare mamme perchè la rinuncia è imposta dalle condizioni economiche, rispondiamo che non abbiamo scelto men che meno che la nostra scelta sia quella della maternità. E’ troppo eclatante intervenire in maniera diretta sulla legge 194, per quanto di fatto spesso e volentieri non viene attuata, perciò il Pd prende vie traverse. Un dipartimento ad hoc all’interno del partito da un lato e bonus bebè e assegni familiari dall’altro. Se qualcuno pensa di voler rispettare la scelta libera delle donne sarebbe necessario che ognuna partisse dalle stesse opportunità economiche, sociali e culturali, ma la libera scelta e l’autodeterminazione non sono spazi che burocrati, pseudo rottamatori e femministe alla “se non ora quando” hanno intenzione di lasciare. E’ sempre più urgente, infatti, porlo come campo di battaglia.

Vale la pena, infatti, ritornare sulle parole d’ordine individuate in vista delle prossime elezioni, temi su cui le ultime legislazioni hanno puntato ma colpendo alla base qualsiasi diritto annesso alla casa, al lavoro e alle “mamme”: la legge Lupi sulla casa, il jobs act sul lavoro, i tagli al welfare. Questi provvedimenti hanno impoverito le possibilità di tutte quelle donne che per scelta, avrebbero voluto un figlio. Il piano casa Lupi ha indebolito il diritto alla casa elargendo risorse a banche e costruttori e ha deciso di negare la residenza e i diritti collegati (sanità e istruzione, ad esempio) a chiunque è costretto ad occupare le abitazioni; il jobs act ha favorito la possibilità di licenziamento nei primi tre anni di occupazione e i tagli al welfare stanno costringendo ancora una volta le donne ad aumentare il peso del loro lavoro produttivo e riproduttivo.

Il Pd si posiziona e riposiziona per consentire ancora una abbassamento verso il basso delle condizioni delle donne, per permettere che ci sia maggiore sfruttamento dei nostri corpi e una determinazione dall’alto delle nostre scelte. Da sempre siamo le cavie sulla quale si sperimenta il lavoro gratuito e il doppio lavoro. L’intento è quello di preparare una forza lavoro capace di sopportare tutto questo in maniera silente. Stanno provando ad alzare ancora una volta dei recinti, a decidere quello che può diventare di nuovo di loro proprietà spazi, corpi, scelte; stanno provando ad imporci quello che fino a poco tempo ci sembrava insopportabile. Resistere a questa espropriazione è fondamentale, attrezziamoci!

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

DIPARTIMENTO MAMMEDIPARTIMENTO MAMME DONNE RENZI DI SALVOEditoriale

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Palestina, il “senso storico” e noi

Quanto sta accadendo in Palestina crediamo sia un elemento chiarificatore. Lo è sicuramente per le masse che si sono messe in movimento per sostenere la popolazione di Gaza non solo nel mondo arabo, ma anche in tutto l’Occidente.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Salvini: una vita al servizio dei potenti

La nuova trovata di Salvini: una campagna d’odio verso l’islam per distrarre l’opinione pubblica dal genocidio in corso a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Quale futuro ci aspettiamo?

Come incidere in questo scenario? Come porre una rigidità nei confronti delle dirigenze occidentali, a partire dal nostro governo, per frenare l’escalation bellica alla quale stiamo assistendo? Assumendosi il compito di non voler fare parte di chi può essere sacrificabile e, con noi, la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il carcere significa morte.

Un ragazzo di appena 25 anni si è tolto la vita nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino, ieri, soffocandosi con un sacchetto di plastica. Dall’inizio dell’anno sono 51 i suicidi avvenuti nelle carceri in Italia. La ministra Cartabia esordisce con le solite dichiarazioni di rammarico, eppure sono tante le questioni che dovrebbero essere inserite […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Sulla crisi di governo: di sicuro nessuno rimpiangerà il banchiere sanguisuga e la tragicommedia della classe dirigente italiana

Da mesi assistiamo ad una progressiva mossa a “tenaglia” attorno ai 5 stelle, guidata da Draghi, sotto la lungimirante guida di “re Sergio”, che mira ad isolare i pentastellati. Gli obiettivi sono la loro reticenza filoatlantica, il rifiuto ad armare ulteriormente l’Ucraina e le misure (timide e insufficienti) sociali da loro volute, il termovalorizzatore romano […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Chiarire gli orizzonti nelle faglie del presente, alimentare le spinte di rifiuto.

Ora i media, i politici, il Ministero pensano di poter ridurre il portato di queste piazze a una misura colma, per colpa della dad, per colpa della pandemia, per colpa di due anni un po’ più difficili del solito. I giovani sono stufi, sono dei poverini, i giovani si ispirano a Mattarella, sono consapevoli. Eppure […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Con l’acqua alla gola

L’ondata di pioggia e neve che ha colpito il Piemonte e la Liguria ha di nuovo tragicamente sollevato il sipario sullo stato delle infrastrutture nel nostro paese e delle dimensioni abnormi che ha ormai preso il dissesto idrogeologico in Italia. Dopo quanto successo settimana scorsa nel resto del Bel Paese, con i casi drammatici e […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Incendio Cavallerizza: gli avvoltoi volano intorno al fuoco.

È il terzo incendio in cinque anni di occupazione quello che si è scatenato l’altro ieri mattina, lunedì 21 ottobre, alla Cavallerizza Reale. L’edificio, occupato dal 2014, si confronta con il terzo rogo doloso, nel giro di pochi anni. Anche questa volta sono stati gli occupanti a dare l’allarme, permettendo ai vigili del fuoco di […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Caro amico ti scrivo..

La lettera che Atlantia, la holding della famiglia Benetton, attuale concessionaria di Autostrade per l’Italia (anche dopo la strage di Ponte Morandi) ha inviato al ministro dello sviluppo economico, è una semplice sollecitazione al Pd, di nuovo al governo, di rispettare i consueti scambi di favori. Infatti, l’impatto delle ripetute dichiarazioni di caducazione della concessione […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

780 euro sono troppi!

  Pier Carlo Padoan : “Il reddito di cittadinanza incentiva a non lavorare”Carlo Calenda : “Sono d’accordo a dare una mano ma non si può passare la soglia per la quale il sussidio supera il reddito da lavoro, si rompe il patto tra gli italiani. L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, così invece chi […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Su(ca) Salvini e il suo decreto

  Da qualche giorno a Palermo non si parla che di lui; e anche in Italia riecheggia il suo faccione da politico navigato: il sindaco Orlando si è preso la scena. Ha scelto il set e anche il secondo attore nel ruolo di nemesi: il leghista Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Ai due si è temporaneamente […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ipotesi dal voto siciliano

    La chiusura degli scrutini, avvenuta nella notte di lunedì, ha confermato gli exit-poll di domenica e le proiezioni sullo spoglio, ufficializzando l’elezione del nuovo presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci con il 40% delle preferenze. Vince dunque la coalizione di centro-destra che ottiene anche la maggioranza dei seggi al parlamento regionale: 36 su […]