InfoAut
Immagine di copertina per il post

Chieti: fermato col taser, muore durante il trasporto in ospedale

A Sambuceto di San Giovanni Teatino (Chieti) un 35enne è stato visto correre nudo, nei pressi di un tracciato ferroviario. Stava compiendo atti di autolesionismo e i carabinieri, per fermarlo, hanno usato la pistola a impulsi elettrici. E’ arrivato senza vita all’ospedale di Chieti

da Osservatorio Repressione

Sarà l’autopsia a stabilire le cause della morte di un uomo di 35 anni, con problemi psichiatrici e in evidente stato di agitazione, avvenuta domenica in località Sambuceto di San Giovanni Teatino (Chieti). Il 35enne, al termine di un pomeriggio molto movimentato, è stato raggiunto da due colpi di taser. È stato visto correre nudo in prossimità del tracciato ferroviario, dove stava anche «compiendo atti di autolesionismo continuando a dare testate a una macchina». Sul posto sono intervenuti i carabinieri che, per contenerlo, hanno utilizzato la pistola taser.

Simone De Gregorio era affetto da gravi problemi mentali e ieri ha avuto una bruttissima crisi: in molti lo hanno visto aggirarsi nel centro di San Giovanni Teatino (Chieti), zona stazione, completamente nudo mentre urlava frasi sconnesse compiendo gesti autolesionisti, prima ha preso a testate alcune macchine parcheggiate ai lati della strada, poi si è procurato varie ferite sul torace e le braccia e infine si è diretto sui binari in stato confusionale continuando a imprecare.

Purtroppo alla pattuglia dei carabinieri che è accorsa sul posto e che avrebbe dovuto contenerlo e poi condurlo in una struttura sanitaria la situazione è del tutto sfuggita di mano. Per fermare il 35enne che stava dando in escandescenza gli agenti hanno infatti utilizzato il controverso dispositivo taser, la pistola elettrica “taser” concepita per tramortire il malcapitato ma al centro di aspre polemiche in diversi paesi.

Quando De Gregorio è caduto a terra le sue condizioni erano disperate, pochi minuti dopo sono accorsi gli infermieri del 118 che hanno provato a dargli un farmaco probabilmente un calmante ma non c’è stato niente da fare: è arrivato all’ospedale di Chieti che era già morto.

Il sostituto procuratore di Chieti Marika Ponziani ha aperto un fascicolo per il momento a carico di ignoti in cui viene ipotizzato il reato di omicidio colposo e ha disposto l’autopsia per stabilire le cause della morte e se De Gregorio non avesse assunto stupefacenti.

Di certo dovrà essere fatta chiarezza sul comportamento degli agenti e capire su la scarica elettrica è stata la causa del decesso.

Gli effetti della pistola elettrica sul corpo umano non sono certo chiari e nel mondo esiste una lunga e triste letteratura di persone deceduto in seguito a una scarica di taser. In particolare negli stati Uniti, sempre in cima a questo tipo di statistiche. Secondo un rapporto di Amnesty International più di mille persone hanno perso la vita in questo modo negli Usa dal 2000 al 2020, e stando ai referti delle autopsie consultati da Reuters, in almeno il 20% dei casi il taser è stata la causa unica del decesso.

La cosa ancora più impressionante è che quasi un terzo delle vittime era affetta da disturbi psichici, tutte colpite nel bel mezzo di una crisi, di fatto la stessa identica dinamica che ha portato alla morte di Simone De Gregorio.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAtaser

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I pm dispongono l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso

Finalmente la Procura di Oristano ha acconsentito sulla base di una nuova testimonianza l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso. Per sette volte avevano detto di No. Ma un audio accusa: il detenuto è stato ucciso. Cambia il capo di imputazione provvisorio: da omicidio colposo a volontario

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

“Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello”

Stefano Dal Corso era stato trovato senza vita nella sua cella ad Oristano, gli restavano 7 mesi da scontare. La famiglia non ha mai creduto che si fosse impiccato. Un testimone afferma: «Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello». La Procura non ha mai voluto effettuare l’autopsia

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Omicidio Cucchi: La Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere

La Corte di Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere nel secondo processo per la morte di Stefano Cucchi

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bergamo: come è morto in carcere Oumar Dia? Mercoledì 1 novembre camminata di protesta a Milano

Cosa è successo a Oumar Dia, 21enne morto nel carcere milanese di San Vittore?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: la nuova ZAD contro l’A69 attaccata dai gendarmi

Sabato 21 ottobre, 10.000 persone hanno manifestato nella regione del Tarn contro l’inutile, assurdo e distruttivo progetto dell’autostrada A69 tra Castres e Tolosa.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Violenze di polizia a Torino: una tradizione sabauda

A Torino, nei giorni scorsi, un corteo di studenti che protestava per l’arrivo di Giorgia Meloni in città è stato disperso dalla polizia con manganellate e cariche di inutile violenza. È, ormai, una sorta di tradizione sabauda.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: “Gestione di piazza criminale” gli studenti rispondono in merito alle cariche della polizia

“La risposta repressiva della questura di Torino ci dimostra quanto a questo governo non importino le nostre rivendicazioni e di fronte alla violenza possiamo solo riconoscere che è ancora più importante impegnarci a lottare contro un sistema che ha fallito e a far valere le nostre esigenze” dichiara uno studente.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia, 150 piazze contro la polizia razzista e assassina

Migliaia di persone hanno sfilato in Francia contro il razzismo sistemico e la violenza della polizia

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Spagna: smascherato un sesto agente di polizia sotto copertura nei movimenti

In 15 mesi, un totale di sei agenti di polizia sotto copertura sono stati identificati nei movimenti sociali in Spagna e Catalogna. L’ultimo poliziotto è stato scoperto dopo un’operazione di infiltrazione che è durata nove anni…