InfoAut
Immagine di copertina per il post

Verona: “Basta abusi in divisa” Sabato 24 giugno manifestazione contro la violenza della polizia

Una manifestazione per dire basta agli abusi in divisa, per ripensare il ruolo delle forze dell’ordine nel controllo del territorio, per pretendere trasparenza nel loro operato e strumenti per controllarne la condotta.

Gli eventi emersi in queste settimane sono l’ennesimo episodio di una violenza che vediamo ripetersi periodicamente. I fatti di Verona, le torture sulle persone detenute nel carcere di Santa Maria Capua Vetere da parte degli agenti penitenziari, le violenze commesse nella caserma di Piacenza, il pestaggio della polizia locale di Milano di una donna trans, sono solo alcuni degli episodi più recenti di una storia che affonda le proprie radici negli anni Settanta, attraversa le strade di Genova all’inizio degli anni Duemila, della Roma di Stefano Cucchi, della Varese di Giuseppe Uva o della Ferrara di Federico Aldrovandi. Siamo di fronte a una violenza strutturale che si manifesta e in varie forme quotidianamente: ma che spesso rimane invisibile.

A Verona, l’identificazioni di massa di giovani davanti al Palazzo della Gran Guardia, la militarizzazione di alcune zone della città, gli sgomberi di persone in condizione di difficoltà, il trattamento indegno riservato alle persone migranti nel percorso di richiesta dei documenti, il pesante giudizio, la colpevolizzazione e talvolta i comportamenti abusivi nei confronti delle persone vittime di violenza di genere o l’identificazione del “degrado” con tutto ciò che è marginalità sono tutte forme di una violenza sistemica riprodotta dalle forze dell’ordine. Una violenza che non smetterà di ripetersi con l’allontanamento degli agenti indagati per i fatti di queste settimane. Tale violenza è di fatto avallata sia dalle istituzioni cittadine che nazionali quando usano le forze di polizia in sostituzione di politiche di intervento sulle diseguaglianze sociali.

Per questo invitiamo cittadine e cittadini, associazioni, forze politiche e sindacali, a scendere con noi in piazza Bra sabato 24 giugno alle ore 14.
Per adesioni scrivere a: verona17dicembre@gmail.com
Promuovono la manifestazione:
– Assemblea 17 dicembre / Verona Città Aperta
– Circolo Pink LGBTE Verona
– Infospazio 161
– ADL Verona
– Laboratorio Autogestito Paratod@s
– Rifondazione Comunista Verona
– Osservatorio Migranti Verona
– Non Una Di Meno Verona
– Soggettività
Adesioni:
– Potere al Popolo – Veneto!
– Sinistra Italiana Verona
– One Bridge To Idomeni
– Sat Pink Aps
– Pianeta Milk Verona Arci/Arcigay
– Famiglie Arcobaleno Verona

Andrea Nicolini Infospazio161 Ascolta o scarica

Andrea Nicolini-seconda parte Ascolta o scarica

Oreste Verona Citta’ Aperta Ascolta o scarica

da Radio Onda d’Urto

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAmanifestazioneverona

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

SI Cobas: pistola puntata verso gli operai di Verona e aggressione con metodo mafioso a Prato

Gravissima vicenda fuori dai cancelli della Maxidi di Belfiore, in provincia di Verona: una guardia giurata ha puntato la pistola in faccia ai lavoratori in sciopero da mesi per chiedere l’applicazione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, oltre che a salari e condizioni di lavoro migliori.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I pm dispongono l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso

Finalmente la Procura di Oristano ha acconsentito sulla base di una nuova testimonianza l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso. Per sette volte avevano detto di No. Ma un audio accusa: il detenuto è stato ucciso. Cambia il capo di imputazione provvisorio: da omicidio colposo a volontario

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

“Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello”

Stefano Dal Corso era stato trovato senza vita nella sua cella ad Oristano, gli restavano 7 mesi da scontare. La famiglia non ha mai creduto che si fosse impiccato. Un testimone afferma: «Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello». La Procura non ha mai voluto effettuare l’autopsia

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Corteo per la Palestina: Torino 2 dicembre.

Il corteo di sabato 2 dicembre a Torino ha visto la partecipazione di più di tremila persone, moltissimi giovani e giovanissimi, provenienti da quartieri e contesti molto diversi tra loro.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Verso un 25 novembre di rabbia e di lotta.

In questi giorni i fatti stanno imponendo un’accelerazione alle mobilitazioni previste per il 25 novembre, giornata contro la violenza patriarcale.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Omicidio Cucchi: La Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere

La Corte di Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere nel secondo processo per la morte di Stefano Cucchi

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bergamo: come è morto in carcere Oumar Dia? Mercoledì 1 novembre camminata di protesta a Milano

Cosa è successo a Oumar Dia, 21enne morto nel carcere milanese di San Vittore?